Crea sito

The Ward: Bentornato, Maestro

John Carpenter! Voi non avete idea di quanto fossi emozionato al sol pensiero. Vi rendete conto? Johnny Carpenter. 62 anni suonati. Nessun film sbagliato in carriera. Un numero imprecisato di capolavori. Un maestro. IL Maestro. Dopo Fantasmi da Marte (2001) aveva detto che s’era rotto il cazzo di fare film ed era andato in pensione. Nove anni a non fare un cazzo, se non andare a pesca e incassare assegni. Un paio di pause per due rapidi episodi di Masters of Horror. E poi via, ha deciso di tornare. Così, dal nulla. The Ward: il grande, attesissimo ritorno di Johnny. Ma prima: come va? Come procede la settimana? Non ve lo chiedo mai e magari pensate che sono un maleducato che non si interessa ai suoi lettori… Avete già fatto programmi per il weekend? Io sì, più o meno. Venerdì vado a un compleanno a Soho, gente, birra, bordello, quelle cose lì. Sabato invece non so se andare al Windmill a vedere i Dananananaykroyd… lo so, è un nome da deficienti, e il cantante è uguale spiccicato al prete di Il petroliere, roba che ogni volta che lo vedo mi verrebbe da prenderlo a birillate, ma ricordo che tre anni fa avevano della gran pacca e il Windmill è carino. Una volta avevano fatto un mini-festival e offerto il barbecue. Figata. Oppure vado allo Unicorn che c’è del metal a gratis e un sacco di patata. Ok, forse mi sono risposto da solo. Metal. Gratis. Patata. Amber Heard? No non… ah sì scusate, stavo parlando di The Ward. Che bella che è Amber Heard. Potrei guardarla per ore anche se recitasse malissimo nel film più inutile della storia. The Ward è ambientato nel ’66, che è una gran scusa per infilarla in jeans aderenti (e, ahimé, mutande della nonna). Insomma, Amber finisce in questo reparto psichiatrico specializzato in patate, e a un certo punto arriva puntualissima la scena della doccia, e Johnny fa la sua bella lenta carrellata e le inquadra tutte quante da dietro. Solo da dietro! Non si vede nulla. Giusto tre undicesimi di tetta. Stavo per lamentarmi, poi ho pensato a lui che mentre girava quelle tette le ha ammirate tutte, per undici undicesimi, dal vivo, e magari le ha pure riprese, e checcazzo gliene frega di metterle anche nel film? Lui quel che voleva vedere l’ha visto, personalmente mi dispiace ma è una mossa che capisco e a lui perdono questo e altro. È John Carpenter! A chi altro lo perdonereste? Tanto Amber fa vedere le tette in The Informers e Danielle Panabaker in Venerdì 13. Sono due film altrimenti inguardabili, ma pazienza. Grande Johnny. Mi ricordo una volta quando ero piccolo mio padre fece 13 al Totocalcio, e per festeggiare disse a mia madre di portare me e i miei fratelli al cinema a vedere Grosso guaio a Chinatown. Che figata era Grosso guaio a Chinatown? Un film avantissimo per i suoi tempi. Un omaggio ai fanta-wuxia di Hong Kong 15 fottutissimi anni prima del revival lanciato da La tigre e il dragone, e un eroe anticonvenzionale come Jack Burton che anticipava di 20 anni quei ruoli su cui Will Ferrell, Jack Black e Danny McBride hanno costruito le loro intere carriere. Tranne che allora ad autodecostruirsi ci aveva pensato Kurt Russell in persona, fresco di Jena Plissken. All’epoca fu un fiasco che non capì nessuno, oggi è giustamente un cult imprescindibile universalmente riconosciuto come pari alle cose migliori di Johnny Baffo. Perché non è Johnny che sbaglia quando manovra grossi budget, sono gli altri che non capiscono. Poi lui giustamente si fiacca le balle di queste critiche insensate e preferisce girare in povertà e in libertà totale. Come per questo The Ward: una location, sette attori di cui quattro patate incredibili, nessuno che gli rompe il cazzo e gli fa notare che sono tutti e sette cagnacci clamorosi che uccidono l’atmosfera indovinando ogni volta la cosa più fastidiosa tra il rimanere inespressivi come merluzzi e farsi venire tic da cartone animato, nessuno che gli fa notare che le storie di schizofrenia e fantasmi fatte in questo modo avevano già rotto le palle nel 2002 e che questa in particolare l’unico motivo per ambientarla negli anni ’60 era non farsi intralciare le svolte narrative dai progressi tecnologici, nessuno che gli chiede chi minchia è quel cretino che lo affianca in colonna sonora e gli ha imposto la melodia da ninna nanna per bambini, che è il cliché horror più abusato dell’Universo dopo la melodia da ninna nanna per bambini. Perché se Johnny vuole fare le cose in questo modo, è perché sa quello che fa. Con che razza di faccia tosta tu che non sei nessuno gli dici che è piatto, stupido e senza senso? Che non mette un briciolo di tensione? Al regista di Halloween? Al regista di La Cosa? Un film svogliato, tirato via e semi-ridicolo? Al regista di Il signore del male? Cazzo vuoi? Chiccazzo sei? Ma lo sai a chi stai parlando? Ma se Carpenter era in pensione da nove anni e si stava annoiando, e voleva spezzare la monotonia quotidiana facendosi circondare da un po’ di figa per un paio di settimane, mi spiegheresti per quale insulsa e ipocrita ragione glielo vorresti impedire? Poi manco avesse speso miliardi, a occhio sarà costato meno di un film di Kevin Smith. Io dico che se sei una leggenda vivente e vuoi filmare la prima stronzata che hai trovato in solaio mentre cercavi gli stivali di gomma, hai il diritto – ma che dico, il DOVERE di farlo. Oh a proposito, scusate se interrompo di nuovo, ma avete visto che torna Dario Argento con Dracula 3D? Ma che figata dev’essere? Grandissimo Dario! Una garanzia! Non vedo l’ora!

(sono stanco. gara di caption?)

DVD-quote:

“BELLISSIMO”
Nanni Cobretti, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

91 Commenti

  1. Uwe Pòl

    e mi ha mangiato una i.

  2. Tieni, Uwe, rifocillati con questo Internets.

    http://www.youtube.com/watch?v=63Yc0iwm0ag

  3. @Tito Faraci: sono il primo a sperare nella redenzione di Dario Argento (che tra l’altro agli incontri col pubblico fa pure scompiscare) ma da dopo Il Cartaio, roba che ogni due minuti io e mia sorella (il dinamico duo) ci guardavamo in faccia e al grido: MACCOSA scoppiavamo a ridere rischiando il linciaggio da parte degli altri presenti in sala, ho gettato la spugna, le ultime cose non le ho nemmeno viste, m’è bastato leggerne male. E il teaser di Dracula 3D è una poverata senza se e senza ma, uno sproloquio. Tristess.

    PS: Nel Cartaio almeno Muccino Jr muore male, piccola consolazione.

  4. @ Dolores Point Five: Eiffel 65 puppate fava! (non voglio nemmeno sapere come sei arrivata a questo video)

  5. Uwe Pòl

    @Dolores: <3

  6. Lenny, regalaci un sogno:
    “il triste destino di muccinino”, http://eachurl.com/Nl

  7. Uwe Pòl

    eh.

    Muccino fa rima con destino.

  8. Uwe Pòl

    e pure con muccinino

    Che sembra “macinino”.

    i miei lol sono infiniti.

  9. Jo (mobile)

    Visto che siamo in tema OT, chi è l’autore dell immagine del bingo di Wes Craven? Dolores? Casanova? Insomma a chi devo chiedere il permesso per usarla in un progettino personale senza scopo di lucro?

  10. edgardo falzone

    grande John, non mi frega un cazzo se THE WARD è una minchiata, anche se non lo ancora visto, ma è un tuo film, e già lo amo per quel che è. Per quel che sei tu: il più grande di tutti.

  11. @edgardo: that’s the spirit! :)

  12. bah, se devo vedere Dracula 3D mi occorrerà un Retaphin http://www.youtube.com/watch?v=iyTVyQuioDA

  13. ‘azzo. Mi sono assentato giusto il tempo di rivedere i discorsi di Borghezio in DVD e… vi siete scatenati. Ho la VAGA impressione che il sondaggio da me lanciato non sia stato molto apprezzato, pur nella sua evidente ilarità. Eppure avevo capito che era l’OT day, indetto peraltro da Mr. N in persona per sfuggire all’aspro verdetto su John John. Ma evidentemente sono andato troppo OT. Ma offendersi spero di no =(

    @nanni
    Io sottolineo che è vero che non lo capiamo John, non lo capiremo mai, come i coevi non capivano una cippa di Bach. Verrà capito tra 3/4 generazioni. E io sarò ancora là.

    @rrobe
    grazie ma, visti gli esiti, preferisco lasciarti l’esclusiva.

    @Vinx
    il producer serve sì, ma per fare Nani VS Nanni :-) Oppure Nano VS Cobra, altro bel match.

    In attesa del quale ultimo esimio film, possiamo consolarci (e, spero, redimermi) con:

    DINOCROC VS SUPERGATOR
    http://www.youtube.com/watch?v=ecSWA54qH6U&feature=related

    Nel caso voleste fare: Dinocroc in London, fatemi un fischio !

  14. @harry: nessun problema formale, per quel che mi riguarda semplicemente non sapevo cosa rispondere. Cazzo, per una volta in cui anche un bel flame sarebbe stato un piacevole diversivo! Ma ora probabilmente e’ tardi :(

  15. Jo, la grafica è roba del nostro ottimo Jean-Claude Van Gogh, chiedi a lui.

  16. Jean Pieri

    gran recensione e grandi risposte: siete tutti bellissimi!

  17. @Jean: io faccio anche SWISSSH

    @Harry: DINOCROC uno di noi ma…con te sono offeso duro, hai lo stesso video linkato ormai da giorni e io devo spararmi sempre più Retaphin se no sento la faccia andare a fuoco

    @world: perchè tanto odio?

  18. Uwe Pòl

    @Robert @Harry e qui accetta sovietica ancora latita.

  19. Io ho MILIARDI di persone che mi hanno scritto per pubblicare il loro corto, e a tutti rispondo “contaci, ma non ti so dire quando perche’ prima ho promesso che metto Accetta Sovietica”, e se Harry non si sbriga ho paura che finiscano per offendersi.

  20. Simo

    “Ma se Carpenter era in pensione da nove anni e si stava annoiando, e voleva spezzare la monotonia quotidiana facendosi circondare da un po’ di figa per un paio di settimane, mi spiegheresti per quale insulsa e ipocrita ragione glielo vorresti impedire?”

    Guarda, visto l’andazzo, se si presentasse alle prossime elezioni facile che pigli pure una bella fetta di parlamento.

    E comunque questo fine settimana ho un cena da amici, di quelle dove mangi mediamente ma bevi come un tombino. Dici che è meglio portare un cheese cake freddo o una bottiglia buona per evitare almeno in parte la solita spremuta d’uva addizionata di etanolo? Considera che faccio un cheese cake della madonna, roba da rincretinire.

    Non avrei mai sperato di leggere le parole Dracula Argento e 3D nella stessa frase.

    Meno male c’è Nicolino con la tuba.

  21. Ok. Sono vivamente commosso dal sentito ricordo che ancora vive in voi di Accetta Sovietica. Devo dirvi di pazientare ancora perché il riversamento l’ho fatto ma non mi aspettavo che, inviando il DVD ad una serie di personaggi cinematari, costoro si sarebbero così attizzati da invitarmi a ridatarlo ad oggi e inviarlo a qualche Festival. Ora, io è proprio questo che sto facendo e siccome gli esimi, come sapete, vogliono l’esclusiva, dobbiamo attendere tutti che passi il tempo necessario a fare il giro dei Festival. Io naturalmente muoio dalla voglia di farvelo vedere lo stesso ma… devo resistere ancora un pò ! Ok ?

    @Vinx
    Lo so. Ma quel video rappresenta il nostro Paese. E io ho scoperto di essere un Nazionalista :)

    @Nanni
    In attesa del Sovietico avvento, ho scoperto che esiste l’Anglo-Nano: e ho pensato a Te a Londra. Con riferimento a Spider Man, di grazia.
    Ecco:
    http://www.ingleseprecoce.it/2011/01/19/in-lingua-anglo-nana-spiderman-si-dice-dammene/

    :=)

  22. odderflip

    grrrrr, da quando ho dovuto iniziare a lavorare arrivo sempre tardi agli appuntamenti importanti.

    John è come la prima signorina che ti ha fatto battere il cuore, lo rivedi a distanza di anni che, anche comprensibilimente segnata dal tempo, magari ti parla solo dei suoi bambini o dei suoi casini o di un cazzo di niente, per te l’effetto è sempre lo stesso. così è per me e neanche mi importa di capirlo tra quindici anni.

  23. Simo, se hai il dono di saper preparare il cheesecake sarebbe un peccato sprecarlo. Prendi magari in considerazione di portare una bottiglia ad hoc, concentrando i tuoi brindisi su quella, oppure coordinati con un altro invitato e cerca di limitare i danni.

  24. val

    il grande john carpenter che ha vinto anche al milionario, con classe.
    http://www.youtube.com/watch?v=keGsH6C_4CQ&feature=related
    (magari s’è già visto ma tant’è)

  25. Slum King

    Sicuramente meriterà tutti i popcorn con cui mi suiciderò. No scherzi a parte, mi rammarico da morire che il nuovo Carpenter non sia all’altezza ma dalla trama si capiva che era abbastanza obsoleto, doveva farlo tra il 2002 e il 2005 per essere sul pezzo… perchè si che lui è sempre stato il maestro nel prendere le cose del passato e portarle nel futuro ma certe volte si può arrivare fuori tempo massimo.
    Doveva fare L.A. Gothic, allora si che spaccava i culi.
    Comunque il suo ritorno sul grande schermo è un lieto evento, speriamo che non ci sia da aspettare altri 10 anni per il prossimo film.
    Ah, naturalmente al cinema si va a vedere, pena la morte.

  26. Simo

    Sì Dolores in effetti l’avevo pensato di sfoggiare il colpo finale tipo attacco solare e portare il cheese cake ma ho paura che stanchi. Voglio dire, ho raggiunto un grado da cintura nerissima 15° dan nella preparazione del cheese cake ma nelle ultime uscite (diciamo 4, boh…diciamo 4) ho sempre portato quello. Non è che poi passo come lo sbruffoncello del cheese cake. Anche se poi me lo finiscano sempre eh…
    Non saprei. Sono combattuto.

  27. Robertz Vinx

    Insomma, io a sto giro ci avevo creduto veramente che la missione fosse SALVIAMO I COLONI

  28. Sotto Falso Nome

    Ciao.

  29. LiDongAn

    Ciao. Vi leggo da un po’, ma è la prima volta che commento, e se lo faccio su un post dedicato a Carpenter non è un caso. Aneddoto personale: era un pomeriggio di primavera nel Sud di tanti anni fa, rientravo a piedi dalle ripetizioni di Storia e Filosofia, e in uno dei pochi cinema della città- adesso c’è tipo un negozio di abbigliamento- mi imbattei nelle locandine de “Il Seme della Follia”. DOVEVO vederlo. Chiamai a casa da un telefono a gettoni dicendo che ritardavo, comprai il biglietto, ed entrai nella sala buia. Ero l’unico spettatore. GRANDIOSO

    Per quanto riguarda il fine settimana, credo che me ne starò a casa: qui nella capitale dell’Impero di Mezzo fa un freddo boia, e non ho voglia di vedere nessuno. Potrei anche rivedermi “Sherlock” della BBC.

  30. @harry: sei un tenerone e non voglio sapere come l’hai trovato :)

    @simo: recapita un cheesecake in redazione SUBITO

    @quelli nuovi: ciao! Benvenuti :)

    @tutti: e’ un altro giorno! Mi sento meglio. Grazie.

  31. Past & Fasul

    Argento è morto da più di 20anni l’ultima cosa decente che ha fatto è il secondo episodio di 2 occhi diabolici,il resto è pattume.

  32. Simo, la tua coscienza ti fa onore. A questo punto opterei per una macedonia preparata senza liquore e un bel centrotavola.

    Anche Sherlock della BBC è un’ottima idea.

  33. Dato che è la fiera dell’OT, ma sono l’unico a pensare che il regaz che fa Moriarty in Sherlock assomigli a Ribisi? Gli ultimi 15 minuti di The Great Game sono da esplosione della testa totale!

  34. Simo

    Jeremy Renner nominato anche quest’anno: attore non protagonista per The Town.
    Vai Jeremy: falli fuori tutti.
    E poi magari vinci pure l’oscar.

  35. Oddio, ho letto “Muccino” sui 400 calci!

    Moriremo tutti!

    Cordialità

    Attila

  36. LiDongAn

    @Lenny: in effetti somiglia un po’ a Ribisi, ma soprattutto mi sembra il miglior villain che io abbai visto sullo schermo negli ultimi mesi…

  37. Uwe Pòl

    ah si? E gli Zombie di The Walking Dead dove li mettiamo?!?

    (scappa)

  38. Sentite, ho visto il trailer di “Soul Surfer” e ha vinto tutto:

    http://www.youtube.com/watch?v=cR9W5kC6YDM

    (LA BARBIE)

    (IL BRACCINO)

    (SHARK ATTACK)

    (KATY PERRY)

  39. Enrico

    Alla fine master of Horror che è un prodotto altalenante almeno con le grandi firme è riuscito a riportare l’attenzione su questi grandi registi, basta pensare al primo episodio di Carpenter intitolato Cigarette Burns oppure a Jennifer di Dario Argento, per non parlare di Family di John Landis che nella sua comicità un po’ macabra batte tutti, considerando poi che è da “Un lupo mannaro americano a Londra” che Landis non combina niente è sempre piacevole vedere che ha ancora qualcosa da dire.
    Comunque ieri ho visto The Ward perché nelle informazioni del film ho letto alla regia J.Carpenter e l’ho visto per dovere verso il maestro, per i suoi capolavori tipo: Fuga da New York, Il seme della follia, Il signore del male, La cosa e ci metterei anche Fuga da Los Angeles e Grosso guai a chinatown; anche in questo The Ward il maestro ci regala sempre qualche bella scena come quella delle ragazze che ballano e poi va via la corrente e scatta l’orrore, oppure quella nella doccia perché non è facile riprendere neanche delle belle figliole se non hai talento, poi Amber Heard oltre a essere una bella texana tutto sommato non mi sembra cosi scarsa come attrice, mentre le altre effettivamente non è che brillino particolarmente, gli altri attori sono di contorno.
    Che dire, il maestro effettivamente abusa sempre degli stessi schemi di suspense, mentre far vedere il “mostro” della situazione un po’ meno forse avrebbe giovato, nel Seme della follia i mostri non vengono mai fatti vedere, ma solo accennati e questo aiuta a creare tutta l’atmosfera del film, anche il finale che ne esce bene come direzione e sceneggiatura viene rovinato dal il solito effettaccio finale che ormai si aspettavano tutti.
    Quindi alla fine il film soffre più che altro di obsolescienza è uscito con una decina di anni di ritardo, dopo che una schiera di registucoli da video clip hanno saturato il genere con robaccia, magari copiando allo stesso Carpenter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.