Crea sito

Ma ti fosse esplosa in mano, quella granata… Taken – La vendetta

 

Quando uscì in sala, Io vi troverò fece molto parlare di sé, e ancora non ha smesso – una bella impresa per un film di cui lo stesso protagonista dice: «Ero convinto sarebbe stato un dtv». C’è chi lo odia perché violento, fascista, razzista e america fuck yeah, chi detesta la disonestà del piazzare un attore serio in un ruolo simile per lucrare sul suo cv e nobilitare il film, chi al contrario lo idolatra in quanto piccolo culto pop e senza impegno.

Io appartengo alla terza categoria: sono un grande sostenitore del valore assoluto dei “film che riguardi una volta al mese con gli amici quando non hai un cazzo da fare”. L’assoluta scorrettezza ideologica la ignoro in nome del LOAL, la trama idiota è tutto sommato funzionale, mentre per quel che riguarda Liam Neeson, anche alla luce della nuova trilogia di Star Wars, io non credo alla disonestà, sua e dei produttori: piuttosto a una sua volontà di entrare a gamba tesa nel gruppo dei Nuovi Vecchi Spaccaculi di Hollywood, una manciata di attori talmente sazi dopo una carriera di livello assoluto e una vita piena e felice (non è un caso che The Grey sia uscito dopo la morte di Natasha Richardson e non prima) da aver deciso di dedicarsi al culto divertito e disimpegnato di sé stessi e del loro stesso mito. In questo senso Io vi troverò – e Scontro tra Titani mi dà ulteriore ragione – è il biglietto da visita che Neeson ha presentato ai vari Bruce Willis, Morgan Freeman, Samuel L. Jackson, John Travolta per chiedere di poter giocare con loro.

«Vuoi diventare un Vero Mito Americano?» gli ha chiesto Luc Besson sventolandogli sotto il naso la sceneggiatura. E Liam ha risposto: «Fuck yeah, rendimi un supereroe, COPRIMI DI SOLDI!».

«Coprimi di soldiii!».

Già, Luc Besson. Come regista c’è poco da dirgli: qualche cosa azzeccata a inizio carriera, un po’ per caso un po’ grazie all’incoscienza della giovane età, e poi un’involuzione costante in nome del suo autoproclamato status di Artista Pop. Così si spiegano i filmini in bianco e nero da studente di cinema, i pamphlet politici e, peggio di tutto, il trionfo dell’autoironia intellettualoide, del finto schermirsi dietro al prodotto per ragazzi per sminuire falsamente la propria opera veicolando in realtà il messaggio «sono un vero Autore per questo faccio i film per bambini»: Arthur e il popolo dei Minimei.

Avete mai visto il terzo film dei Minimei? Io una volta ho messo il dito in un tritacarne e mi sono divertito di più.

Besson, poi, significa EuropaCorp: per essere stata fondata da uno che ci tiene a prendere le distanze da Hollywood (e che una volta in un’intervista disse: «Non mi piace Hollywood perché non ci sono le mucche» – ma vaffanculo va’), la casa di produzione di Luc ha preso sorprendentemente tanto dal modello americano, tra sequel, prequel e film d’autore una volta ogni tanto per abbellire il portfolio. La differenza con gli Studios sta nella forte impronta autoriale che Besson prova a imprimere alle sue creature: EuropaCorp assomiglia più a una factory che a una casa di produzione, dove il patron invita solo gente con la sua identica visione e che faccia film che lui stesso avrebbe potuto fare se avesse avuto voglia. È un modello che purtroppo va a braccetto con il pessimo gusto di Luc in fatto di cinema, e ha come risultato roba posticcia e disonesta come Taken – La vendetta*. E gente come Olivier Megaton.

«Hello? May I speak with dog?».

Come da tradizione, Taken – La vendetta comincia con una faida familiare. E siccome nel primo film Bryan Mills aveva riconquistato la fiducia della figlia salvandola dalle grinfie dei cattivi rapitori albanesi, nel sequel si punta più in alto, alla ex-moglie, madre single di figlia unica e sul punto di separarsi anche dal suo nuovo uomo (che mi pare si chiami Sean). È un trucchetto narrativo parecchio abusato da Hollywood ultimamente. Lo si trova ovunque, da Die Hard 4 a Uomini che odiano le donne, e dovrebbe essere una mossa femminista che dimostra la forza e l’indipendenza delle donne di oggi, in grado di sopravvivere anche senza un uomo al fianco. Personalmente sono convinto che sia una scorciatoia disonestissima per veicolare un messaggio tutto sommato maschilista: attente, signore, non c’è modo di essere felici lontano da vostro marito! Ma ehi, chi siamo noi per, in fondo avete la forza per pagare le bollette educare vostra figlia avere un lavoro ed evitare di tagliarvi i polsi immerse nella vasca da bagno e imbottite di barbiturici! Sì, rinunciate pure alla serenità di una vita di coppia normale in cambio della vostra indipendenza! GODETEVI QUESTA MEDIOCRITÀ!

E infatti Liam, vero cavaliere, va alla riscossa di Famke Janssen proponendole una vacanza conciliatoria, lui lei e la figlia Maggie Grace, sperando di recuperare un rapporto ormai consunto o mal che vada di farsi una bella chiavata con l’ex moglie depressa. La meta è Istanbul, città enorme e quasi interamente spopolata tranne che per qualche comparsa nell’immancabile mercato arabo (sono sempre le stesse maestranze dai tempi di Indiana Jones, e infatti sono invecchiatini) e un nutrito gruppo di mafiosi albanesi. È ovvio il viaggio non può andare bene – altrimenti perché fare un film? – e serve un cattivo. E vai di riciclo!

Vi ricordate in Io vi troverò il tizio che muore sulla sedia elettrica? Viene fuori che suo padre è Rade Serbedzija e ce l’ha a morte con Liam perché gli ha sterminato la famiglia. Qui sta la seconda furbata della coppia BessonMegaton: invece di proseguire sulla scia del primo film, con cattivi senza volto e senza profondità che è solo divertente veder saltare in aria a vario titolo, Taken 2 si gioca la carta dell’empatia. Scelta del cazzo: primo perché non puoi smentire le regole fissate nel primo film (= amorale macelleria) senza pensare di disorientarmi, secondo perché è complesso sentirsi davvero coinvolti nel dolore di un tizio che ha perso un figlio il quale rapiva, torturava, stuprava, drogava e vendeva al miglior offerente delle povere ragazze innocenti. Uhm, no, bene che sei morto, ciao.

Quantomeno, quando si finisce di storcere il naso per la puzza che permea la prima mezz’ora di film, arriva il momento in cui i Nuovi Mafiosi compiono il loro rapimento rituale (questa volta vittime sono lo stesso Neeson e Famke Janssen) ed entra in gioco l’Azione. È qui che Taken 2 dovrebbe ingranare e diventare una fotocopia di Io vi troverò: Liam Neeson che corre per le strade di [città] ammazzando [gente] e liberando [familiari]. Il problema è che insieme all’azione si presenta anche Olivier Megaton.

«Sorry, this is Olivier Megaton».

Olivier Megaton è un cane. È uno affezionato a due/tre idee del cazzo – montaggi frenetici fatti di campi e controcampi che non capisci più nulla, squallidi piani sequenza in corridoi bui, primi piani intensi su mani armate che non si capisce a chi appartengano –, a cui manca completamente il senso del ritmo, che esagera con colonna sonora e urla isteriche e che riesce a rovinare anche le sequenze più elementari (“Botte nel vicolo”, “botte in una stanza”, “sparatorie in ascensore”) con il suo tentativo di fare della regia.

Sapete cosa viene bene a Olivier Megaton? Le panoramiche dall’elicottero della Istanbul notturna.

Sapete a chi altro vengono bene le panoramiche dall’elicottero della Istanbul notturna? A chiunque ci si cimenti.

A supporto di cotanta insipienza, una scrittura che sembra parodiare le soluzioni supereroistiche del primo film. In Io vi troverò Mills ritrovava Maggie Grace ascoltando rumori al telefono e facendosi descrivere punti di riferimento e inferendo e intuendo e capendo. Qui il Mills rapito riesce a telefonare a Maggie sfuggita miracolosamente ai cattivi e la aiuta a localizzarlo OBBLIGANDOLA SALIRE SUI TETTI DI ISTANBUL E DICENDOLE DI LANCIARE GRANATE IN GIRO COSÌ LUI SENTE IL RUMORE E CAPISCE.

Capito? Tu vai al centro commerciale, parcheggi nel corridoio 15 rosso, poi te ne dimentichi, esci nel garage blu e per ritrovare la macchina LANCI GRANATE.

A peggiorare la situazione c’è la scelta di eliminare la one man army del primo film e affiancare a Neeson – che qui svolge il suo compito senza infamia né lode, con tanto di meta-dialogo in cui proclama: «Sono vecchio e stanco di queste cose» – proprio la figlia. Che al di là di una gloriosa citazione di Die Hard all’inizio (lei che fugge dai cattivi a piedi scalzi) e della fugace speranza che possa reggere tutto il film in bikini e camicetta (spoiler: si riveste prima di andare a lanciare granate), è solo una nullità con delle gran belle gambe, che passa più tempo a piangere e strepitare al telefono («Oh no! Papà! Aiuto! Aaaaah! Papààààh! La mamma dov’èèèèh!») che a fare l’eroina action. Il physique du rôle ce l’avrebbe anche, quello che le manca è il carisma e un ruolo scritto bene, che non la costringa magari a essere una variazione sul tema “la principessa in pericolo”.

Sopra: qui ha già le ciabattine, per dire di quanto poco duri la speranza.

Quindi niente, dove Io vi troverò danzava con grazia sulla sottile linea che divide la stronzata dal cult, Taken 2 è stupido, brutto, girato male e scritto peggio, una collezione di MACCOSA narrativi con una pletora di sottotesti talmente razzisti e fascisti** che ho a tratti avuto il sospetto di stare assistendo a una parodia talmente raffinata degli eccessi del primo film da aver ingannato tutto il mondo. È irritante l’aderenza di BessonMegaton alla formula del sequel cash-in hollywoodiano, nonché un tradimento (non del tutto imprevisto) della fiducia che noi fan avevamo riposto in un franchise che poteva promettere divertenti iterazioni bi-annuali (Taken 5 – Suocere in pericolo, Taken 11 – Chi ha preso il mio pesce rosso?, Taken 13 – Mi sono rapito da solo!) e che è diventato nient’altro che un veicolo per un po’ di leghismo d’Oltralpe, di razzismo d’accatto che dipinge un mondo in cui il Buon Padre di Famiglia ammazza gli Albanesi Stronzi per poi riconquistare la Moglie Delusa e Vissero Tutti Felici e Contenti.

Soprattutto Giovanardi.

«Il valore della famiglia formata da uomo e donna…».

DVD-quote:

«Cacca»
(Stanlio Kubrick, www.i400calci.com)

«Noia»
(Stanlio Kubrick, www.i400calci.com)

«Per trovare la strada di casa, getta una granata nel punto segnato con la X»
(Apple Maps)

IMDb | Trailer

*vogliamo discutere di quanto è STUPIDO il titolo italiano Taken – La vendetta? LA VENDETTA? Siamo DAVVERO tornati così tanto agli Anni Ottanta?

** che c’erano anche nel primo, ma almeno erano inseriti in un contesto divertente e talmente manicheo da non dare eccessivo fastidio.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

91 Commenti

  1. Il punto è QUANTO PEGGIO può essere questo sequel?

    MOLTO PEGGIO.

    Potrebbe valerne la pena lo stesso?

    PAGANDO? No.

  2. Sapo

    Grazie Schiaffi, da vero supereroe hai risposto ancora prima della mia richiesta di aiuto.

    Il risultato è fa schifo, rimedio due amici e vado a vederlo uguale nella speranza che terzo ritorni ai fasti passati.

  3. Sapo

    Stanlio dobbiamo crederci, è un franchise con POTENZIALE!!

  4. No Sapo serio tu non hai idea della fetecchia, non ci credevo neanch’io.
    FULL DISCLOSURE: sono andato all’anteprima gasatissimo e ripieno di birra e testosterone perché mi aspettavo una bomba. Non è che sia partito pieno di pregiudizi, insomma, anzi.
    Aspettiamo fiduciosi Taken 27: Questa volta tocca a Waldo.

  5. Steven Senegal

    Io i calzini li ho tutti con l’elastico sfinito che mi scendono fino al malleolo. Figurarsi metterci il telefono.
    E ricordatevi che se vi dovesse mai capitare di uccidere un mmerdaterrorista esotico, dovrete fare i conti, da DH Duri a morire a TDKR, con il parentame incazzoso vendicativo. E non si parla di empatia, si chiama pochezza. Ma Mills questo non lo sapeva. E ci va pure in vacanza la figlia ddiobbono.

    Ma Rade Serbedzija gli fa lo spiegone per dirglielo che sì, lui proprio lui, è il padre del sediaelettrificato o, mon dieu, ci regalano un flashback con fotografia virata in seppia?

  6. Steven, sei un uomo pieno di domande!

    [SPOILER]

    Ci becchiamo il funerale dei morti del primo film con Rade che fa lo spiegone ai suoi concittadini del villaggio mafioso albanese, E POI lo spiegone di Rade a Liam a fine film.

  7. Vogliamo parlare delle poche cose positive?
    Quando dà istruzioni a moglie e figlia su come districarsi nelle situazioni a rischio spara un sacco di minchiate inverosimili ma è figo.
    Facessero “Liam Neeson: call center del pericolo” lo andrei a vedere di corsa.
    Il resto, fatto così, non serve a niente e a nessuno.

  8. Steven Senegal

    @ Stanlio: dubium sapentiae initium

    Comunque mi hai convinto. Andrò a vederlo, quasi ubriaco, qui

    http://www.kinemamillennium.com/?p=1312

    con addosso un cartello che recita:

    Unë i urrej shqiptarët

  9. Comunque negli USA non ci deve essere sta grande idea dell’Albania. Non so se ricordate, ma in Sesso e Potere la sceglievano dicendo che era una nazione sfigata. Forse hanno scoperto che in Albania si piratano i film peggio che a Napoli e quindi vaffanculo, tanto da lì non arriva una lira comunque. O forse hanno preso l’elenco delle nazioni e hanno semplicemente preso la prima che spuntava.
    Comunque io se fossi albanese un filo mi incazzerei. E per vendetta rapirei turiste americane vergini da rivendere ad arabi debosciati.

    • Fra X

      Non ho visto “Sesso e potere”, ma all’ epoca della sua uscita l’ Albania era veramente una paese sfigato (non in senso dispregiativo) con gente su gente che sbarcava da noi. Nell’ epoca di Taken invece è curioso. Boh!

    • Landis Buzzanca

      tra l’altro in Sesso e Potere (Dustin Hoffman e Robert De Niro da urlo, da vedere) mi pare che l’Albania fosse la seconda scelta (come Paese a cui dichiarare una guerra fittizia) dopo che era stata proposta – e scartata perché troppo in evidenza – proprio l’Italia!

  10. Schiaffi

    Spoilerino:

    Se vabbè ma pure tutta la cazzata finale da padre a padre, il “goditi i tuoi nipoti” blablabla mavaffanculo, la stronzata della patente…boh a cosa servivano tutte ste pochezze? Liam che va a raccattarsi la figlia 30enne, tutta quell’apprensione degna degli anni 50, boh non capisco il perchè di tantaMMerda. Sono deluso.

  11. Ma vedi che quelle pochezze c’erano anche nel primo, con Holly Valance et cetera. Solo che duravano un cazzo e rompevano poco. Qui c’è tutto il finale consolatorio che… boh.

  12. Cristoforo Nolano

    Steven Seagal ormai (ormai? Da un sacco di tempo) è solo questo:

    http://www.youtube.com/watch?v=8iJQ8TGYQU8&list=PL23E0ACF74114FD2D&index=1&feature=plpp_video

    Neeson è comunque figo, Seagal è comunque ridicolo. A me Taken, come film disimpegnato da guardare nel cazzeggio di una domenica pomeriggio non mi era spiaciuto. Sicuramente darò una possibilità a questo Re…Taken.

  13. Past & Fasul

    è già in cantiere taken vs predators…potete immaginare la trama…

  14. Cristoforo Nolano

    @Past & Fasul
    Rapiscono a Liam il suo xenomorfo preferito?

  15. blueberry

    a quando taken vs the ultimate warrior?

  16. Ezze

    sarò onesto, quando ho pure sentito che son partiti un paio di pezzi presi pari pari da Drive, un vaffanculo m’è partito a voce alta.

    robaccia che non merita i soldi del biglietto, davvero.

  17. JayCee

    Speravo tanto che Stanlio si sbagliasse, ma torno ora dal cinema e purtroppo il mio pensiero è un copia-incolla di quanto scritto da lui…

    Francamente di Megaton conservavo un ricordo migliore, tra Transporter 3 e Colombiana, però evidentemente in quei casi funzionava comunque, almeno per me.

    Qua invece mi sono veramente schifato tra scazzottate con inquadrature/montaggio indecenti e sparatorie da film “progetto per la scuola” (scusate ma il sangue ? Han speso tutto il budget per un paio di auto distrutte e han dovuto far senza ?).
    Davvero piatto, almeno un DTV di solito offre qualche chicca divertente…

  18. e se a qualcuno piacesse?

  19. Stanlio Kubrick

    Nessuno è perfetto ma noi vogliamo bene a tutti.

  20. @luca: assolutamente niente di male. Ti consiglio gli ultimi di Steven Seagal.

  21. Valerio

    @Nanni, oggi ho visto due ragazze che si facevano la foto sotto un poster pubblicitario di Taken 2 con il bel Liam. C’è qualcosa che è sfuggito.

  22. Federico

    Il primo a mio avviso fu una bellissima sorpresa, in questo ma perche’ cazzo hanno cambiato il regista????

  23. Leonida

    Spoileretto:

    Parlando di caxxate: La figlia che è stata bocciata due volte all’esame per la patente: “Provaci tu a parcheggiare una Escalade..”, Ma quando paparino gli dice “Tu guidi io sparo” sembra Carlos Sainz..

  24. Nero728

    Come si fa a sbagliare un film cosi? Come fate a scontentare gente come noi? Ci hanno rapito un elefante e non abbiamo battuto ciglio purchè piacchiassero mezza città. Siamo gente semplice ci batsa un palazzo pieno di criminali e una manciata di poliziotti chiusi dentro, o un padre da solo che rovescia un dittatore su un isola per recuperare la figlia.
    Hanno rotto i coglioni con questi montaggi frenetici.

    Guardatevi TUTTO questo trailer….GENIO!!
    http://www.youtube.com/watch?v=gD5yhLAL_jI

  25. Naccio Jai Fox

    Sono andato a vederlo per sbaglio e devo dire che potrebbe davvero chiamarsi Steven Seagal: The Movie. A parte che nei film di Steven non possono zoomare così tanto perché se no lui non ci sta nello schermo quindi le scene in cui picchia la gente vengono un po’ meglio… E poi hanno usato quella canzone lì di Drive che si chiama “Tick of the Clock” per la scena col conto alla rovescia, ma quanto simpa non sono? Oh troppo forte sto Megaton.

    P.S.
    Da buoni nerd e grazie al fatto che dopo un po’ di noia bisogna inventarsi qualcosa per arrivare vivi alla fine del film, ci siamo fatti questo conto: [SPOILER] quando la tipa lancia la prima bomba a mano il rumore dell’esplosione arriva nel sotterraneo dopo circa tre secondi (contati a voce alta dal buon Liam per renderci tutto più chiaro), quindi, sapendo che il suono viaggia più o meno a 300m/s, l’hotel dovrebbe essere a circa un chilometro da dove lo tengono rinchiuso. Invece lui aggiunge un altro chilometro e mezzo al cerchio di già 3km che aveva ipotizzato. Vai così Liam!

  26. SteEl ChaIR

    Non ci credo… mi riguarderò il primo.

    @Nanni: non so spiegarmelo ma dopo aver visto (TUTTO…) il primo mia moglie ha esclamato: “Se non ci andrai con qualche amico voglio venire con te a vedere il secondo”.

  27. Tetsuo Carpenter

    Vabbeh dai magari questo sarà meglio

    http://www.youtube.com/watch?v=XY_FBsQyYcw

  28. Steven Senegal

    Visto ieri al Kinema Millennium di Tirana insieme a quel matto del mio amico Marco di Tropoje.
    Avete già detto tutto o quasi. Mi viene solo da aggiungere che:

    S P O I L E R

    -anche Liam lava la macchina il sabato con la speranza di reclinare i sedili,
    ­-il calabro saudita lo paga a nero ed in contanti in spregio alla normativa antiriciclaggio e lui se la ride come una mammola
    ­-gli albani si fanno 1200 km con un mercedes non revisionato per rapirli e li vorrebbero riportare legati sul cofano come cinghiali fino ad una festante Tropoje
    ­-Lillo di Lillo&Greg viene incaricato di rapire Maggie Grace
    ­-per Liam il muezzin è “un uomo che canta” (roba da scatenare l’Intifada)
    ­-Liam continua a dire a moglie e figlia “fallo, fallo” nemmeno fosse o Starsky o Mazzarri
    ­-al minuto 78 o giù di lì, viene ucciso Mino Raiola

    F I N E S P O I L E R

    In verità, in verità vi dico, parlare male di questo film e della coppia Megaton-Besson, è come bastonare un bambino accovacciato sulla turca con i pantaloncini scesi fino alle caviglie.

    team #FamkeJanssenfacial

    @nanni
    http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20121019150519AAC7Eot

    (aspettiamo le vostre letterine!)

  29. Steven Senegal

    e vabbè e quindi mi avete bloccato?

    sono cose brutte

  30. Gianluca Odinson

    Sinceramente è un film godibile niente più …………..

  31. Ryan Gossip

    niente, l’ho visto ieri sera e confermo quanto scritto sopra.

    C’è chi il martedì sera si becca la delusione dell’anno, e chi partecipa alla migliore #400tv di sempre :(((

  32. jena123

    In taken 3 voglio solo vedere Neeson che spacca il culo a tutti,niente rapimenti,i familiari sono in vacanza da qualche parte e lui se ne sta per i cazzi suoi ad’affrontare una missione.Neeson mi piace tantissimo come eroe action quindi speriamo bene,potrebbero anche non intitolarlo taken 3,taken significa preso mi pare…rapito accalapiato o qualcosa del genere(io e l’inglese non abbiamo mai avuto il piacere di conoscerci).Ma come detto prima “Mo’ basta con sti rapimenti”.

  33. skorpio

    Visto ieri sera, confermo che è una cavolata. Però alla scena del lancio delle granate ho riso tantissimo.

    Possibilità di sequel comparata coi film usciti finora:

    Taken 1: I giovani di Tropoje vanno a Parigi, rapiscono la figlia di Neeson e si fanno ammazzare tutti;
    Taken 2: Gli adulti di Tropoje vanno a Istanbul, rapiscono la moglie di Neeson per vendicare i giovani di Tropoje e si fanno ammazzare tutti;
    Taken 3: Le donne giovani di Tropoje vanno a Bucarest, rapiscono il fidanzato della figlia di Neeson per vendicare i mariti e i padri e si fanno ammazzare tutte;
    Taken 4: Le donne anziane di Tropoje vanno ad Atene (poverine, sono anziane e più lontano di tanto non possono arrivare), rapiscono la mamma di Neeson per vendicare i figli, i mariti e le figlie e si fanno ammazzare tutte;

    Taken 17: Gli animali da cortile di Tropoje vanno alla fattoria di Neeson, rapiscono il cagnolino di Neeson ecc. (almeno questo da virare in commedia, versione un pelino più violenta di “Babe maialino coraggioso”).

    Taken 29: Inquadrature random del villaggio albanese di Tropoje, ormai disabitato. Campo lungo dell’impresario di pompe funebri del villaggio, che ha fatto i paperdollari ma ormai è rimasto senza lavoro, in procinto di trasferirsi alle Barbados. Stacco su Liam Neeson, che arriva a Tropoje, uccide (ovviamente) l’impresario di pompe funebri, brucia il villaggio e sparge sale sui campi.

  34. Giovi 88

    Il primo mi era piaciuto e non poco, e credo fosse quel tipo di film nato e pensato per essere unico. Ma visto che i sequel/prequel/reboot/triboot/spin-off/remake sono all’ordine del giorno ecco questo Taken… La vendetta…
    Titolo già tutto un programma (anche se negli ultimi anni stanno proliferando i film con titoli anni 80′), storia inutile, personaggi idioti, regia pessima, sceneggiatura scritta su un tovagliolo, scene da manicomio come quella della granata e un Liam Neeson che è lì a muovere le mani unicamente per soldi. Bisogna aggiungere altro? Due cose: la prima è che il film ha incassato 376 milioni di dollari, cioè più di Jack Reacher-Bullet to the Head-The Last Stand MESSI ASSIEME tanto per fare qualche esempio (mi vergogno per chi è andato al cinema a vederlo), e la seconda è che non vedo l’ora di gustarmi il sequel “Taken: mi sono rapito da solo”.

  35. Axel Folle

    No dai, è indubbiamente robetta alimentare ma non siamo al livello qualitativo dei DTV con Seagal, la regia e il montaggio sono sì stronza ma infinitamente meno sciatti della media di Steve-O, come il ritmo pure è gestito molto meglio che non vuol dire sia dosato bene ma non ci si addormenta prima della fine. Certo la prima mezz’ora è fiacca, tocca sorbirsi le conseguenze del primo film sui protagonisti e con scontati drammi interiori, sarebbe stato meglio fare come nel primo e chiudere la prassi dopo un 15 minuti scarsi ma si supera tutto senza grossi danni. La violenza pure è meno divertente del primo Taken (che comunque è meglio specificarlo, ok che fu un fenomeno inaspettato ma è robetta pure quella, più secca e divertente ma sempre poca roba) ma manco così male se non si è del tutto allergici a grosso uso di montaggio e steady. Capisco le critiche ma fino ad un certo punto e mi ripeto, è roba alimentare che a seconda di quanto uno abbia fame del genere e voglia stare al gioco delle cazzatone che mette in tavola può risultare un modesto intrattenimento o indigesta ma fatta molto meno male di quanto non sia nel tono della recensione e nei commenti.

  36. Steven Seagull

    Premesso che il film m’è piaciuto, come del resto il primo.

    Per il resto, ammetto che probabilmente ne’ questo film ne’ i primi 2 Hostel, ne’ etc etc etc possano magari apparire per l’Ammeregano medio dell’Oklahoma chissà quali posti da sogno.

    Degna di nota la scena in cui l’immancabile Rade e tutto il clan si fanno Nord Albania/Sud Albania/Grecia/Turchia (o magari Nord Albania/Kosovo/Macedonia
    /Bulgaria/Turchia, non lo sapremo mai) su delle Mercedes che qualsiasi Zingaro per bene gli sputerebbe, SEMPRE SU STRADE STERRATE che nemmeno in un western con Gary cooper.

    Che bello il Cinema.

  37. Steven Seagull

    P.s. però guardate che Tropoja e tutto l’estremo nord-est dell’Albania parrebbero essere veramente dei postacci, eh. :-) Almeno stando a quanto dice chi c’è stato, National Geographic, Repubblica, Corriere, NYT, bla bla bla bla. :-) Raccontano robe per noi folli, tipo ogni famiglia con un armeria in cantina, faide secolari, briganti assortiti che ti scortano dalla polizia la quale dovrebbe scortarti dai rapinatori etc etc etc. :-)

    Fa venire voglia d’andarci.

    • Axel Folle

      Ho un amico albanese di Tropoja (fu lui a obbligarmi a vedere Taken 2 proprio per questo motivo) e anche lui me ne ha parlato come di un postaccio dove lui stesso non ha piacere a tornare.
      Ricordo un suo paragone bellissimo del tipo “(cosa di cui non ricordo) durerà meno di un ricco nelle campagne di Tropoja”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *