The Snitch – L’infame: il film che è tutto un grande equivoco

Cristo santo questo grosso figlio di puttana è una fighetta! Si sta cacando sotto perchè gli punto addosso una pistola?!?” con questa battuta gli sceneggiatori introducono il perchè di questo film e in un colpo di grande letteratura riescono anche a raccontare contemporaneamente il personaggio protagonista e il motivo che ha spinto l’attore che lo interpreta ad accettare questa parte.
Lo si poteva dire anche in un’altra maniera: se a The Rock levi le pizze, gli spari e le inquadrature a torso nudo o in canotta, cosa rimane? The Snitch. Ma l’ufficio marketing ha cercato di far in modo che se ne parlasse il meno possibile, perchè meno si capisce che è un film non d’azione di The Rock meglio è. Per questo motivo le locandine sono così o così. Eppure il calcista esperto non ha potuto non notare che nelle immagini promozionali con pistole ci sono sempre gli altri mentre quelle in cui compare The Rock sono di altro tono.
N.B. Per rispetto nei confronti dell’uomo, l’attore ma soprattutto il padre di famiglia che ha creduto in questo progetto, da questo momento in poi lungo tutta la recensione ci si riferirà a The Rock chiamandolo Dwayne Johnson.

In una trama scritta con la collaborazione dei responsabili del palinsesto di Rete4 un duro lavoratore americano, di quelli tutto patria e famiglia (divorziata), innamorati della moglie (soprattutto della seconda), si ritrova il figlio (quello avuto dalla prima moglie) incastrato da amici per storiacce di droga e a rischio di tipo 10/30 anni di carcere (si si, è un range così!), dunque decide di fare l’infiltrato nel cartello della droga per avere qualcuno su cui fare la spia a sua volta e ridurre considerevolmente la pena del figlio (il meccanismo non è chiarissimo ma chi siamo noi per questionare il sistema americano?). In pratica si offre di fare la spia infame. Qualsiasi cosa per la famiglia (divorziata), qualsiasi cosa per un figlio.
Considerate a questo punto che nello script ogni sparo o ogni esplosione è stata sostituita da un primo piano di Dwayne Johnson che dice: “È mio figlio” oppure “Devo farlo per mio figlio”.
Dunque, riassumendo ancora di più: un padre decide di fare l’infame e incastrare dei criminali per tirare fuori di galera il figlio adolescente che è stato appena ammesso al college. Tutto il pantheon mitologico di Rete4 da Lee Marvin a Charles Bronson, su su fino a Chuck Norris approvano.

"I'm Chuck Norris and I approve this plot"

“I’m Chuck Norris and I approve this plot”

Per vostra e nostra praticità sorvolerò sul fatto che c’è un procuratore distrettuale che vuole fare carriera e usa Dwayne Johnson per portare a termine un’operazione clamorosa. Fottuta politica… In questo film quel che conta è Dwayne Johnson che parla con il figlio di integrità e morale dal parlatorio del carcere (attenzione: lui ha già deciso di fare l’infame e il figlio già l’hanno carcerato eh!) e che si mette a fare il corriere per incastrare i boss della droga, il tutto senza dare nemmeno un cazzotto o sparare un proiettile (“Farei qualsiasi cosa per mio figlio”).

L’impresa (impedire a Dwayne Johnson di sparare per tutto un film in cui fa il corriere per il cartello della droga) è tanto titanica quanto noiosa. Anche perchè qualche inseguimento c’è, qualche scazzottata pure, ma Dwayne non si muove ed è tutto timoroso di finire fuori strada. Gli altri fanno l’azione. Sul serio.
Solo ad un certo punto decide di spararne un paio con un fucile a canne mozze, facendo così uscire fuori strada ed esplodere una macchina. La scena l’hanno tenuta ma pare che dopo lo STOP del regista Dwyane abbia dichiarato: “Chiedo scusa a tutti, è stato un riflesso condizionato”.

"Salve, per caso avete pile da 12v per il telecomando del cancello?"

“Salve, per caso avete pile per il telecomando del cancello?”

The Snitch dovrebbe essere un film di suspense, in cui l’everyman Dwayne Johnson (aka il culturista della porta accanto) si trova in ambienti pericolosissimi nei quali è a disagio e di cui ha paura. Un unico grande controsenso insomma, un film che è tutto un momento di imbarazzo tra spettatore e attori, i quali con una goffaggine tenerissima si affaticano a fare cose a cui in precedenza non avevano mai dovuto pensare, come la scena in cui il placido uomo di famiglia (scusate: di famiglie) comincia a prepararsi per fare l’infame e va a cercare “Drug Cartel” su wikipedia, poi cambia tab del browser e sta sul sito dell’FBI a leggere la tabella con le pene per detenzione e spaccio di vari tipi di droga. Dopo tre secondi di inquadratura del volto illuminato dalla luce del computer fa le faccette di quello che ora ha capito.
Ma la cosa migliore è che al timone di quest’incredibile produzione delle menzogne è stato messo un ex stuntman ripulito, ora cineasta del disagio familiare, Ric Roman Waugh. Uno che è cascato e ha preso cazzotti in A rischio della vita, Senza Tregua, Tango & Cash, Arma Letale 2, Essi vivono, Drago d’acciaio, Atto di forza, L’ultimo dei Mohicani e anche Amore per Sempre (e vorrei davvero vedere che stunt fa…), senza aver imparato niente, o avendo imparato solo dall’ultimo di questi film. Insomma uno con un curriculum simile lo mettono a costringere The Rock Dwayne Johnson a non massacrare quelli che gli puntano la pistola in faccia ma anzi a chiedere scusa.
A modo suo un eroe.

"Ecco qui, vedi? E' come dicevo io: loro ti minacciano e tu rimani immobile, tutto spaventato"

“Ecco. Vedi che era come ti dicevo io? Loro ti minacciano e tu rimani immobile, pietrificato dalla paura”

DVD-quote:

“Quello che resta di un film di The Rock se gli levi le pizze”
“The Rock è tornato! E questa volta è pronto a porgere l’altra guancia”
“Cinema scaldacuore a tradimento”
“…’a ‘nfame!”
Jackie Lang, i400Calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , ,

56 Commenti

  1. bizy

    Mah lasciamo perdere che parlare di Bay per me e’ una perdita di tempo.
    Pace.

  2. Il Reverendo

    É Vero che non scrive, mi ero sbagliato. ma per il resto sottoscrivo tutto quello che ho scritto, e anche quello che ha scritto il capo.
    bay é un autore a tutti gli effetti, poi puó far cagare ma non toglie che lo sia.

    @bellazio: su transformers 3 quello che ti posso dire é che quando ho iniziato a vedere palazzi che.crollano, tizi volanti, optimus prime che.vola e spara con un fucile grosso quanto una harley il mio cervello é andato in tilt e ho cominciato a sbavare. per me quello é un signpr finale, e il fatto che ce l’abbia ancora stampato in testa dopo oltre un anno per me significa che quel film ha vince.

  3. BellaZio

    1-Al finale Di Tranformers 3 ci devi arrivare ed è quasi impossibile per me.
    2- Sono convinto che Michael Bay non sappia scrivere, nel senso che non ha imparato da bambino perché la non capiva come far esplodere la biro.
    3- Più che Carpenter o Tarantino, Maradona e Bay nella stessa frase non si possono sentire. Al massimo Benito Carbone che piace a me ma non a chiunque sulla faccia della terra.
    4- Comprendo i vostri discorsi ma come voi magari schifate uno tipo Wes Anderson che ha un fortissimo tratto autoriale e una chiara idea di cinema che a voi non piace e a me sì, io schifo Michael Bay che, secondo me, qualsiasi genere in cui si cimenta, lo peggiora. Come Soderbergh. Bravissimi entrambi ma io mi avvalgo del diritto di schifarli.

  4. ratto reietto

    minchia benny carbone e il suo cazzo di colpo di tacco a sproposito!
    che fine ha fatto?

  5. BellaZio

    @ratto
    credo che alleni ora da qualche parte in lega pro, ha finito la carriera in qualche squadrazza del profondo sud in qualche lega minore. le ultime tracce che ho di lui mi portano a Sidney e poi Gubbio…

  6. Open Your Mind

    Un grande film, completo sotto tanti punti, soprattutto considerando che è interpretato da un attore abituato a scene di muscoli e si cimenta per la prima volta in un ruolo di maggior spessore. Belle le riprese, la musica, la molteplicità espressiva delle figure principali.
    Purtroppo l’ipercritica di chi non riesce a calarsi nel personaggio ma si deve atteggiare a “italianetto esperto”, offusca il giudizio di questo post fuori luogo e forzatamente negativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *