Crea sito

Smack my Bitch Slap

Introduzione di quell’invadente di Nanni Cobretti
Signore e Signori, double feature! Speciale “Donne di menare”! Esatto! Uno speciale all’interno di un altro speciale! Qual spericolato virtuosismo! Mi vengono le vertigini solo a pensarci!
Innanzitutto, Bitch Slap. Come avrete intuito, è esattamente il tipo di operazione di cui mi lamentavo nel mio scomodo e famigerato editoriale polemico, e della peggior specie: quello che si auto-pubblicizza come l’Evento Trash dell’Anno e il Film Definitivo del Genere (appunto il genere “donne di menare” e, per esteso, il grindhouse visto da chi ha imparato questo termine nel 2007). Io l’ho assaggiato, e ho retto solo 25 minuti prima di spegnere ricolmo di pessimismo e rancore: non solo nonostante le gnocche discinte sembrava girato da un alieno asessuato, ma era talmente pretenzioso e fuori bersaglio che ho pensato “forse che il trucco è farlo recensire da qualcuno con sensibilità opposta alla mia?”
E mo’ l’ho passato alla nostra inimitabile Cicciolina Wertmüller, lasciandoglielo impacchettato all’ingresso di casa, bussando, e scappando come un ladro prima che aprisse la porta.
Cosa c’entra Corman? Lo scoprirete nella seconda presentazione del double feature!
E ora, la parola a Cicciolina:

bitch slapPer scrivere questo pezzo, il capo mi ha costretta a togliermi gli occhiali. Per ripicca, mi sono rimessa le mutande. Quindi non stupitevi se ogni tanto sembrerò una zitella annoiata, dopotutto è anche colpa del film.
Questo Bitch Slap mi viene presentato, in crescendo, come un omaggio a Russ Meyer, una presa di posizione ironica sulla misoginia al cinema, il film per donne par excellence. E’ scritto e diretto da Rick Jacobson ed Eric Gruendemann, due che si sono fatti le ossa con Baywatch, Xena e Cleopatra 2525 quindi sanno come filmare le belle fighe. E’ giustamente interpretato da tre belle fighe, una fetta del genere umano di cui la vostra Cicciolina va ghiotta.
Eppure Rick ed Eric sono così cani a scrivere e dirigere, che con tutto questo materiale, che sulla carta faceva faville, sono riusciti a tirare fuori una scoreggina noiosissima che non riesce nemmeno ad irritare. Su, ragazzi, state giocando troppo facile: storiella davvero minima, fighe che si picchiano, personaggi femminili con la complessità di un assorbente (ah e sarebbe un film per donne?). Per chi è cresciuta guardando Occhi Di Gatto e leggendo gli enormi paperback di Marion Zimmer Bradley, nostra signora della paraletteratura, è troppo. Cioè ma nemmeno quando facevano Occhi Di Gatto su Italia 1 sarei cascata nel trappolone di Bitch Slap.
Cominciamo dall’inizio: titoli di testa che mostrano un montage di vecchi film con donne che menano altra gente e cortei di femministe che invocano il voto alle donne. E già mi sento presa per un’idiota. Poi parte con vari primi piani delle parti più interessanti delle fighe. Ho capito! Questo film vuole acutamente farmi accorgere che il cinema normale è misogino e tratta le donne come quarti di bue! Minchia non ci avevo mai pensato; grazie ragazzi per avermi fatto capire che sono una decerebrata (ah e sarebbe un film per donne?). Ora che finalmente ho visto la luce sotto forma di dettagli anatomici di tre fighe, mi aspetto che qualcosa, nella presentazione delle dinamiche sessuali del film, cambi. No. La coazione a ripetere più spossante e noiosa. Intanto, come per compensare la pochezza narrativa e ideale, dal punto di vista formale ne succedono di ogni: 350 flashback uno più insensato dell’altro, split screen a strafottere, personaggi presi paro paro da Kill Bill… hey, ma quella è Zoe Bell nelle vesti di una tipa chiamata Rawhide! Hey, ma quella è una katana tutta decorata! Hey, ma una delle fighe è al servizio di un uomo fascinoso (ah e sarebbe un film per donne?)! Insomma è uno sfacciatissimo rip off di Kill Bill, ci sono migliaia di elementi che lo provano. Anche qui coazione a ripetere. E, si noti, il film produce noia confondendo l’ironia, che avrebbe salvato il salvabile, con la risatina scema e pruriginosa del bimbo di 6 anni che vede il suo primo reggiseno (ah, e sarebbe un film per donne?).

no

ve' che bella roulotte

Momento topico numero 1: scena wannabe lesbo fra due delle fighe, in cui non si vede una, ma nemmeno mezza lingua in bocca! Oh, ma ci state prendendo per il culo? Cioè voi prendete due fighe e la location nel deserto e i vestiti bagnati e riuscite a far venir fuori una robaccia pseudovoyeuristica, ipocrita, antierotica che fa rimpiangere Asta Nielsen nei panni di Amleto che si strugge lesbicamente per la sua Ofelia nel 1921. Poi arriva la terza figa incazzata perchè l’hanno lasciata fuori a scavare per trovare il tesoro. Allora, momento topico numero 2: improvvisamente mi accorgo che la terza figa sembra uguale uguale Troy Sanders senza la barbetta e il basso! Momento topico numero 3: le tre fighe tornano a scavare, e si fa per dire, perchè il tesoro lo trovano sepolto sotto ben 5 centimetri di sabbia.
Insomma, dovunque lo si prenda, questo Bitch Slap è una fregatura. Non stiamo qui a chiederci se è misogino o no, se è per donne o no. È semplicemente brutto e stupido, come la maggioranza dei nostri spasimanti. Rick e Eric non venitemi vicino se no vi faccio un Irimi Nage anche se non sono Zoe Bell.

DVD-quote suggerita:

“Quando sentirai – che afferra le tue dita – la riconoscerai – la forza della figa”
Cicciolina Wertmüller, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

18 Commenti

  1. Cicciolina Wertmuller

    sì, giusto. sono d’accordo. e poi?

  2. Cicciolina, ti presento un pingback (poi ti spiego cosa sono, per ora sappi solo che non ti rispondono) ;)

  3. abraxas de la vega

    giuro che questo e’ uno dei momenti piu’ belli del sito (non l’articolo…i tre commenti sopra di me)

  4. Cicciolina Wertmuller

    ciao, amico pingback! qua la mano! rispondimi o ti meno!

  5. r0s0

    Cara Cicciolina bitch slap fa decisamente cagare (e mi perdonerai il francesismo) ma ne facessero di film così solo per poterne leggere le tue recensioni…chapeau…

  6. Pipolo Segal

    Pingback 1 – Cicciolina Wertmuller 0…

  7. Cicciolina Wertmuller

    e va bene, lo confesso: sono una bionda naturale… :-D

  8. gigi

    e io che me lo sono anche scaricato, azz… non che mi aspettassi un capolavoro, ma neanche un porno (chissà poi cosa mi aspettavo allora?)

    D’ora in poi la mia regola d’oro è leggere sempre prima le rece de “i 400 calci”!

  9. Ciao Cicciolina volevo dire a te e Gigi che se vai su Nine Lives nei commenti ho postato la risposta alle domande epocali che mi avete posto sul significato dell’horror :-))

  10. Si, è vero, il film è una vera merda. Però fino alla fine ci sono arrivato lo stesso, sebbene nessuno mi avesse chiesto di recensirlo. Potere della figa anche laddove non si vede.

  11. gigi

    @Jean-Luc: a questo punto urge un ritiro spirituale in una caverna dell’Himalaya, mi porterò dietro tutta la collezione di Terence Hill e Bud Spencer, un paio di botti di Moretti, e un paio di chili di ganja… ma la mia risposta arriverà e nessuno capirà niente

  12. Cicciolina Wertmuller

    jean-luc, gigi, anche io devo fare mente locale ma non vi ho dimenticati. sono ancora inebriata dalla vittoria agli oscar della DONNA DI MENARE PER ECCELLENZA, altro che slap bitch…

  13. strano che questo film non sia piaciuto in india?

  14. Imperatrice Pucciosa

    Anche questo film è una merda (ci ho pensato vedendo il trailer di Sucker Punch), ma fatta ad arte. Nel senso che è tipo The Producers di Mel Brooks: è volutamente una merda. E’ tutto talmente fatto male che deve essere per forza frutto di una precisa scelta stilistica. Quando l’ho visto mi immaginavo regista e produttore prendere il Manuale per Fare un Film Decente e bruciarlo sputando whisky sul fuoco.
    “Ehi ti va di mettere uno split screen che è un espediente registico merdosissimo?”
    “Si dai! Aspetta perché dire allo scenografo di preparare un set e scegliere una location? Mettiamo gli attori davanti ad un green screen, tanto siccome non abbiamo i soldi per la CG verrà una merda!!”
    “Ahahahahhah si dai! Ehi ti va di copiare Kill Bill ad un certo punto? Ah, e che ne dici di mettere Xena e Olympia senza alcun motivo a fare le suore?”
    “Siiii!!!! Dai facciamo incazzare tutti i recensori dell’universo, ahahahahah!!!”
    Ecco per me Bitch Slap è un film volutamente orribile. Sarà per questo che mi è piaciuto?

3 Trackbacks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *