Crea sito

Nightmare: Smells like a Puttanata

Diamo il film in mano a quello lì col chiodo!

Affidiamo il film a quello lì col chiodo! Mi sembra un'ideona!

C’ho questa domanda che mi assilla. Ma secondo voi per quale motivo Michael Bay ha voluto Samuel Bayer per il reboot di A Nightmare on Elm Street? Cioè, a un certo punto si parlava di John McNaughton. Addirrittura per qualche secondo s’è fatto il nome di David Fincher. Poi, una volta che il progetto è finito nelle manone tozze di quel peperino di Michael, è arrivato Samuel Bayer. Chi? Grazie per la domanda. Samuel Bayer è il regista del video di Smells Like Teen Spirit dei Nirvana. Quando l’ho saputo sono andato subito a rivedermelo. Ve lo ricordate? C’erano loro che suonavano, dei babbei che li ascoltavano, le ragazze pon pon con la A di Anarchia sul top e un bidello vecchio con in mano un mocio vileda. Ricordatevelo.

Insomma, non propriamente una bomba. Cioè, all’epoca io mi ricordo la delusione nel constatare che la canzone più esaltante del mondo aveva un video a cui, essendo larghi di manica, si poteva affibiare un 6+. Poi, Samuel Bayer, ha fatto anche tantissimi altri video, tutti di gruppi diligentemente selezionati tra i meno influenti della storia della musica. Tipo i Papa Roach. Mamma mia, che gruppo di merda i Papa Roach. E niente, Michael Bay ha deciso che Samuel Bayer era l’uomo giusto per dirigere il più importante reboot della Platinum Dunes. Sarà stato per colpa del bidello e del suo mocio vileda? Non so, forse è per motivi personali, ma se chiedete a me qual è la serie horror più importante di sempre, io rispondo Nightmare. Già solo l’idea di poter plasmare un nuovo Freddy Krueger era talmente stimolante che alle prime notizie dal set (anche se sotto sotto già sapevamo che sarebbe venuta fuori una puttanata) ci eravamo fatti contagiare da timidi entusiasmi. Ma vuoi vedere che alla fine forse non sarà male? E invece possiamo dormire sonni tranquilli: il nuovo Nightmare è il più brutto dei reboot messi in piedi da Michael Bay e soci.

Andrew Form e Brad Fuller decidono che è giunto il momento di fare schifo

Andrew Form e Brad Fuller decidono che è giunto il momento di fare schifo forte forte.

Oh, e che sia chiaro: parliamo di una bruttezza totale, apocalittica, senza appello. Non Aprite Quella Porta 2.0 e Venerdì 13 2.0 sono brutti, lo sapete. Ma qui siamo veramente oltre. Andiamo con ordine: A Nightmare on Elm Street 2.0 non fa paura. Ma veramente MAI. Nemmeno i “momenti bubusettete”. Sapete quelli dove c’è una roba che spunta fuori dal nulla e spingono il volume a livello “sangue dal naso” e voi fate automaticamente un saltone sulla sedia? Zero. Manco quello. Non che non ci siano, eh? Ne ho contati almeno una decina. Solo che sono fatti male. La sceneggiatura non tocca nessun tema vagamente interessante. I dialoghi mettono serio imbarazzo. C’è questo scambio di battute che m’è rimasto particolarmente impresso: l’insopportabile Kyle Gallner (uno che è nato nel 1986 e ha il triplo mento) è in biblioteca per fare delle ricerche sugli effetti della mancanza di sonno. Ovviamente s’addormenta. Fa un incubino bruttissimissimo. Viene svegliato dalla bella Rooney Mara e subito fa quella fazza da triglia orribile che gli viene così bene. Lei lo guarda e gli chiede “Incubi?”. La triglia annusice. “Freddy?”. Annuisce di nuovo. “Vabbeh, mettiamoci a leggere dei libri sulla cui copertina c’è scritto grosso grosso SLEEP”. Niente, come se tutto fosse dato per scontato. Come se tutti sapessero già tutto. Il fatto che tanti adolescenti comincino a sognare tutti la stessa cosa e che muoiano uno dopo l’altro, non sembra stupire nessuno. Soprattutto gli adolescenti stessi che accettano tutto come se fosse una cosa normale.

Dai, oh, ti ho già detto che se muori nel sogno, muori veramente! Quante volte te lo devi spiegare!

Dai, oh, ti ho già detto che se muori nel sogno, muori veramente! Quante volte te lo devo spiegare! Sono scocciatissimo!

Non viene sviluppato nessun vecchio tema legato all’originale. In un’intervista precedente all’uscita del film avevo letto che gli sceneggiatori si bullavano di aver ampliato la parte riguardante il passato oscuro di Krueger. Il nuovo Nightmare prometteva di spiegare dettagliatamente la vita di Krueger pre-morte e di instillare addirittura dei dubbi sulla sua colpevolezza. Tutte cazzate: i dubbi non sono suggeriti, ma enunciati (“Ma allora forse non era colpevoleeeee!”) e durano qualcosa come 0,44 secondi (“Ma allora era veramente colpevoleeeee!”). Ma soprattutto, e questo è forse l’aspetto più incredibile della questione, non c’è nessun tentativo di esaltare/costruire la figura del nuovo Freddy. Il ruolo che ha cambiato la vita a Robert Englund, uno dei personaggi più importanti di tutto il cinema horror, viene trattato come se fosse un cattivello qualunque. Prendiamo il guanto, quell’oggetto così importante nell’iconografia del franchise, quel’invenzione così fortunata. Ecco, il guanto viene mostrato più o meno dopo 2 minuti di film. Così, come se nulla fosse. La suspense? Mi fai ridere, mi fai. Il tutto va a scapito del povero Jackie Earle Haley, il Rorsarch di Watchmen (ma soprattutto il drogatello di Semi-Pro). Al tempo del trailer avevamo apprezzato l’idea di rinunciare al lato comico di Freddy per presentarlo come un villain serio, silenzioso e realmente spaventoso. Rimane vero che non ci si è buttati sul comico, ma questo nuovo Freddy non fa veramente nulla. Ma proprio niente. Appare, si mette un paio di volte in contro luce, dice due frasine e basta. Ed è una pecca imperdonabile. E il nuovo make up? Brutto. Ma non quel brutto che almeno ti fa arrabbiare (come quello che indossava Englund in Wes Craven’s New Nightamare), ma un brutto inutile, fiacco.

Hot to apparire svogliato for dummies.

How to apparire svogliato for dummies.

E poi i sogni. Grossa parte del fascino e dell’originalità del primo film risiedeva nelle sequenze di passaggio da realtà a mondo onirico. Craven era bravissimo a gestire i tempi, a cogliere quell’impercettibile momento in cui si passa dalla veglia al sonno. Lo scivolare nell’incubo diventava quasi invisibile. Qui si inquadrano dei giovani (con le facce da vecchi. Cazzo, Katie Cassidy sembra sua madre…) che sbattono due volte gli occhioni per poi riaprirli e fare un’espresione tutta stupefatta. Avete presente la sequenza del flashback di Ecce Bombo? Ecco, una cosa del genere.

Sembro più vecchia di Accorsi in Jack Frusciante!

Sembro più vecchia di Accorsi in Jack Frusciante! Spaventosissimo!

Aggiungiamoci anche una mancanza TOTALE di qualsiasi tipo di fantasia nella rappresentazione del regno di Krueger. Sarà perché questi giovinastri sono dei dementi dalla vita particolarmente noiosa, ma fanno degli incubi di una piattezza senza precedenti. Cioè, secondo me uno che lavora da 45 anni al casello dell’autostrada a Pizzo Calabro fa dei sogni più interessanti. Quante ne abbiamo viste nei film della serie originale? Certo, qualche volta ci si lasciava prendere la mano e si buttava tutto in vacca, ma si tentava comunque di creare qualche collegamento interessante e ardito tra Realtà e Sogno. Qui calma piatta. Tutte le potenzialità di un mondo senza regole, governato dall’inconscio, vengono gettate alle ortiche in nome della pigrizia più totale. Samuel Bayer peggiora la situazione con una regia che più svogliata non si può immaginare. Ciliegina sulla torta, la riproposizione di due o tre situazioni copiate e incollate dall’originale (il guanto che esce dalla vasca da bagno, il body bag trascinato tra i corridoi della scuola, la corsa sul tappeto che diventa liquido) che dovrebbero far accendere una lampadina agli spettatori più sgamati e che invece aumentano ancora di più il grado di disagio. Brucia dirlo, ma questa cazzata fa apparire Marcus Nispel come un regista vero.Fortunatamente Samuel Bayer ha già detto che per il seguito di questa merda non è disponibile.

DVD-quote suggerita:

Un film che fa riflettere sulle similitudini tra i casellanti di Pizzo Calabro e Castaneda
Casanova Wong Kar Wai, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

20 Commenti

  1. joe

    cazzo se c’hai ragione. esattamente la mia stessa impressione e il mio sdegno per vedere un mito gettato nei canali di scolo di una fogna…

  2. Jo

    Io ci volevo credere in questo reboot. Ma davvero tanto. Non dico da sperare in una nuova serie di 3 o più film, ma almeno un dignitoso rifacimento.
    Almeno un qualcosa tipo: Bay fa scoppiare qualcosa in faccia a Freddy che muore sfigurato e diventa come tutti lo conosciamo? No.

    Madonna che delusione.

    Spero solo che Nanni pesti forte Eli Roth.
    (non c’entra, ma mi rimetterebbe di buon umore per il resto della giornata dopo questa stroncatura)
    Grazie Casanova, mi hai reso più ricco di 8 euro, li reinvestirò la prossima settimana per tornare a vedere The Expendables…

  3. Enea

    Se vuoi fare un horror che sia PG13 (per non perdere i dindini dei ragazzotti) è anche normale che venga su una boiata…..

  4. Dialogo di due secondi fa:
    QC- ma allora chi l’ha visto Nightmare?
    Amici di QC- noi l’altra sera, bello anche se nulla a che vedere con i precedenti
    QC- ma Casanova Wong Kar Wai lo stronca di brutto!
    A di QC – apperò e chi preferisci, gli amici tuoi o quei giocherelloni de I 400 Calci??
    QC – Ma loro ne sanno a strapacchi
    A di QC- si ma chi ti offre da bere quando hai finito i soldi?? Noi o loro??
    QC – si ok, ok avete ragione, ma sta di fatto che mi puzzava già di stronzata e questa rece ha confermato…
    A di QC – Bene, allora noi andiamo a Venezia a vedere Machete e a provarci con Lindsay Lohan e non facciamo nemmeno delle foto upskirt per te, tiè!
    QC – nooooo!!!!! Ma la Lohan non è al gabbio??

  5. Per la serie Fake-Facts vi dico solo che: Samuel Bayer (AKA Freckles Flynn) si è recentemente messo insieme a Donya Fiorentino che è tra l’altro il Terzo scarto di moglie di Gary Oldman. Da una scala da 1 a 10… mettersi insieme alla terza moglie di chiunque… lasciamo perdere GARY Fucking OLDMAN fa misera 10,356174!

  6. Miriam

    Per fortuna non sono potuta andare al cinema. Aspetterò il DVD.. forse! A questo punto preferisco riguardarmi quel vecchio film anni 80 che di paura ancora ne mette, nonostante gli effetti speciali abbiano ormai la mia età!!
    Aspettavo una recensione così.
    Speravo in una recensione migliore.
    Non ci sono più i film di una volta…

  7. andrea

    Hai dimenticato una mancanza fondamentale ed enorme, che era una componente di ogni pellicola dell’originale…

    IL SESSO !!! qui non c’è neppure un’accenno, mentre tutta l’iconografia ” Freddyana ” rimandava a simboli fallici o richiami sessuali, qui nulla. D’altronde abbiamo a che fare con adolescenti…eppure.

    Non che pretendessimo la quantità di tette di venerdi 13 2.0….ma…..

  8. Norton Antichrist

    Tutto giusto, anche se ritengo il Venerdì 13 di Nispel (ovvero la combo nero-giallo, le origini della maschera da hockey e i sotterranei) il peggior rifacimento mai visto.
    Ti segnalo quest’altro dialogo: “Non sapevo credessi in Dio…” “Beh bisogna pur credere in qualcosa…”. Amen.

  9. tutta l’iconografia ” Freddyana ” rimandava a simboli fallici o richiami sessuali

    Un po’ come tutti i cartoni della Disney.

  10. Uwe Pòl

    ti fa rivalutare gli episodi più brutti della serie tv!

  11. Adesso, io il film non l’ho visto ancora ma tendo a pensare che sarà brutto… però, tu i video che ha girato il regista li hai visti tutti? Io una buona parte, e un film glielo avrei affidato pure io.

  12. Grazie a Dio non sei un produttore… o si?

  13. I video li hai visti?
    E’ una domanda facile, eh?

  14. Michael Bay inizialmente andava in giro vantandosi di come avesse dovuto insistere a morte per convincere Bayer a farlo. Pensava fosse una bella favoletta. Non si e’ reso conto che ha ottenuto il risultato piu’ ovvio: un film fatto da uno che non lo voleva fare.

  15. E su quello ci sto, anche se il film lo devo ancora vedere.
    Obiettavo solo sul fatto che Bayer non fosse nessuno o avesse girato video di secondo piano. Come regista di video musicali è tipo un mostro sacro (o poco meno).

  16. Sebastiano

    Ma non doveva essere la vita di Freddy prima che si trasformasse in signore dell’incubo? Mah, personalmente mi aspettavo davvero tutt’altro film che non questa cagata grossolana…ma avete notatop che nella scena della fabbrica, in una parte in basso delle tubature si vede uno (troupe) al cellulare? Che errore grossolano…anzi, ano e basta.

  17. gigi

    Se non ricordo male il video di Smells like fu girato con un budget risicatissimo, in una palestra, con tutti gli amici della band: direi che fare meglio di così è decisamente difficile e la canzone (che non mi è mai piaciuta) viene anche ricordato per quel video color ruggine, non male pe run registucolo di videclip.

  18. ratto inetto

    Devo dare ragione a RRobe; Bayer ha girato videoclip per stones, metallica, cranberries, green day, smashing pumpkins, Ozzy, Bowie…
    Bastava che facesse una versione di until it sleeps lunga un’ora e mezza e il film l’aveva portato a casa.
    E vabbe’…

  19. GRANATA.

    A occhio mi fa venire in mente il remake di The Hitcher, altra roba prodotta da Michael Bay e messa in mano a un prolifico autore di videoclip, che naturalmente mi sono dichiarata ESENTE dal visionare sulla base dei seguenti due minuti:

    http://www.youtube.com/watch?v=iepjA6aF9dM

    Certe volte spero che le persone muoiano tra le fiamme.

  20. BruceCampbell

    il video di Nirvana, a riguardarlo, è un bel video. Nell’anno 1991 in giro ce n’erano di peggiori in quantità industriale. Il film in questione, fa pena. Già l’idea di rinunciare al lato comico di Freddy è una cagata incredibile, per quanto voi possiate averla apprezzata… poi se non c’è Robert Englund a fare Freddy di che cosa stiamo parlando? Non c’è film! Meglio guardarsi il buon Freddy vs Jason con la sua mitica scena del Bong e il finale magnifico che si ritrova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.