Crea sito

Speciale S.Valentino: I guerrieri della notte

Continua la Trilogia della Vendetta dei 400 Calci con lo Speciale S.Valentino 2012!
Questo giro, il film recensito non è reaganiano ma carteriano, essendo uscito nel 1979. Ve ne farete una ragione. Lo abbiamo assegnato a Giulia Blasi, parandoci gli occhi con le mani.

Se sei maschio e hai (diciamo) intorno ai trent’anni, ma in fondo anche meno, The Warriors (tradotto in italiano con I guerrieri della notte) è oggettivamente un filmone. A partire dallo spunto, passando per i riferimenti coltissimi (l’Anabasi di Xenofonte, che a scuola ti faceva due balle così ma in un film di menare viene fuori che era un’idea fichissima), le idee di regia (gli inserti a fumetti del director’s cut), il ritmo, la colonna sonora acida. È un filmone che è giustamente diventato un classico per i maschi, così come Camera con vista lo è per le femmine.
La notazione di genere non è un caso. Se sei femmina e hai almeno tre neuroni accesi allo stesso momento, The Warriors non può non disturbarti almeno un pochino. Disturbarti e farti ridere, a momenti alterni, come la maggior parte delle manifestazioni di cultura maschile purissima. Per un uomo, invece, The Warriors è un film serissimo.

Comincia tutto con un gran rebelot di maschi vestiti in modi buffi a Van Cortlandt Park, nel Bronx (tutti i luoghi del film sono reali). È il 1979, Rudy Giuliani non aveva ancora passato lo straccio sulla città e New York era un posto molto più pericoloso di adesso. Il capoccia dei capoccia delle bande newyorkesi, Cyrus, ha convocato una rappresentanza di cento fra le gang cittadine, e la pula, invece di arrivare lì e rimandare tutti a casa per manifestazione non autorizzata, sta da un’altra parte a mangiare ciambelle*.
Cyrus, uno un po’ predicatore battista con i capelli di James Brown e una canna pazzesca che lo sentono da una parte all’altra del parco, propone una tregua fra le gang per prendersi la città tutti insieme. Nessuno ammazza più nessun altro.
Prima che si alzino il Freddo e il Libano a dirgli “Che ce stai a rubba’ l’idea?”, arriva uno e gli spara, e poi scarica la colpa sui Warriors, una gang di Coney Island. Nel casino che segue, gli otto Warriors superstiti – Swan, Ajax, Vermin, Cochise, Rembrandt, Cowboy e Fox – devono tornare a Coney Island senza farsi ammazzare dalle altre gang.
Vi agevolo, a questo punto, una mappa dei quartieri di New York. Il Bronx lo vedete chiaramente segnato in alto. Coney Island, come molti sapranno, è il numero tredici nel punto più basso della città. Adesso, nel 2012, sono trenta chilometri di autostrada.

Invece di smezzarsi un taxi, i nove guerrieri decidono di farsi tutta New York in metropolitana, scappando e menando, menando e scappando, e facendo anche una bella quota di cazzate. E quasi tutte le cazzate – a parte il fatto di essere usciti di casa senza manco du’ scudi per un taxi* – hanno a che vedere con una o più donne. Le donne, in The Warriors, esistono solo come rappresentazione del pericolo. Per un guerriero, la donna è sempre un problema. A cominciare da Mercy, una che compare a fomentare una rissa fra gli Orphans e i Warriors e finisce per aggregarsi ai Warriors correndo in giro per New York sui tacchi, essenzialmente perché ne vuole dal loro capo, Swan. Mercy è figa in modo molto seventies, e Swan la disprezza, dandole più o meno della mignotta. Chissà che dopobarba usa, visto che lei continua a seguirlo tipo barboncino fino al traguardo, perché un uomo braccato da mezza città e che ti tratta a pesci in faccia è irrinunciabile, savasandìr*.

Le Lizzies

La posizione di Swan rispetto alla femmina è la sua salvezza. Come si diceva, tutte le femmine di The Warriors nascondono delle trappole: a cominciare dalla speaker radiofonica che traccia i movimenti dei fuggiaschi e incita gli altri a farli secchi, passando le Lizzies (Lizzies, Lezzies, ha ha ha) gang di sole femmine che a momenti fanno il cappotto di legno a Vermin, Cochise e Rembrandt dopo averli sedotti con la promessa di un po’ di gnocca gratis, fino alla signora sola su una panchina a Riverside Park con cui Ajax ha la brillante idea di cercare di intrattenersi un po’ a forza, e che risulta essere una poliziotta in borghese che lo ammanetta a una panchina. (La poliziotta, per inciso, è Mercedes Ruehl.) Nell’ottica da videogioco del film, respingere le avance di Mercy è l’unica tattica vincente per Swan: il sesso, per un uomo, è pericolo.

Comunque niente, il film è così: ci sono nove tizi con delle collane etniche e dei gilet discutibili che fanno a botte di stazione in stazione con degli altri tizi vestiti in maniere altrettanto discutibili (fra tutti, il premio per la mise più idiota lo vincono i Baseball Furies di Riverside Park, catalogabile alle voce “Danni dei Kiss”). Dialoghi appena al di sopra del grugnito (“You warriors are good.” “The best.” No, ma le scintille, dico). Finisce sulla spiaggia, all’alba. E la speaker se la cava con un “Ok, abbiamo scherzato”.

*Immagino.

The best

Giulia Blasi è l’autrice di Me parlare donna un giorno, Nudo d’uomo con calzino (Einaudi Stile Libero, 2009) e Il mondo prima che arrivassi tu (Mondadori Shout, 2010). Gli unici film di menare che guarda davvero volentieri sono quelli di Tarantino. Le rom-com, in media, la fanno vomitare.

Tags: , , , , , , , , , , ,

112 Commenti

  1. userisdead

    esigo una controrecensione, maschile e cazzuta. grazie. e i peggio vestiti sono gli Orphans, cazzo.

  2. @Harry Piotta: Grazie amico, anche per la vecchia zitella. Vecchia Zitella fa buon brodo.

    @Schiaffi: So che è passato ormai l’effetto sorpresa e ti sei già sfogato a sufficienza su di me ma non è che potresti tirare fuori qualche altro riferimento a muzzo sui mali della società anche con Giulia? Dài, so che il politicamente corretto non è cosa tua ma per parcondicio devi accendere un flame per tutte. Dài Schiaffi, ce la puoi fare. Tira fuori qualche altro razzismo dalla tua tasca. E poi alla fine dei conti il mio pezzo ti è piaciuto e questa cosa ha gonfiato il mio ego tantissimo al punto che adesso, oltre a Eva3000, mi sono abbonata anche all’Internazionale. Sai mai che finissi gli argomenti sul Grande Fratello.

    @Gigos: Apprezzo che apprezzi lo sforzo.

    Detto questo, s’è appurato che la Mari è stata il pelo di figa che ha tirato il carro di buoi della redazione. Bene, io scrivo e lei rimorchia.
    Mari, mi devi una cena.

  3. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    Capo posso dire che il fanboismo benaltrista che sta imperando nei commenti mi ha ampiamente rotto il cazzo?

  4. Phoenix

    Brutta sta rece. E poi le donne sono pericolo. Come tutto il resto :) Nanni basta mettere le donne a fare recensioni in cambio di favori sessuali. Un pò di rispetto per i tuoi lettori :P

  5. Gaunt Noir

    Eheh la rece m’è piaciucchiata sarcastica nella sua sintesi :D
    Ma ho gradito di più il pezzo su S.Valentino nel suo blog, mi son fatto una risata in ufficio che sto a rischio licenziamento XD

  6. @Nanni:
    hey Marion, per il prossimo anno puoi far recensire “BLOW” a Don Ciotti…. Oppure aprire una sezione rece videogiochi…….
    Mi viene da “tirare la sedia”…..

  7. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @Zitella: Cena insieme?

  8. mari (

    quando finite passereste a prendermi che sarei ancora al binario, io…?
    7
    il 7

  9. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @mari: seeee il binario sette…

  10. mari

    @Miike: ma guarda che io ti aspettavo.
    mi canticchiavo le Salt n Pepa “you so crazy, i think i wanna have your baby”

  11. umbem

    passate ormai delle ore, Miike passeggia lungo la banchina canticchiando con voce baritonale alla Cash “but the likeeeee ooold sun, has nothing to doooo, but rooools ‘round heaven, all daaaaayyyyy”

  12. Capito? Prima mi scarichi dicendo «no devo studiare», poi vengo a sapere che sei uscita con Miike, e allora che ti devo dire? Credi che sia un problema per me accettare che hai una storia, un uomo, vedi qualcuno? Poi lo scarichi pure, il povero Miike, e ora gli fa le moine fingendoti vittima. AH! Femmina mendace.

  13. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    Qui si canticchia troppo…

  14. a “riferimento a muzzo” di zitella sono saltato in piedi facendo una ola interiore che sapeva di pane con le panelle e patate vugghiute.

    grazie.

  15. mari

    @Stanlio: oh sentite, almeno venite a prendermi, ché stamattina un clochard mi ha gettato due euro… in faccia!

  16. avenging abraxas

    ribadisco la mia ferma adesione al pensiero schiaffiano

  17. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @mari: vedi ch già ti rivolgi a stanlio…? fedifraga.

  18. umbem

    @ Miike: guarda che ci fai un figurone, sfoggiando un’estensione da Cash a Daltrey e tutto il dolore che un uomo può sopportare

  19. @Miike: Scusa prima ti lamenti delle boiate e del fanboismo dei commenti e poi ti accodi?
    E poi a me piace Umbem, o era Stanlio. Oddio, faccio confusione, non mi capacito di questa overdose di eterosessualità, sul mio blog non ne capitano mai.

  20. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @La Zitella: Mai lamentato delle boiate… adoro le boiate. Ma quindi niente? 2 DI PICCHE?

  21. @La Zitella: Stanlio piace a tutti ma non se lo piglia nessuno. Vedi tu se ti piace il genere.
    Però mi accodo a Miike e dico che non ho capito cosa c’entri fare gli scemi con il prendersela con il fanboyismo. Fare gli scemi = gùd. Fanboyismo benaltrista (definizione del giorno, btw) = bèd.

  22. @Miike: Domani è San Valentino, non è il caso di fare la cagacazzi. Dài, si va a cena. Ma niente limone sul portone, te ne prego. Almeno una panchina.

  23. umbem

    cazzo sono quattro giorni che sudo a dire le peggio fregnacce, finalmente una (per errore) mezza considerazione da Zitella. stavo ormai valutando di fare un video dove cammino sulle mani urlando “guardami! guardami!”

  24. mari

    fate pure con calma.
    io mi siedo qui.
    fra cartoni e lattine di coca.
    toh, guarda, un Eva3000 del ’97, annata ghiottissima!

  25. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @La Zitella: patisco il freddo, ti posso invitare a vedere la mia collezione di Cronaca Vera

  26. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @Mari: ah! attenta! non farti traviare dal retrogusto di mandorla

  27. Gigos (fanbase molliccia e appiccicosa)

    @ Miike
    La citazione di Rat-man/Venerdì12 “la mummia” me la sono immaginata io?

  28. @Schiaffi che dice “Molto meglio gli speciali dell’anno scorso scritti a mio avviso da gente piu’ competente, spontanea e divertente.” GRAZIE AL CAZZO, eravamo NOI!
    @Nanni: oh capo, lascia stare trame e orditi ché tanto di queste qua non te la dà nessuna, ma parliamo di cose serie: i lettori non hanno capito un cazzo dello speciale di quest’anno. Sono sconvolta.

  29. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @Gigos: You’re my number one guy

  30. @cicciolina: ma in realta’ ne sono totalmente fuori, che tanto io sto gia’ con una di quinta. Stavo si’ e no valutando se fosse il caso di assumere solo eunuchi al prossimo giro, per sicurezza…

  31. Gigos (fanbase molliccia e appiccicosa)

    Cioè, ma sei troppo un grande! Citazione multipla con Ortolani carpiato! C’è in mezzo il due di picche eterno di Venerdì12, la coprofagia (che velatamente attribuisci all’odiata fedifraga) e l’annata del ’97!

    mari, a ‘sto punto puoi anche tornare a casa col 27A (sempre se abiti verso Castelmaggiore).

  32. Bongiorno Miike (nerd mode: ON)

    @Mari: se stai vicino a Castelmaggiore pigliamo il bus insieme che io abito in Bolognina e il 27 mi porta davanti a casa.

    @Gigos: no la coprofagia no. Anche perché a me Eva3000 piace

  33. Schiaffi

    @Cicciolina
    Lo SO chi ha scritto gli speciali dell’anno scorso carissima, lo SO. Appunto.
    Come al solito apprezzavo il vostro operato e mi sembrava abbastanza chiaro.

    Dopo la rece della wannabe devil wears prada, oggi il riassunto della versione woman di fabio volo.
    Piu’ che non aver capito il senso, sto speciale è chiaramente un buco nell’acqua.

  34. Gigos (fanbase molliccia e appiccicosa)

    Io mi sto divertendo.

  35. @Cicciolina:

    il fatto che nessuno abbia capito un cazzo e tutti siano finiti a parlare di figa, videogiochi e canticchiare ti dice qualcosa?

    Se poi aggiungi che persino Schiaffi è più “educato” del solito.

    “Siete fighissimi, ma non così fighissimi”.

  36. @Schiaffi: mah, a giudicare dal numero dei commenti non direi. E poi, te lo dico in confidenza, io una roba come l’anno scorso non l’avrei retta più. Ti giuro che è stata una tortura cinese, ci hai mai provato tu a guardare una di quelle robe dall’inizio alla fine? Però almeno sia io sia gli altri redattori abbiamo dimostrato grande forza interiore, spirito di sacrificio, autoironia pericolosamente sfociante nel masochismo. Sei d’accordo? Ecco. Le ragassuole di quest’anno, dal loro punto di vista che è opposto al nostro, stanno facendo lo stesso. Respect!

  37. umbem

    ehi ehi, mi son perso la citazione di Venerdì 12!

  38. Cicciolina dice il giusto.
    Non è che se compare una cosa diversa dalle nostre rece allora sia merda a prescindere. E quello che le due ragassuole (cit.) hanno scritto sono due bei pezzi, anche se non vengono da un autore a cui siete tanto affezionati. Non capisco il dramma.

  39. @Stanlio: [cuoricino]

  40. umbem

    successe pure a Dylan quando fece Like a Rolling Stone, se può consolare

  41. mari

    poi l’hanno fatta anche la Consoli e i Negrita. come dire: poteva andare peggio…
    (pagina 15 di eva3000)

  42. Schiaffi

    @Cicciolina
    Francamente se sui 400 ho letto recensioni come quella di bride wars è soltanto per la solita bravura con cui scrivete ogni pezzo e su questo non ci piove. Si, molto meglio l’altro speciale. Sicuramente divertiva.

    Leggermi nel 2012 il riassunto di The Warriors con la pretesa di voler fare la simpatica a tutti costi lo trovo inutile e triste per ogni lettore medio di questo sito.
    Se voglio leggere le solite recensioncine insipide infarcite di freddure da classica donnina media, vado su alfemminile.it, non vengo sui 400K.

    Il rispetto da parte mia solo per chi se lo merita, non per chi pensa gli/le sia dovuto soltanto perchè scrive bene-scrive libri-scrive su blog e paraculate varie.

  43. Io continuo a pensare che tutto questo cianciare di san valentino abbia intenerito Schiaffi.

  44. @ Nanni
    Ci hai chiuso me nello stanzino! Disgraziato!
    Però tipo come in “Essere John Malkovich” vagando nello stanzino di casa Cobretti ho trovato un varco e mi sono ritrovato nella testa di Mickey Rourke, dalla quale vi scrivo.
    E adesso sono ubriaco e impizzato alle 15 del pomeriggio e mi sto per fare del botox come digestivo.
    Appena mi riprendo esco dallo stanzino e facciamo a botte.

  45. @darth: chi c’era con te? Non mi dire che mi sono confuso di nuovo perche’ hai i capelli lunghi…

  46. Gigos (fanbase molliccia e appiccicosa)

    Che poi siete stati anche buoni, a pensarci: a loro avete dato dei classici del genere film di menare.
    L’hanno scorso invece voi vi siete sparati certe robe che magari anche le appassionate della commedie coi Rom non considerano un granché, e non dei classici del genere tipo, chessò, Harry ti presento Sally.

  47. @Nanni

    C’era David Coverdale, ha detto che non viene più alla Cobretti Mansion, che era più tranquilla la vita in tour coi Whitesnake che a prendere un thè da te.

  48. Mario Elizabeth Marcantonio

    Premesso che
    -The Warriors è un archetipo
    -con gli archetipi non si gioca

    devo dire la lettura del film fatta da un soggetto non abituale fruitore di film di botte, e anzi a essi forse ostile, ha divertito!
    Un pò è come se nella querelle astrattisti-figurativi fine anni ’40 avessi fatto vedere un Pollock a un figurativo per vedere come reagiva e farsi quattro risate.

  49. ilaria

    eh no scusate, non ci sto. sono donna e The Warriors è un FILMONE, un grande classico, anche per me. Altro che sospiri&languori di Camera con vista, non ce n’è.

  50. @ Mario Elizabet Mastrantonio
    Vinci un thè alla Cobretti Mansion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *