Crea sito

Star Trek Into Darkness: recensione adeguatamente profana

hr_Star_Trek_Into_Darkness_35Ciao, mi chiamo Nanni Cobretti, e l’unica volta che ho guardato un documento audiovisivo etichettato “Star Trek” per più di 15 minuti in vita mia è stato in occasione del primo film diretto da J.J. Abrams. In quanto tale, credo di rientrare a pennello nel target di questa nuova saga, il cui scopo è conquistare un pubblico vecchio e nuovo o, come dice il proverbio, tirare un calcio al cerchio e uno alla botte.
Personalmente mi fa molto piacere che l’approccio sia aperto a tutti, perché anch’io posso finalmente mettermi in pari con un pezzo importante di cultura pop dei nostri tempi e conoscere personaggi di cui prima sapevo a malapena il nome: il Capitano Kirk, giovane scavezzacollo ribelle, impulsivo e morto di figa, dalla caratteristica testa sovradimensionata; Spock, volubile checca isterica fuori controllo, come intuibile dalla frangetta alla Bettie Page; Bones, biologo di scuola Lindelof e noto portasfiga; Uhura, donna; Sulu, cinese; Checov, russo; Scotty, scozzese. E tutte quelle strizzatine d’occhio alla vecchia serie che i fans amano, tipo Kirk che ascolta il remix di Fat Boy Slim di Body Movin’ dei Beastie Boys come nel primo storico episodio del ’66, e altre cose che sicuramente non mancherete di elencare nei commenti.
Abrams, Orci, Kurtzman e Lindelof, regista e sceneggiatori, sono molto bravi nel fare una cosa che io apprezzo molto in un filmmaker: hanno un orecchio solidissimo per il ritmo di un film e la sua gestione delle emozioni. Sanno quando alzare e abbassare, quando stupire, quando rallentare, quando pestare e quando farsi indietro, e lo sanno con freddissima precisione. Dove vanno meno forte, sono i contenuti o le motivazioni.
Lindelof in particolare è facilissimo da sfottere in questo senso, perché ha tirato strafalcioni che ormai rimarranno nella storia. Sa qual è il momento assolutamente perfetto per far scattare la minaccia mortale, ma l’unica soluzione che gli viene in mente per scatenarla è un biologo che accarezza una creatura aliena sconosciuta che sta osservando per la prima volta. Sa che una scena di morte è emozionalmente molto più potente se di colpo buono e cattivo stanno scappando fianco a fianco dalla stessa enorme, rotolante minaccia, ma il prezzo di questa intensità è che un personaggio fino a quel momento dotato di freddezza glaciale di colpo non trova lo spirito per spostarsi di lato.

star-trek-into-darkness

Una scena del film

Per fortuna, Star Trek non è Prometheus. Non perché le cazzatissime siano meno ma perché, a differenza di Prometheus, Star Trek non passa metà film a stimolare e puntare il dito su profonde domande filosofiche per poi far finta di nulla e lasciare con l’amaro in bocca (eufemismo), ma vuole soltanto farci godere una bella storia d’avventura.
E allora bene o male tutto funziona: si lascia che tutti i luoghi comuni si incastrino al loro telefonatissimo posto con diligenza scolastica, che i personaggi facciano o dicano cose ad effetto ma che a ripensarci non hanno senso e che a un certo punto, addirittura, per risolvere un buco di sceneggiatura, compaia un personaggio della vecchia serie tv a spiegare l’entità della minaccia perché l’ha conosciuta negli episodi precedenti.
Il trucco è lasciarsi trasportare, godersi un cattivo cazzuto interpretato da un Beneditch Cumberbitch (che non lo conosco ma mi è simpatico di default perché il suo nome fa rima) impegnatissimo a farsi notare storcendo la bocca e comandando tutti a bacchetta, ammirare un Peter Weller più in forma che mai e un Simon Pegg dare tutto nell’ennesimo ruolo hollywoodiano ingrato, e godersi su uno schermo più grande possibile una delle scene più spettacolarmente catastrofiche dell’anno, piazzata lì forse anche per farsi perdonare una buona metà del film ambientata unicamente dentro all’Enterprise, alla faccia dell'”esplorare nuovi mondi”.
Ci si diverte, non ci si annoia e si segue tutto benissimo anche nell’ignoranza più completa, ma se non si è fans il giorno dopo ci si è scordati tutto (da qui immagino il sottotitolo “into darkness”).
Il retrogusto, fatto di freddezza e insensataggini varie, è inutilmente pericoloso: fossi in voi non ci darei troppo peso.

"DIO[spoiler]!!!!!"

“DIO[spoiler eliminato]!!!!!”

DVD-quote:

“Madonna mia, Spock, datti una calmata”
Nanni Cobretti, i400Calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

67 Commenti

  1. Lurisia

    Boh… ‘sto film per me non ha senso.
    C’è il cattivone che usa il teletrasporto per andare su un altro pianeta tutto in rovina e poi ci sono tutti gli altri che lo inseguono con l’astronave e devono sparargli i siluri.
    Ma perché non si teletrasportano pure loro? A che servono le astronavi?
    Ma il più figo di tutti è l’ammiraglio Robocop che sta costruendo un’astronave segretissima dietro un altro pianeta, ma tiene il modellino sulla scrivania.

  2. Progetto2501

    Non sono un appassionato di Star Trek ma di bei film sì e a mio parere questo non ne fa proprio parte. Orci Kurtzman e Lindelof andrebbero uccisi male!!!!
    Se vuoi fare i botti (e mi va benone) e non sai scrivere metti giù una bella trama dritta dritta (guardati tranquillamnete gli ultimi veloci e furiosi), ma la quantità di castronerie e buchi di sceneggiatura e tale da rendermi indigeribile sto film.
    E se JJ mette un solo lens flare in SW lo uccido.
    Unici punti positivi la bionda segnalata nella foto (tra l’altro la foto illustra l’unico momento in cui recita!) e il pestaggio alla fine, che un po’ fa ben sperare per star wars

  3. Benedict Moriarty

    @lurisia si è vero l’ultimo modellino è palesemente l’astronave nuova

  4. Pasqualo Bianco

    Benvenuti nel futuro cyborg_click.
    http://www.youtube.com/watch?v=ZGJE82p39jI
    (Assimilati)

  5. Tom Hard

    ma io dico: Cristo….. ma sti cazzo di Trekker “puristi” ma una volta nella vita scopano? tutti li accaniti per ogni stronzata assurda, hanno fatto pure chiudere alla 4° stagione la serie enterprise che era pure bellina, hanno iniziato a rompere il cazzo dalla sigla iniziale, perché era cantata…. capite? era cantata e non solo con la musichetta… quindi non poteva essere in stile star trek… vi rendete conto? invece di essere felici che il mito di roddenberry vive ancora oggi sanno solo rompere i coglioni… è vero che ad un certo punto spok e kirk sembrano un pò froci… c’è un momento verso l’inizio del film che kirk entra in plancia con una tuta tipo lattex che manco le peggio drag queen nelle peggio giornate indosserebbero… però il film è godibile dai… non un capolavoro ma un bel film… le 2 ore passano alla grande e il cattivone è figo e cazzuto…. ho apprezzato anche l’inversione della morte spok/kirk per le radiazioni…

  6. Beh, il problema è sempre il solito. Non sai un cazzo di Star Trek e/o non te ne frega nulla ? Immagino che la roba di JJ sia pure divertente. Sei (purtroppo ?) un vecchio Trekker sfegatato ed ortodosso ? Innamorato di Star Trek tanto da definirla pura epica ? Magari, come me, sei pure cotto dell’immenso Deep Space Nine (che ben pochi hanno davvero visto) ? In questo caso i film di JJ sono pura diarrea a spruzzo, senza ne capo ne coda, che considererai al più, nei momenti di estrema benevolenza, frutto di un universo parallelo totalmente slegato da quello ‘canonico’, un universo dove le cose accadono a casaccio, e dove tutto sembra costruito solo per farti incazzare… E’ lo stesso universo parallelo dove Swarzy e Stallone vengono ricordati su IMDB per aver solo fatto le comparse in ‘Centovetrine’: un incubo.
    Ok, i fancalcisti trekker ortodossi sono probabilmente una minoranza… ma voglio vedere quando JJ farà gli stessi danni a Star Wars… aspetto con ansia…

  7. Ah, non so se te lo hanno già detto, ma Sulo è giapponese…

  8. Cristoforo Nolano

    KHAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAN!

    Oh, a me e al mio amico trekkie è garbato parecchio. Belli i ruoli invertiti, belle parecchie scene (silurata umana su tutte), bella la caratterizzazione dei personaggi. Meglio del primo.

    P.S. Gemelle asiatiche leonine = Sogno hentai assicurato!

  9. L’ho visto ieri sera. E’ un film divertente con un bellissimo ritmo e con tanta azione, quindi sono soddisfatto, cosi’ come sono soddisfatto che il franchise di Star Trek sia ancora un successo dopo il mezzo disastro di Enterprise.
    Belli anche se inutili i Klingon-Predator e l’ingresso nella Morte Nera della federazione.
    Ho trovato piu’ sacrificati i comprimari, Uhura serve solo per risaltare Spock e Sulu che nel primo aveva avuto la sua scena d’azione qui e’ una specie di parcheggiatore spaziale.
    Da Trekkie mi hanno dato fastidio tutte quelle strizzate d’occhio ai film e alla serie, molto fuori luogo (dottoressa Marcus, triboli, ecc) e addirittura offensiva la presenza di

    SPOILER
    Old Spock che funge da Wikipedia dell’universo parallelo
    END SPOILER

    Capisco cosa volevano dire Benedict Moriarty e Nanni quando parlavano di rapporto ambiguo Spock-Kirk, effettivamente la scena copiata da l’Ira di Khan qui risulta essere molto ridicola e ambigua.

  10. Tom Hard

    @kruaxi: io le serie le ho viste tutte, forse non ho visto le ultime 3 serie di DS9, lo ammetto,
    però tuttavia, non ho il nerdometro così alto, diciamo che è alla fine del colore verde, giusto un pò prima del giallo… capisci? questo mi permette di non prendermela a morte con Dio e l’universo intero se ci sono incoerenze su questo film di star trek, anche perché mi sembra che nessun medico abbia ordinato ai Trekker “ortodossi” di andarlo a vedere per poi incazzarsi a morte e passare la notte a lavarsi sotto la doccia in modo ossessivo per lavare via quest’onta che manco fosse uno stupro… invece no, ci vanno e si incazzano a morte…. mah…. eppure lo sanno che non PUO’ avere il tipo di coerenza che loro/voi/tu cercano…
    sono d’accordo per la scena ambigua Spock-Kirk, non dovrebbe ancora esserci quel tipo di rapporto d’amicizia tra loro, quindi da l’impressione che sia un po una roba da polarità invertite a guardarli

  11. andrea

    ok che la gnocca fa sempre piacere vederla, ma che diavolo ce l’hanno messa a fare? è un personaggio inutile xD

    cmq film carino, non è i primi startrek, è un qualcosa di più moderno ..

  12. Tom Hard

    @andrea
    la gnocca non è mai inutile soprattutto per un fancalcista,
    quando tu vedi una gnocca il testosterone si alza, e quando il testo è alto anche l’aggressività lo è, quindi si è più inclini alla rabbia e alla violenza,
    l’quazione è più o meno così:
    gnocca=testosterone alto=botte=i400calci

  13. The Ironist

    Forse è uno dei film più scontati che abbia mai visto. Il primo mi era piaciuto non poco con il giusto mix di intro dei personaggi per i neofiti e azione con una trama ben studiata.

    Questo film ha il difetto di osare poco imho ed inoltre ripeto troppo scontato. Per me non arriva alla sufficienza.

  14. @andrea, la gnocca e’ anche un’altra strizzatina d’occhio ai Trekkies. Infatti la dottoressa Marcus e’ la madre del figlio di Kirk, che si vede appunto ne l’Ira di Khan. J.J. non sa come dirci che prima di girare il film ha fatto i compiti.

  15. Zanna

    Caro Nanni, ho appena finito di verere il film, carino! Ma solo io ho notato che la trama è sputata identica a quella dell’ultimo Gieimsbond skyfall, sostituendo l’enterprice con la aston martin…

  16. galbaccio

    visto ieri, mi sono divertito parecchio.
    in tutta franchezza però, vista la gestione dei tempi nello sviluppo della vicenda, mi sarei atteso un finale più aperto anche perché khan spacca i culi, cioè lo dicono tutti, ma alla fine non è che faccia tutto sto gran che.
    SPOILER (oddio metto il tag giusto per i super-ritardatari come me)
    ero quasi convinto che dopo mpo di gazzarra se la sarebbe filata coi suoi con la ubert-nave regalandoci l’attesa di una bella caciara per il prossimo episodio.
    cmq va bene così.

  17. annachiara

    Stragnoccolone di Khan a parte (Benedict Cumberbatch ce lo troveremo probabilmente anche in Star Wars ep. VII) …. chi mi dice xkè le immagini del DVD in 3d (ke ho già fatto sostituire una volta), mi risultino a scatti?! …. della serie ke rischio un attacco epilettico dopo un paio di minuti! In bluray tutto ok, ma non è la stessa cosa … Gli altri 3d ke ho vanno benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.