Crea sito

Nispelismo e Barbarie: Yado

Allora, in originale questa terzultima fatica di Richard Fleischer (mica balle, quello di Conan Il Distruttore) si chiama Red Sonja perchè la protagonista, indovinate un po’, si chiama Sonja e ha i capelli rossi. In Italia, paese maschilista, il film si chiama Yado per far credere che il protagonista sia Schwarzenegger (che si chiama Kalidor, non Yado). In Spagna, altro paese maschilista ma con un’imperdonabile propensione al burinismo, si chiama inconcepibilmente El Guerrero Rojo come se quello coi capelli rossi, nonché il protagonista, fosse sempre lui! Mi domando come ci saranno rimasti gli spettatori, accorsi a frotte da todos los angolos de la España por veder el Schwarzi con los cabelos rojos e si sono poi accorti che quella coi cabelos rojos è Brigitte Nielsen. La quale, va aggiunto, sfoggia una roba pazzesca che ridefinisce il concetto di “mullet”. Una capigliatura che da sola vale la visione del film. Oh, poi c’è anche la bellissima colonna sonora di Morricone!, ma concentriamoci sulle cose importanti, gossip e stardom in primis.

E non provare a criticare il mio fucking mullet

Sta di fatto che, sul set del film, Nielsen e Schwarzenegger pare che ci abbiano dato dentro come la dolce Brigitte si è recentemente affrettata a ricordare al mondo civilizzato. Qualunque cosa sia successa a telecamere spente, il duello d’amore fra due dei più robotici e meno dotati attori degli anni ’80 è una figata degnissima di questo nome. Nonché la sequenza del serpentone acquatico meccanico che i due eroi sconfiggono cavandogli gli occhioni. Nonché il catfight finale fra Sonja e la cattiva regina Gedren.

Approfondimento: Gedren per qualche motivo ha ucciso i genitori di Sonja, fatto violentare Sonja dai suoi soldati e poi le ha bruciato la casupola. Ma Sonja vede apparirle un angelo che le dice “dai che ora arriva un austriaco mascellone e mette a posto tutto”. Gedren intanto si reca presso un tempio dove una sacerdotessa e varie chierichette stanno per intombare un talismano verde che più prende luce, più è potente e più distrugge il mondo; ma Gedren lo vuole tutto per sé e lo vuole mettere in una stanza piena di lucine come se fosse Natale, così il coso spacca tutto. Viene da chiederle: perché? Dopo su cosa regni? Vuoi vedere che sei scema? Insomma la cattivona ammazza tutte e rapisce il coso, ma una delle chierichette riesce a fuggire alla strage: è la sorella di Sonja! Prima di morire fa in tempo a dire a Schwarzenegger che passa di lì “cerca mia sorella e dille di tirare il talismano all’inferno prima che distrugga il mondo. Non siamo ancora nel 2012, eccheccazzo!”. Da lì la storia diventa la solita queste medievaleggiante che rispetta più o meno tutte le funzioni di Propp. Niente di che.

Natale in casa Gedren

Vista la pochezza della trama ma l’efficacia delle scene di combattimento, sembra un’ingiustizia che la Nielsen, per questo film, abbia vinto un Razzie come Worst New Star e sia stata nominata come Worst Actress – ma dai! Almeno era brava a tirare di spada! Sicuramente nel 1985 c’è stata un’attrice più scarsa di lei. Toh, Lea Thompson in Ritorno Al Futuro e non fate quella faccia.

Vale inoltre la pena ricordare che da Red Sonja fino ad arrivare a La Talpa, Gitte ha scatenato uno tsunami ormonale nel pubblico italico, responsabile di scene tipo quelle agevolate sotto:



Vi avverto che ci vuole del coraggio per arrivare fino in fondo. Come non ricordare, infine, che l’amicizia con Baudo le aveva anche fruttato il ruolo di valletta al Festival di Sanremo nell’anno del Signore 1992?

Meglio ricordarla per questo Tristan Und Isolde dei poveri

Er mejo in tema di recitazione, comunque, resta l’insopportabile principino cinese Tarn, interpretato da uno che all’epoca aveva già 13 anni ma ne dimostra le metà (no, non è candidabile al Nanosservatorio): Ernie Reyes Jr., uno che non ha fatto esattamente un carrierone – gira pochissimo, forse il suo film più famoso è Rush Hour 2 in cui interpretava “Zing”; ora IMDb lo dà come scrittore e interprete di un tale Karate Cops: a quanto pare è pronto per l’uscita, ma allora perché il nome del regista non compare?

Insomma, buone scenografie, bei costumi, buona colonna sonora, un mago che prepara cocktail magici e un sosia di Lino Banfi che tira mazzate con un osso di mammuth. Scene epiche girate fra le colline abruzzesi con pochi soldi, ma spesi bene. Cosa volete di più? Red Sonja non è un brutto film e Richard Fleischer sapeva il fatto suo; non era un regista di mezza tacca, o almeno non è stato messo lì per caso come un Nisp mestierante qualsiasi.

Perchè è meglio del Conan di Nispel? Quello l’ho già spiegato prima. Cicciolina non ripete.
Mi preme maggiormente pronosticare che anche l’attesissimo sequel di Red Sonja sarà meglio del Conan di Nispel. Exitunt Robert Rodriguez e Rose McGowan dal che la loro tresca è stata scoperta dalla moglie produttrice di lui (vuoi vedere che sei scemo pure tu?), enterunt Simon West e Amber Heard. Qui lo dico e qui lo nego. Ma sicuramente sarà meglio del Conan di Nispel. Anche il poster provvisorio era meglio. E poi mostra Sonja nel costume originale che indossa anche nella versione fumettara. Contenti?

Toh, il nostro vecchio amico! Il succo di pomodoro!

DVD-quote:

“Ridefinisce il concetto di “mullet”.”
Cicciolina Wertmüller, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

18 Commenti

  1. Jo (now promoted to Rocky Jo)

    Simon West che rifà Red Sonja? Ci voglio credere fortissimo. Amber Heard? Ancora di più.

    Ammetto che quando ero giUovine et innociente consideravo Yado (ci misi anni e internet a scoprire che in realtà era il primo dei tanti titoli stuprati dalla terrificante traduzione italiana…) come la chiusura della trilogia di Conan. Me ne fregavo se il personaggio era diverso, e non centrava poco con il barbaro.
    Tra l’altro i cartelloni dei cinema di allora erano una vera e propria truffa, mi ricordo la musta sconfinata di Swharzy con sopra la tag “Arnold Swharzenegger è YADO!”

  2. Cleaned

    ‘nsomma durante la sua avventura americana Red Sonja s’è fatta due terzi di Planet Hollywood…

  3. Phoenix

    Non male questo film: il drago meccanico e la porta con la ruota gigante mi erano rimasti impressi. Sembra, in effetti, un seguito di conan.

  4. Comunque Red Sonja è sempre stata uno dei miei sogni, mentre su Odeon o Italia7 aspettavo dopo la mezzanotte che apparisse qualche suo film, tipo: lei direttrice di un carcere femminile, al tempo stesso lesbica e masochista.
    Dopodiché: http://www.youtube.com/watch?v=ok3CquAxUC0

  5. Memorabile anche lo stratagemma registico per decapitazioni cheap e PG13: a) inquadratura frontale su Sonja/Yado che strabuzzano gli occhi e sventolano la spada davanti alla cinepresa; b) inquadratura su una testa di manichino che vola per aria senza un solo goccio di sangue. Io da bambino tra roba cosi’ e Highlander ormai mi ero convinto che il collo umano fosse di burro e la spina dorsale di polistirolo.

  6. Il_Presidente

    Eh eh grandi.

    Posso quindi poi ci fate anche i Deathstalker? :D

    Ma in Italia erano mai arrivati?

  7. Past & Fasul

    questo non sono riuscito mai ad arrivare alla fine…

    schwarzy fu costretto al farlo perchè aveva firmato un contratto di 4 film con delaurentis…i primi 2 erano i conan,questo e codice magnum…

    il red sonja di rodriguez credo che non vedrà mai la luce visto che si sono fermati ai poster da anni ormai…e poi alla tipa riesce meglio il personaggio della strega come nell’ultimo conan che della bella figliola…

  8. Uwe Pòl

    quando ho letto questo “Mi preme maggiormente pronosticare che anche l’attesissimo sequel di Red Sonja sarà meglio del Conan di Nispel.” mi sono tanto ghiacciato che non sono quasi riuscito a leggere “Simon West… Amber Heard”. E lì il mio cuore si è sciolto.
    Voglio crederci.
    Voglio crederci.

  9. overdoze

    Ragazzi però mi cadete sul più bello, Ernie Reyes è un bel draghetto, è quello che fa a manate con The Rock appeso ad una liana in The rundown, fa delle cose niente male ed è fisicamente allenatissimo, a regà vi devo insegnare tutto però!!

  10. @Nanni: vero, ogni volta che vedevo quella scena mi toccavo il collo con un misto di ansia e terrore e ogni volta che facevo roteare il mio bastone di bamboo con l’impugnatura di nastro isolante premevo l’incavo del gomito sulla gola con più enfasi.

    la pagina del Kurgan ha del paradossale (186 film? Le colonne sonore di SpongeBob? McCosa!?)

  11. Il_Francese

    Conosco alcuni, loschissimi, personaggi che lavorarono alla pellicola. Per chi chi non lo sapesse, è stata girata quasi completamente in Italia.
    Questi personaggi possono tranquillamente affermare che la Regal Signora ed il nerbuto ex Governatore, non solo se la divertissero, ma che fosse pratica costante farlo nei momenti di pausa, negli anfratti del set, nei camerini ecc ecc …

  12. @Il_Francese: finalmente ho capito da dove nasce veramente il finto(?) scazzo tra Schwarzy e Spallone…

  13. A suo tempo ricordo ancora che le foto erano su tutti i giornali di gossip. Poi Arnie e Sly hanno fatto pace (dopo il divorzio?), hanno pur sempre aperto dei ristoranti insieme e Sly addirittura sostiene di essere a cena da Governator ogni settimana…

  14. Fra X

    L’ inizio è proprio violento! O_O Poi però compare… ehm, la fata!?! °_O Ma siamo in un heroic fantasy o nella bella addormentata!?! Boh!
    Il mostro meccanico… ma come un mostro meccanico in un heroic fantasy!?! Boh! Simpatico Paul Stewart, sosia di Bud Spencer e Bluto in “Popeye” di Altman.
    Rispetto per Richard Fleischer che ha diretto grandi film d’ intrattenimento come “20.000 leghe sotto i mari”, “I vichinghi” e “Viaggio allucinante” oltre al noir ” Frenesia del delitto”. Certo, ha anche diretto il film sul dottor Dolittle e “Mandingo”! XD
    Il buon vecchio Dino penso lo considerasse molto visto che dopo “Barabba” lo richiamò appunto per “Mandingo” e per CID e questo.
    Certo, se questo film me lo faceva come IV… ma lì con tutto il rispetto cì era un cast stellare!

    “Per chi chi non lo sapesse, è stata girata quasi completamente in Italia.”

    Si, qui in Abruzzo anche da come ho letto.

  15. Fra X

    “Posso quindi poi ci fate anche i Deathstalker? :D
    Ma in Italia erano mai arrivati?”

    Il secondo al cinema mi pare, il terzo il VHS, il primo… boh!

  16. Fra X

    Paul Smith pardon!

  17. It is the ideal time for making quite a few blueprints in the future and it’s really time to be very glad. We’ve check out this placed and when I could I must tell you several attention-grabbing points or perhaps strategies 888-236-6283. You could could compose up coming content with this report. My partner and i wish to know more problems around it!

One Trackback

  • […] e Maciste. Ruggero Deodato invece aspettò un po’. Aspettò il 1987, due anni dopo il flop di Yado. Aspettò, perché aveva l’asso nella manica: NANI GEMELLI. Peter e David Paul erano due […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.