Crea sito

Fascinema: “Io vi troverò – Taken”

Dopo aver visto 39 minuti di Law Abiding Citizen la madre di famiglia Dolores Point Five ha deciso ch’era venuto il tempo di dire BASTA. Per i prossimi dodici nove facciamo tre mesi si dedicherà dunque a una sobria e imparziale analisi dei film di vendetta sangue e ritorno all’ordine recentemente offerti dal panorama mondiale, nel tentativo di stabilire se esiste qualcosa più fascista di “Law Abiding Citizen“.

Nella prima puntata, anche grazie ai preziosi contributi degli amici dei 400 Calci (vedi sotto), s’è analizzato il film d’arte e vendetta inglese Harry Brown. Passiamo ora al piatto spesso: STEVEN SEAGAL.

Io + te 3MSiC

Un intenso Steven Seagal.

Una legge implacabile della natura prevede che se un film è molto fico il titolo con cui è venduto sui mercati ispanofoni sarà ancora più fico. Ad esempio, The Way of The Gun in Spagna si chiama Secuestro infernal e in Argentina El calor de las armas. Così lo spettatore arriva preparato a sangue proiettili ed esistenzialismo soffuso, e ci resta preso benissimo quando il film si apre con Sarah Silverman risolta a cazzotti in faccia.

Taken di suo è un titolo secco, quindi in Italia s’è smarmellato tutto con un “Io vi troverò” da sabato sera su Rai4, mentre in MESSICO l’hanno chiamato Búsqueda implacable. (E lì ho subito messo il cane nel giro dei combattimenti clandestini. Mentre mi spaccavo tutto in macchina.)

Procediamo.

La malattia: la mafia albanese.

La cura: Steven Seagal, interpretato da Liam Neeson.

Persona normale o secret badass? Secret badass, nel senso che il segreto non sfugge nemmeno al MESSICANO che gli tosa l’erba ogni giovedì: liamneeson è un ex agente dei Servizi Segreti che si è sputtanato il matrimonio andando più o meno a sbloccare il conflitto israelo-palestinese con certi suoi vecchi amici i quali oggi si fanno con lui delle birrette attorno al barbecue e ridono dicendo ehi zio, ti ricordi quella volta a Beirut, l’hai proprio mandata in vacca zio. Gli amici in questione stanno ancora nei Servizi Segreti, mentre liamneeson è tornato nei sobborghi della California a vivere in una casa abbastanza buia e senza il vialetto. Spera così di riallacciare un rapporto con la figlia diciassettenne Shannon di Lost. Nonostante ella abbia un nuovo papà che le regala dei cavalli.

Fare brutto a Parigi oggi.

Fare brutto a Parigi oggi.

Coefficiente Signora Mia (rapporto tra il mondo presentato dal film e qualsiasi problema riscontrabile per davvero): direi “per discutere”. La mafia albanese è presentata – giustamente – come un girone dell’Inferno fatto sol uomo e dedito al sequestro di ragazze dell’Est da mettere a battere in tutta Europa. Come però veniamo avvisati (credo da un solerte funzionario francese), la mafia albanese ha capito che ridurre in schiavitù le ragazze dell’Est NON CONVENIVA PIU’ COME UNA VOLTA. Ha dunque deciso per l’alternativa low cost: rapire giovani donne che viaggiano da sole. Questo è anche il punto in cui Taken suicida definitivamente ogni ambizione di critica sociale, infilandosi nel sottogenere del negozio dove se ti provi una scarpa si apre una botola.

Il piede e la mina: sfidando la disapprovazione del babbo, e appellandolo “paranoico” là dove invece LUI CONOSCE IL MALE DEL MONDO, la figlia diciassettenne di liamneeson parte per Parigi con un’amica zoccola. Lo stesso pomeriggio vengono rapite dall’appartamento dove alloggiano.

La vendetta: la preparatissima e per nulla arrugginita macchina da guerra liamneeson ingrana subito la  DECIMA: parla con la figlia durante il sequestro, ASCOLTA IL SEQUESTRO, intercetta il rapitore capo e si lancia in quello che è passato alla storia del cinema-bis come il monologo di liamneeson.

Dopo di che va in Europa e ammazza tutti i cattivi con quattro particular skills: il pugno in gola, il discorso sociale, la tortura con l’elettricità, lo sparo in testa. A volte ammazza anche gente che non c’entra niente.

Or do they.

Or do they.

Qualcuno suggerisce mai di chiamare la polizia? Liamneeson ascolta, liamneeson espone il problema a ex moglie e marito, liamneeson riceve impone benedizione, liamneeson consulta amico Servizi Segreti, liamneeson va, liamneeson spacca.

Quanto tempo passa tra il primo abuso e la prima mano parcheggiata in faccia? Al cronometro sono meno di 12 minuti. A meno che con “mano parcheggiata in faccia” si conti il monologo di liamneeson, cosa che porterebbe il tempo a uno scintillante 2′ e 53”.

E’ colpa della società? Non è colpa della società perché IL MALE sta OVUNQUE, come liamneeson sa BENISSIMO, ma la società dovrebbe prendersi le sue colpe, dai genitori permissivi alla polizia che non può o non vuole proteggere il cittadino, passando per LE POPSTAR che si credono al di sopra di ogni pericolo. L’umanità si divide in due gruppi di maggioranza: sporchi approfittatori e compagni che sbagliano.

Questa era una popstar.

Questa era una popstar.

Reparto Legge e Ordine: arrivato a Parigi, liamneeson contatta subito un suo ex amico spione riciclatosi con successo nella burocrazia locale: i due rimpiangono per alcuni minuti i bei tempi dove si sparava a tutt’andare, ma, come il Solerte Funzionario Francese sembra tenere particolarmente a veicolarci con fumoso esistenzialismo alla Ronin, QUEI TEMPI SONO FINITI. Infatti…

C’è almeno un momento in cui il Reparto Legge e Ordine esprime stima e comprensione per il vendicatore ammazzasette?: … qui siamo nel genere mano-a-continente, e le forze dell’ordine OSTACOLANO l’operato dell’uomo retto. Anche il Solerte Funzionario Francese (spoiler?) si rivelerà marcio e corrotto fino all’animo, rimediandoci una moglie sparata al braccio e, si presume, una causa di divorzio assai imbarazzante. In your face, John Frankenheimer.

No, "c'etait pour le LOAL" non è una motivazione sufficiente.

No, “c’etait pour le LOAL” non è una motivazione sufficiente.

Momento Andiamo A Trovare La Nonna: dicesi con Momento Andiamo A Trovare La Nonna il riempitivo che viene infilato nei film lui-incontra-lei-ma-c’è-un-problema pur di tirare l’ora e mezza (a volte anche l’ora e quaranta). Bene, in Taken il Momento Andiamo a Trovare La Nonna è tanto più EPOCALE quanto non me l’aveva detto nessuno.

Prima di entrare nell’azione – dato che poi almeno in quella ci si resta – assistiamo a mezz’ora di crisi familiari di liamneeson. Disinteressato ma attratto dal pecunio (visto che ha speso tutto per comprare una karaoke machine alla figlia che DA BAMBINA VOLEVA FARE LA CANTANTE), liamneeson si lascia convincere a lavorare come addetto alla security dietro le quinte per il concerto superesaurito di una POPSTAR DI FAMA GLOBALE. Ella si chiama “Sheerah”, è identica a Shakira ed è interpretata da HOLLY VALANCE.

Agevolo Holly Valance:

Insomma, prima del concerto liamneeson cerca di parlare a Shakira per vedere se ha dei consigli utili alla figlia e lei non se lo incula di striscio, poi Shakira sale sul palco e liamneeson (forse) fuma una sigaretta, poi Shakira torna dietro le quinte mentre tutti applaudono, liamneeson rientra in servizio, i fan sfondano la transenna, si scatena il tafferuglio, Shakira resta scoperta, caracolla verso l’uscita, uno stacco di montaggio ci mostra dietro l’angolo un MANIACO COL BISTURI LUCENTE appostato nel buio, il maniaco è pronto, Shakira caracolla, caracolla, caracolla verso la bocca del lupo, liamneeson INTUISCE il pericolo, arriva prima, afferra il maniaco, lo spacca tutto, si carica in spalla Shakira e guida sportivamente fino a molto molto lontano dal palazzetto dello sport dell’orrore.

Lei è ovviamente sconvolta e lo ringrazia e gli dice ti devo la vita e tutto quello che vuoi e secondo me un po’ ne vorrebbe per lo shock e un po’ si innamorerebbe volentieri di un liamneeson così laconico e segnato dai Servizi Segreti. E lì ho sperato che Taken si iscrivesse nella luminosa traiettoria dei plagi non dichiarati della GUARDIA DEL CORPO CON KEVIN COSTNER, non tipo quello di Rocco Siffredi, più tipo quello di Don “The Dragon” Wilson che una volta si vedeva tutte le sere su Italia 1, con il bonus di una ventenne fia che si innamorava tantissimo di liamneeson. Invece no, però era molto meglio se andava in quell’altro modo.

(Ci sarebbe anche il pezzardo con L’ALTRA ragazza rapita/drogata/messa a battere e salvata da liamneeson che la disintossica in 12 ore con una flebo di fisiologica in albergo, ma quello in realtà serve a mandare avanti la trama, anche se poi Luc Besson si dimentica la poraccia in quell’albergo. Spoiler alert: a Luc Besson interessano solo LE VOSTRE FIGLIE VERGINI.)

Oppure quelle a cui produce un esordio alla regia uber-scult. Dopo.

Oppure quelle a cui produce un esordio alla regia uber-scult. Dopo.

Modello “alto” messo lì ad aspettare che se ne accorga qualcuno: strano a dirsi, ma fidatevi – perché Besson oltre a produrre cosceneggia, e quindi c’è sempre un complesso d’inferiorità siderale dietro l’angolo – il modello è Sentieri selvaggi: protagonista contaminato dalla Guerra e per questo rinnegato in famiglia MA mobilitato appena succede un casino, la ragazza rapita dai cattivi, il protagonista che a un certo punto crede di averla trovata ma ne ha in realtà trovata un’altra “indigena” che indossa un abito appartenuto alla scomparsa…

Il regista quanto vuole essere preso sul serio? Questo non è chiarissimo: l’intento del girare un action “all’americana” in terra e con soldi europei di per sé non significa UN CAZZO, ma l’aver chiamato liamneeson per il ruolo di Steven Seagal denota una certa voglia di dare una manata raffinata e di classe a una (peraltro semi-competente) roba da rìde.

Lui muore? No, ma Internet parla di un fantomatico Taken 2, per cui può darsi che in futuro muoia entro i primi 10′. Passando il testimone a Shakira.

Quindi alla fine tutto bene, sì? Sì, perché la figlia di liamneeson ad anni 17 ERA ANCORA VERGINE, e quindi non è stata messa a battere sui boulevards o dentro i containers di Parigi, ma è stata destinata alla tratta delle biondine certified pure, da cui liamneeson riuscirà a trarla in salvo dopo aver sparato a ottanta tra scagnozzi e passanti ma all’ultimo nanosecondo utile per impedirne la lacerazione dell’imene da parte di uno sceicco vecchio, e QUINDI non solo lui riesce a riportarla INTATTA ai Suoi Cari, ma alla fine la presenta pure a Shakira. Dell’amica chi se ne frega, tanto era zoccola.

Luc Besson e il realismo sociale.

Luc Besson e il realismo sociale.

Quanto è fascista in una scala da 0 a Law Abiding Citizen? Il paragone non regge perché – secondo me – Taken è il nuovo capostipite della filosofia del “qualunquismo proattivo”, che qui veniva definito così: “come portatore sano di qualunquismo proattivo Neeson fa fuori gente di tutti i tipi, compresa la polizia corrotta. Ecco, la polizia è sempre corrotta nel qualunquismo proattivo; un vero impianto fascioleghista avrebbe problemi con la polizia corrotta. Fascismo, leghismo, è già un’analisi troppo approfondita per il film. Il qualunquismo proattivo non ha tempo per le analisi, ti mette le mani in faccia.”

Nei commenti a questo l’amico dei 400 Calci Pipolo Segal dava un’interpretazione un po’ differente:

“[…] Rientra tutto in un discorso molto da destra repubblicana, per cui anche alcuni americani hanno perso la via maestra e bisogna fargli capire come e dove sbagliano a forza di legnate (vedi Madre e Padre Adottivo Debole e Senza Muscoli/Senza Virilità, quindi propenso alla corruttela e tutte quelle merdate da nerd cervelloni che io li manderei a lavorare la terra e poi vedi se non gli si raddrizza la schiena). Per quelli AL DI FUORI, invece, non c’è speranza perchè non sono recuperabili già in partenza (il discorso della Giungla da tirare fuori dal Negro).”

Non lo so, sentiamo la vostra.

DVD-quote suggerita:

“Ma magari fosse fascio, magari avesse fatto una scelta nella vita.”

(Dolores Point Five, i400calci.com)

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

55 Commenti

  1. gigi

    A me e’ piaciuto, veloce, essenziale, secco, viuulento, esattamente come deve essere questo tipo di cinema.

    Forse cito proprio il Cobretti se dico che se al posto di Liam Neeson (o di un qualsiasi attore vero) avessimo avuto proprio l’originale Steven Seagal oppure Chuck Norris o uno qualsiasi dei nostri eroi preferiti, tutto sto polverone sul qualunquismo proattivo-fascismo della storia non sarebbe saltato fuori. In fondo sono decenni che si fanno film del genere, questo ha azzeccato l’ottimo ritmo e una regia ispirata quanto basta.

    Il genere action ha molto di reazionario e fascista (tolto forse un certo Stallone, non quello dei Rambo e Rocky tardo anni ’80) e non sto dicendo niente di misterioso. Una buona domanda da porsi e’ perche’ proprio adesso stanno uscendo fuori e con successo titoli di questo genere? E perche’ sono presi tanto sul serio (come forse non lo erano negli anni ’80)?

  2. beppe

    semplice,la violenza è attuale,il realismo delle scene(in confronto a quelle comunque ironiche degli anni 80)è uno strumento,ci si puo identificare in un personaggio che come la storia ci insegna,è figlio della società che distrugge invece di maturare,e non è solo fascismo,magari fosse stato solo quello,avremmo finito i nostri problemi,quindi il titolo dovrebbe fare riferimento anche alle altre dittature di cui siamo figli come il comunismo.

  3. Banjo

    Dolores, rece grandiosa, sempre la n° 1 per me.

  4. La caratteristica distintiva di Taken sta proprio nel fatto che l’interpretazione e la presenza stessa di Liam Neeson come protagonista attirano domande che in realta’ il film non si pone. Raro caso in cui un attore migliore aggiunge solo cose non richieste, quasi fuorvianti, personalmente moleste.

    Inoltre scopro che il regista di Black Belt con Don “The Dragon” Wilson e’ lo stesso di Bitch Slap, e piango :’-(

  5. Grazie dei commenti – i prossimi film in programma:

    “Death Sentence”
    “The Boondock Saints 2: All Saints Day”
    “Il buio nell’anima – The Brave One”

    Se avete dei suggerimenti, io qui sto.

  6. Cleaned

    E’ chiaro che si banalizza tutto in stereotipi ma io, politicamente ateo, continuo cmq a considerarlo “Il Buono” con uno scopo nobile un tipo così.

    Mi preoccupa più la nuova tendenza a far diventare protagonisti “Il Brutto e Il Cattivo”, tra Romanzi Criminali, Grand Theft Auto e bad mother fucker Tarantiniani. Ok che il cavaliere bianco 2.0 deve avere qualche sfumatura di grigio, ma se lo vesti completamente di nero non riesco a gasarmi.

  7. Cleaned

    @Dolores Point Five

    Non ho ancora visto Law Abiding Citizen ma contro Death Sentence sarà dura

  8. Direi che ‘sto film lo devo vedere, fosse anche solo per la prima scena.

    P.S. Non so se l’ho già detto, ma questa è la mia rubrica preferita de i 400 calci assieme a Mostrologia.

  9. alessandro

    Gran bel film. Mi ricordo che, come ha sottolineato benissimo Dolores, c’era questa evidentissima discriminazione verso “l’amica troia”. A me piace vedere questo tipo di cose nei film, insomma, sorridere non è mai un male, ma mi chiedo anche se la maggiorparte delle persone che guardano questo film la prendano sul ridere come me o se, invece, non siano convinti che si tratta di un importante messaggio trasmesso dalla pellicola. Pauroso. Tra l’altro, qualcuno dovrebbe dire a liamneeson che sua figlia ha già fatto sesso con un iracheno di nome Sayid. Qualcuno che non tiene particolarmente alla propria vita.

  10. Cleaned: di DS ho visto (per ora) i primi 30′ circa ed è assolutamente troppo presto per sbilanciarsi, ma tengo a mente quello che dici.

    Faust: posso suggerire Arca Rissa, anche?

    Alessandro: è sempre una faticaccia infilare un elemento simile in un film, al di là di questioni tipo “buon gusto” o “economia della narrazione”, proprio perché – come dici tu – c’è il rischio che qualcuno prenda tutto sul serio.
    In una commediola alla American Pie il dilemma “patata subito vs aspettare il matrimonio” non è (quasi) mai destinata ad avere conseguenze più serie di una crisi di coppia, mentre in questo contesto chi può dirlo.
    Cioé, se non ricordo male liamneeson lascia persino lì il cadavere.

    (Un esempio di film SERIO dove la cosa aveva più senso era “28 giorni dopo”, ma lì la VERGINITA’ era data per scontata trattandosi di una ragazzetta undici-dodicenne, e non c’erano conversazioni a riguardo, c’erano GLI ZOMBIES.)

  11. Uwe Pòl

    non solo ce la lascia lì, legata morta e con la patata all’aria, la guarda pure male e fa una specie di grugnito di schifo.

    Oh, attendo con molta curiosità i santi boondock, anche se chiamo il conflitto d’interesse vista la presenza di Norman (o quel che ne resta).

    Nanni dice una cosa interessante comunque: se ci fosse stato Scott Adkins, del tutto fuori contesto, non si sarebbe pensato al film-baracconata dalla trama esile e funzionale solo a una serie di mani in faccia?

    Però, tant’è, Liam Neeson c’è. cazzi di Morel.

    L’elemento Shakira in genere coglie alle spalle tutti.

  12. @Dolores: Puoi, puoi. Non l’ho ancora letto, ma lo farò prestando la dovuta attenzione.

  13. alessandro

    @Dolores: completamente d’accordo. 28 giorno dopo si pone decisamente su un altro piano. Tornando a parlare del film penso che Morel sia riuscito ad andare oltre le proprie capacità con io vi troverò.

  14. Qui ci sarebbe da sentire il capo e/o l’amico Uwe Pòl, loro ricordo che si sono visti pure il secondo film di Morel.

  15. Uwe Pòl

    Mamma mia che osceno.

  16. Yo

    Grandissima recensione!! Comunque anche la scena in cui lascia l’albanese “collegato” alle 220 non è male, picchi di razzismo così alti è difficile trovarli.
    Io proporei (ma non so se rientra nel genere) “Four Brothers”.
    Ciao.

  17. “Four Brothers” è un buon suggerimento, grazie: l’unica perplessità che posso avere riguarda il fatto che è stato distribuito nel 2005, cosa che ne farebbe il capostipite di questo tristo filoncino (e non so se è così).

  18. Andy Crop

    Visto con gli amici al cinema.
    Fascio lo è per me(e infatti vederlo per me è stato come un guilty pleasure).
    Lo sguardo disattento(figlio di generalizzazioni e ignoranza)nei confronti delle ragioni che stanno base dei problemi o dei personaggi che affronta c’è tutto.
    Questo film probabilmente sarebbe piaciuto al padre di Ruggero.
    http://www.youtube.com/watch?v=nEbxtQeTOYY
    O per meglio dire,all’attore che interpretava il padre di Ruggero,che fascio pare lo fosse per davvero.
    @alessandro:
    Più che altro papino dovrebbe intimarle di smettere di giocare “al dottore” col fratellino Boone.

  19. bobby perù

    provate a guardarvi death sentence (http://it.wikipedia.org/wiki/Death_Sentence), io l’ho rimosso ma mi pareva avesse qualcosa a che fare con… mah

  20. Ricevo questa mail da un lettore e copio e incollo qui, fate conto che sia un commento regolare lasciato da Nick Adeguatamente Virile.

    —–

    “[…] facendo un parallelo con “Commando”, un altro classico film di padri che spaccano la faccia a tutti perchè gli hanno rapito la figlia possiamo subito vedere che sono due cose molto diverse. e non perchè liamneeson è più thinking man di Schwarzenegger, quella è una difesa che avrebbe potuto tirare fuori Fazio intervistando Pierre Morel su Rai 3.

    No la differenza sta che mentre in Commando la figlia gliela rapiscono proprio perchè lui è uno delle forze speciali, e la usano come motivazione per fargli compiere un attentato o una roba del genere (ah, i terroristi di una volta) in Taken è solo una coincidenza fortuita, sfiga della mafia albanese veramente. e così se lo spettatore medio, vedendo Commando, può sentirsi rassicurato nella sua casa perchè sa che le forze speciali americane sono così cazzute e incorruttibili che non scenderanno mai a patti con i terroristi anche se ricattati sul personale, ecco, vedendo Taken lo spettatore medio è come dire, spinto sulla via dei corsi di krav maga in palestra, verso la NRA e i pomeriggi al poligono di tiro e l’essere sempre preparati perchè le cose capitano a tutti e se le vuoi risolvere davvero te le devi risolvere da solo. Taken va a far leva sul concetto del minuteman americano, sul capofamiglia col fucile sopra il caminetto, che la terra dove vive se la deve difendere da sè dai banditi e gli indiani. per questo è fascinema.

    e basta che mi sto dilungando, finisco solo con un commento sul denouement con Holly Valance: ci stava che la figlia li guardasse in faccia tutti e due e dicesse babbo, ma sei rincoglionito? sono stata rapita torturata drogata e venduta dalla mafia albanese a tipo diciannove anni, non me ne frega più mica un cazzo di fare la popstar, mandiamo a fanculo Shakira qui e insegnami a spaccare le braccia a quelli che allungano le mani, io ormai psicologicamente sono rovinata per questa vita, il meglio che posso chiedere è Sarah Connor.”

  21. Uwe Pòl

    ma Taken continua a regalare perle, signore e signori.

  22. alessandro

    Certo che, se per Taken ti danno le perle, se vai a vedere From Paris With Love che ti danno? No perchè io le torture fisiche le sopporto abbastanza. Per qualche rubino si può anche soffrire.

  23. Uwe Pòl

    @alessandro: parlo dei commenti all’articolo.
    From Paris with love ha generato solo (a quanto pare) delle fitte profonde al pancino di chi l’ha visto (fortunatamente sembra non troppi), e non molti spunti di dibattito (per conto mio poteva limitarsi ad una sola parola: “brutto”, e detto con una certa vergogna di averlo visionato)

  24. Jo

    il commento di Nick Adeguatamente Virile è spettacoloso, e inquietante per i significati (effettivamente abbastanza ovvi) che da ad un film a cui non davo così tanto peso morale. Sticazzi. Meditare gente…

  25. Harry Piotta

    Sempre magica Dolores: A love supreme.

    Ma se Rocco Siffredi invece di perdere tempo con la Breillat si fosse messo a fare film con Nazi Besson ? Ora avremo Broken invece di Taken e un cinema almeno, un pò, meno fascilegaiolo.

  26. alessandro

    @Uwe Pòl: Beh, era chiaro. Era uno sketch barocco il mio. Forse non abbastanza efficace.

  27. Liam Neeson ha l’aspetto del duro molto di piu di Steven Seagal oppure il ridicolo Chuck Norris. ha l’occhio di una persona forte. come Russel crowe (me lo ricordo su cinderellaman, o su quel film sugli skin88). Tutti i ragionamenti sulle figure, debosciate dei suoi genitori per quanto vere sono di troppo. il film è bello e si concentra sull’azione, la sofferenza ed il tormento di perdere qualcuno, e l’orrore che si nasconde dietro anche le piu belle città del mondo..

  28. No.

  29. Uwe Pòl

    @ Kewa: “l’orrore che si nasconde dietro anche le piu belle città del mondo”

    Ecco, questa era una cosa che volevo dire e mi sfuggiva. Il discorso Location, ovvero: è utile sapere dove siamo?

    Un esempio estremo è Vicky Christina Barcellona che è un LUNGO Spot su Barcellona (“vieni a trovarci, abbiamo architettura fichissima, arte e buon vino. Ti ho parlato del sesso promiscuo e delle tapas?”).
    Invece “occhi bianchi sul pianeta terra” che è girato a cinecittà può essere qualsiasi cosa con quelle inquadrature, ma tanto è suburbia generica postolocausto.
    The Fall è un collage di location assurde montate in modo da essere valorizzate al 200% delle loro possibilità. Ti fa venire voglia, quando hai finito di vedere il film, di controllare se esistono ‘sti posti (per poi rimanere incredibilmente deluso, per lo più).

    Ecco, in “io vi troverò” si fa un uso così largo di location da “qualsiasi posto in europa”, che ti fa quasi rimpiangere Euro Trip. Non c’è nessun modo di “concentrarsi sull’orrore che si nasconde dietro alle più belle città del mondo”, quando è tutto girato in quattro container del porto dietro casa mia, in 6 interni e in due strade di parigi che potrebbero essere tranquillamente di praga (e che in molti altri film vengono anche replicate MEGLIO).

    Morel sei un puzzone con la bocca puzzona, vergognati.
    Hai Parigi e il panorama che inquadri meglio è una FOTTUTA PORTA ROSSA E L’AREOPORTO. LA. PORTA. ROSSA.
    Ma cazzo.

    PS: from paris with love – dove parigi c’è anche nel titolo – è trattata anche peggio, ciò mi fa pensare che a Morel Parigi faccia cagare.

  30. Uwe Pòl

    io… uhm… credo di essermi lasciato trasportare. Dev’essere l’ “effetto taken”. (my fault alessandro, tra l’altro)

  31. Sì, però è stato divertente.

  32. alessandro

    È evidente che kewa non ha mai incontrato Steven Seagal o Chuck Norris dal vivo.

  33. Harry Piotta

    Una volta un amico, su facebbok, scrisse, dopo aver visto Taken, che se gli fosse successa una cosa analoga, nella vita reale, avrebbe fatto “le stesse identiche cose” del protagonista. In quel momento ho realizzato che l’ipotalamo del mio amico era sintonizzato sull’età mentale di 5 anni. Pur avendo girato un documentario a Cuba su Fidel dove si definiva anti imperialista. Questo è il dato sociologico di Taken, che ci fa capire quanto Besson ben conosca l’umano escremento (cit. Carmelo Bene): è cucito su misura sul cittadino medio globale.

    p.s.
    ho cancellato l’amicizia da Facebook.

    • Fra X

      Mazza, Taken era uscito due anni prima, mica nel 90. Sul web il tempo ha un valore relativo pare ormai. Boh! Detto giusto come constatazione. Ho visto spesso come l’ espressione “anni fa” venga usata anche per periodi di distanza di tipo 3 anni! °_O

  34. Pipolo Segal

    (Piangendo)
    Grazie! Grazie a tutti! Grazie per la citazione! Grazie per l’affetto sincero dell’amica Dolores! Oggi abbiamo dimostrato tutti insieme che la volontà è più forte di un destino avverso! Quello che sto cercando di dire è che se io posso cambiare e voi potete cambiare, tutto il mondo può cambiare! Ma questo premio è per il mio allenatore, che mi guarda da lassù! L’unico che mi ha spinto a continuare anche quando la caduta sul ghiaccio mi ha spezzato la caviglia! Lui sapeva che il mio triplo axel era ancora lì, sepolto sotto la mancanza di confidenza e di stima in me stesso!
    (Guarda gli avversari Russi e Cinesi, che applaudono convinti. Si allontana dal palco zoppicando).

  35. Torno sul luogo del delitto solo perché, secondo Wikipedia la Fox avrebbe dato il via libera a “Taken II” e liamneeson avrebbe firmato regolare contratto:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Taken_%28film%29#Sequel

  36. TruceWillis

    Poche storie e cinepolitica. “Taken” prende alla grande e Liam con i suoi 120 chili irlandesi regge la baracca senza battere ciglio.
    Quickly,
    – il dialogo con lui e la figlia hidden sotto il letto plus monologo con l’albanese francesizzato è roba che non si vedeva da parecchio. Steaven il gabbiano, JCVD (e io lo adoro JCVD), Stallone, Jet li o chi per loro ti avrebbero fatto ammazzare dalle risate con quel monologo. Ma Liam no, Liam c’è e lo capisci subito che albania farà una fine del cazzo da lì ad uuna ventina di minuti.
    – I pugni sul fegato che il nostro sparge sul biondino adescatore di giovani figliole sono oro colato.
    – La versione irlandese di abu ghraib mi sembra non faccia una piega. EDF ringrazia e non c’è posto per la pietas cristiana.
    – La pallottola nel braccio della moglie dell’ex amico parigino è come il cacio sui maccheroni.
    – Il karaoke come regalo di compleanno strappa una lacrima d’affetto per il papà non al tempo coi tempi.

    In summary, una bella ora e mezza di azione old fashion!

    Whiskey consigliato: Ardbeg Ten years old accompgnato da pistacchi salati.

  37. Lucio

    Raramente ho letto commenti così variegati e interessanti, sul serio!
    A me Taken è piaciuto, ma sono terribilmente condizionato dalla mia passione per liamneeson… trasforma in oro anche la merd@…

  38. michelle pate'

    Ho visto questo film e poi ho detto si a svuota cestino della mia capoccia.
    I film famoseggiustizzziadasoli mi fanno tutti pensare ai western con gionuein trasposti nel terzo millennio. Recensione fichissima.

  39. Ma quanto è figa sta cosa che riproponendo i pezzi pre nuova grafica per la versione mobile aggiungete la foto a icona e la nota iniziale ad uso esclusivo di chi vi legge sullo smartphone?
    Comunque una recensione divina. Uscito dal cinema ero divertitissimo dalla quantità di fobie reazionarie (e soluzioni reazionarie) a cui il film da concretezza.
    Poi uno scopre che effettivamente qualcuno le prende sul serio e si ferma a riflettere.

  40. Mario

    Salve, intervengo solo per dire che il messaggio di TruceWillis rappresenta a parole quello che penso di “Io vi troverò”. E Liam Neeson è a dir poco fenomenale.

  41. Enrico

    La cosa strana non è il primo taken è che poi ne uscita una trilogia, dove sembra che nessuno vada dal protagonista dopo che ha distrutto mezza Parigi e Istabul, comunque il film si regge anche sulle belle gambe della figlia rapita, che il regista furbescamente ci mostra sempre con buone inquadrature.

  42. Shu-Shà
    • T87

      Ma perchè Dropbox che non funziona. Comunque intendevi la notizia della modella drogata e messa in vendita? Cavoli anche io ho ripensato a questo film, che tra l’altro era passato di recente in televisione…

    • Shu-Shà

      Maledetto dropbox… comunque sì, quella. Pazzesco. Sequestrata con siringa dentro appartamento. Però il tizio non apparteneva alla “mafia albanese”, ha solo minacciato di venderla a fantomatici “arabi” se non avessero pagato il suo riscatto, paventandole anni di abusi per poi finire in pasto alle tigri (quindi più gentile del capo dalla mafia albanese, che a liamneeson ci diceva che dopo qualche anno di scopate la figlia non la avrebbero voluta NEMMENO i cani).

      L’articolo tirava in ballo una fantomatica “Black Death Society”, questa sì uguale al film, che opererebbe nell’est europa, con circa 10.000 affiliati, e che agirebbe esattamente come in Taken (rapire giovani bianche da vendere a vecchi porci con l’asciugamano in testa).

  43. Fra X

    Praticamente quasi il vero remake de “Il giustiziere della notte”! Ora esce quello con Bruce Willis! Mi sà che succederà come quello di “Point break”. Lì ci aveva già pensato il primo “fast and furious”, quì Taken. XD
    Riguardo il titolo italiano, almeno il secondo è diventato “Taken – la vendetta”a differenza di quanto successo con la saga di “Missing in action” da noi! °_O XD

7 Trackbacks

  • […] il plot si deve a un manipolo di arditi i cui particular skills vanno individuati nell’aver estratto a tempo dal tritarifiuti il copione di Mission […]

  • […] Il problema sostanziale di per sé non è il miscelarsi di trama-tre-bicchieri (ora, dovete sapere che ho deciso di classificare i film in base alla scala della guida Miichelin: in pratica un film x bicchieri indica il numero di stoviglie che posso andare a lavare lasciando il film in sottofondo, tornare e riuscire a seguire perfettamente la trama), nudo abbondante e sangue copioso: in fondo se tutto questo è ben miscelato, l’intrattenimento è assicurato e le mie tre coinquiline sono pure soddisfatte. Il problema sorge quando la quantità di tette e sangue è inversamente proporzionale al numero di bicchieri. E questo film ha un numero di bicchieri altissimo e un numero di SENONI molto basso. Il tutto condito con una tristissima velleità autoriale che lo renderebbe un candidato perfetto per la rubrica della collega Dolores Fascinema. […]

  • […] il permesso di ingasarvi, soprattutto quelli di voi che hanno apprezzato certe atmosfere vintage di Io vi troverò. E se tutto va come è giusto che vada, il Jason si è appena intascato un altro meritato […]

  • Scritto da Faster (spoiler: non è vero) « I 400 calci il 04/04/2011 alle 07:02

    […] bene… io ricordavo ancora l’acerba e insopportabile figlia di Steven Sea Liam Neeson in Io vi troverò, ma nel frattempo le sono cresciuti due metri di gambe e un fisico da Swimsuit Special di Sports […]

  • […] spietato e assetato di vendetta” (praticello che sembra ormai di proprietà di un’altro attore con una ex-reputazione) ma piuttosto ad un film-complotto tipo “uomo comune cerca di […]

  • Scritto da Alla vs. cortese attenzione: Drive « I 400 calci il 30/09/2011 alle 07:01

    […] nessuno avrebbe avuto niente da cambiare e niente da ridire, ma non siamo in un caso alla Io vi troverò dove se metti Steven Seagal al posto di Liam Neeson l’equazione rimane davvero esattamente […]

  • Scritto da Io vi troverò (2008, Pierre Morel) | Animal Farm il 20/04/2012 alle 17:37

    […] veda qui (recensione e commenti) o qui, dove si arriva addirittura a scrivere, in nome del più scriteriato […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.