Crea sito

Prometheus: la recensione che stavate aspettando

Il film finisce cheDOVE ANDATE STO SCHERZANDO!
Minchia se siete agitati.
Ma il punto effettivamente è proprio questo. Se vi recensisco Prometheus oggi, con (si conta le dita) quattro mesi di anticipo sull’uscita italiana prevista per ottobre (ho contato giusto?), è solo per due motivi: 1) soddisfare i più curiosoni di voi che esigono di sapere le cose subito, e 2) punire i distributori italiani per tanto ritardo, così imparano. Non mi frega niente se hanno dei buoni motivi, non li voglio sapere. Libertà! Anarchia! Occupy Distributori Italiani!
Di conseguenza, la rece sarà divisa in due parti.
La prima parte è per chi vuole sapere semplicemente che aria tira, in modo tranquillo, senza spoiler.
Poi troverò uno stratagemma, tipo che suonerò un campanellino, o vi farò un cenno con la testa, e inizierò una seconda parte in cui vi racconterò il film per filo e per segno minuto per minuto spoilerando tutto lo spoilerabile tipo le trame di Wikipedia. Perché? Perché posso.
Anzi dai, facciamo che quando è ora scrivo proprio “Seconda parte” così non vi confondete.
Pronti? Via!

PRIMA PARTE (tranquilla, misurata, non uno straccio di spoiler)

Quelli che mi conoscono sanno che non ho un gran rapporto con il fratello scemo di Tony Scott, ma vi giuro che ero partito senza pregiudizi. Voglio dire: la saga di Alien mi piace, cazzo, e in generale preferisco quando esco da un cinema contento rispetto al contrario. Mi ero detto “ok Nanni, preparati a vedere una bella storia sci-fi condita di mostri e diretta da un uomo che ha perso la voglia di vivere nel ’92, e dimentica l’astio nei sui confronti”. E giuro che l’ho fatto.
La prima mezzora di Prometheus è effettivamente una goduria: una confezione visiva di gran classe e una gestione dei tempi che mi ha ricordato quando Ridley stava a Kubrick quanto De Palma stava a Hitchcock, a impreziosire un plot ambiziosissimo, pieno di suggestioni filosofiche potenzialmente intriganti, e diretto con tutta la calma e l’epica necessaria per prendere uno come me, perso da un po’ di tempo in un mondo in cui se non succede niente per 40 secondi cambia canale, e fargli riscoprire il fascino della sana e vecchia fantascienza. Il tipo di cose che solo uno della sua generazione sa ancora fare. Certo, essere in quinta fila all’IMAX aiutava. Un cast praticamente perfetto, da Fassbender (uno che se vai alla SNAI a scommettere che un giorno vincerà un Oscar te lo danno appena 2:1), alla garanzia Idris Elba, all’ottimo Logan Marshall-Green che a tratti pare il fratello smilzo di Tom Hardy, fino a una Charlize Theron che merita un paragrafo a parte. Anzi, scriviamolo subito questo paragrafo a parte: io non lo so cos’è successo, ma mi sono innamorato di Charlize Theron nel giugno 2012. Che donna, amici. Noomi Rapace in confronto pare Hilary Duff.
E c’è poco da fare: Ridley è fatto per la fantascienza. Vallo a sapere perché ha passato gran parte della carriera a fare altro, ma è la fantascienza il territorio dove il suo stile freddo e posato trova contesto adeguato e naturale. Che sia la calma prima della tempesta di Alien, o un’indagine distopica sulle grandi domande come in Blade Runner, o un Prometheus che mette assieme entrambe le cose. Un giorno un film unirà senza grossi sforzi entrambi i mondi, e viaggiando di questo passo si arriverà fino all’inevitabile climax “Rutger Hauer vs. Predator”.
E quindi per un po’ va tutto bene. Atmosfera, stimoli, indizi, art direction da fuoriclasse, i bellissimi nuovi mostri di Giger dallo stile inconfondibile (= sembrano cazzi e/o fighe). C’è persino una scena in cui Ridley pare ritrovare un minimo di vitalità.
Dove sta il problema? Il problema sta nell’ambizione delle premesse, e nel voler rimanere contemporaneamente lontani ma legati ad Alien. Ci sono troppe cose da spiegare, troppi passaggi intermedi che necessiterebbero tempi adeguatamente dilatati, e ci sono appena due ore. E il tutto per di più è stato dato in mano a uno che gli spunti fighi non è riuscito a gestirli neanche in un serial tv di sei stagioni: Mr. Damon “Lost” Lindelof in persona. Lindelof è l’uomo delle domande senza risposta, delle idee senza compimento. È l’uomo che ti inventa uno schema della madonna e poi non conclude. “Prima arretriamo la mezzala sulla mediana, poi facciamo salire i terzini, le ali convergono al centro, lo stopper imposta l’azione, il portiere gioca da libero aggiunto, il centravanti si allarga sulle fasce portando via i marcatori e il mediano attacca gli spazi in area.” “Champagne! Tutto fighissimo, Damon. E poi?” “Beh, poi magari qualcuno tira un petardo dagli spalti e vinciamo a tavolino”.
E tutto si sgonfia come un palloncino, perdendo quanto di buono si era accumulato fino a quel momento.
Finisce per essere il classico film di cui, all’uscita dal cinema, ti ritrovi a discutere solo di cosa non funziona.

“Cosa? Voi lo vedete solo a ottobre? Ma LOL!”

SECONDA PARTE (stronza, gratuita e piena di spoiler come un supplì)

Un culturista albino alto tre metri beve uno strano liquido nero, si disintegra sotto i nostri occhi e cade in una cascata: nasce la vita. Puppate la fava, creazionisti!
Altrove, in Scozia, in una cava aperta e spaziosa, su una parete in bella vista, l’archeologa Elizabeth (Noomi Rapace) e il suo moroso Charlie (Logan Marshall-Green) trovano un enorme antichissimo murales che nessuno ha mai notato prima e che rappresenta un culturista alto tre metri che indica una serie di palle nel cielo.
Stacco.
Su un’astronave chiamata “Prometheus” (come il titolo del film!), un rileccatissimo biondo fighetto in infradito (Michael Fassbender) gira in bicicletta giocando a palla e imparando a memoria Lawrence d’Arabia (e qui apro un po’ la finestra per mandare via la puzza di metaforone), poi tocca la cabina iperbarica contenente Noomi Rapace e, convenientemente per noi spettatori, vede un flashback che ci spiega brevemente la psicologia e le motivazioni del personaggio. Ho un’illuminazione: Michael Fassbender sarebbe stato un eccellente Adrian Veidt in Watchmen. Le cabine si aprono: Noomi Rapace si contorce e straccia, Charlize Theron fa trenta flessioni sul posto. Indovinate chi ho sentito l’impulso di sposare.
Un po’ di tempo a tutti per riprendersi, e per capire che quello con la barba e i tatuaggi è matto e asociale, e poi ecco tutti in sala riunioni, dove Charlize Theron spiega i punti cardine della missione e Noomi Rapace fa la figura dell’ingenua sognatrice che nella vita reale manderebbe tutti a morire senza motivo ma in un film di Hollywood diventa la final girl. Il succo è: hanno trovato i disegnini con i giganti che indicano le palle anche altrove, fatti da popolazioni distanti fra loro sia nello spazio che nel tempo, hanno scoperto che le palle simboleggiano pianeti che corrispondono a un sistema solare lontano due anni di coma dal nostro ed eccoli sbarcati. L’idea è che questi culturisti giganti siano i veri creatori della razza umana, ovvero che, stando a quello che si vede all’inizio, culturista albino gigante + strano liquido nero + tanta acqua = nuovo essere vivente in tutto e per tutto identico al culturista, giusto un po’ più basso, roseo, e non necessariamente così muscoloso. A rafforzare l’opinione appare in ologramma Guy Pearce truccato malissimo da ultranovantenne nei panni del signor Weyland (Weyland come la megacorporation responsabile delle missioni nella saga di Alien, non come il cantante degli Stone Temple Pilots, credo), che inizia a scherzare Fassbender perché è un robot. Che poi converrete anche voi che Guy Pearce truccato male da ultranovantenne, aldilà dell’essere l’unico effetto speciale brutto di tutto il film, ti fa pensare immediatamente “ah beh, se hanno preferito un 40enne truccato male a un vero ultra90enne, significa che a un certo punto servirà farlo ringiovanire”. Quindi il film si autoazzoppa rischiando un mega-spoiler da solo.
In ogni caso: la truppa trova al volo delle costruzioni losche e scende a controllare. Trovano una stanza gigante con dentro dei contenitori ricoperti da una specie di resina e una serie di bazze strane, tipo una testa umana gigante (quella del poster) e una scultura in rilievo raffigurante chiaramente uno xenomorfo, e infine il cadavere di un culturista di tre metri decapitato. Dopo una scena d’azione appiccicata con lo sputo (“rientrate entro quindici minuti che c’è una tempesta di polvere e Charlize Theron vuole chiudere la porta!”) i nostri portano la testa gigante in laboratorio e, come ordina il Manuale del Perfetto Scenziato, si chiedono “Will it blend?“, la mettono nel microonde e la fanno esplodere. Personalmente avrei provato prima con la lavatrice, ma sono opinioni.

Se si mettono insieme giuro che apro un sito di gossip

A questo punto succedono un po’ di cose:
– Charlize Theron appende Fassbender al muro per il collo e io urlo “TI AMO!” facendo partire una marea di “shhh!!!” in sala;
– è il turno di morire per l’asociale tatuato con la barba, il quale scende di nuovo nella caverna con l’amico il cui unico tratto caratteriale è “ha gli occhiali” ed entrambi vengono attaccati da un mostro che più gigeriano non si può (è un serpente a forma di cazzo, la cui cappella si apre e diventa una figa)
– Fassrobot ha raccolto un po’ di quella strana resina nera e decide di fare uno scherzone a Charlie tirandogli una supercazzola filosifica (“Perché ci hanno creato?” “Beh, perché voi avete creato i robot?” “Sì ma chi ha creato i creatori?”) e facendogliela bere di nascosto;
– Charlize Theron procede, come logica impone, a trombarsi Idris Elba, ma lo fa disgraziatamente fuori quadro;
– Charlie invece prima fa una gaffe senza motivo, ma conveniente per noi spettatori che in questo modo un po’ goffo impariamo che Noomi Rapace è sterile, poi se la tromba (inquadrato, perché con l’aiuto di una musica inquietante deve suggerire l’imminente traggedia).
È ora di tornare giù a capire cos’è successo agli altri due sfigati. Fassrobot trova uno stanzone che, grazie all’aiuto di ologrammi che non hanno alcun motivo pratico di esistere, si scopre essere la sala di comando di un’astronave. Per cui sì, tutta la caverna è in realtà un’astronave. Per di più, l’astronave è piena di cabine iperbariche di culturisti albini giganti morti, tranne uno (che dorme e basta). Mentre sono giù Charlie impazzisce e ci diventa la faccia strana, per cui decidono di rincasare, ma all’ingresso Charlize Theron impugna il lanciafiamme urlando “il contagiato non passa o lo brucio”. Charlie sta malissimo e vuole morire, per cui si offre volontario per provare a passare e Charlize senza esitare lo brucia. Io urlo “SPOSAMI!!!” e qualcuno da dietro mi tira delle cose.
Ma è ora dell’unica scena davvero figa: Fassrobot dice a Noomi Rapace che è incinta; Noomi dice “non è possibile” (e pensate quanto poco ci avrebbe sconvolto se non avessimo fortunosamente imparato 10 minuti prima che era sterile!); Fassrobot dice “beh, non ho mica detto che è un bambino”; Noomi scappa e si infila in questa cosa fighissima del futuro che è praticamente una cabina chirurgica a gettoni in cui infili la monetina, selezioni il tipo di operazione che vuoi fare (tonsille, menisco, cambio di sesso, aborto) e lui te la fa in automatico con anestesia e tutto usando un braccino a uncinetto come quelli che pescano i pupazzi al luna park; Noomi seleziona “tirare fuori bazze strane dalla panza”; la cabina robotica esegue un cesareo estraendo un piccolo Cthulhu, poi le richiude la panza con una graffettatrice gigante; Noomi chiude il piccolo Cthulhu nella stanza e scappa. Intanto fuori, in una scena d’azione appiccicata con lo sputo e copiata dal buon vecchio Supernova, Charlie l’asociale barbuto resuscita con la superforza e viene prontamente bruciato di nuovo.
Nonostante tutto fin qui il film è ancora figo: tante domande, tanti intrighi, tante belle inquadrature suggestive, Cthulhu. Niente da dire.

Fassrobot e Bit di Tron

Ma arrivano gli ultimi 15 minuti: il tempo delle spiegazioni.
Guy Pearce truccato male da 90enne è in realtà all’interno della Prometheus. Charlize Theron è sua figlia, che porta un cognome diverso per dispetto ma principalmente per fare in modo che questa rivelazione suoni come una sorpresa. Fassrobot spiega che siccome lui sull’astronave ha attivato un ologramma in cui si vede la Terra, secondo lui i culturisti albini giganti vogliono tornare sulla Terra e spaccarla tutta. Guy Pearce se ne fotte e vuole scendere a conoscere il culturista albino gigante vivo. Noomi è sconvolta e con la panza graffettata, ma va anche lei. Arrivati al dunque, Fassrobot sveglia il gigante e si offre di fare da interprete, ma evidentemente dice qualcosa di offensivo: il gigante s’incazza a morte e li prende tutti a pizze in fazza, uccidendo Weyland e gli altri e decapitando Fassrobot. Noomi scappa.
Vi lascio ponderare un attimo questa informazione: Weyland muore. Guy Pearce truccato male da ultra 90enne muore. Senza diventare giovane, neanche in flashback. Esatto: a conti fatti, non esiste spiegazione ufficiale che giustifichi la presenza di un 40enne truccato male nei panni di un 90enne. L’unico effetto speciale brutto, l’unica cosa che danneggiava la sospensione dell’incredulità, era completamente inutile. E no, se permettete non mi frega un cazzo dei viral di Youtube in cui Guy Pearce giovane parla al TED (non potevano prendere un vecchio da subito e digitalizzarlo giovane per il viral come Jeff Bridges in Tron Legacy?), e nemmeno di un eventuale sequel di cui tra l’altro nessuno sta parlando. Questa è solo una cazzatona bella e buona gratuita e senza scuse.
Comunque: il gigantone si siede ai posti di comando e fa decollare la nave. Noomi scappa. Dalla Prometheus, la bella Charlize e il mitico Idris la vedono arrivare. Noomi urla “Oi Idris, mi ha detto Fassrobot che secondo lui il gigante albino vuole tornare sulla Terra a spaccare tutto, fa qualcosa!”. Idris: “Ah sì? Non sapevo nulla di tutto ciò, mi sono sempre limitato a pilotare la nave e trombarmi la Theron e non ho mai seguito le vostre questioni scientifico-filosofiche, ma mi fido ciecamente e mi lancio al volo in una missione kamikaze per fermarli schiantandomici addosso con il nostro mezzo, chiedendo il permesso giusto ai due sfigati che ho di fianco in questo momento!”. Charlize invece si precipita a cercare la capsula di salvataggio in una scena che ricorda da vicino il finale di Balle Spaziali. La capsula parte, la Prometheus si schianta e l’astronavone del gigante albino precipita al suolo. A terra, Noomi e Charlize scappano per evitare di venire investite dall’astronavone precipitante: una delle due avrà l’accortezza di mettersi fuori traiettoria, l’altra correrà dritta come un’imbecille e farà una fine da barzelletta. Sta a voi indovinare chi.
Noomi si salva (oops) e torna sulla Prometheus a controllare la situazione. Qui trova il gigante albino ancora vivo che le corre dietro, allora lei apre la porta della sala chirurgica e dentro c’è Cthulhu, che in mezza giornata è diventato enorme e ammazza il gigante divorandolo con la sua immensa figa.
Salta fuori che Fassrobot decapitato è comunque funzionante, e comunica via radio con Noomi raccontandole un sacco di chiavate pur di farsi venire a prendere, tipo che “ci sono anche altre astronavi e io le so pilotare” “ma io non voglio tornare a casa” “no ma fidati, possiamo scoprire un sacco di cose interessanti e ci riesco solo io” (seguono scene buffissime della testa che parla senza corpo, tra Re-Animator e Giovani diavoli).
Nel frattempo sulla Prometheus, Cthuhlu partorisce uno xenomorfo.
Titoli di coda.
Mia sorella si gira con l’aria scocciata e mi fa “È uguale a Mass Effect“.

Quindi insomma, ricapitolando:
– resina nera + culturista gigante albino = razza umana (…)
– resina nera + umano + ingravidazione di altro umano = Cthuhlu (?)
– Cthuhlu + culturista gigante albino = xenomorfo (???)
Il tutto in un solo passaggio secco.
È un po’ come se un pastore si inculasse una pecora e nascesse un delfino.
Di conseguenza, incredibile ma vero, con tutti i suoi frettolosissimi macelli genetici il capitolo della saga di Alien a cui Prometheus assomiglia di più è il quarto.
E ringraziatemi di aver lasciato perdere tutto il sottotesto cristiano su Noomi che stringe costantemente a sè il suo prezioso crocifisso e ripete “è quello a cui ho scelto di credere”.
Avete domande?
Tornate pure qua a farmele a ottobre, se volete.

DVD-quote:

“Non è certo Punto di non ritorno, ma nemmeno una tragedia completa”
Nanni Cobretti, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Nei commenti vorrei sapere chi di voi non ha resistito e ha letto anche la parte con gli spoiler, e chi invece non si è fidato della mia parola d’onore e non ha letto nemmeno quella senza spoiler. Gli appartenenti alla seconda categoria verranno bannati dal mio Facebook.
In ogni caso siate bravi, e se volete commentare gli spoiler scrivete prima “SPOILER”.
Cheers.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

298 Commenti

  1. honkytonkman_aka_james bondi

    Altro che 4, praticamente mancano ancora 5 mesi… ho evitato la “seconda parte” come la peste… ma non so quando durerà. Devo tener duro. DEVO TENER DURO.

  2. Past & Fasul

    ovviamente ho letto tutto come ho già visto la scena finale su youtube del film…

    http://www.youtube.com/watch?v=kCvQB_NT45E&feature=player_embedded

    ormai dopo lo schifo riservato a noi itagliani ho deciso di sfreggiarlo sto film,ma nella maniera peggiore e colgo l’occasione di chiedere al resto del gruppo se gira già qualche cam-rip.

    @NANNI

    quindi il finale è aperto…?

    quanto odio sto film non autoconclusivi…

  3. SPOILER

    Mia sorella si gira con l’aria scocciata e mi fa “È uguale a Mass Effect“.

    E ALLORA VEDI CHE SEI STRONZO, RIDLEY SCOTT?

    Sì, ho letto anche (qualcosa del)la parte con gli spoiler, tanto chissenefrega, da qui al momento dell’uscita italiana mi sarò dimenticato tutto quello che ho letto.

  4. galbaccio

    letto tutto senza manco fermarmi un secondo a dimandarmi se fosse o meno il caso di farlo. tanto in 5 mesi mi passava comunque la scimmia e valeva la pena SAPERE se poi vederlo o no.
    si lo vedro’ (grazie sommo).
    tutto cio’premesso io AMO charlize (spero che questa mia confessione non mi condanni al ban del sommo, ma del resto solo uno stolto potrebbe non amarla) e quindi lo avrei visto in ogni caso.
    poi mena, cazzo!

  5. Barman&Tobin

    Quindi alla fine tanto hype per un prodotto “discreto”…per il momento evito la 2a parte, anche se credo sia impossibile rimanere spoiler free.
    Bello il nuovo look e sopratutto il logo, le scritte sotto l’header e dei commenti in italic qui sul mio monitor danno un problema di antialiasing, ma chissene

  6. Filippo1

    SPOILER

    “Puppate la fava, creazionisti!”. In realtà la nascita dell’umanità in questo film è una tesi estremamente creazionista. Nella scena con il vecchio e Fassbender che se lo mangia con gli occhi, aspettavo da un momento all’altro che Pierce congiungesse le dita e dicesse “eccellente”.

  7. Sono talmente stronzo che me ne sono andato dall’Italia ma sono finito a vivere in uno di quei quattro paesi in cui Prometheus esce ad agosto. :D

    Ho letto dei pezzi a caso della seconda parte fidandomi del mio talento nel far cascare l’occhio solo sui colpi di scena più fighi. Hai dato un’ulteriore colpo al mio gasamento per questo film, già messo a dura prova dall’ultimo trailer e dalle prime recensioni. Il che è ottimo: quando ad agosto andrò a vederlo, mi aspetterò pochissimo e finirà per piacermi un sacco.

  8. Letto tutto il tuttibile!

    SPOILER

    “È un po’ come se un pastore si inculasse una pecora e nascesse un delfino.” è il sunto che aspettavo! Lo guarderò e certamente non al cinema fra 4 mesi.

    L’unico vero problema, è che mi s’è svelato come un film che prenderei in DVD solo dal cestone degli sconti a € 9,90. E se sono in buona.
    Mi sa che in casa mia i due dvd di ALIEN e ALIENS non vedranno mai i fratellini (e papà – LOL – prequel).

  9. Fiù! Sono riuscito a non leggere la seconda parte e devo stare pure attento ai commenti. Molto divertente la vignetta del “voi lo vedete solo a ottobre”, la mia vignetta era molto più amara
    http://doppiaggiitalioti.wordpress.com/2012/05/28/prometheus-se-prima-non-cera-fretta-figuriamoci-adesso/

  10. Lazy Rebel

    5 mesi stocazzo!
    La pirateria a questo punto è quello che si meritano quei poveri stolti dei distributori. In culo a loro.
    A me torrent, nel frattempo evito come la peste la seconda parte.

  11. Gonzo Kent

    Letto tutto. Che diamine.
    Tutto come previsto, il fratello scemo di Tony fa il fratello scemo di Tony e Lindelof fa Lindelof.
    Se non ci fosse di mezzo Charlize non andrei in sala.
    Faranno proiezioni solo per Theronofili?
    Se metto la data di nascita in Mass Effect cosa succede?
    Per chi non ha letto tutto: La recensione è sicuramente più bella del film.
    Apro una petizione per spedire il Dottor Manhattan in Gran Bretagna, vi farò sapere.

  12. Amici, come ho già scritto alla fine del post, se commentate gli spoiler per favore scrivete SPOILER…

  13. zioluc

    ho saltato la parte spoilerosa ma ho già letto un paio di cose che non volevo leggere nei commenti.. non aprirò mai più questa pagina! Anche se la rece della prima parte mi rattrista non poco.

  14. Antani

    SPOILER.
    “È un po’ come se un pastore si inculasse una pecora e nascesse un delfino.”

    LOL.
    Credo aspetterò il dvd…
    E non sono nemmeno certo di vederlo, poi, quando uscirà…

  15. @Past

    SPOILER

    Diciamo che è un finale stile La vendetta dei Sith, ma più insensato

  16. Ho appena corretto i commenti spoilerosi aggiungendo SPOILER, ora la pagina dovrebbe essere a posto. Fate i bravi…

  17. Shakira Kurosawa

    Vabe’, senti, non mi aspetto niente e mi hai convinto a “ci sono i nuovi mostri che sembrano cazzi e fighe”. Domanda: ma sono “ispirati a” o li ha proprio disegnati lo svizzero pazzo geniale folletto? Andrei a fare ricerche ma temo gli spoiler.

  18. Bread Beat

    Doppia fatica.
    Il me Smigol ha prevalso sul malefico gollum spoileroso.
    E poi slalom gigante tra i commenti.

    Giocando alla classifica tra questo, moon, cargo, sunshine e pandorum chi vince il campionato e chi va in cempionslig?

  19. Angus Lee

    Ho letto tutto, anche la seconda parte.

    “Ehi, ma è come farlo col berillio di un altro”
    “Beh, è come farsi col pirullo di un altro la donna dell’altro distante mille miglia, scoprendo che è niocca ma le puzzano le ascelle. Se passa di qui magari glielo appoggio pure, se non ho di meglio da fare. Fottesega.”

    In realtà lo andrei a vedere solo per David, che a quanto pare è il degno padre di quel personaggione di Bishop. Anzi, se mi dite che fa il giochino mano-coltello prenoto ora.

  20. Comunque tutti co’ ‘sto Lindelof, ma non dimenticatevi che di mezzo c’è pure lo sceneggiatore di L’ora nera, quindi sarei più propenso a distribuire le responsabilità qui e là.

    @Shakira Kurosawa: senti però ora tu mi dici “pazzo geniale folletto” da dove ti viene fuori perché io non lo leggevo dai tempi del forum di metallus.it e ora mi hai fatto venire la nostàlgia.

  21. Shakira Kurosawa

    @Stanlio: ah, ma allora non hai capito DAVVERO chi sono! Facciamo che te lo dico se tu trovi la risposta alla mia domanda.

  22. SPOILER

    Grandissima rece come sempre. Ma con un piccolo errore. Quando dici “Charlie resuscita con la superforza e viene prontamente bruciato di nuovo.” non è Charlie che resuscita, è il tatuato che era stato attaccatto dentro la grotta. E che lui non diventa un xenomorfo e neanche un cthulhu. Lui, incredibilmente, diventa fortissimo e cattivo

  23. Schiaffi

    SPOILER
    non mi sono chiare alcune cose:
    si ma quindi la gente impazzisce a caso e rimane incinta di mostri a caso? Una è a farsi i cazzi suoi e si trova un coso in pancia senza motivo?
    Il mostro a forma di cazzo da dove arriva, perchè è lì e a cosa serviva?
    Quel coso che trovano morto all’inizio di Alien c’è pure qua o no?
    Come la staccano la facciona se è gigante?
    Ma alla fine la valutazione?

  24. Filippo1

    SPOILER
    @Schiaffi:
    con ordine (se ti va bene che risponda io):
    Si’. Si’. E’ un’arma. No (ma si vedono i suoi amichetti). Non la staccano. Meh.

  25. @Shakira: MA LE CHIAPPE SODE CHE TI RITROVI. Uh, il tuo movimento di bacino.
    Ma comunque, la risposta alla tua domanda è:

    On the subject of collaborating with H.R. Giger, Scott said,

    …yeah, I brought him in, I showed him what we were doing, showed him the story and he liked it a lot. So he’s doing a little bit of work for me. He’s been doing some murals, big murals, which we’ll see in almost one of the first chambers we encounter when we land where we’re gonna go.

  26. Shakira Kurosawa

    E vai! Un nuovo libro Giger da comprare questo Natale!

  27. Letto tutto.

    Come altre recensioni che sto leggendo in questi giorni mi ricorda i tanti “meh uhm boh” letti ai tempi de La minaccia fantasma, con nessuno che si sbilanciava a definirlo una cagata e nessuno che aveva il coraggio di scrivere che gli era piaciuto.

    Forse è davvero un film né bello né brutto, forse ci vuole solo un po’ di tempo per metabolizzare la delusione e poter dire “è una cagata”…

  28. A qualcuno era piaciuto La minaccia fantasma???

  29. @bocia:

    SPOILER

    Non mi ero accorto che era il barbone invece che Charlie ma sì, mi ero accorto che aveva solo la superforza, è quello che ho scritto.

  30. Eric: Hey guys.
    Windows: What?
    Hutch: What, man?
    Eric: What if the movie sucks?

  31. A me era piaciuto.
    (No, non è vero, scherzo, era solo per attir. l’attenz.)

    Comunque Marshal Green sembra il fratello gino di Jon Bernthal, che a sua volta sembra il fratello badass di Tom Hardy.

  32. Anakin Rossi Stuart

    Beh, a me La miniccia fantasma era piaciuto… però avevo 13 anni e lì c’erano delle spade laser… crescendo l’ho ridimensionato parecchio, anche se il duello finale con Darth Maul per me era e rimane uno dei migliori della saga intiera… per quanto riguarda Prometheus: MORTE AI DISTRIBUTORI ITALIANI, NON AVRETE I MIEI SOLDI… no, non è vero, li avrete… maledetti… vi odio… eccovi 10 euro… stronzi…

  33. Anakin Rossi Stuart

    @ Stanlio
    Grande citazione

  34. Lee Scratch Perry

    Letto una riga ogni venti della seconda parte, dove cascava l’occhio insomma
    Recensione ottima nella sua sincerità, per quanto riguarda la prima parte.
    Non mi è chiara una cosa però:
    Se lo stopper imposta l’azione, ci son poche possibilità che la palla arrivi sui piedi del mediano che si inserisce in area… il quale oltretutto potrebbe avere un ferro da stiro e spedire le poche palle ricevute direttamente in fallo laterale, esponendo la squadra a contropiedi difficilmente arginabili dalla mezzala in posizione di frangiflutti. Ma è solo un’opinione.
    Grazie della bella lettura

  35. Michael Jail Black

    Anche io ho evitato la parte spoilerosa come se fosse l’acchiappasogni. Comuncue credo che si sapeva che andava a finire cosi con sto film, nulla di speciale, ma infondo le aspettative non sono alte percio. Io per vederlo non dovro’ aspettare molto, da noi esce domani:
    http://www.kolosej.si/spored/ljubljana/2012/6/7/

  36. zorba

    ragazzi, mitica la nuova grafica
    Nanni grazie delle rece (ho letto solo la prima parte)

    continuate così!

  37. Elena Bellamossa

    ho letto tutto per convalidare la mia teoria, ossia che:

    tolte le descrizioni degli alieni, che non si vedono, nel trailer c’è praticamente già tutto.

    tristezza. tanta.

    ma non potevano fare un trailer di 30 secondi con inquadratura fissa di fassbindolo che si scappera e sotto un bel mono-tono POOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO?

    avrei apprezzato di più e non mi avrebbe rovinato il film

  38. Elena Bellamossa

    ah, Minaccia Fantasma —-> COLERA.

  39. Shakira Kurosawa

    Troppo hype. Secondo me dovevano fare il film con del marketing virale alla Cloverfield e basta. La gente traeva da sola le proprie conclusioni e ci andava, POI a film uscito a seconda delle reazioni SI è il prequel di Alien No non lo è, ma siete scemi? Ci guadagnavamo tutti, no?

  40. Djo!

    SPOILER

    magari è come nelle piante, dove se semini a partire dai frutti di piante modificate non pensate per dare il seme, c’è rischio che nella pianta che ne viene fuori si ripresentino caratteristiche recessive e quindi non abbiamo una super-super -pianta ma qualcosa di inferiore, simile a ciò che era stato scartato lungo l’ingegnerizzazione della super-pianta. In questo senso è lecito pensare che i giganti sono stati ingegnerizzati dagli xenomorfi che a loro volta sono stati ingegnerizzati dai serpenti.

  41. Djo!

    ehr . . . SPOILER : (. anzi, fa una cosa, questa toglila va.

  42. @lee scratch perry: …e questo è per l’appunto il motivo per cui spero in un petardo dagli spalti…

  43. Ho aggiunto SPOILER :)

  44. Schiaffi

    Mah, a me già il titolo non mi ispirava e nemmeno il trailer.
    QUASI SPOILER
    Uomo + capra = delfino e donna sterile & Tipa truce + sterilità = ministro Brunetta che le cresce nel coccige, è l’equazione piu’ triste del mondo.
    Io già lo sapevo che era una minchiata, tutto troppo patinato, troppi discorsi già nel trailer e quel titolo new age lì poi…
    Non vi dicevo niente perchè almeno stavate tutti esaltati per un brand serissimo e non per 4 coglioni in pigiama, pero’ me lo sentivo che sarebbe stata una cagata fumante come tutti i prequel.

  45. Riccardo

    SPOILER

    Ma la scena dove lo space jockey si apre? Gli SJ sono i “culturisti albini” ?

  46. A oggi la cosa migliore che abbia visto di Prometheus è questa.

  47. Angus Lee

    @Schiaffi
    Alla fine i quattro coglioni in pigiama il film se lo sono portato a casa, alla faccia tua ;)

  48. Luke Vanilla Skywalk

    Non ho letto la parte spoilerosa, comunque dispiace non sia la figata che prometteva di essere (e il fatto che manteneva nella prima parte sospetto che aumenterà la delusione durante la visione). Magari poi nel (probabile?) seguito esce fuori che in realtà i mostri hanno una percentuale altissima di midichlorian..
    p.s. bella la nuova grafica
    p.p.s. @Stanlio cinque alto per la citazione

  49. Luke Vanilla Skywalk

    Mi rimangio il commento sulla grafica del sito..non mi entra più il nome per intero. sigh sob…

  50. @Luke: mi è sembrato di vedere nomi più lunghi quassù e non è stato toccato nulla in questo senso, magari riprova e nel caso mandami una mail che faccio investigare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.