Immobilismo: La Casa (2013)

cartello-vendesi-2copy

AGENTE IMMOBILIARE: OK, ragazzi, prima di entrare vi do giusto un paio di informazioni di base, così, zan zan. Allora: Casa ristrutturata meno di un anno fa, ve ne accorgerete appena entrati, nuova di zecca. Fotografia, mezzi tecnici, produzione: tutta roba di prim’ordine. L’ha progettata un uruguaiano, eh, mica il solito spagnolino, il solito francesino, no: uno giovane, ragazzo prodigio, molto interessante. Vi dico subito che…
LEI: Ma l’edificio originale era degli anni Ottanta, giusto? Mio padre se lo ricorda ancora.
LUI: Dai, amo’, lascialo finire.
AGENTE: Sì, primi anni Ottanta. Ma guardate che questa non è una Casa vecchia, eh! La struttura portante è rimasta, ma per il resto vedrete, tutto cambiato, tutto nuovo fiammante! Due bei giovani come voi non vorranno mica…
LEI: Ma guardi che mio padre mi aveva sempre parlato bene della Casa che c’era prima.
LUI: Boh, io invece non me la ricordo.
AGENTE: Mah… sì, per carità, bell’oggettino… però vede, erano altri tempi… Altre esigenze abitative, altra clientela… Signorina: roba vecchia. Vec-chia.
LEI: Sarà. Mio padre diceva che…
LUI: Amo’, scusa, siamo qui per vedere la ristrutturazione, no? Che aspettiamo a entrare?
AGENTE: Ooooh, eccolo lo spirito giusto! Mi piace, questo ragazzo. Sguardo sempre avanti! Sopracciglia depilate rivolte al futuro! Una Casa moderna ha bisogno di certezze, solidità, razionalità. E scommetto che adesso vi tiro fuori dal cilindro una soluzioncina su misura per una coppia giovane e dinamica come voi. Entriamo?

casetta

AGENTE: Ecco, come vedete nell’atrio si riconoscono piuttosto bene le strutture portanti della vecchia Casa. Abbiamo deciso di mantenere alcuni elementi antichi a vista: il portico, il dondolo di legno che oscilla… fanno molto vintage e sono sempre belli a vedersi. Un ingresso vecchio stile, se vogliamo, perfetto per lei che mi si appassiona al modernariato e a tutta quella roba là.
LUI: Ma il pavimento è in salita?
AGENTE: Eh ma voi siete troppo due giovani attentissimi ai dettagli! In effetti qui all’ingresso l’architetto ha avuto quest’ideina di inserire un corridoio molto lungo, direi interminabile, con il pavimento tutto in salita. In gergo si chiama “preambolo”. Io la trovo una soluzione davvero funzionale, perché, vedete?, essere costretti a percorrere questo preambolo dà sicurezza, fa sentire tutti belli protetti tra queste pareti strette. E in più, con la salita ripida, mi fate anche della ginnastica rassodante ogni giorno. Mica come le Case di una volta, che appena mettevi piede sulla soglia ti ritrovavi subito in cucina, in mezzo alle cose, e non sapevi più da che parte guardare.
LEI: Sì, però è faticosissimo. Non riesco a vedere la fine del corridoio.
LUI: Mi annoio. Ho tanto sonno.
AGENTE: Ma fermi lì, che il bello della Casa deve ancora venire! Clienti esigenti: mi piacete. Per i clienti esigenti come voi ho una chicca, subito, pàm. Papapapapàm! Lungo il preambolo abbiamo disposto – tadaaan – i personaggi! Estetica impeccabile, eh: guardate che carucci. Non uno, non tre: cinque personaggi!
LUI: Cinque personaggi… bè, chissà quanto carisma consumano…
AGENTE: E qui vi volevo! Il consumo di carisma è bas-sis-si-mo. Anche qui, dopo i lavori di restauro abbiamo ottenuto un netto risparmio rispetto all’originale. Una volta abbattuto il Campbell portante è stato facilissimo appiattire tutto il resto.
LEI: Io questi cinque li ho già visti da qualche parte… E poi non si muovono…
AGENTE: Bè, certo, sono statue. Ma guardi come si abbinano a meraviglia al moralismo delle pareti!
LUI: Il cosa?
AGENTE: Il moralismo! Ne abbiamo dato due o tre mani sulle pareti. Vedete?
LEI: Ecco cos’era questo senso di colpa.
AGENTE: Esatto! È un materiale che fa un sacco tendenza ultimamente, molto giovane, proprio come voi! Ai tempi della vecchia Casa si usava pochissimo per progetti di questo tipo, ma ora i clienti ce lo richiedono espressamente. Guardate quanto ce n’è! Guardate che bellezza! I vostri amici moriranno d’invidia, e andranno all’inferno.
LEI: Sì ma.. a che cosa serve tutto questo moralismo?
AGENTE: Bè, il moralismo fa subito focolare domestico! Ti fa sentire a tuo agio, ti… ti coccola! Riduce al minimo l’apporto di tette e ti insegna che la droga fa male. È un prodotto completo. Vi faccio un esempio. Vedete questo personaggio? È una ragazza drogata. Vedete come stona col moralismo di fondo? Animo ribelle, occhi pittati di nero… Allora io, taaaac: premo qui, la disintossico, espia, si pente! Guardala adesso: un bijou.
LUI: La droga fa male! Io mi faccio solo di vita!
AGENTE: Bravissimo lui che ha già imparato! E lei, signorina? La vedo perplessa…
LEI: Mi è appena tornato in mente dove ho già visto questo posto…

Espiare la droga

Espiare la droga

LUI: Non ricomincerai a menarla con quella roba che hai visto in TV?
AGENTE: Di cosa stiamo parlando?
LUI: La mia ragazza è fissata con quelle trasmissioni antitruffa, sa, quelle dove mettono in guardia il consumatore. Com’è che si intitolava?
LEI: «Mi manda Joss Whedon». E non è una trasmissione antitruffa. È una trasmissione sulle Case. Ti fa vedere come sono fatte, ti dice quali comprare e quali no… in pratica si scopre che le Case sono fatte quasi tutte allo stesso modo. Ed è vero, cazzo, altro che accessori moderni, questa Casa è identica a quella che ho visto in tv. Identica. E nella trasmissione di Whedon quella Casa alla fine crollava! Come posso fidarmi di lei? Sa quante fregature abbiamo preso negli ultimi anni? Non capisco come faccia il suo urugaiano a progettare una roba del genere dopo che hanno mandato in onda…
AGENTE: Se è per questo può stare tranquilla: il nostro architetto non guarda la tv. Whedon può dire quello che vuole, ma la sua trasmissione chi se la caga? Giusto qualche cinefilo annoiato di Voghera. A chi crede che importi? È il mercato a darci ragione, sa? Quando uscì quella serie di documentari di Wes Craven sul mondo immobiliare tutti dicevano che la richiesta di Case sarebbe crollata. E invece siamo ancora qua a fare le cose nello stesso modo. A regola d’arte.
LEI: Ma è proprio quello che diceva Whedon!
AGENTE: È un bell’ossicino duro, la sua ragazza!
LUI: Non lo dica a me.
AGENTE: Signorina, guardi, siamo quasi alla fine del corridoio. Scommettiamo che le sventolo davanti agli occhi una cosa che le farà dimenticare ogni sua sega mentale legittima perplessità?

Omino_2

AGENTE: Eccoci al clou. Siete venuti apposta e finalmente ci siamo: le scene splatter. Guardate che roba, guardate.
LUI: Eeuuh vabbè, no, dai, figata.
LEI: Ah beh.
AGENTE: Eh no signorina, qui c’è poco da dire “beh”. Ne sono venuti tanti di clienti scettici, ma quando li ho portati qua li ho sempre convinti tutti, sa? Guardi queste braccia mozzate che cosa non mi sono. Guardi il sangue, guardi quanto ne esce! Qui vi potete veramente sbizzarrire.
LUI: Amore, amore, vieni qua, guarda che figata, guarda che figata qua dietro c’è la tipa che si sega via la faccia coi cocci di vetro!
AGENTE: Ha visto che oggettino che non è? E la volete una chicca? La volete? Fate silenzio un attimo e sentite il rumore della ciccia tagliata… Sentite? Sentite l’inquietudine? Me la sentite l’inquietudine SOTTO PELLE? Cioè, troppo pelle d’oca o no? Io tutte le volte che vengo qui, oh: troppo pelle d’oca. Cioè, questa è roba che voi non mi ci dormite la notte! Ma dove la trovate una cura dei dettagli di questa portata? Guardate qua, to’, guardate queste donne demoniache! Tutta roba giapponese, garantita, queste c’hanno dieci anni ma fanno ancora una paura che noi ce la sogniamo. Va’ che capelli. Va’ come piegano i gomiti al contrario. Movimento a scatti, brevetto orientale, questi sono accessori che vanno di modissima tra i giovani come voi. Perché l’architetto uruguaiano uno dice OK, mura solide, preamboli, tutto quel che volete, però oh, quando c’è da sparare i chiodi nella fazza, lui ti spara i chiodi nella fazza! Altro che Whedon! È vero o no?
LEI: In effetti non me lo aspettavo. Non è male. E mi dica, per il sangue avete tenuto le vecchie tubature o…
AGENTE: No, no, che vecchie tubature? Quelle perdevano, erano inaffidabili… Continuavano a grondare sangue e finiva che sporcavano la struttura, le travi marcivano, l’ambiente puzzava. Magari a suo padre piaceva così, signorina, ma ora se permette siamo nel 2013. Qui abbiamo un sistema di controllo del sangue modernissimo: tutto lo splatter che vogliamo, ma in un ambiente sano, a regola d’arte. Il moralismo sulle pareti? Assolutamente impermeabile al sangue, glielo garantisco.
LUI: Cioè ma troppo spettacolo! Qui tutto megasplatter, e poi basta andare nella stanza accanto e non si sente più niente! Sono uscito un secondo sul portico e mi stavo quasi dimenticando tutto! È insonorizzato da paura!
AGENTE: Prodigi della modernità, caro mio.
LEI: E senta, il bagno di sangue c’è?
AGENTE: Ma certo che c’è! Non può mancare, in una casa del genere. Vedrete che chicca. Ecco, sta di qua, in fondo a destra, subito dietro questa svolta di sceneggiatura. Vi porto a…
LEI: Aspetti un attimo, voglio dare un’occhiata alla svolta.
AGENTE: Ma lasci perdere, qui siamo in un punto di passaggio, chi vuole che ci badi?
LEI: Eh no, mi scusi, ma questa svolta di sceneggiatura è un pugno in un occhio.
LUI: Ma cos’è quello? Un defibrillatore?!
LEI: Non ha senso! Ma che merda è?
AGENTE: Eh, ragazzi, purtroppo se volete una Casa con una struttura moderna e coerente, bisogna scendere a compromessi. Ma vedrete che tutto passerà in secondo piano dopo che avrete visto… il bagno di sangue! Voilà!
LUI: Nooooooooooooo mega spettacolo! Piove sangue!
LEI: Impressionante davvero.
AGENTE: Ve l’avevo detto o no? Vi sembrerà di essere all’inferno! Mettetevi qui da una parte così non vi bagnate. Tutto revisionato, eh, tutto a norma! Qua non si è badato a spese. Allora, signorina, che mi dice? La vede la sega elettrica nel viso? La vede la mano mozza? Senza parole, eh?
LEI: No no, niente da dire, la zona splatter è bella… Non me l’aspettavo, da una Casa così… così…
AGENTE: Così come?

La zona notte

La zona notte

LEI: No, vede, è che continuo a pensare a quello che diceva mio padre quando…
AGENTE: HAI ROTTO IL CAZZO CON TUO PADRE, VA BENE? NON LO CONOSCO MA MI HA GIÀ SFRANTO I COGLIONI, TUO PADRE! CHI CI DEVE ABITARE IN QUESTA CASA, TU O TUO PADRE? Dove altro pensi di trovare una ristrutturazione di questa qualità, coi tempi che corrono? Avete provato a dare un’occhiata in giro?
LUI: Amore, il signore non ha tutti i torti. Quante ristrutturazioni abbiamo visto, negli ultimi anni? Una decina almeno. Tutta roba da mettersi le mani nei capelli.
AGENTE: Si guardi in giro, signorina! Il mercato immobiliare è in stallo e il mondo è pieno di francesi o ex metallari convinti che la via più facile sia la ristrutturazione. Danno due mani di vernice patinata, accorciano le gonne e bam: un ecomostro. E invece guardi qua, guardi cosa mi combina l’uruguaiano: mura solide, struttura familiare, gore con certificato di qualità… questa è tutta roba che dura, signorina! Io non voglio farmi gli affari vostri, ma voi avrete in programma di metter su una famiglia prima o poi, no? E che cosa c’è di più bello di una Casa che dà un senso di familiarità? Di familiarità, signorina!
LUI: Alla fine è una bella Casa… Lo splatter funziona bene, il bagno di sangue è spazioso… Guarda, lo dice anche qui sull’annuncio: “Conoscerete il terrore più grande”.
LEI: Bè oddio, certo dal trailer sembrava più grande. E poi non so, magari è colpa mia, ma ripenso sempre a mio padre… Gli piaceva tanto la Casa vecchia, ne aveva comprata persino una seconda, che era ancora più bella…
AGENTE: Signorina, siamo realisti: coi tempi che corrono, chi se la può permettere la seconda Casa?
LUI: Ha ragione, lo sai.
LEI: Lo so.
AGENTE: Affare fatto?
LORO: Affare fatto.
AGENTE: Così vi voglio. Una firmetta qui e passa la paura.

La-casa

DVD-quote suggerita:

«Evil dead in inglese vuol dire La morte e il diavolo»
(Quello seduto dietro di me al cinema, i400calci.com)

>>IMDb/Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

214 Commenti

  1. Un rispettoso inchino a Lu8, anche se nella realtà gli agenti immobiliari sono molto più antipatici.

  2. Past & Fasul

    Bello bello…originale e riuscita l’idea di base per far andare in ragazzi nella casa…tutto quello che segue e’ un vero spasso…

    Spoiler

    Ma il senso della voce nei titoli di coda…?

  3. Mi levo fortissimo il cappello, recensione superba! Me lo guarderò con le manine in faccia sbirciando fra le dita, che a “il rumore della ciccia tagliata” m’è venuto il tremaculo… oh, uno c’ha le sue fobie! :D

  4. Andrea P.

    Aaaaah ora non vedo l’ora di guardarmelo con rinnovato ottimismo, grazie!

    Aggiungo che la recensione è un capolavoro, CAPOLAVORO (si lo scrivo grande perché è giusto)

  5. Dévid Sfinter

    Anche se non l’ho (volutamente) letto tutto, idea della madonnina.
    Una domanda gentilmente: attori?

  6. Il Reverendo

    Voce nei titoli di coda non pervenuta, devo essere uscito prima.. cosa diceva?

    Grande rece cmq, concordo appieno. la mancanza di personalitä dei personaggi mi ha ucciso. soprattutto quello capellone, ma chi é? Che mi rappresenta? E il tanto acclamato splatter pazzesco bah… a parte che penso che al.cinema dove l’ho visto fosse pure un po’ tagliato.. comunque da quando inizia a piovere sanhue il film si risolleva, anche se SPOILER l’essere che striscia fuori dalla terra non dovrebbe essere un diavolo o un demone? perché ha l’aspetto di una ragazzina qualunque? Un po’ di fantasia no, eh?

    Film inutile.

  7. FedericoSly

    Arrabbiatevi con me, ma se penso alla ‘casa ‘ mi viene in mente “l’armata delle tenebre ‘ “IN QUESTO MOMENTO TU SEI IL RE DEL CAZZO E DELLA MERDA!

  8. valerio

    Recensione capolavoro, dvd quote enorme. Per ora mi basta così.

  9. Se hanno rifatto La Casa, dopo averlo guardato sarò costretto a …rifare questa recensione, ma sarà impossibile, perchè è come al solito unica, magistrale, definitiva.
    Come La Casa.

  10. Marlon Brandon

    Luotto non delude mai…

  11. Stanlio Kubrick

    Sentite, fate così, leggete la recensione che è bella ed evitate di andare a vedere il film che è noioso e moscio, è la scelta migliore.

  12. Past & Fasul

    comunque dopo quella casa nel bosco nessun horror è più lo stesso…

    P.S.

    la voce era più o meno quella registrata nel primo film della serie…il dottore che dice dove ha trovato il libro,qualcosa sta arrivando ecc…

  13. Zambo

    Recensione geniale che mi ha fatto ghignare un sacco, specialmente certe uscite di LUI. Spero che il film mi piaccia altrettanto.

  14. Stanlio Kubrick

    SPOILER PER CHI L’HA VISTO

    Perché parlate solo di “voce sui titoli di coda”? Hanno tagliato il fazzone di Bruce Campbell che dice GROOVY?

  15. @stanlio: lo sapevo che se non mi stavi sfottendo allora te l’eri sognato!

  16. Bread Beat

    veramente una chicca sta recensione, ebbravo Luotto

  17. Stanlio Kubrick

    Ma no porca troia chiedi anche a Quantum, giuro che l’abbiamo visto! Amici che l’avete visto al cinema, ditemi che non sono pazzo! Guarda, l’ho trovato pure sull’internet dell’inglese: «Those of you who sat through the end credits of the film know that Bruce Campbell makes a very brief appearance once the final credit has rolled, popping up to say “Groovy”».
    Dai oh, che è la cosa più interessante del film!

  18. Past & Fasul

    l’hanno taglia…comunque…

    http://www.youtube.com/watch?v=_QbYBUOCyuc

  19. Stanlio Kubrick

    GRAZIE PAST MI SENTO MEGLIO.
    Ma davvero nella versione cine l’hanno tagliata?

  20. Spettacolare Luotto. avesse scritto la metà, saremmo al capolavoro. Però davvero, gli immobiliary agents son molto più buzzurri di così.

  21. Cillone

    c’avevo l’hype a mille, ma purtroppo un film inutile. il terrore più grande è capire che l’unica cosa GRANDE è la motosega.
    e il defibrillatore? sul serio?
    non ci siamo regà

  22. Cillone

    scusate ma quindi

    SPOILER

    la seppelliamo e lei risorge? tutto a posto? …mi spiace, non ci riesco.
    team cabin in the woods!

  23. Mi rendo conto che e’ ancora presto per incazzarsi con chi si esalta per la pioggia di sangue finale, ma appena vi sembra il momento fatemi un fischio che vengo a dire “Nishimura la piazza da anni in ogni suo film e ovviamente meglio”.

  24. Past & Fasul

    @cillone…

    tutto a posto mica tanto…ho apprezzato comunque che non avendo un il BRUCE,il ruolo del protagonista se lo siano un pò passati a mo di patata bollente…

  25. Past & Fasul

    P.S.

    la voce nei titoli…con il groovy finale…

    http://www.youtube.com/watch?v=cc6NX4mBG1M

  26. umbem

    ma insomma, è da vedere o no? ho un certo hype, mi pareva buono. la rece è un capolavoro (e non invidio Luotto, condannato a mantenere il suo standard), ma non capisco se il film valga la pena.

  27. Sergio Beone

    Tanto si sapeva ch’era un remake senza motivo d’esistere. Attuare un restyling a uso nuove generazioni ha senso quando hai una sceneggiatura che valga la pena essere riscoperta. Non dico che evildead non avesse una buona sceneggiatura, ci mancherebbe altro, ma è stata riproposta in talmente tante salse che ormai è un dato di fatto, fa parte del codice genetico anche dei più giovani, checcazzo ci sarebbe da riscoprire? Almeno la scena dello stupro vegetale c’è? Cheppoi chemmifrega, io sto film non lo guarderò mai. E’ la cosa che preferisco dei 400: mi risparmia un sacco di visioni inutili, per di più divertendomi :)
    @Luotto: “sopracciglia depilate rivolte al futuro” è un’immagine bellissima!

  28. Past & Fasul

    Per me merita la visione, e sono un fan della Sacra trilogia,tra l’altro con la festa del cinema paghi 3 euri…

    Spoiler

    Lo stupro c’è.

  29. Braddock Pit

    Recensione pazzesca e film n’ammerda.Splatter,tagli e urla ma non spaventa mai.Fanculo a Diablo Cody la sceneggiatrice ggiovane che parla lo slang di quelli che a Los Angeles bevono il caffè da Starbucks davanti al laptop,i twentysomethings tutti mossette…avrà partorito lei l’ideona del contesto drogata e purificata.

  30. @umbem: mi dispiace che le nostre rece siano un po’ piu’ complesse di “bello” o “brutto”, magari prova Twitter?

  31. umbem

    @nanni:
    boh, non ero ironico, il complimento alla rece era vero.
    semplicemente vi chiedevo un consiglio, come ne ho letti in altri vostri pezzi, tutto qui.

  32. Stanlio Kubrick

    @umbem: il mio personalissimo consiglio è di evitare, o al massimo di andarci in questi giorni che costa 3€ se proprio non puoi farne a meno. Io mi sono molto annoiato.

  33. BellaZio

    SPOILER
    dovrebbero uscire 20 film come questo all’anno. C’è del sangue, tanto, dello spettacolo e un sacco di cazzate che richiamano lo stile dell’originale (il tizio che cura qualsiasi cosa col nastro adesivo?? fantastico). Gli attori fanno cagare (tranne la protagonista che é veramente brava) e la storia della droga è appiccicata inutilmente (ci scommetto che c’entra Diablo Cody e la sua “americanizzazione” del plot). Ma io dico: e allora? Devo fare le pulci a un film finalmente splatter, finalmente disgustoso, finalmente esagerato in tutto?
    No, le pulci gliele farà Joss Whedon e le sue case nel bosco e il metacinema e il suo horror intellettualo che vuol dire al mondo intero “guarda mamma come sono bravo e intelligente”. Che poi la Casa nel bosco mi è pure piaciuto ma qua piove sangue, anzi diluvia sangue, mutilazioni a go go, disgusto a gratis, imbecilli che suturano amputazioni col nastro isolante! Cristo!
    Stiamo parlando di un film con lo spirito della serie B, un horror vero in cui giustamente 4 attori su 5 fanno cagarissimo.
    Per quanto riguarda chi ha trovato noioso questo e spassoso Lords of Salem beh non riesco a entrare nelle loro menti, mi spiace, credo che siano lontani dal concetto di film orrifico ben fatto che ho io…
    Questione remake: rifatto così, è stato giusto rifarlo, ciò che è impossibile rifare, almeno con quel nome e senza Bruce Campbell è La Casa 2.

  34. umbem

    @ stanlio:
    grazie, chiedevo questo. mi interessa l’idea di vederlo girato con un budget alto – per quanto raimi non sia più regista. con le dovute differenze, per carità, ma l’input è un po’ lo stesso con cui ho visto il remake di sleuth con caine che fa l’altro protagonista rispetto all’originale.

  35. BellaZio

    @nanni
    ebbene sì ho esaltato io per primo la pioggia di sangue. Magari il giapponese che dici tu la piazza meglio e in ogni suo film, ma la piazza in ogni sala del globo? La differenza sta tutta lì per me.
    Quante volte la vedi in una sala? Da quanto non la vedevi? Da quanto la gente comune non la vedeva?
    Indipendentemente da tutto ciò che potete e volete dire, il genere aveva un bisogno disperato di un film così.

  36. Luotto Preminger

    @ Umbem: La morale è, con quel che passa il convento questo è superiore alla media, però ecco, giusto perché vai al cinema a tre euri.

  37. @umbem: apprezzo i complimenti, dico solo che e’ un po’ mortificante scrivere un articolo dettagliato e sentirsi dire “si’ ma e’ bello o brutto?”. Se riducessimo tutto a quello scriveremmo recensioni di una parola sola, e invece purtroppo il mondo contempla anche sfumature di grigio (piu’ o meno di 50). E’ anche il motivo per cui mi rifiuto di mettere voti numerici o stelline o pallette o sticazzi. Ma chiudiamo pure qua, no worries. Magari se puoi fai giusto domande un po’ piu’ specifiche la prossima volta.

    @bellazio: io i film di Nishimura li ho visti tutti in sala. Ma lo so che sono io che sono specializzato, eh? E’ solo per dire che mi ha fatto lo stesso effetto di quando ho visto Matrix dopo aver gia’ visto la filmografia di John Woo.

  38. Ryan Gossip

    Fantastico. Se Mollica legge una roba del genere gli esplode la testa.

    Credo avrà i miei 3 euro, al massimo un download

    @luotto ma davvero quello seduto dietro di te ha detto una cosa del genere?

  39. Stanlio Kubrick

    Dove sarebbe “lo spirito della serie B” in questo film?
    Non è che scegliere apposta gli attori cani significhi farlo giusto, nel 2013.

  40. Steven Senegal

    Il film non l’ho visto e forse mai lo vedrò visti gli accurati consigli di non farlo.
    Però.
    Però, ho aperto la finestra e ho urlato “diomio che recensione!” (e dall’altra parte della strada mi hanno giustamente risposto “che cazzo dici?”). Ma non è solo Luotto, ormai è la redazione tutta che veleggia verso il parnaso delle recensioni. Potete fare solo una cosa ormai: a) fate scegliere un film di prossima uscita ai lettori b) recensitelo tutti voi redattori separatamente c) mettete ai voti del pubblico le recensioni. Mi viene spesso da chiedermi chi sia il mio redattore preferito. Non ho una risposta. E la colpa è tutta vostra.

  41. umbem

    @ luotto:
    capito, grazie.
    tutto sommato alla fine un the cabin in the woods è comunque uscito, secondo me già molto al di sopra della media.

    p.s.
    Lu, lo sai che io ti adoro, avevo persino scagato una ragazza al primo appuntamento per abbrazzarti fotte fotte in quel di torino…

  42. umbem

    @ nanni
    (poi smetto chè giustamente agli altri non fregherà nulla).
    non leggo recensioni che mettono stelline o pallini, perchè bello/brutto lo decido io. leggo quelli di cui mi interessa l’opinione (per questo mi sembra strano che l’abbia trovato mortificante e ti sia girato così).
    commento raramente, ma in genere provo a dire qualcosa di sensato (e così mi è sempre sembrato dalle tue risposte – il nickname non dovrebbe aiutare a riconoscere l’utente?).
    la mia domanda (deduco mal posta) era: “leggo che tecnicamente è ben fatto, ma nulla più. tuttavia è il remake di un film cult, me lo consigliate?”.
    perdona la mia obsolescenza, non uso twitter e non ho letto fifty shades of grey – spero non siano dei requisiti di ammissione.

    forse è proprio il fatto che ci siano “tante sfumature di grigio” a rendere ovvia la stima che sta dietro alla richiesta di un’opinione.

    quindi no worries, figurati.
    cercherò di scrivere solo ed esclusivamente se sarò in grado di dire qualcosa di costruttivo.
    dal canto mio, ti chiedo invece – pur nei limiti del fatto di essere a casa tua – di non trattare subito come dei coglioni i tuoi/vostri follower, appena fanno una domanda che non ti piace.

  43. Luotto Preminger

    @ Umbem: adesso mi sento in colpa, hai almeno recuperato la ragazza in questione o hai deciso che come me nessuno mai?

    @ Steven Senegal: Il miglior redattore è: Nanni Cobretti. È il primo comandamento, non l’hai letto?

    @ Stanlio: Lo spirito della serie B! Non l’hai vista la scena dove gioca il Sassuolo?

  44. @ Stanlio. la facciona di Bruce CampBell c’è eccome, e hanno lasciato “Groovy” in lingua originale.

    Detto ciò, film boh, fanservice boh, e st’idea che l’inutile in tempi di merda sia automaticamente “cosa bella” sarebbe ora di togliersela dalla testa.
    Meglio di Nispel non vuol dire “remake come li faceva Carpenter” checcazzo… Però magari da teenager mi ci esaltano abbestia…

  45. Terence Hell

    Film che proprio non sono riuscito ad inquadrare, ha tutte le carte in regola per essere un horror della madonna (attori cani a parte), ma non mi ha preso. Mi pare aggiunga nulla all’originale, sono uscito con addosso un kg di già visto. L’ Alvarez spero di vederlo ancora, con in mano qualcosa di suo o almeno di originale, il ragazzo ha del talento, non si può negare. Probabilmente avessi avuto ieri la stessa età di quando ho visto Evil Dead, ora starei ringraziando Satana per 90 minuti di felicità.
    P.s Luotto è un bullo

  46. Ah! Recensione comunque da applausi. Sia per la forma che per la precisione dell’analisi!

  47. umbem

    @ Luotto: sì, siamo stati assieme, poi è finita perchè voleva andare troppo presto a convivere ma soprattutto voleva portarmi a medjugorje. Ancora ricordo però la sua faccia perplessa quando ho urlato “Luotto!!!” (mi convocò d’urgenza un’amica scrivendomi “c’è qui un mio amico che è uno dei 400calci, ma non ti dico chi è”).

  48. @umbem: certo che mi ricordo che normalmente intervieni con cognizione, ma stavolta ti è uscita davvero generica e semplicistica e ti giuro che, al contrario per fortuna di Stanlio e Luotto, anche con tutta la buona volontà derivata dai tuoi precedenti non ho proprio capito che tipo di informazione chiedevi. Ne ho approfittato per chiarire la nostra politica a riguardo, sorry se hai fatto da capro espiatorio e ovviamente anche se ti sei sentito trattato male.

  49. allora la recensione è un capolavoro, poco da dire, complimenti a Luotto:
    Sul film però ho idee – quasi – diametralmente opposte. Innazitutto una festa di sangue così, in un film “commerciale”, non la vedevo da anni, quindi già bravi bravissimi. Ottimi effetti artiginali per tutto il film, un ulteriore bonus. Poi: è vero che i raccordi sono spesso una merda, ma ha ragione l’agente immobiliare, perchè se ci si passa sopra i novanta minuti sono belli pieni e altro che noia! Secondo me è un remake che ha tutto il diritto di esistere anche perchè l’uruguagio ha rielaborato molto e tenuto qualche citazione, per me ha fatto un opttimo lavoro. Poi è vero che tutti e 5 gli attori insieme hanno 1/10 del carisma di Ash e della parti anti-droga si poteva fare tranquillamente a meno. però dico, AVERCENE!

  50. umbem

    @ nanni:
    nessun problema, grazie del chiarimento. a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *