Crea sito

Speciale S.Valentino: Rambo 2 – La vendetta

…e come tutte le trilogie che si rispettano, anche la Trilogia della Vendetta dei 400 Calci ha un terzo capitolo.
In redazione ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti: “Ok, su chi scateneremo la nostra sadica rabbia dei giusti?”
La risposta è stata quasi scontata.
Chi è più adatta a concludere questa tre giorni di battaglia dei sessi dell’autrice/sceneggiatrice di
Maschi contro Femmine e Femmine contro Maschi?
Sopravviverà la responsabile di
La Ballata delle Prugne Secche davanti a uno Sly periodo DOC?
Quale vendetta più consona di farle vedere un film con la parola “vendetta” nel titolo?
Con la silenziosa complicità del marito, abbiamo torturato per voi Pulsatilla.
Ecco il risultato:

È il 14 febbraio. Le congiunture astrali non incoraggiano certo le grandi scopate (Mercurio in Pesci congiunto a Nettuno in Pesci, non so se mi spiego). In più:
1. Non abbiamo una lira per andare al ristorante, abbiamo deciso che guarderemo un film;
2. Mio marito è stanco di scendere dal letto e scivolare su dvd con Jennifer Aniston e Shirley Maclaine, o di subire i miei virgolettati di Meryl Streep, o di vedermi incollata allo schermo ogni volta che passano Pretty Woman su Canale 5 (sempre, cioè);
3. Ho qualche marachella nel cuore da farmi perdonare, e d’altra parte lui non è che mi sta chiedendo niente di trascendentale;
4. O come direbbe Meryl Streep nel Diavolo Veste Prada, «Am I reaching for the stars here? Not really».
Ergo, gli lascio, per una volta, decidere il film da noleggiare.
Ma mai avrei creduto che sarebbe caduto così in basso, scegliendo…

NUN ROMPETE IR CAZZO A RAMBO 2

Degli uomini sudati picconano delle pietre. Sono ai lavori forzati. A sorvegliarli c’è un poliziotto con l’aria da cattivone e gli occhiali a specchio azzurrati. Basta già il primo piano dello sbirro per capire dove siamo: in America, negli anni Ottanta, nel periodo reaganiano.
Ma il film comincia davvero solo alcuni secondi dopo, con l’entrata in scena dell’eroe: ha un sacco di muscoli e la faccia da ferro da stiro: è Rambo!
Il colonnello lo chiama.
– C’è una missione ad alto rischio. Si tratta di tornare in Vietnam per recuperare i soldati americani che sono rimasti prigionieri. Serve un uomo che possa farlo.
– Umph. Ptù. [sputa]
– Te la senti? Guarda che puoi lasciarci la pelle.
– Umph. Ok.
Una persona normale ci metterebbe molto più tempo a scegliere un paio di scarpe in saldo. Ma lui non fa testo: perché lui è…

[titoli di testa di RAMBO 2]

Un elicottero solca i cieli d’America, e naturalmente, potendo scegliere una fascia oraria a piacere nell’arco delle ventiquattro ore a disposizione, li solca al tramonto! A bordo c’è Rambo!

Rambo arriva in Thailandia per l’addestramento psicologico! Viene condotto in una stanza che sembra l’interno della navicella di Star Trek, perché l’America ha la tecnologia, mica pizza e mandolino!
Un tizio (da qui in poi, il Tizio) legge ad alta voce il curriculum di Rambo: è sconvolgente! Ma Rambo non cede a facili lusinghe, e mantiene la faccia di prima!
L’addestramento psicologico dura quattro minuti (il tempo di ribadire che Rambo ci potrebbe lasciare la pelle, laggiù in Vietnam; e il tempo di dire due o tre volte «affermativo»), dopodiché Rambo torna sull’elicottero! Benzina sprecata a fiumi, ma tanto l’America ne ha!

Su sottofondo di musica epica a base di trombe e violini, Rambo deve paracadutarsi in Vietnam!
Ma neanche ha messo il piede sul predellino, e già cominciano i cazzi! Il suo zainetto di equipaggiamento si incaglia in non-so-cosa! Rambo sembra spacciato! Ma ce la fa! Atterra proprio in Vietnam, nel cuore della jungla! Solo che l’equipaggiamento è perduto, quindi non ha più ricetrasmittente né armi!
Appena atterra, Rambo ha una fascetta legata intorno alla fronte, che prima non aveva! Ha perso l’equipaggiamento ma non l’originale fascetta! Quella la porta sempre in tasca, sai mai!
La prima cosa che vede in Vietnam, è un serpente velenosissimo! Ma lui lo afferra a mani nude e lo torce nel suo pugno!
La seconda cosa che vede in Vietnam, è una fregna micidiale! Ha gli occhi a mandorla blu e un fisico da pauèra! È l’agente segreto che lo affiancherà nella missione, quando si dice che la fortuna gira!
Ovviamente Rambo parla fluentemente vietnamita! Ma dopo essersi scambiati alcuni ideogrammi di circostanza, scopriamo che non ce n’era bisogno, perché lei parla inglese!

La fregna (da qui in poi, La Flegna) lo porta dentro una nave di pirati corrotti! Purtroppo bisogna scendere a patti con questi ceffi per procedere con la missione! Guardali, sono rozzi! Fumano digrignando i denti! Bevono un sacco! Sono proprio degli sporchi vietnamiti! Hanno anche della roba scritta in cirillico nella cassapanca! Roba russa! Ptù! [sputa]

Rambo e La Flegna

Sul battello Rambo e La Flegna parlano di cose intime! Lei vorrebbe tanto trasferirsi in America! D’altra parte, quale vietnamita non vorrebbe! Rambo dice che l’America sarebbe bella se non facesse la guerra ai reduci del Vietnam! E invece la fa! Che stronzi! Però bella uguale!
Poi Rambo chiede alla Flegna cos’è quel ciondolo che ha al collo! Tipico dei soldati senza cuore, interessarsi di monili e pietre dure! Lei gli spiega che è un portafortuna molto speciale! Gliel’ha dato il padre in punto di morte! Vedessi mai una che dice «Me l’ha regalato mia zia a Natale, fa schifo al cazzo»! No, non può succedere, perché lui è Rambo e lei è la Flegna di Rambo!

Dopo pochi minuti sono già arrivati al campo dove sono imprigionati i soldati americani! D’altra parte si sa, il bello del Vietnam è che è un fazzoletto di terra grande quanto il lago di Bracciano, è per questo che si muovono tutti in bicicletta! Ci sono dei soldati vietnamiti dall’aria disgustosa! Con i capelli unti e senza denti! Arriva una ragazza in bicicletta, giustappunto! La Flegna ci spiega che è una prostituta arrivata dal paese su chiamata! I soldati la fanno entrare con la lingua fra i denti! Sbavano! Si smovimentano il pacco con la mano! Si danno di gomito con complicità! Musi gialli puttanieri! Nessun rispetto per le donne! Roba che se la vedesse Sarah Palin!
Rambo e la Flegna approfittano del fatto che i viet-cong stanno chiavando la puttana per intrufolarsi nel campo! Azz, c’è del filo spinato! Ma qui c’è Rambo! Lo spezza a mani nude! Musi gialli, neanche buoni a fare le recinzioni! Pfui! Non si capisce come abbiano potuto vincere la guerra!
Rambo striscia sui gomiti! La tipica strisciata alla Rambo! Sente i gemiti dell’amplesso, ma Rambo non cede alla libido, non è mica venuto fin qui a farsi le seghe! Ignora una tarantola velenosa che gli vuole salire sul collo, e in men che non si dica arriva alla cella dove sono incatenati gli Americani agonizzanti! Roba da pazzi, guarda come li tengono! Senza acqua, senza luce, mangiati dai topi! Sembra un ospedale psichiatrico giudiziario del Sud Italia! Solo che questi sono dei valorosi soldati americani, scusatemi se è poco!
Un soldato vietnamita ha sentito frusciare le fresche frasche! Coraggio, scappiamo!
Ma prima liberiamo un soldato a caso (da qui in poi, il Soldato)!
Ma aspetta, Rambo ha delle frecce e un arco! Le porta sempre in tasca insieme alla fascetta anti-sudore, non si sa mai! Comincia a scoccare dardi come un dannato! Li uccide tutti! Ma proprio tutti! La puttana la risparmia, perché la donna non si tocca neanche con un fiore, anche se fa il mestiere!
E fa tutto questo eccidio bisbigliando anatemi in vietnamita!
La Flegna lo guarda, è già cotta di lui!

Rambo e il suo separabile arco

Ma ecco che Rambo, La Flegna e il Soldato liberato cadono in una tagliola! I pirati li hanno venduti! Ma Rambo ha il tempismo di tirare fuori una lametta (chi uscirebbe di casa con arco, frecce e fascetta anti-sudore, senza portarsi la lametta? Uno stolto, non certo Rambo!) e fargliela pagare! Li fa fuori tutti! Cazzotti alla Bud Spencer e Terence Hill che volano! Poi prende dei missili dal baule russo e bombarda una nave di musi gialli in avvicinamento! E questo per dirvi cosa ne pensa Rambo della Perestrojka! Rambo, ne sai un milione! Pazzesco! D’altra parte, lui è Rambo! Mica cotica!

Adesso tutto il Vietnam è sulle tracce di Rambo! Centinaia e centianaia di vietnamiti del cazzo piombano nella jungla dai quattro angoli per farlo fuori! La voce si è sparsa! Quando il paese è piccolo, la gente mormora! I tre corrono a rotta di collo! Rambo scarica La Flegna, teme che possa farsi ammazzare! Nel suo inglese incerto lei gli tartaglia «Better I stay to the end» e lui, leggendario, «This is the end!».

Mortai espolodono inutilmente in mezzo alle risaie! Proiettili sparati a cazzo! Ne azzeccassero una, questi centomila vietnamiti! Rambo e il Soldato scalano una roccia scoscesa! Al ralenty! Ovviamente è Rambo che lo aiuta! Rambo trascina il Soldato per il polso in mezzo alle esplosioni! Che insomma, a dirla tutta forse il Soldato stava meglio prima, al campo con i suoi amici! Però vuoi mettere! In gita con Rambo!

In gita con Rambo

Arrivano i Nostri! Il colonnello americano e gli altri! A bordo dell’elicottero! Yuppidù! Stanno per lanciare la scaletta a Rambo ma proprio in quel momento telefona il Tizio dalla navicella di Star Trek per dire al colonnello di tornare indietro! Mentre le pale dell’elicottero girano vorticosamente e Rambo suda freddo scopriamo che era tutta un’operazione di facciata! L’America non può salvare i prigionieri, questo comprometterebbe i rapporti con il Senato! Colpo di scena! Era tutta una pupazzata! L’elicottero fa dietro front, gli ordini sono ordini! Rambo resta lì come un allocco! Rambo non ci può credere! Fare questo a Rambo!
Il momento è topico e arrivano quei bastardi dei Russi! E mo’ so cacchi amari!

Rambo appeso per le manette e immerso in un liquame! Prigioniero dei Russi! Che onta!
Il Capo dei Russi lo minaccia col coltello! Poi gli fa il terzo grado! E Rambo risponde «Fuck you!» Rambo, questo è parlare!
Allora lo torturano con le scosse elettriche! Per dire come la Russia è tecnologicamente arretrata rispetto all’America! Rambo si contorce ma resiste! Per la Patria! Anche se la Patria lo ha appena abbandonato! Allora il Capo dei Russi gli dà scariche elettriche più forti! Sempre più forti! Rambo non dice né a né bi! Si dimena mostrando il bicipite unto di sudore! Porgi l’altra guancia, Rambo!
Arriva la Flegna in bicicletta! Si è infliltrata sotto le mentite spoglie di prostituta! Se questo non è amore!
Rambo si libera perché gli idioti si sono dimenticati di legargli le mani! Vedi cosa non succede a bere troppa vodka!
Rambo salta! Colpisce! Spara! Spacca!
Anche la Flegna imbraccia il mitra con padronanza! Che non si dica che ha fatto carriera solo perché è sorca!
Scappano! Lui si orienta perfettamente nella jungla!
Rifiatano in riva a un fiume! Lei ha il rimmel a lunga tenuta, guarda che occhi! E guarda lui, che faccia irresistibile! Si baciano!
Ma passa un battello che spara! Lei schiatta tra le sue braccia! «Rambo, non ti dimenticare di me!». Prima di esalare l’ultimo respiro gli lascia il portafortuna, come fece suo padre con lei! Ma Rambo, rifletti un attimo! Il padre è stato ammazzato! Lei è stata ammazzata! Fai due più due!
Vabè, dai, mettitelo! A te porterà fortuna!
E mo’ so’ cazzi de tutti! Rambo ha messo il talismano di lei! Se lo stringe al collo come la fascetta! Virilmente!
Rambo è incazzatissimo, si vendica con una sventagliata di mitra! Il battello a remi è ancora lì, arranca come le barchette di Villa Borghese! D’altra parte, quando noi inventavamo il motore a benzina voi eravate ancora qui a ballare con gonnellini fatti di bucce di mango!

Rambo in trappola

Arrivano i Russi, a frotte! Sulle camionette! Si sparpagliano nella jungla! Panico nelle risaie! Ma non sanno contro chi si sono messi! Contro Rambo! Che tra l’altro non mangia niente da prima della Thailandia!
Rambo vede un pollo, lo sgozza e invece di mangiarselo lascia delle tracce di sangue per far cadere i russi in un’imboscata! Quando questi duecento ubriaconi sono in mezzo al canneto lui gli lancia le frecce esplosive! Ha fatto fuori un intero esercito con un pollo! È riuscito, da solo, a distruggere tutto il Vietnam in mezza giornata! Potrebbe anche essere processato per crimini contro l’umanità! No, dai, Rambo, scherzo!

Strano il Vietnam, giri l’angolo e c’è un’enorme cascata! A dominare le rapide dall’alto, a bordo di un elicottero, c’è il Capo dei Russi che gli lancia una bomba! Ma lui si tuffa in mare mentre le cascate prendono fuoco! E quando lo freghi Rambo!
I Russi sparano nell’acqua ma Rambo schiva i proiettili! Sale sull’elicottero, scaraventa i Russi in mare e si mette alla guida! È come un videogame, cominci la partita con due lamette e torni indietro con un elicottero! È passato di quadro!
Spinge i bottoni dell’elicottero russo e distrugge un villaggio! Atterra nel campo di prigionia! Libera i compagni! Ariecco il poveraccio di prima, il Soldato! Viè qua, chi dorme non piglia pesci! Salite tutti a bordo! In gita con Rambo! ll Soldato non ci può credere! Si tocca i coglioni! Dice guarda se nun se schiantamo!

(poi, senza che me ne rendessi conto, mi sono eclissata per venti minuti pensando ai fatti miei)

Rambo sembra morto! No, fa finta! Prende il bazooka e fa saltare in aria l’elicottero!
Tornano alla base sani e salvi!
Rambo minaccia il Tizio! Mai più fare questo a Rambo!

[titoli di coda di RAMBO 2]
[su una canzone di Frank Stallone]

Rambo 2: la rom-com

Foggiana espatriata, Pulsatilla raggiunge clara fama tra il 2003 e il 2010, con un blog oggi defunto. Nel 2006 debutta su carta con La Ballata delle Prugne Secche e scala le classifiche. Nel 2008 pubblica per Bompiani i meno fortunati Giulietta Squeenz e Quest’anno ti ha detto male. Collabora finalmente a un’antologia seria: Amore Caro. A doppio filo con persone fragili, curata da Clara Sereni. Scrive con Fausto Brizzi i film campioni d’incassi Maschi Contro Femmine e Femmine Contro Maschi, e scrive per Mondadori l’omonimo libro. Ne sta ultimando altri tre: un diario di viaggio, un romanzo e una graphic novel. Per colpa di Nanni Cobretti, ora ha in casa il dvd di Rambo 2.

Tags: , , , ,

123 Commenti

  1. @magdalena: vuoi dirmi che ti eri persa lo Speciale dell’anno scorso?

  2. No no, assolutamente Nanni.
    L’ho letto eccome (troppo in ritardo per commentare, sono arrivata dopo), però mi era piaciuto.

    Il pezzo su Love Actually fatto a pezzi sopra ogni cosa, Bride Wars è una roba talmente fuori dal mondo che si fagocita da solo, praticamente.

    Poi non so perché continuate a massacrarmi i Queen e Corto Circuito (che io ho rivisto un mese fa praticamente, per la duemillesima volta) ma cercherò di volervi bene lo stesso.

  3. Eh? Qua a Corto Circuito gli si vuole bene. Di musica non parlo che se no litigo con Stanlio.

  4. Stanlio Kubrick

    Capo, ho dei gusti di merda. Sono comunque un bravo ragazzo, lo sai.

  5. BellaZio

    @Stanlio
    100 per 100 con te: i Queen fanno merda!!! Probabilmente una delle band più sopravvalutate della storia. Corto Circuito è una pietra miliare invece. Anche il 2 dove l’indiano è protagonista.

  6. Pulsatilla

    @ Magdalene

    A me fanno orrore i punti esclamativi, ma è esattamente quello che mi è sembrato Rambo 2: una sequela insostenibile di punti esclamativi.

    Lo Speciale San Valentino dell’anno scorso era un discreto spasso.

    @ Magdalene e ad altri

    Per il resto, sono onorata di fungere da punching-ball, ma io questa cosa della sceneggiatrice cool che fa un sacco di soldi non l’ho scritta. Mi sarò espressa male, nel qual caso faccio ammenda. Ho detto che Brizzi ha ideato un concept che stravende, e guarda caso è un uomo: se i committenti, i registi, i promotori di questi prodotti che disprezzate sono uomini, mi sembra quanto meno iniquo lamentarsene con le donne. Questo dicevo. Dunque, se uno è la mente, e l’altra il braccio, non vedo perché i 400 calci in culo me li devo prendere tutti io: famo 200 e 200.

    Quanto al sentirsi cool, personalmente mi sento cool quando scrivo qualcosa di bello, e raramente questo coincide con l’incassare un assegno. Quindi quando parlo di «legge di mercato» sto parlando di una cosa che penalizza anche me. Tuttavia, la legge di mercato esiste; e anche se non mi genufletto al suo passaggio, purtroppo anch’io, come voi, devo comprare il prosciutto. In ogni caso, non mi vergogno di quello che faccio: i film di Brizzi, specie alcuni, non sono male. Sempre e comunque meglio di Rambo.

    Ancora buon San Valentino, neh.

  7. BellaZio

    @Pulsatilla:

    “A me fanno orrore i punti esclamativi, ma è esattamente quello che mi è sembrato Rambo 2: una sequela insostenibile di punti esclamativi”.

    Qui, nel bene o nel male, bisogna darti ragione. Effettivamente a me piace proprio per quello Rambo 2 (cioè, oggettivamente, se quel primo piano dell’avambraccio che si gonfia non è un punto esclamativo non saprei come chiamarlo).
    Io non ho nulla contro i punti esclamativi, non capisco tutto questo odio, specialmente in un mondo in cui chi scrive fa le faccette con le parentesi e i puntini ogni tre parole. Cosa vi ha fatto il povero, vecchio e caro punto esclamativo? Guardate come è bello: !
    Ti dico, se avessi scritto più cose tipo questa nella recensione l’avrei apprezzata di più, non mi è piaciuta perchè fondamentalmente hai solo deriso il film scena per scena (il che è legittimo: a me piace però capisco che possa essere un film ampiamente risibile). Perciò non mi sento di chiamarla “recensione”. Le altre 2 erano più a fuoco.

  8. @Pulsatilla: avevo capito il senso, ma se io dovessi recensire (nome a caso di roba bimbominkia che non ho voglia di sentir crollare torri di fanz dalle nuvole) e mettessi duecentomila “k” e tutte abbreviazioni sms, non è che potrei aspettarmi che gente che non è della suddetta categoria lo legga.
    Lo dico a BellaZio: non sto paragonando il bellissimo e filiforme punto esclamativo alle abbreviazioni sms, sto dicendo che lo trovo illeggibile buttato a mitraglia. Un po’ meno avrebbe reso l’effetto senza farsi sentire in asfissia. Del resto, non penso leggeresti le recensioni se avessero faccine ogni tre parole, e hai ammesso tu stesso di essere arrivato in fondo a fatica (eri ironico? eri serio? Non lo so, sono troppo cotta dalla febbre per pensarci).

    Beh sceneggiatrice di successo è un semplice dato di fatto, se il film ha fatto i numeri che dici. Ricca o brava, però, non ce li ho scritti, pertanto mi baso semplicemente sul dato numerico, com’è giusto che sia.
    Poi con chi ci dobbiamo lamentare? La biografia là in alto dice questo, siccome qui non hanno scritto gli altri ma hai scritto tu, pace, dovrò dirlo a te. Se non lo volessi nelle credenziali, suppongo non ci sarebbe il trafiletto (o Nanni l’ha scritto a tradimento? Potrebbe essere, I don’t know).

    Boh, seriously?
    Non è che mi va di entrare nella tua vita privata e nei modi in cui sbarchi il lunario e arrotondi a fine mese, hai detto che alla fine per te non sono il male, direi a posto così.

    @BellaZio: “Qui, nel bene o nel male, bisogna darti ragione.”
    Ma anche no.

  9. BellaZio

    @magdalena:
    ti dirò la verità solo perchè sei malata: in fondo alla recensione proprio non ci sono arrivato.
    Dico che è ragionevole definire un film come Rambo 2 pieno di punti esclamativi, per me è un ottima cosa. Del resto definirei anche Maschi vs Femmine (se lo avessi visto) pieno di punti esclamativi per motivi opposti e in accezione negativa. Per questo dico “nel bene o nel male”, però, con rilettura attenta, c’è quell’aggettivo “insostenibile” che mi fa dire che non ha ragione per questioni di gusto.
    Poi devo dire che non mi è piaciuto il finale “sempre e comunque meglio di Rambo”. Troppo assolutista.
    Confessioni: io fino a ieri credevo che il Brizzi dei film fosse lo stesso Brizzi dei libri e già lo odiavo per due motivi. Ora ho capito che odio due persone diverse per diversi motivi. Sylvester invece lo amerò sempre. Soprattutto a San Valentino!

  10. Oboewithashotgun

    Il problema di questa recensione, al contrario delle altre due, non è che sia scritta da persone che appartengono a punti di vista esterni a questo mondo – cosa che trovo invece molto interessante- ma che secondo me è scritta male (volevo dire oggettivamente, ma forse è eccessivo). Più volte in questo sito si sono lette recensioni strepitose di film orribili che probabilmente non vedrò mai (la maggior parte di quelle di Miike) e di cui non ricordo neanche il titolo; si tratta di dimostrazioni di bravura che mi hanno fatto affezionare a questo sito. Se voglio leggere la sinossi dei film leggo l’ultima pagina de La Stampa insomma. Non voglio dire che il contenuto, ovvero i film, non siano importanti, ma che lo stile delle recensioni è il tratto distintivo dei 400 Calci e queste recensioni non sono state del tutto all’altezza.
    Detto questo, viva tutti, volemose bene.

  11. Schiaffi

    “i film di Brizzi, specie alcuni, non sono male. Sempre e comunque meglio di Rambo.”

    Mh si, bene, fammi dire sta cosa allora và, innanzitutto:

    1-sto brizzi non so nemmeno chi sia
    2-non so se fa film di merda o scrive cazzate pressapochiste
    3-se insieme collaborate per vendere le vostre minchiate pianificate a tavolino nello scantinato buio del vostro marketing department, sicuramente è un altro individuo amaro senza talento che fa soldi sul popolo bue e ignorante.
    4-di conseguenza lo reputo una merda e le sue produzioni amare non le cago di striscio.

    Concluso il compitino che qualcuno sciaguratamente ti ha richiesto, basta, non ci serve altro, questo ultimo disperato tentativo di trollata è di un’amarezza senza uguali su queste pagine.
    Rimane un dato di fatto che Rambo rimane un’icona e lo rimarrà per molto tempo, il tuo brizzino chi è?
    fabio volo 2.0?
    federico pedobear moccia 2?
    Ma soprattutto, chi se l’incula?
    Gente amara del marketing, fate i vostri soldini con i poracci e mollateci.

    Ah, e datevi sta rinnovata

  12. @BellaZio: “Del resto definirei anche Maschi vs Femmine (se lo avessi visto) pieno di punti esclamativi per motivi opposti e in accezione negativa”

    Non ci contare troppo.
    Potrebbe essere una prospettiva ottimista.

    E non fate arrabbiare papà (Schiaffi) che è tornato in forma *_*

  13. Schiaffi

    @la poveraccia che dovrebbe avere la decenza di proseguire nella sua strada del trash avendo l’accortezza di tacere:

    ma guarda, tanto per non farmi mancare niente ho dato un’occhiata alla scheda di brizzi aka il melenso……..era meglio se non lo tiravi in ballo quel poveretto.
    Direi che insieme a f. volo e pedobear moccia, formano i 3 tenori della tv spazzatura e cinema per mentecatti. Complimenti ancora eh.
    Una filmografia direi invidiabile eD essenziale:

    -notte prima degli esami e addirittura il sequel, perchè giustamente di stronzo fumante non ne bastava solo uno
    -natale al nilo, natale in india, natale a NY…….che santa trinità questa, che livello artistico inarrivabile….ma con che cazzo di coraggio parli?
    Pessima proprio.
    Abbiamo a che fare con l’uomo dietro al trash in Italia e osi paragonarlo a qualunque altro film al mondo?

    Con tutto il cuore, ma vattene ‘affanculo và.

  14. Amici, i gusti sono gusti e non voglio stare a sindacare su quelli, pero’ siccome ho l’impressione che nonostante l’intro al post e i miei successivi interventi la premessa dello Speciale non vi risulta ancora chiara, ve la ripeto un’ultima volta: abbiamo preso tre persone che normalmente non toccherebbero un film action neanche con le dita di un altro, le abbiamo costrette a sorbirsi un classico “maschio” e le abbiamo chiesto di documentare le loro reazioni. Non abbiamo chiesto una recensione classica, perche’ non e’ il mestiere di nessuna di loro. Zitella ha deciso di descrivere il proprio disagio davanti a un film di Charles Bronson, Giulia ha pensato di evidenziare il ruolo delle donne e assurdita’ assortite nei Guerrieri della Notte, e Pulsatilla ha scelto di fare quella che e’ una parafrasi di Rambo 2 visto attraverso i suoi occhi. Tutti e tre i pezzi erano perfettamente in linea con cio’ che avevo chiesto. Per cui lo ripeto di nuovo: non vi interessano le premesse? Amen. Vi fa cagare il risultato? Amen. Ma almeno cercate di non tarare i vostri giudizi sui pezzi in base a cio’ che chiaramente non sono e che non dovevano nemmeno essere. Nel caso, la colpa della confusione me la piglio io.

  15. vota marfi

    …e ora “Gianni Morandi guarda The Texas Chainsaw Massacre”
    Speciale Sanremo…

  16. BellaZio

    Gianni l’ha visto sicuro The Texas Chanisaw Massacre.
    Qui sopra si sottovaluta troppo Gianni.
    @Nanni:
    Ok, date le premesse, che credevo di aver capito, dico comunque che, mentre le altre due recensioni avevano punti di vista interessanti comunque, questa, essendo appunto una parafrasi scritta di Rambo II secondo me resta un esperimento sbagliato. Ma, come vedi, mi sono limitato a dirlo senza attaccare furiosamente nessuno. La “parafrasi” di Rambo II l’aveva già fatta in versione visiva Charlie Sheen e mi andava benissimo quella. Dal mio punto di vista, mentre le altre due erano di piacevole lettura, questa no.
    Lungi da me attaccare una persona perchè ha fatto i soldi scrivendo film di dubbio interesse (per me), forse lo avrei fatto anche io sotto falso nome.
    L’esperimento secondo me è riuscito e, nel complesso, era una cosa giusta da fare e mi sono pure divertito, non è stato un brutto speciale. Ci sta che in una rassegna un episodio non piaccia no?! A me non è piaciuto questo.

    “Nel caso, la colpa della confusione me la piglio io.”
    Sicuro che sia una colpa? Secondo me, a conti fatti, è un merito.

  17. @bellaZio: zero problemi se non vi piacciono le cose e non sto nemmeno a discutere su come decidete di farcelo sapere, noi si prende comunque nota. Semplicemente ho visto che molti dicevano “e’ una brutta recensione”, per cui ho pensato fosse necessario ribadire che non e’ ovviamente una recensione ne’ la voleva essere.

  18. Oh scusate rigà, sono arrivato tardi che c’era traffico.
    Mi sembra sia stata una bella festa però, eravate carichi eh! Peccato oh, me la sono persa.
    Son rimaste due birre in frigo?

    @ Magdalena
    Non gioco (da svariati lustri) ai videogiochi, solo a flipper.

  19. @Darth: a flipper perdo sicuro.
    Dai, riprendi, nel frattempo il mondo è caduto succube dell’Internet, fatti un aggiornamento e torna tra noi, siamo una comunità in continua espansione <3

  20. Perdi perchè giochi troppo de polso e poco de bacino.
    Comunque no grazie cara, se non posso giocare in un bar non voglio giocare.
    I flipper sono ancora li, tengo duro nella mia trincea e segno hiscores col pennarello sul muro.

  21. Bobby perù

    “Rambo appeso per le manette e immerso in un liquame”
    Questa cazzata fece cosi’ storia tra noi pischelli che venne coniata l’espressione “Nella merda fino al collo come rambo”

  22. Si vede che la recensione è prettamente femminile, non ha centrato la frase chiave del film: “Sono io che vengo a prenderti!”

    Cordialità

    Attila

  23. Aldo Jones

    Assolutamente esilarante questo post. Spettacolare. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.