Crea sito

Non fidarti degli amici

È mai possibile che siamo nel 2010 e questo è il primo film mainstream che esce sull’argomento “pedofilo 40enne si spaccia per 16enne e grazie a quello strumento del demonio chiamato l’internet adesca 14enne pura e innocente e la strupra a morte perché il pericolo si cela dietro ogni angolo non importa quanto sei bravo bello buono timorato del Signore – ah signora mia che tempi c’ha ragione la Carlucci bisognerebbe bandire i computer dall’Universo”?
Evidentemente.
La famiglia impeccabile che prende tutte le misure di sicurezza possibili immaginabili ma vai a sapere che un pedofilo va ad adescare la figlia sulle “chat” è interpretata dall’onesto Clive Owen e da Catherine Keener. Il film si chiama Trust e il regista è David Schwimmer – esatto, il Ross di Friends (e ora l’avete capito il titolo del post? eh? eh? quante ne so???).
Via col trailer:

Tags: , , , , , ,

23 Commenti

  1. andrea

    Bè Nanni a rigor di memoria ricordo vari altri film sull’argomento, c’era qualcosa di simile nel film Strangeland, e qualcosa di moooolto piu’ simile nel piu’ recente (e a mio avviso molto bello) Hard Candy.

    cmq non me la aspettavo da Ross un film di questo tipo.

    P.S.ma l”idea di raccogliere i nostri cortometraggi e recensirli è poi andata in fumo ?

  2. 1) Tecnicamente hai ragione, ma e’ strano che infatti siano uscite prima versioni “particolari” della faccenda rispetto al classico Film Dossier del mercoledi’ di Canale 5 come mi pare essere questo. Mi pare il primo che tratti il fenomeno nella sua versione piu’ banale e terra terra, e lo fa con mille anni di ritardo.

    2) Andato temporaneamente in fumo, ma potrebbe rispuntare a sorpresa da un momento all’altro, non azzardo promesse ma non disperare :)

  3. andrea

    Questa tua chiave di lettura è vera in effetti.

  4. Aspetta, mi spiego subito meglio: Hard Candy e Strangeland pigliano lo spunto dell’abbordaggio ingannevole via chat e lo trasformano rispettivamente in un thriller che gioca a intrigare col ribaltamento dei ruoli e in un horror che vuole fondamentalmente intrattenere. Questo mi pare il primo la cui morale sia il piu’ tradizionale “Signora, stia attenta, potrebbe accadere anche a lei!” e ripeto, mi stupisce il ritardo.

  5. …che se aspettavo un minuto scoprivo che avevi capito lo stesso, sorry per la sfiducia :)

  6. Enrico

    Catherine Keener si è definitivamente mummificata, vedo…

  7. Nicole

    Da quando Clive Owen si è convertito ai ruoli da padre di famiglia sta sfornado una schifezza dopo l’altra.
    Ma perchè non è rimasto stronzo e cattivo?
    Uff

  8. cazzo ,ho sbagliato post!

  9. vabè è sempre bello guardarlo e comunque anche in Kenshiro vengono denunciati i maltrattamenti.

  10. Harry Piotta

    Credo che Ross non si sia mai ripreso dopo essere stato mollato da Rachel. Ha rielaborato questa ferita tramutandola in un film per famiglie, per dare sfogo al desiderio di rapire Rachel indifesa, cioè bambina, pur senza rinunciare al ruolo del padre: vuole essere il bene e il male. Se fossi J. Aniston sporgerei denuncia.

  11. Stanley Buzzanca

    @ Harry Piotta: veramente, Ross e Rachel alla fine si sposano. Me lo ricordo bene, perché è l’ultima volta in cui ho pianto.

  12. Harry Piotta

    Davvero ? azz… ne deduco di essermi perso qualche mila episodio.
    Allora è un casino, non c’è la scusante della psicoanalisi, Ross è un sadistic pervert e basta. E anche Joey.

  13. lo diciamo che friends è una delle peggiori sit-com eva!?
    io lo dico.

    però schwimmy è simpa.

  14. gigi

    @Adriano: così ti giochi di brutto il mio RESPECT!

    Quando Rachel molla Ross a metà della quarta stagione, ecco io ho versato qualche lacrimuccia

    (poi ho rimediato con una maratona Norris/Seagal mentre spezzavo tronchi a mani nude…)

  15. Ragazzi mi state preoccupando. Sto facendo un mega-speciale Expendables, per di piu’ preoccupandomi che “I migliori” non sia troppo da femminucce, e voi invece siete tutti qua a frignare per Friends? Oi! Siete sul sito giusto? Devo gettarvi un secchio d’acqua gelata?

  16. Però pure tu sei andato un po’ fuori tema citando questo film. A meno che lo stupro della ragazza non duri 50 minuti e sia più cattivo di I Spit On Your Grave.

  17. E la vendetta Taken-style di Clive Owen dove la metti?

  18. gigi

    Ehi Nanni, lo sai che dentro ogni vero uomo d’azione c’è un fanciullino in cerca d’affetto che piange? :)))

  19. Si’ ma un conto e’ quel bastardo di Dumbo, ma Friends pensavo fosse una sit-com (non l’ho mai guardato)…

  20. Harry Piotta

    Non lo hai mai guardato ??

    Comunque Ross deve avere subito dei danni irreparabili nella fase in cui Rachel aveva chiuso la cerniera: il matrimonio non è riuscito a risolvere il conflitto interiore e adesso lui trova rifugio in questa fantasia alla J. Fritzl.

    Invece di Trust avrebbe potuto girare Onan Il Barbaro.

  21. @harry: ho visto la doppia puntata con Van Damme per ovvie ragioni, piu’ stralci sparsi qua e la’ se proprio non c’era un cazzo sugli altri canali. Non abbastanza per concepire l’idea che possa essere in grado di commuovere un fan di botte ed esplosioni. Evidentemente mi sbaglio…

One Trackback

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *