Crea sito

Ammucchiate di nani: Lo Hobbit

Io non lo volevo pubblicare ‘sto trailer perché non è roba che normalmente mi interessa, ma guardate qua:

Ieri mi si corrompeva con i mostri, oggi mi si corrompe con un mucchio di nani che cascano uno sopra all’altro.
Godeteveli in movimento:

E che nomi buffi che hanno! (aridatece Bad Taste)

Tags: , , , , , ,

58 Commenti

  1. Ah, Phoenix, il Silmarillion.
    Sì, praticamente è un testo scolastico, infatti conosco gente che se l’è letto prendendo appunti. :D

    Ma insomma, in quel momento sparavo a caso (e comunque, dell’apprezzare lo sforzo produttivo del Jackson, si apprezza per esempio il suo aver pescato anche cose da lì, dalle note, dall’esagerazione, nel comporre il suo mondo cinematografico degli Anelli). :)

  2. @ il serenissimo schiaffi
    ti svelo una cosa: è tratto da un libro. Un libro vecchio.
    Di tanti anni fa, quando l’action era al massimo il Beowulf o l’anello dei Nibelunghi.

    Quindi non è che si vedono certe cose perchè gli girano i d20… Stanno nel libro, più o meno in tal forma.
    Anzi il libro è più un favolone, qua mi sa che ci sarà più cupezza.
    Ti legherei a vedere quello a cartoni animati del 1977: http://www.youtube.com/watch?v=f_JMOPCo31M
    Che è bellone e ti induce a fumare le cose, così ti relaxi.

    Poi oh: ma se non ti fotte del libro, non ti fotte della fantasy, non ti fotte sega… Mi chiedo perchè ti prendi la briga di guardare anche il trailer.
    Ti aspetti mica che a una certa escono fuori dei ninja satanici con delle katane inzuppate di nitroglicerina su una mustang gt coi neon sotto?

    Spoiler alert: non ci sono.

    :)

  3. L’ancio l’incantesimo “sperarci forte forte” con +1 all’iniziativa.

  4. Schiaffi

    @Darth
    Mah, il trailer l’ho visto soltanto perchè è stato postato qui.
    Se domani mi becco sui 400 un articolo sull’auto-eletto non si sa da chi, come, quando e perchè fabio volo, con tanto di trailer del suo filmetto ruffiano, è ovvio che me lo vedo per valutare quello che ho letto.

    Poi che c’entra che è tratto dal libro? Allora hanno l’autorizzazione per fare le canzoni della messa e le battaglie risolte in 3 secondi a caso?
    E i finocchietti che piangono? Autorizziamo 9 ore di piagnisteo?
    Scontri vinti a random sbucando in 2 fuori dalle porticine?
    E i 2 vecchi sporchi che combattono tirandosi addosso bestemmie a vicenda che pare un incontro di bum fight è esaltante? Autorizzato pure quello?
    Il libro autorizza la noia quindi?

    Bello poi un libro scritto da un pazzoide con troppo tempo libero che si bulla di aver inventato la lingua degli gnomi o di qualche altra razza strana partorita dalla sua nerdissima testa.
    E la gente grida “genio”, ma per piacere eh.

  5. Sì, ecco, poi non userei troppo l’argomentazione “è tratto dal libro”, considerando che dal libro hanno in realtà cambiato parecchie cose, eliminato intere parti (Tom Bombadil) stravolto personaggi (Faramir), ribaltato sequenze, spostato avvenimenti, integrato e ampliato cose che nel libro erano appena accennate nelle note alla fine e via di questo passo.

    Occhio: non sto dicendo che abbiano fatto male (o che abbiano fatto bene), però il punto è che i tre film visti fino a oggi, e presumo anche quel che verrà, hanno una loro identità e autonomia, figlie del lavoro svolto da chi li ha realizzati. Quel che c’è dentro c’è per decisione conscia e perché si è deciso che avrebbe funzionato, non “perché c’era nel libro”.

  6. @ Schiaffi
    Avevo tutta una risposta argomentatissima ma ho pensato che tanto è inutile.
    A me fai simpatia eh, non sono livoroso. Giuro.
    Nel tuo tentativo di fare il duro e lo spaccone sempre a tutti i costi, ogni tanto risulti tipo Scrappy-Doo quando vuole fare a botte con i mostri in Scooby-Doo.
    Presente? È carinissimo.
    :)

    @ giopep

    chiaro che è un opera di terzi e che è frutto di uno spoglio e ricostruzione a tavolino. È anche giusto (che venga bene o che venga male) che sia così.
    È come dici te un opera di altri.

    La faccenda però ha dei risvolti da tenere in considerazione: rispetto al Signore degli Anelli la storia de Lo Hobbit è molto più semplice (e corta) e fiabesca, più che la necessità di sintetizzare\semplificare\eliminare ci sarà la necessità di rendere il tutto fanciullesco il giusto senza farlo diventare troppo fiabesco\stucchevole.

    Quindi piuttosto che sparizioni ingiuste (come il Tom Bombadil nel film del SdA) o decisioni arbitrarie (come Aper faramir, comunque poi spiegata da Jackson) credo che ci sarà al massimo il rischio di eccessivi incattivimenti e cupezze.
    Però oh, a me da questi pochi minuti sembra accettabile, poi vedremo.

    Per inciso, invece che fare The Hobbit io darei i soldi a Bakshi per finire la sua trilogia del SdA e secondo me avrei il quadruplo del godimento che con un Jackson qualsiasi :)

  7. Il problema della trilogia di Jackson è che si tratta di tre film per un totale di 9 ore e passa. E in tutta questa infinità di tempo quasi tutti i personaggi, soprattutto i principali, rimangono monodimensionali. Peggio, i pochi un minimo approfonditi sono di una pallosità notevole (Gandalf, Frodo e Sam). Ma in generale, c’è una concezione di racconto epico che pare arretrata, tutta dedita all’accumulo. Veramente è troppa roba, sarebbe stata ingestibile per chiunque. Forse sarebbe venuto meglio tagliando via un’oretta da ciascun capitolo. Non oso immaginare cosa siano le extended…

  8. Federico

    Indigistebile per chiunque? C’è gente (il sottoscritto) che si guarda le 12 ore (eh sì, le versioni estese sono persino meglio delle cinamatografiche) con il cuore palpitante e le lacrime agli occhi.

    Leggere tutti questi commenti schifati è sinceramente sconfortante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.