Crea sito

The Final Destination 3D: in your face

the final destinationLa prima introduzione è per informarvi che questo film me lo sono sparato in sala nel Regno Unito di Gran Bretagna ormai ad agosto scorso (in glorioso double feature con Orphan, nientemeno), e che mi sono tenuto qualche appunto da parte dicendo “lo recensirò poi quando esce in Italia” non avendo la minima idea che avrei dovuto aspettare ben 9 mesi. Ma è successo anche di peggio, quindi non infierisco.
La seconda introduzione è per dire che 9 mesi fa, con Fast & Furious ancora negli occhi, mi ero segnato “questa moda dei titoli dei sequel confusionari deve finire prima di subito” e in effetti pare sia finita prima di subito (definendo tecnicamente il “subito” come i 9 mesi di ritardo italiani).
La terza era per dire che sì, sono un fan della serie di Final Destination e ho sempre fatto il tifo affinché ne facessero molteplici seguiti, per il motivo che… no aspetta, negli appunti mi ero segnato che sia questa cosa che quella precedente le avevo già dette nel vecchio post di presentazione. Sorry. Un attimo che controllo… sì, avevo già scritto anche che mi faceva ridere che James Wong e David R. Ellis girassero a turno un film per uno. Leggetelo là.
A questo tocca a David R. Ellis: regista di Snakes on a Plane (l’unico film platealmente più brutto del suo corrispettivo rip-off della Asylum) e avversario di Rocky nel montaggio iniziale di Rocky III (sticazzi).
La formula “omicidi fantasiosi + contorno molesto” rimane invariata, e il fattore importante è il primo. Il fatto è che ogni capitolo ha sempre introdotto nuovi personaggi, risultando ogni volta più un remake che un sequel, e il problema di questa idea è che ogni volta ci devono ammorbare con la scena in cui i personaggi devono scoprire le cosiddette, sempre uguali, regole del gioco. Noi spettatori le sappiamo già, e gli sceneggiatori sanno che noi sappiamo, per cui fa ridere quanto progressivamente piu’ sbrigativa diventa la faccenda e quanto poco ci mettono i protagonisti a convincersi e iniziare a farsi tutti i calcoli e le pare del caso. A questo turno in particolare li vediamo mentre fanno una rapida ricerca su Google, trovano la trama degli altri tre film (su IMDb suppongo) e imparano comodamente tutto in un colpo solo.
Detto questo:
1) gli omicidi sono ispirati, fantasiosi e più violenti di quello che mi aspettavo. Bravi.
2) Il ritmo è veloce e l’atmosfera senza pretese, e gli 85 minuti volano come se fossero 30.
3) Il 3D è ampiamente pre-Avatar, per cui è povero, genuino, e si manifesta attraverso mille cose che volano in faccia. Insomma, fa il suo porco dovere. E in più c’è lo sboronissimo tocco di “metatridimensionalità” grazie al finale ambientato appunto in un cinema (spoiler) 3D. Orgogliosi pompini a vicenda fra tutta la crew mentre giravano questa.

E' successo anche a uno dei primi test screening di Avatar

E' successo anche a uno dei primi test screening di Avatar

Dopodiché già 9 mesi fa pensavo di allungare il brodo scopiazzando una riflessione da AV Club, per cui why not? Lo faccio, per puro spirito di discussione.
La trama dei quattro film finora è sempre stata identica: ragazzino viene improvvisamente fulminato da chiaroveggenza, inganna la morte, la morte s’incazza e recupera il lavoro perso. In ognuno dei film ci si concentra su come ragiona la morte, ma mai su come funziona il criterio con cui questa improvvisa chiaroveggenza si distribuisce. Considerando che ognuno dei quattro film finisce invariabilmente che muoiono tutti (questo era uno spoiler pesante, occhio), i casi sono due:
1) qualunque sia la forza positiva che contrasta la morte donando ai giovani chiaroveggenza come se fossero caramelle, è la più debole e inutile forza positiva della storia perché ogni volta puntualmente fallisce;
2) non esiste alcuna forza positiva, ma è la morte stessa che si annoia per cui inizia a regalare superpoteri a gratis per rendere la settimana un po’ più movimentata.
Voi che ne pensate?

DVD quote suggerita:

“Più 3Doso di S.Valentino di sangue!”
Nanni Cobretti, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

17 Commenti

  1. A giudicare dagli omicidi, credo sia proprio la morte a divertirsi. E neanche poco. Il superpotere più scarso però ce l’aveva lo spettro in S Darko, che con lo sguardo poteva modificare i prezzi nei distributori automatici.

  2. E’ la morte che si diverte, che ok sì… Divertente fare una parta a scacchi con Max Von Sydow ma ad un certo punto che palle, no? A questo punto forse vorrei Final sigillo 7d con un Bergman zombie.

  3. Jo

    Il primo era carino, ma gli altri me li sono persi per strada… L’idea delle morti 3d però è carina, e il finale “metacinema3d” decisamente mi intriga quindi quasi quasi…
    Ma dovrebbe essere l’ultimo o stanno già preparando il prossimo in 4D?

  4. J.Lo Zeppelie

    i primi 2 erano buoni, ironici, ben costruiti. nel terzo gran fighette a ogni dove ma una merda inguardabile tutto il resto. sabato sera sapro’ di questo. confido in Ellis, che ha saputo regalare nel secondo una scena orgasmica come quella dell’incidente in autostrada.

  5. Daniele Mariani

    Salve, ma non ho capito quando esce…

    Grazie…

  6. Daniele Mariani

    Salve, ma non ho capito quando esce..spero domani sera…

    Grazie…

  7. No, mi dispiace, esce oggi. Sorry.

  8. Rainer Werner Sturmtruppen

    @Jo: il prossimo lo gireranno in Puzzovision. Final Destination: Calcutta

  9. mi è piaciuto un casino.
    in italia si è persa la tag geniale “REST IN PIECES”.
    ma figata lo stesso.
    il migliore per me rimane il secondo ma la saga è comunque una delle pochissime cose interessanti di questi anni in cui l’horror è ridotto a “coglionepelatooleggermentedeformechetorturaaltricoglionifighettifintotruscianti”.

    FIGATA.

    P.S.

    film vincitore del premio M.I.L.F.

  10. ma solo a me è piaciuto il 3?

  11. anche a me è piaciuto il 3!
    e poi c’è quel figone impenitente di Mary Elizabeth Winstead(ocomesechiama).

  12. Cleaned

    La stuzzicante premessa del primissimo cmq non si batte. Alzi la mano chi non pensa neppure un attimo a Padre Pio & Co. quando sale sopra un aereo di linea. Una volta ho beccato il tipo accanto a me che verificava il perfetto funzionamento del poggia-cose reclinabile di fronte a lui. La sera prima avevano dato il film su Italia 1.

    Se stai sugli spalti di Vallelunga non ci pensi neppure un secondo al pericolo.

  13. J.Lo Zeppelie

    visto ieri. carino. il migliore insieme al 2. mi aspettavo pero’ qualche sbrindellamento piu’ ispirato. l’incidente iniziale è anni luce dalla scena dell’autostrada e tipo la mamma dal parucchiere mi ha deluso tantissimo. non c’era niente di piu’ cazzuto di un sassolino in faccia? nel due c’è la stessa dinamica con un bambino dal dentista. pensa di averla scampata per poi farsi brutalmente spalmare sull’asfalto a tradimento da un blocco di lastre di vetro in caduta libera. la quote della saga. inoltre qui i due bambini della donna sarebbero dovuti schiattare, invece boh… per il resto, la morte del negro sembrava una gag da teen-comedy della minchia (accentuata dalla frase del protagonista “basta tenere gli occhi aperti per ogni segnale di pericolo”..detto fatto, viene investito mentre attraversa la strada sulle righe che manco a montecarlo durante il gp. telefonatissimo peraltro, ma speravo di sbagliarmi) e quella dello sfigato palestrato fastidiosamente fuori campo. geniale quella del nazi.

  14. J.Lo Zeppelie

    ps: le chiappe di Shantel Van Santen!

3 Trackbacks

  • Scritto da The Hole 3D: Joe Dante ci vuole bene. « I 400 calci il 17/06/2010 alle 07:02

    […] delle volte esco scontento. Per adesso direi che il massimo godimento del 3D l’ho provato con The Final Destination. Il problema è che c’è questa specie di malattia strana che coglie quelli che fanno i film […]

  • Scritto da Violenza domestica: Ottobre 2010 « I 400 calci il 01/10/2010 alle 07:02

    […] occhialini non siano necessari per divertirsi (nel dvd è disponibile anche la versione 2D). Nanni, illuminaci. Uscita: 19 Ottobre – Trailer – IMdB – […]

  • Scritto da Shark Night 3D: Sono lo Squaloa « I 400 calci il 08/12/2011 alle 08:02

    […] e con una telecamera che riproduce l’infima qualità delle riprese amatoriali. E dire che in Final Destination Nanni ha detto che non se l’era cavata neanche tanto male… Gli effetti speciali, nel […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.