Crea sito

I Mercenari VS IL PAESE REALE

La trama: Barney Ross viene ingaggiato per fare il culo a un capo di stato...

La trama: Barney Ross viene ingaggiato per fare il culo a un capo di stato...

Qualcosa di strano uno è pure tenuto a immaginarselo, tipo Diogene che strappa i biglietti solo all’UOMO e Godzilla che pesa i coccodrillini al banco del bar prima di entrare in una sala gremita di maschi intorno ai trenta che hanno passato la gioventù a guardare i film che guardavo io e sono riusciti a mettere la filmografia di Steven Seagal in esatto ordine di preferenza. Il primo settembre, la sciagura dell’uscita del mercoledì che porta gente ignara nei multiplex e succhia via due giorni alla nostra routine da cinedipendenti, è uscito nelle sale italiane I Mercenari. Al mio ingresso al cinema mi trovo una fila di quindici famiglie che si accalcano per entrare alla proezione del sedicesimo episodio di Shrek, probabilmente il primo in 3D. Nella sala in cui sono la prima persona che incontro è su una sedia a rotelle. La seconda è una ragazza. Che CRISTO sta succedendo? Mi guardo intorno e il conto comincia lentamente a tornare. Una quarantina di presenti, tra cui me e il mio amico John Cera, l’unico essere umano nel raggio di duecento Km che ascolta musica indie e stasera non è a vedere gli Arcade Fire a Bologna. Gli altri sono perlopiù ragazzini, probabilmente infoiati per il titolo, la contingenza e Jason Statham. Ci sono due famiglie, con bambini, per un totale di quattro femmine in tutta la sala. I bambini hanno una decina d’anni e magliette con recensioni positive del pianeta terra, sembrano avere messo piede nella sala sbagliata. Le opinioni della critica sono controverse: di Mollica è stato detto, il nostro sodale Rrobe lo stronca, ponendo un problema tutto sommato molto giusto: è davvero il film che sognavamo da ragazzi?, Giona A. Nazzaro (sempre sia benedetto) scrive “un capolavoro che non si discute” su FilmTV. I trentenni con la filmografia di Steven Seagal in ordine di preferenza sono pochini, diciamo una decina compresi me e John, e non sono asserragliati in una fila con le gambe altissime poggiate sulla testa di quello davanti. La testa di quello davanti non c’è. Il film inizia. Non mi metto nemmeno per scherzo a giudicarlo, basti dire che lo amo e che Mollica solleva obiezioni inesistenti. Il doppiaggio è materia oscura. Stallone ha il solito Massimo Corvo. A Statham tocca Prando, Dolph Lundgren si becca Luca Ward. Bruce Willis è doppiato da Sorrentino. Non c’è nient’altro di interessante da scrivere che non sia già stato scritto letto e masticato, anche e soprattutto qua dentro. Quest’oggi cade il nono anniversario della morte di Ferruccio Amendola, un’assenza che ne I Mercenari, assieme a quella di Glauco Onorato, ci fa sentire un po’ orfani dei nostri padri. Dedichiamo idealmente a loro queste dieci righe.

E voi? L’avete già visto, spero. In che condizioni avete trovato la sala?

Tags: , , , , , , ,

80 Commenti

  1. Rynd

    qui Roma, la sala era stranamente gremita e la gente si alzava in piedi ed urlava durante i botti (e per l’entrata in scena di arnie)
    o forse ero solo io a farlo e immaginavo che il resto della sala prendesse esempio

  2. esatto, CRIBBIO. alla mia proiezione nessuno ha mai fiatato.

  3. Il_Presidente

    Lagrime perchè anche io pensavo e ripensavo ad Amendola e alla sua mancanza. In generale comunque il doppiaggio era buono, mi ha lasciato sconcertato un attimo Jet Li (gli hanno affibbiato una voce da vecchietto sghangherato-per altro calzante per come appare nel film).

    Lo stato del multisala in cui ero era decente. Beh la sala in sè era una merda (una delle più piccole e con lo schermo non adatto al formato della pellicola…madò c’era lo spazio nero in alto…) ma il pubblico era decisamente eterogeneo e la presenza consistente per essere un giovedì sera alle 22.30. C’erano soprattutto ragazzi, non around 30 come me, molte coppie e pure famiglie. Il pubblico ha risposto bene: niente boati e ole, ma le giuste reazioni divertite nei momenti giusti.

    Il film in sè è quello che volevo vedere. Cioè no vabbeh, nei miei sogni ci sono Stallone e Schwarzy a braccetto tipo Tango & Cash a radere al suolo quartieri di Los Angeles…ma per gli ingredienti che avevano hanno tirato su una roba inattaccabile: desiderare altro significa non essere realisti e, appunto, andare nel dorato e intoccabile mondo dei sogni. Non ho avuto problemi per il sangue in CGI, mi hanno rovinato la festa giusto un paio di effetti davvero cheap (l’ultimo crollo e QUELLE FIAMME SU DI LUI).

    Troppe cose belle cazzo. Questo film sarà una miniera per gif animate da pisciarsi.

    Stallone e i il cambio di caricatori a raffica
    Jason nell’aereo
    Jason nel campo da basket e il suo numerino finale
    Dolph che ci crede TANTISSIMO (per me uno dei migliori)
    Steve ‘Merda’ Austin usato finalmente da dio (non parla, grugnisce e mena)
    Il monologo di Rourke
    Il discorso sulle donne di Eric ‘da fucking man’ Roberts
    L’altro sidekick di Roberts che non muore mai
    Crews che arriva col fucilone più grosso di tutti a falciare
    Quando in un’orgia di esplosioni si dice di ‘far saltare il ponte’ io e i miei amici abbiamo pensato all’unisono MA QUALE CAZZO DI PONTE!!?NON LO SAPPIAMO MA YEAH FAI SALTARE LE ESPLOSIONI NELLE ESPLOSIONIII.

    Bello bello bello.

    Se non riuscite ad apprezzarlo vi fa schifo la vita e il divertimento in generale.

    Augh

  4. Lolli

    Visto Mercoledì 1 all’UCI di Lissone (MB).
    La sala 4 era pienotta, ma non ho potuto vedere la composizione del pubblico perché sono entrato che era già buio, essendomi fatto un quarto d’ora di coda dietro a gente che non vedeva l’ora di gustarsi i rutti di Shrek in 3D.

    Posso solo testimoniare la presenza di un gruppetto di NERD che ridacchiavano di autocompiacimento ad ogni scena di spessore (chissà poi perché) e di un signore un paio di file dietro di me che ogni tanto scoppiava a ridere senza motivo.

  5. Pigi

    Mercoledì all’Arcobaleno di Milano, spettacolo delle 20 (capisco, orario infelice), poca gente, io e tre miei amici in ultima fila gli unici a lanciare qualche urlo di guerra o risata potente alle battute da tredicenne, che tanto ci piacciono se nel giusto contesto.
    Anche io speravo in reazioni come l’applauso a scena aperta di una sala gremita quando Joda prende la spada laser con la forza in Star Wars III, invece temo finirà come il Rocky Horror: proiezioni speciali, forse casalinghe, per appassionati che si vestiranno con giubbotto antiproiettile e porteranno il meglio della loro collezione di fucili di plastica.

    Come una cena è diversa a seconda dell’ambiente e della compagnia, seppure con le stesse portate, anche un film è diverso a seconda delle condizioni in cui si guarda. I film buoni comici visti da solo mi strappano qualche sorriso, in buona compagnia mi fanno sganasciare. Paradossalmente, essere in 4 tutti esaltati in una sala smorta, mi ha fatto sentire come il gruppetto di Mercenari, soli contro tutti. All’uscita siamo stati mezz’ora a ricapitolare i momenti epici. “Hai notato che gli ha tirato il rasoio”, “Ora li spavento”, “E quando….”

    Non si parla del FILM, si parla dell’ESPERIENZA.

    E’ stato bellissimo.

  6. Enea

    Matelica (MC).
    sala quasi vuota…massimo 10 persone, religioso silenzio!
    proiezione rovinata dall’interruzione per l’intervallo.
    ragazzini assenti, qualcuno degli UOMINI è riuscito a trascinare la ragazza, ignaro che alla fine sarebbe diventata uomo anche lei.

    Sul gran finale salgono alcuni OOOOOHHHH di meraviglia!!!

    La prossima volta voglio più Dolph!

    P.S. prima dell’ingresso sono stato tamponato mentre parcheggiavo da una macchina di bimbetti che andavano a vedere il 666° capitolo di shrek…se fosse successo dopo la loro macchina sarebbe esplosa!!!

  7. Pipolo Segal

    “Nella sala in cui sono la prima persona che incontro è su una sedia a rotelle”

    Puoi chiarirmi cosa volevi sottintendere con questa frase? Grazie.

  8. Nicola

    quando Stallone s’è messo a cambiare caricatori a raffica in sala è partita la ola.
    Quando hanno lanciato in alto il missele sono partiti 92 minuti d’applausi (infatti abbiamo visto due spettacoli).

    E alla fine?
    Ne volevo ancora

  9. Nicola

    ah comunque devo quotare in toto il commento di Pigi.

  10. @pipolo – nulla?

  11. in sala c’era:
    ominide con fidanzata, davanti a me, che si facevano sorrisini sagaci ad ogni mio sbotto di gioia tipo “GRANDEEEEE!!! ALEEE!!!”di fronte ai (TANTI) momenti da applauso nel film.
    visto che ero solo e gigante…forse avevano ragione a ridere…di paura.
    poi c’erano 4 rigazzini che si spintonavano, ma erano simpatici, in quell’età pre-scoperta dell’infelicità.
    e c’era un essere che a occhio sembrava un insegnante di ballo latino americano,di quelli da palestra, bassi, lampadati e tanto squallidi.secondo me aveva sbagliato sala, perchè si è alzato che il film nemmeno era finito…
    forse sperava in soldati latini ballerini.non so.

    detto ciò, io non vedo l’ora di rivederlo.
    filmaccio ma filmaccio della madonna.
    gli effetti non sono belli…ma vabè oh..chi se ne frega?
    alla fine fan schifo solo i laser all’inizio.il resto sta bene li dove sta.
    SPOILER
    Gary Daniels muore malissimo.ma malissimo
    FINE SPOILER
    belli i personaggi, GRANDIOSO GRANDIOSO il personaggio di DOLPH (Stallone gli vuole bene, ricambiato, e questa è la prova).
    doppiaggio e adattamento, secondo me, ai limiti della decenza.

    l’unica cosa di cui ho sentito la mancanza, è stato proprio Stallone.
    questo Barney Ross mi sembra il suo personaggio meno caratterizzato.
    come se avesse voluto dar spazio solo agli altri e mantenere il suo su corde non eccessive (in positivo e negativo).

    boh.viene fuori in maniera particolare forse solo in un paio di scambi con Gunnar (Dolph Lundgrenn).
    non so, questa forse è l’unica cosa che non mi aspettavo e che mi ha lasciato un pò stranito all’uscita del film.

    comunque vado a rivederlo e ci ripondero sopra.
    I MERCENARI: veramente UN GRAN BEL REGALO,in mezzo a sti action per fighette tecnologiche.
    “FANCULO!”

    SPOILER
    Gary Daniels…quanto muore male,Gary Daniels??
    FINE SPOILER

  12. BombLaTour

    visto sabato scorso al Vue di Angel, London.
    Pubblico multietnico e numero di esponenti di sesso femminile da 3 a 5. Non ricordo e non me fregava nulla. Ero li per vedere dei mostri sacri darsi schiaffi a due a due finchè non fossero diventati dispari. Tutto il resto era noia. Il livello di testosterone in sala è partito già alto ma ha raggiunto e si è stabilizzato velocemente a massimi livelli. la combriccola italiana ha dato sfoggio di tutta la sua calorosità urlando e facendo gesti inconsueti allo spettatore medio inglese. all’arrivo di crews che faceva esplodere corpi a caso (ESPLODERECAZZO)hanno riso.non so se per loro o per me che stavo applaudendo estasiato. non so e me ne batto la fava.
    quando si sono accese le luci le donne in sala avevano i baffi. e probabilmente anche il petto villoso. non ho indagato oltre.

  13. @Wim
    la tag della foto dell’articolo:
    tanto ridere.
    mi genufletto con ammirazione.

  14. Il_Presidente

    @Re di Hokuto: per me è stata la morte migliore :D

  15. Amp.drool

    visto mercoledi sera al multisala Cinergia di Rovigo.
    Senza entrare nella bagarre tra Nanni e RRobe, il film era quello che mi aspettavo, Dolph Lundgren idolo del secolo, ma c’è una cosa UNA che proprio non mi è andata giù, cazzo.

    Le scene di combattimento. Quella telecamera. LA VOGLIAMO TENERE FERMA?

    E’ sempre così ultimamente, lo notavate anche voi in una rece di un po’ di tempo fa, ma da stallone non me lo sarei aspettato. Cristo, non ho capito una beneamata cippa di niente sulle scene di azione.

    tutte riprese ravvicinate e traballanti, è un po’ l’effetto Transformers 2…!

    Per dire, Jet Li è uno che è piacevole da guardare mentre fa i numerini di kung fu, e non è possibile che l’unica acrobazia ripresa dalla giusta distanza è con un palo davanti che lo copre.

    Insomma Sly, un po’ di quel che si dice…

  16. Bologna, 1 settembre, attendo di entrare all’ultimo spettacolo.
    Finisce la proiezione precedente, la gente esce dalla sala, e mi trovo davanti Lucio Dalla. LUCIO. DALLA.

    Priceless. Non ho altro da aggiungere.

  17. Chissà come mai Lucio Dalla non è stato chiamato nel cast del film. Avrebbe ucciso i nemici a forza di scat.

  18. @il_Presidente

    infatti!DA APPLAUSI ANCHE QUELLA!!
    povero.
    cazzo che male!!

  19. Il_Presidente

    @Filippo1: vinci il mese

    :D :D :D

  20. ANNUNCIO DI SERVIZIO

    Stasera venerdi’ 3 settembre Nanni Cobretti in persona torna a vedere The Expendables per la terza volta, all’Odeon di Leicester Square (schermo non IMAX piu’ grande di Londra), ore 20.45, prima fila (trattabile ma non troppo).
    Se qualcuno e’ nei paraggi, si faccia avanti.
    Seguiranno birra e scazzottate senza motivo.

  21. Inoltre, una nota sull’adattamento: ora, io non so cosa si dicono in italiano, ma in originale non e’ esattamente roba alla Harold Pinter. L’unica cosa su cui sono sicuro e’ che se non altro in italiano si capisce cosa si dicono, la’ dove nell’originale per un motivo o l’altro (origine straniera, vecchiaia, difetti orali congeniti) biascicano quasi tutti in modo semi-incomprensibile. La voce di Jet Li fa ridere moltissimo anche in originale, la prima volta che apre bocca e’ una delle gag preferite del cinema. Amendola/Onorato, we miss you <3

  22. ratto inetto

    Amp.Drool, ti quoto, cazzo.
    Mi ripeto dal commento alla rece di Nanni: Jet Li sprecato.

    E Lundgren un Titano.

  23. Harry piotta

    Prendo subito l’aereo!

    Mi riconosci perché sono un incrocio tra statham è vin diesel, ci vediamo dopo!

  24. BombLaTour

    @ Nanni: cazzo!! per quell’ora sono nel muso di un idrovolante che sparo dall’altro per i docks. a caso. perchè lo fa Jason è quindi è giusto per definizione.
    Non sono stallone, non sai quanto mi è costato il noleggio del potente velivolo, mi scoccerebbe non poter usufruirne. spero tu capisca :P
    però se ci scappa la quarta mi aggregherei piu che volentieri. :)

  25. per l’adattamento, parlo proprio di scelte di traduzioni rispetto alla versione originale.
    esempio stupido,la gag dello sms.

    “cos’è?”
    “un sms”
    “esse che?”

    ste cose così.
    che non mi sono piaciute moltissimo causa visione di trailer in lingua.e ce ne sono parecchie di cose del genere.
    poi a me i dialoghi piacciono.

  26. Sebastiano

    Come avevo detto, sono andato a vedermelo anche al cinema.
    La sala era totalmente vuota (prima serata di uscita). Io e qualche altra decina di persona allo spettacolo dell 21:30. Oltre alle mie critiche, devo dire che anche il pubblico non se l’è cavata male: risate, fischi, chiacchere per tutto il tempo etc…film che è passato dall’essere ridicolo all’essere davvero inutile.

    Io aspetto Machete che forse avrà più classe: anche già che c’è De Niro e la Rodriguez mi arrapa da matti.

  27. beh, è comunque lodevole tu ci abbia riprovato.

  28. Sebastiano

    “Per dire, Jet Li è uno che è piacevole da guardare mentre fa i numerini di kung fu, e non è possibile che l’unica acrobazia ripresa dalla giusta distanza è con un palo davanti che lo copre.”

    Lo credo bene che lo copre, 2/3 della scena in cui combatte si vede la controfigura lontano un miglio. Ma non si vergognano a fare ste cose?

  29. ho una visione….EXPENDABLES VS PREDATORs….e vediamo chi caga piu cazzi umani o alieni!

  30. Sheika

    Matelica (MC), Giovedi 2, spettacolo delle 22:40: arrivo con 5 amici (3 uomini e 2 donne) 1 ora prima dell’inizio e vedo che la sala d’attesa comincia a riempirsi di rozza popolazione maschile in un rapporto di circa 15 a 1; io e i miei amici cominciamo a sentire l’adrenalina.

    Entriamo in sala e c’e’ gia’ la prima delusione: presenti, al massimo, una 40ina di persone, tra cui molte coppie, stranamente la densita’ femminile e’ abbastanza alta rispetto alle previsioni; capisco che tutto quel testosterone e’ andato a vedere shrek (sigh.) o, nel migliore dei casi, giustizia privata.

    Durante il film non succedono episodi degni di nota, se non alcuni gruppetti, come il mio, che confabulano ad ogni scena epica!

  31. Pipolo Segal

    @Wim Diesel

    “Nella sala in cui sono la prima persona che incontro è su una sedia a rotelle. La seconda è una ragazza. Che CRISTO sta succedendo? Mi guardo intorno e il conto comincia lentamente a tornare.”

    Mi sembrava sottintendesse che anche quelli sulle carrozzine non fanno parte del target maschile a cui questo film è destinato.
    Prendo invece atto in base alla tua risposta che scrivendo questa frase non volevi dire nulla.

  32. odderflip

    Vado stasera con la miglior compagnia che posso immaginare, mio padre, mentore insuperato ora 76enne. Mi portò a vedere Rollerball (V.M. 14) barando sui miei 11 anni sostenendo con la cassiera del cinema balneare che in qualità sapeva bene che avevo 14 anni.

  33. CONTRORDINE

    Niente cinema stasera. Ho, ehm, noleggiato un idrovolante… e… vado a sparare a caso… BombLaTour, tu vai ai Docks? Allora io mi prendo la Battersea Power Station.

  34. Allora, dov’ero io (spettacolo delle 20, in una sala da 300 posti) ci saranno state una cinquantina di persone, quasi tutte sulla trentina, quasi tutti maschi, donne saremo state boh, cinque o sei (durante l’intervallo mi sono girata a guardare apposta, ahahah. Però Stallone dice che le donne sono state il 42% del pubblico e io voglio credergli). In un certo senso il pubblico perfetto, la gente ha esultato e riso ai momenti giusti (personalmente stavo per scattare in piedi e applaudire quando è riapparso Dolph, per non parlare della scena di Statham e la fusoliera) e in generale siamo tutti usciti con un ghigno soddisfatto e un po’ beota. Certo che un *pelino* la mancanza di JCVD io l’ho sentita, se ci fosse stato sarebbe stata la ciliegina sulla torta… in compenso l’ho visto ieri sera su Rai 3 che altava per i tetti travestito da rabbino xD

    @Emanuele: mi sa che hai vinto tu :D

  35. Stanley Buzzanca

    @Pipolo: non mi sembra che questo sia il sito più adatto in cui essere politicamente corretti.

  36. Simo

    Firenze, 01/09 ore 22:45, multisala Variety, sala 2, nella 1 c’è Shrekdimerda.
    Sala pienotta. Maschi 95% ad occhio e croce. Anni 20-25, più che altro.
    Nota di colore: coppia marito-moglie 70enni, palesemente spaesati.

    Applausi spontanei di varia intensità a:

    Apparizione nome Sylvester Stallone
    Apparizione Sylvester Stallone
    “Ora li spavento”
    Basket
    “Aveva l’attaccatura dei polsi brutta”
    Dolph in generale
    Apparizione Bruce
    Smitragliata sul molo
    “Quest’uomo dietro a me invece è una merda”
    Fine di Gary Daniels

    Applausoni spontanei con ululato a:

    Apparizione Arnold
    Corpi che volano in orizzontale falciati dal fucilone di Terry Crews.
    Titoli di coda

    Una bella esperienza.
    Quasi quasi bisso

  37. Nonno Nanni Moretti

    Ma Stallone la faccia se l’è fatta rifare da Michelangelo ?

  38. Harry Piotta (ButtPuncher)
  39. @Pipolo – no in realtà mi riferivo alla ragazza, ma è vero che non era chiaro. il tizio sulla sedia a rotelle aveva un gesso.

  40. John Milton

    Visto mercoledì nella sala più grande che ho trovato, con altri 7 valorosi.

    Sala piena poco più di metà, anche a causa di uno spettacolo di fuochi artificiali che si stava tenendo fuori e che ha attirato un po’ di gente.

    Forse per questo in sala c’erano praticamente solo maschi e quasi tutti strenui sostenitori del genere. Risultato : applausi generosi alle scene migliori e al vecchio Arnold sulla fiducia.

    Personalmente mi auguro che questo film venga impresso a FUOCO nella testa di certi registi fighetti che continuano a fare versioni 2.0 delle leggende anni ’80 sbagliando praticamente tutto.

    Prendete appunti, checche!
    E nel dubbio chiedete a Sly.

  41. Gatto Sylvester Stallone

    Quindi le origini italiane di Sly risalgono nientepopodimenoche…

  42. andrea

    In originale avranno anche delle voci assurde, ma come le hanno ridotte con il doppiaggio mi sono proprio cascate la balle, io che ho avuto la fortuna di vederlo sia in inglese che italiano, Nanni ti posso dire che non c’è proprio paragone, a parte alcune frasi completamente riscritte che ne cambiano totalmente il senso, anche se già mi ritengo fortunato non l’abbiano doppiato come Kung Fushion…ma CAZZO !!! JET LI CON LA VOCE DI PETER GRIFFIN !? Dolph con la voce di Luca Ward (ok ci stà, ma non ci siamo abituati). Arnold con la voce di (nonsochisiaokèfamosomanonèAlessandroRossi), Rourche con la voce da mafioso ? Il generale Garza con la voce di James Gandolfini ? (altro mafioso). Le frasi di Terry Crews non fanno ridere manco i polli (semplicemente perchè tutte cambiate dall’originale) Alla fine gli unici doppiati in maniera normale sono Statam e Willis e basta…ma io dico, passi che avevano solo poche settimane per ultimare il doppiaggio (e già ne sono felice perchè a volte passano mesi prima che un film americano arrivi qui), ma dio mio, un po’ piu’ di impegno…a momenti mi aspettavo anche il doppiatore dei cartoni animati che ha dato pure la voce nei pirati dei caraibi…

    A mio avviso versione ITALIANA orribile, versione originale STUPEFACENTE (sia che sbiascichino che meno)…poi saro’ anche cattivo, ma è colpa del film, mi ha fatto diventare UOMO :-)

  43. Harry Piotta (ButtPuncher)

    La cosa incredibile è quanto si parli del Doppiaggio. Manco fosse il sito dei doppiatori italiani…
    E altra cosa incredibile:lamentarsi della traduzione. Da che mondo è mondo la traduzione dei film è legata al labiale, quindi non si può giocare di fino.

    @nanni
    peccato che non ci sei, viene anche la sorella della mia ragazza, che è uguale a Gemma Atkinson (tranne la faccia) e si ubriaca dopo mezza guinness. Le avevo già parlato di un giovine critico dei Calcì Du Cinemà…

  44. io a Stallone ci voglio bene.
    ma tanto.
    volevo dirlo.

  45. Giulio

    Dopo averlo visto in originale a Londra con la moglie incinta (e Cobretti ha le prove), ci sono tornato con un amico (cresciuto come me a pane e Schwarzenegger) mercoledì sera al cinema Emiro multisala di Rubiera (RE): sala grande, circa 250 persone presenti.
    C’era davvero il pubblico giusto: non è stato un film, è stata un’esperienza collettiva…sembrava di essere allo stadio. I primi timidi cori sono partiti quando Dolph ha segato in due il pirata all’inizio…il climax all’arrivo di Arnold, salutato da applausi scroscianti.
    E poi scene di delirio collettivo e applausi a pioggia in vari momenti (qui in ordine sparso): quando Statham rade al suolo il molo, quando Crews irrompe col fucilone alla fine e falcia tutti quanti, durante i titoli di coda…e alla fine è stato bellissimo vedere le facce di tutti, commossi da quanto avevano visto…e lungo le scale ho pure incontrato il mio amico d’infanzia (di 4 anni più giovane, e io ne ho 31), col quale vidi Commando al cinema, che mi abbraccia e mi urla “capolavoro!”…il cerchio si è chiuso.

  46. @Harry
    in realtà non è sempre legata al labiale.anzi.
    (ho chiesto conferma anche a diversi doppiatori al riguardo).
    cacchio, guarda Glauco Onorato che doppia Mr T in Rocky 3,sembra Ghezzi tanto non c’azzecca na sega col labiale…

    Ghezzi e Mr T hanno gli stessi poteri???

  47. Harry Piotta (ButtPuncher)

    @Hokuto,

    l’esempio che citi, come altri, è solo indice di un lavoro trascurato. Il doppiaggio serve a far immedesimare, quindi dovvrebbe essere impercettibile, almeno per il grande pubblico. Da cui il sincronismo con i movimenti della bocca. Non si sfugge. È chiaro che da bocca a bocca le cose cambiano, per es. quella di Sly è MOLTO più incasinata.

    Altra cosa: certi giochi di parole, come confermeranno gli anglofoni, sono intraducibili, quindi si deve interpretare. Quindi certo, non è solo il labiale.

  48. @Harry
    beh, mica era così trascurato quel lavoro.

    l’immedesimazione avviene per gran parte grazie all’interpretazione del doppiatore.
    e quando sono mostri come Onorato,nemmeno ci fai caso al labiale.
    ovvio, mica si parla di lui a bocca chiusa e la voce che va per cazzi suoi…anzi, per Ghezzi suoi…diciamo che ho colorito il paragone, ma se ci dai uno sguardo te ne accorgi, è paleserrimo.
    io Rocky 3 l’avrò visto 1000 volte, me ne sono accorto tipo tre mesi fa di sta cosa, e solo perchè stavamo facendo proprio un lavoro con il doppiaggio.
    di solito ci si concentra sulla durata della frase e sull’interpretazione.
    boh, almeno io la so così,ho controllato e ci sono parecchi casi in cui è così.
    il monologo di Giannini AL Pacino in ogni maledetta domenica, anche quello se ci fai caso va un pò per i cassi suoi con il labiale.
    ma la performance è talmente potente che te stai li e nemmeno lo noti.

  49. http://www.youtube.com/watch?v=htT6p2zth70

    va che roba!
    se l’è magnato Giannini e gli è rimasto in gola!

  50. andrea

    Ma certo non è che me la prendo con ogni cosa, anche io mi sono occupato di doppiaggio, e so benissimo che certe frasi o modi di dire inglesi sono intraducibili, e che anche la velocità nel pronunciarle cambia, ma un buon lavoro di doppiaggio cambia la frase ma non il senso, qui invece si cambia proprio il senso, non di tutto è ovvio…non sto mica giudicando il film, che per me è e resterà l’apice dell’action per i prossimi 40 anni (o almeno fino al sequel)…giudico solo il poco impegno per quanto riguarda la scelta del doppiaggio e SOPRATUTTO dei doppiatori, perchè Sly si è impegnato tanto per ridarci un bel filmone anni 90 e poi noi dobbiamo sentire le voci dei nostri idoli che per anni ci hanno abituato ad un certo timbro di voce con voci completamente diverse ?! L’immedesimazione di trovarsi di nuovo negli anni 90 va a farsi friggere…tutto qua.

    Per il resto Sly the best !!! Nothing the rest…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *