Crea sito

Mostrologia: il Kraken

VERSIONE 1981 (di Cicciolina Wertmüller)

kraken 1981

speciale scontro tra titaniNome: Kraken.

Chi gliel’ha dato? Probabilmente Nettuno, ma si sa che ciò è impottibile. Ok scusate, ehm, poichè il Kraken vive nel mare, si suppone che la sua genesi abbia a che fare con le divinità marine. Ma come può un dio greco, con tutta la fantasia che impregna la sua mitologia, dargli questo nome da cover-band dei Kraftwerk? In realtà “Kraken” è il nome tradizionale di tutti i mostri marini della tradizione nordica, quindi la vera paternità di questo Kraken particolare è ascrivibile a Odino o giù di lì: il mostro ha sguazzato per un po’ al largo dei ridenti fiordi norreni, poi ha deciso di svernare nell’Egeo e ci è rimasto. Chiamalo scemo.

È colpa degli americani? Per una volta, no. A meno che il test della paternità del Kraken non dimostri l’apporto genetico di Manitou.

Altezza: a seconda delle inquadature pare 5, 10, 50 metri. Tanto.

Filmografia essenziale: Scontro di titani

Specifiche tecniche: “tecnica” è una parola grossa. A parte le quattro braccia, il Kraken è un brutto lucertolone disegnato male che agisce semplicemente di istinto e forza bruta.

Vittime preferite: Qualsiasi cosa gli comandi Zeus. Nella fattispecie, Andromeda legata alla rupe.

Omicidio migliore: Nessuno. Non fa in tempo. Non lo lasciano lavorare. Tutta colpa degli Arconti rossi.

Mossa preferita: Nessuna. Non fa in tempo. Non lo lasciano lavorare. Chissà, magari anche il Kraken, come suo cugino della Laguna Nera, in realtà cerca solo un po’ di affetto. Gli canti una canzoncina e lui si mette buono buono. Ma non lo sapremo mai.

Come si sconfigge: Facendogli guardare la testa mozzata di Donatella Versace Medusa e quindi pietrificandolo. Poi però cade a pezzi e provoca una mareggiata bestiale – forse ho intuito la vera origine del mito di Atlantide.

Ricorda una figa? No. Per di piu, il Kraken muore prima di poterci mostrare di che prodezze è capace nell’intimità con Andromeda. Insomma tanto rumore per nulla, ‘sto mostro è davvero frustrante.

Lo compreresti? No, dalla foto non si capisce quanto è grande e se mi ci sta in piscina.


VERSIONE 2010 (di Nanni Cobretti)

kraken 2010

Nome: Kraf Kraken.

Chi gliel’ha dato? Ade, un noto fan dei Kraftwerk e dei Dokken.

È colpa degli americani? Macché, gli americani furono inventati oltre un millennio dopo da Leonardo Da Vinci (subito dopo il treno). È colpa di quei litigiosi degli Dei greci. Ci viene spiegato infatti che il Kraken fu creato da Ade per ripicca verso Zeus che l’aveva mandato ad abitare nel sottoscala, per cui gli era venuta questa brillante idea di costruire il mostro più grosso di tutti i tempi, talmente grosso che sarebbe stato capace, all’occorrenza, di schiacciare tutti gli abitanti dell’Olimpo (a partire da quella stronzetta di Pollon). Poi praticamente quando lo facevano incazzare, invece di dire “e io chiamo a mio cuggino” diceva “e io rilascio il Kraken”. Al che gli davano ragione su tutto, anche quando diceva di essere stato il primo a portare l’internet in Grecia.

Altezza: a occhio sputa tranquillamente in testa anche al mostrone di Cloverfield. Da certe inquadrature sembra grosso almeno quanto Bergamo alta.

Filmografia essenziale: Scontro tra titani

Specifiche tecniche: fondamentalmente è un grosso budino coi tentacoli e la bocca. I tentacoli si presentano in quantità imprecisata, spuntano un po’ ovunque. Il pacco è che il Kraken è talmente grosso che la cinepresa non riesce mai a inquadrarlo intero. In compenso la bocca è una sola e sta esattamente dove ci si aspetta di trovarla – a patto che troviate la testa, ovviamente.

Vittime preferite: quei miscredenti dei greci! Stolti! Ingrati! Blasfemi! Riferirò ad Alcippa.

Omicidio migliore: a un certo punto il Kraken butta un tentacolone all’orba in mezzo alla città e ne schiaccia almeno una dozzina.

Mossa preferita: buttare i tentacoloni all’orba, fare gli spruzzi con l’acqua, lamentarsi

Come si sconfigge: Facendogli guardare la testa mozzata di Natalia Vodianova e quindi pietrificandolo. Figurarsi se vedeva le tette.

Ricorda una figa? Qualsiasi mostro con la bocca ricorda una figa. Questo in particolare ce l’ha talmente slargata che vi ci potreste buttare dentro contemporaneamente voi con tutto il condominio.

Lo compreresti? Sì, ma a patto che sia edificabile.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

20 Commenti

  1. Massi
  2. Enea

    in effetti il Kraken versione ’81 la città all’inizio (Argo) la spiana…

  3. abraxas revenge

    ça va sans dire (non centra niente, ma le tastiere portoghesi con la cediglia mi impongono di usarla) comunque io una certa somiglianza con alberto il mostro di cloverfield ce la vedo, magari sono zio e nipote va a sapere…

    a tal proposito:
    notizie sul sequel del suddetto cloverfield? (risparmiatemi la ricerca please)

    çççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççççç

  4. abraxas revenge

    @massi

    sti americano non hanno rispetto…ora il povero steven seagal non puo’ tenersi in casa due modelle russe con le quali sollazzarsi e a cui palpare le bocce nel tempo libero senza essere accusato di molestie…

  5. Cannasugar

    Ma non c’era anche un Kraken in Pirati dei Caraibi?

  6. gigi

    Il primo Scontro e’ bellissimo, almeno secondo me: ho sempre trovato i modelli in stop motion inquietanti.

    Questo secondo lo vedro’ solo per Laterrier (ovvero una delle due cose giuste combinate da Besson in dieci anni, l’altra e’ Morel), magari e’ una cazzata, ma giurerei almeno divertente.

  7. Cleaned

    Quindi? Qual’è il più gustoso tra i 2?
    Se parliamo di merendine, i krafen anni 80 li facevano mooolto più grossi e gonfi di crema…

  8. Sono convinto che anche io rimarrei… ehm… “pietrificato” davanti a Natalia Vodianova.

    Cordialità

    Attila

  9. confermo: c’è il kraken anche ne I pirati dei Caraibi

  10. @Cannasugar, steutd: Agevolo immagine del Kraken disneyano. Questa è una bocca!

    Buona giornata
    S/H+

  11. Ma Bubo c’è anche nel remake? Cattivone in cgi?!

  12. Cicciolina Wertmuller

    Calmi calmi, di quello nuovo si parlera’ prossimissimamente!

    @Jean-Claude: ecco, senza spoilerare troppo, diciamo che Bubo nel remake e’ una prova che il mondo e’ cattivo :’-(

  13. Come mi piacerebbe dire che non ho citato i Pirati dei Caraibi perche’ col cazzo che ho sprecato due ore della mia vita per guardarmelo… e invece a suo tempo lo vidi, notai il Kraken, me ne ricordai pure ieri, ma questo e’ uno speciale Clash of the Titans e si parla solo di quello. E piuttosto che citare PdC mi mettevo li’ e in un pomeriggio giravo altri quattro film con un Kraken fatto di Krafen e aumentavo la filmografia di straforo affinche’ PdC si notasse meno.

  14. abraxas l'empireo (o l'emporio?)

    @nanni:

    sarebbe stato un pomeriggio tutt’altro che sprecato…il mitologico/dolciario e’ un settore che non e’ ancora stato sfruttato a dovere dalle major

  15. Magdalena
  16. gigi

    @Nanni: Scontro si, Pirati no? Dai Nanni, non cosi’ malvagi, soprattutto il secondo (e li ho visti in DVD tutti e tre solo l’anno scorso).

    Un pastrocchio di mostri, culture e riferimenti a uso del pubblico demente dei blockbuster (ci sono anch’io :)), ma almeno diretti con ritmo indiavolato e terribilmente divertenti.

    Poi Verbinsky ha fatto la versione USa di The Ring, che per certi versi e’ anche superiore all’originale, quindi mi sta simpatico a prescindere

  17. Poi Verbinsky ha fatto la versione USa di The Ring, che per certi versi e’ anche superiore all’originale, quindi mi sta simpatico a prescindere

    una busta di carta, sto iperventilando, presto!!!

  18. gigi

    You talkin to me? ;)

  19. truth

    “Colpa degli americani”…
    Li mettono dappertutto gli yankee. Sono come berlusconi. Quando piove è colpa delle scie chimiche americane. Mai una volta che si citino le 5000 condanne a morte in Cina o il suo inquinamento devastante. Oppure mai si parla di religioni che insegnano oggi come farsi saltare. Si sa: l’americanissimo disney e braccio di ferro sono i veri pericoli…

  20. BohBeh

    e ancora oggi il Kraken del 2010 è sul podio nella lista dei più grandi “kaiju” di tutti i tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *