Crea sito

Facciamo Cabaret: Fertile Ground

Ci son quei film che li guardi perchè oh ragazzi tranqui questa è una botta sicura, basta che non ci perdiamo. Li chiamano BOMBE e son quei film che ti esplodono la testa. Poi ci son quelli che li guardi perchè vuoi la bicicletta e poi pedalare cazzi tuoi. Si chiamano film di merda consci, fan cagare, lo sai tu, lo sanno loro e non ti devi lamentare se a metà visione vorresti essere morto. Infine ci son quelli che li guardi perchè la regola dell’amico non sbaglia mai. Ti fidi del regista, ti intrippa la premessa, speri in un buon prodotto. In questo caso Fertile Ground era messo abbastanza bene: il regista Adam Gierasch si era guadagnato tutta la nostra simpatia scrivendo e girando Night of the Demons, remake coi fiocchi di un già buon titolo originale. Al primo che scrive nei commenti “hey ma questo ha scritto anche La Terza Madre” glielo faccio rivedere. Due volte. LA TERZA MADRE, pff, stavo dicendo, Gierasch è uno bravo, ci piace, e la premessa del suo nuovo film non era poi così malaccio: la felicità di una coppia di artisti (lui dipinge, lei disegna vestiti) viene bruscamente interrotta dall’aborto spontaneo di lei e la notizia che non potrà mai più avere figli. Per ricominciare da capo e in serenità si trasferiscono nella casa di campagna costruita dagli avi di lui 150 anni prima ma strani avvenimenti iniziano ad accadere e lei si ritrova miracolosamente incinta. Ok, non brilla di genialità ed il finale è bello che telefonato, ma tutto questo racchiude un sacco di potenzialità e dato che ho deciso che oggi si fa cabaret vi elencherò quelle che per me sono le migliori soluzioni che Fertile Ground avrebbe dovuto utilizzare.

Tra l'altro questa è la seconda inquadratura.

1. LEI E’ LA MADRE DEL QUADRISAVOLO DI LUI
Questo perchè il feto abortito ha in realtà viaggiato indietro nel tempo, fino al 1815, è cresciuto, ha costruito la casa e ha figliato. La coppia scoprirà la terribile verità tra le foto nascoste in un vecchio baule arrugginito: lei è la pentasavola di lui e lui il pentasavolo di se stesso. Nella scena finale lui ferisce mortalmente lei con il cacciavite regalatogli dal nonno/pronipote, ma prima di morire iniziano le doglie e una bambina viene alla luce: è lei, ora diventata praticamente immortale e costretta ad essere la madre di se stessa per sempre. Segue scena di sesso parentelamente perversa.

2. IL TERRENO FERTILE E’ FERTILE SUL SERIO.
Ritrovatasi incinta dopo aver piantato un albero strane cose iniziano ad accadere. Ha le visioni, vede vermi sui muri, vomita terra e sente sempre più spesso l’impellente bisogno di iniziare la fotosintesi clorofilliana. Non capendo nulla di giardinaggio lui scappa dall’amante in città e non torna più, l’intento è quello di metaforizzare il menefreghismo dell’uomo moderno nei confronti della natura. Rimasta sola e in preda a spasmi da germogli il fantasma di un albero di Natale le appare: è giunta l’ora di mettere al mondo quella che sarà la salvezza dell’umanità, un albero con le gambe e il cervello che ucciderà tutti i vegani e vegetariani* della terra. In un finale idilliaco il sangue è sparso sui prati in fiore.
*(l’autore non intende insultare nessun vegano o vegetariano abitante del pianeta terra e lettore de I 400 CALCI)

3. L’ABORTO E’ UNA METAFORA FILMICA
Allora mettiamola così: il regista s’è reso conto di star girando un brutto film e non riesce ad uscirne fuori, decide quindi di utilizzare il metodo felliniano e fare della sua disgrazia un soggetto. Lui è quindi la madre, il marito è Jace Anderson, quella che scrive i film con lui, e l’aborto il film. Nella casa di campagna, che altro non è che lo studio dove i due si nascondono per la vergogna, una nuova gravidanza indica l’inizio della lavorazione su un nuovo film. Mentre il marito cerca di dipengere il suo capolavoro durante la notte (quindi scrivere una sceneggiatura) lei non gli da pace: ha le visioni, vede cose orrende, lo vuole con sè. Il bambino, il film, sembra crescere malamente, pieno di difetti ed intento ad uscire dal buco sbagliato. Nel finale, alla fine di una gravidanza durata 28 mesi, un bambino nasce: è Charlie Kaufman che, molto metafilmicamente, li manda a cagare.

4. E’ TUTTO UN INCUBO DI JEAN-CLAUDE VAN GOGH
Questa è l’opzione dove alla fine mi sveglio tutto sudato e tirando un sospiro di soglievo esclamo “Cazzo, per un attimo m’è parso vero”. Poi vado in redazione, entro nell’ufficio ovale di Nanni Cobretti che, ancora dormiente, esclama “Miike è in vacanza! Recensiscimi Fertile Ground!”. Zoomata sui suoi occhi, ZAN ZAN ZAN ZAAAAAAAAN! Fine.

La verità è che Fertile Ground è un film orrendo, con una colonna sonora orrenda, tutto basato sugli spaventerelli improvvisi, girato male e scritto peggio dove le cose più belle sono l’esplosione del cesso e la presenza della parola SUPER UTERO. In alcuni momenti l’ho pure guardato a 3x di velocità e pareva noioso uguale. Questo il motivo per cui ho fatto del mediocre cabaret, mi tirava il cazzo scriverne e sarebbe stato pure poco interessante. Non avete alcun motivo di guardarlo, l’ho fatto io per voi e, fidatevi, è stato abbastanza.

DVD-quote:

“Mortalmente inutile.”
Jean-Claude Van Gogh, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , ,

33 Commenti

  1. Phoenix

    La terza madre non perdona :P Era meglio un SUPER CESSO e un utero che esplode cmq. Cavolo che figata se l’albero prendeva vita. La vitrea perplessità :)

  2. Gigos

    1) Come vegetariano e lettore dei 400 mi sento pesantemente insultato, ma dato che non so a chi rivolgermi per avere giustizia, mi terrò dentro la mia rabbia come una malattia;
    2) Ultimamente le citazioni degli 883 stanno diventando la prassi e questo dimostra la mia teoria di sempre: a molti saranno anche sembrati un po’ dei dementi, ma nel loro piccolo hanno rappresentato una generazione di giovani: è la x generation de noattri (a Seattle c’era Kobain, altro spessore direte, ma ci accontentiamo).
    3) La curse si è spostata!

  3. Stanley Boll

    the curse of miike ha un nuovo portatore…

  4. zeta

    a) peccato gli 883 non siano più quelli di una volta
    b)nonostante sia mezza copiata da futurama, la prima idea spacca!! Ci verrebbe fuori un filmetto coi controfiocchi.

  5. Gigos

    L’idea del nonno di se stesso è stata sviluppata magnificamente nell’episodio omonimo di Futurama (che per qualità media, e mi duole molto ammetterlo, ha superato i Simpson da più di un po’), ma il paradosso esisteva già (secondo Wiki già dal 1943).

    Max Pezzali da quando ha smesso di usare il linguaggio dei ggiovani padani degli anni ’80-’90, che era il suo quid, non dico che si sia tramutato in uno squallido Antonacci, ma è diventato privo di motivi di interesse.

  6. Uwe Pòl

    Ci sei corso incontro con l’entusiasmo di un piccolo lemming verso il burrone.

  7. Gigos

    D’altronde non si può essere giovani per sempre e un quarantenne che dice “tosti da Dio”, “6 1 sfigato”, “non me la menare” sarebbe anche peggio, forse.
    Non tutti hanno il dono di essere Guccini.

  8. abraxas capitan Perù

    @gigos

    ma va, sei vegetariano?
    la cosa non mi stupisce manco un po’, chissà perchè
    (disse lui dall’alto del suo cavallo ornato coi teschi degli ingegneri e laureati dams abbattuti in battaglia)

  9. Gigos

    @Abraxas (come il tizio cosmico che uccide tutti i Galactus del multiverso in una vecchia storia dei Fantastici Quattro? Ma dai…)

    Epperché non ti stupisce, sentiamo?
    (ribatte piccato l’altro, addentando con noncuranza una quiche di carciofi).

  10. Jo (recently promoted to Rocky Jo)

    Grazie Jean Claud per il sacrificio.

    Posso confermare che anche in real life un cesso che esplode fa molto riderissimo, sopratutto se sei al lavoro, sei a distanza di sicurezza, ed è seguito da urla e imprecazioni varie di persone. Provare per credere.

    Ma quand’è che parliamo di Kevin Bacon Miglior Attore Dell’Universo, e (nudge to Dolores) della Doppia Lacrima?

  11. Domani, Jo. Domani. Porta pazienza.

    Se vuoi un piccolissimo, enigmatico teaser:

    http://www.youtube.com/watch?v=aRcAvsZgjXA

  12. Gigos

    Eh… Bacon l’ho visto ieri in X-men: primini.
    Lui sarà stato anche bravo, ma il film era un maccosa in fila all’altro…

  13. Quindi Xmen con Fess Bender è una cagata atomica formato Thor ?

  14. Gigos

    Ma direi assai peggio.
    Thor si sapeva già che come personaggio è eccessivo e spesso proprio buffo e il film riesce comunque nel difficilissimo compito di non scivolare nel ridicolo involontario. Arrivare a una più che sufficienza partendo da quei presupposti mi sembra lodevole.
    Gli X-men sono molto più “realistici” (passatemela), molto più fantascienza e meno fantasy e hanno già alle spalle 2 film molto belli (i primi due). Ciononostante questo è pieno di maccosa, molti dei quali faranno storcere il naso ai “veri credenti”. Non ho voglia di elencarli tutti ora, immagino arriverà un post dedicato.

  15. Alberi di natale assassini… Dove l’ho già sentita? :D

  16. Giubari

    1. I vegani e i vegetariani che leggono 400 calci possono serenamente chiudersi in campi di concentramento e gasarsi con le arie che usano darsi.

    2. Anzichè continuare a recensire Film che nessun essere umano, fuorchè l’ultimo dipendente di Blockbuster dell’Universo, vedrà mai… perchè non recensite HANNA?

    Da un mese a questa parte vi bastava recensire HANNA, TUCK & DALE, HOBO WITH A SHOTGUN, il resto lo riempivate di Trailer anni 80, insulti sui Vegani, e spezzoni tratti da Tremors, saremmo stati tutti più contenti.

  17. Vi giuro che a Futurama non ci avevo pensato, cosa che mi stupisce perchè devo aver visto quella puntata almeno una decina di volte. Quella degli alberi è invece piuttosto ispirata a quel capolavoro d’arte cinematografica che è Treevenge.
    Ripeto comunque che nessun insulto e inteso tranne verso quelli che se gli mangi un panino con la porchetta vicino ti insultano e scappano piangendo. Ecco, no, io sono per vivi e lascia vivere, mangia e lascia mangiare.
    (Hanna lo si farà, e facciamo pezzi anche sui film brutti perchè siamo essere umani e non possiamo permetterci di vedere tutti i film e poi farne un’accurata scelta. Quel che si becca si fa e mal che vada via di cabaret)

  18. Insomma, mi sembra che nella “base” dei 400CC serpeggi il malcontento per la scelta dei film recensiti… In effetti ci sono alcune clamorose carenze, sia sul lato filmmemmerda sia sul lato film belli.
    Io segnalo, umilmente, un film assolutamente truzzo, ma anche molto molto cafone: The Bleeding. Con il grande attore: Michael Matthias. Che è anche italiano, come dice lui stesso.
    Film di vampiri e maledizioni, con Vinnie Jones e Michael Madsen. Con momenti di budelle e macellazioni.
    Ora: come si può ignorare l’esistenza di Michael Matthias ? E soprattutto, quale curse degna di questo nome, può fare a meno di un film di vampiri che si richiama astutamente a Fast and Furious ?

    Piotta said: Michael Matthias is god:
    http://www.imdb.com/media/rm1554090752/nm2731933

  19. PERCHE’ HANNA ESCE IN ITALIA IL 22 DI LUGLIO

    (santa pazienza)

    (pero’ si’, l’ho gia’ visto)

  20. Magdalena

    Malcontento di chi?
    A me spiace per loro, ma sono contenta delle recensioni.
    E poi non mi pare si parli solo di quello, ci sono anche i ripescaggi dei classici, etc etc

    Sì lo so, sto difendendo qualcuno che non me l’ha chiesto.
    Me ne vado ._.

  21. Il mio, era un garbato riferimento al concetto di “malcontento della base” nella politica nostrana… ironia sottile che mi induce a mettere più virgolette la prossima volta :)
    e comunque non era riferito alle rece, che noi tutti amiamo, ma al desiderio di vederne ancora di più, riferite ad altri titoli. Insomma, altro lavoro ;)
    Magari sono stato frainteso (altra frase epica) ma questo era il senso.
    Quindi, mancando l’attacco, che era piuttosto un complimento, non c’è bisogno di alcune difesa.

  22. Magdalena

    Harry, abbi pazienza ma la mia mente non coglie i sottintesi.
    Prima o poi mi serviranno gli occhiali di “Essi vivono”, lo so già.
    Per il resto hai la mia stima da quando hai tirato fuori gli zombie e tutto il resto che non rivango, quindi tutto è bene quando anche i tordi capiscono le cose (alias: me).

  23. Phoenix

    @Magdalena Ci tengo a ribadire che gli zombie di Harry sono quelli col cazzo pneumatico e che infilano croci su per il culo a cavatappo, i miei sono quelli che inculano al naturale e menano a colpi di crocifissi giganti. Che poi si fa confusione :D Ci fossero più film così…

  24. @Magda Lena
    se ti servono Occhiali, io ne ho diverse paia che posso prestarti. Anche a forma di cuore :))

    @Phoenix
    ma io pensavo che i film fossero 2 e a 4 mani :(
    Cioè: un film con primo tempo di zombie a cazzo naturale, secondo tempo con cazzo idraulico a stantuffo. Secondo film: crocifissi che vengono avvitati nel culo per il primo tempo, poi crocifissi spaccateste, e mega crocifisso in forma di Leviatano nel finale.

    Piccola nota: il meccanismo idraulico degli zombi è ricavato da quello che impiega, con straordinario successo, il nostro Nano del Consiglio dei Ministri, ossia un marchingegno da euro 20.000.
    Sono geek, questi zombi.

  25. @Gigos: mettere nello stesso commento quel gruppo con dentro i numeri e Kobain dovrebbe essere punito con la pena di morte per soffocamento tramite copia del programma scolastico dello IULM.

  26. @Gigos: “x-generation de noattri” eh? Se finirò in galera prima dell’estate sarà solo colpa tua.

  27. Phoenix

    @Harry Uhm ma si che sono più soldi, così se a uno non gli piace una parte si guarda solo il primo o il secondo tempo.

    Cavolo altra idea, se il crocifisso si anima e mena? quello sarebbe impressionante non l’ho mai visto… in dogma non mi pare succeda. Cavolo crocifissi in fiamme che si staccano e corrono menando. Basta parlare di film stupendi che non esistono. :D Donne e uomini che tagliano cazzi per difendersi, come giardiniere prendiamo steven seagal? Le donne sono più pericolose perchè usano strumenti, quindi l’unico modo di fermarle è ucciderle (non è che tagliando cazzi fai del bene cmq ^^).

    Vedo già la scena delle donne assatanate che razziano i sexy shop. Sarebbe proprio da fare sto film.

  28. Phoenix

    Altra idea i celtici che combattono con l’uomo di vimini gigante in fiamme. Scontro apocalittico finale: mega-crocifisso contro uomo di vimini gigante, croce al contrario, il mega-robot (che rappresenta chi non crede), monaci tibetani, gente che tira mortaretti bestemmiando e un super-kamikaze con una bomba atomica che porrà fine allo scempio.

  29. Mist

    Solo per segnalare che la tematica dell’incesto temporale è trattata anche in un libro di Chuck. Palahniuk, non Norris.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Rant_(novel)

  30. @phoenix
    la faccenda della donne mi fa un pò paura :)
    L’uomo-vimini in fiamme è spettacolare: il mega-scontro potrebbe avvenire con un Padre Pio gigante, come i megaborg di Daitarn 3, che lancia stellette ninja infuocate direttamente dalle stimmate, mentre al suolo divampa una guerra sanguinaria con crocifissi e tutto il resto…
    In alto, nel cielo, manterrei la presenza rassicurante di un dirigibile dotato di altoparlanti (come quello di indiana jones) che diffonde il consueto appello: Cercate il Nappuomo … Cercate il Nappuomo …
    Per l’esplosione finale va bene, ma proporrei, al posto dell’atomica, l’uso intensivo di un acceleratore di particelle, così al posto della Terra si crea un buco nero che risucchia la materia, compreso Padre Pio e l’Uomo-Vimini. E festa finita :)

    Azz, comunque ora che ho fatto il palato immaginario a questi film sfolgoranti, sarà un casino riabituarsi ai film di merda che escono al cinema.

  31. Phoenix

    @Harry E alla fine l’unico sopravvissuto è Chuck Norris, che lo si vede nuotare nel buco nero come la particella di sodio. Fa li li per tirargli un calcio volante e finisce il film. Così gli facciamo fare giusto una comparsa, però forse steven seagal giardiniere se la prende a male perchè lui muore nel buco nero.

  32. yelena

    non ho ancora visto il film – com’è stata Leisha (la protagonista)? brava? ha fatto cagare anche lei? devo vederlo il film? me ne pentirò? ho bisogno di un consiglio, grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.