Crea sito

Tanti zombie, neanche uno zombie: la rece di World War Z

«UH UH UH!».

«UH UH UH!».

World War Z è uno splendido romanzo firmato da Max Brooks, il figlio di Mel. Costruito sul modello delle oral histories del premio Pulitzer Studs Terkel, è un ammirevole tentativo di riscrivere la storia del genere senza allontanarsi di un millimetro dalla tradizione; strutturato come un diario di guerra, raccoglie aneddoti, eventi, cronistorie, bugie da tutto il mondo relative all’eponima Guerra mondiale degli zombie, cominciata in Cina e finita nella merda per tutti. A volte divertente, a volte angosciante, a volte deprimente, ricco di satira raffinata e umorismo becero, World War Z è uno dei capolavori a base di morti viventi di questi anni. Il romanzo ha ispirato l’omonimo film, con il quale non c’entra quasi un cazzo.

O anche: World War Z è un mediocre baraccone cinematografico eretto da Brad Pitt e Marc Forster al grido di «facciamo il film di zombie per tredicenni!». Il film, ambientato durante i primi mesi della Guerra mondiale degli zombie, segue le avventure di Gerry, un ninja ex impiegato dell’ONU che vaga per il mondo in cerca di un vaccino per il virus che sta trasformando l’umanità in bestie assetate di sangue qualcosa. A volte spettacolare, a volte noioso, a volte MACCOSA, piatto come una banconota e ispirato come una cartolina da Rimini, World War Z è uno dei più innocui film a base di morti viventi di questi anni, deturpato da un finale che grida vendetta. Il film è ispirato all’omonimo romanzo, con il quale non c’entra quasi un cazzo.

Oppure: SIGLA!

Non comincia nemmeno troppo male. Dove lo zombie movie medio ama costruire la tensione con lentezza e metodo, giocando con i contrasti tra quotidianità ed emergenza (i primi tg impanicati, un’ombra nel vicolo dietro casa), World War Z comincia in medias res*, con un ingorgo tra le strade di Philadelphia, un mucchio di infetti che mordicchiano i passanti, la fuga precipitosa del normale padre di famiglia Brad Pitt per mettere in salvo sé stesso, sua moglie Mireille Enos e le sue due figlie Attrici Random. Puntando sul realismo delle riprese – senza scadere nel found footage o nella Parkinson-cam – e su un montaggio serratissimo e ritmato, Forster trasmette bene il senso di panico che una folla urlante, terrorizzata e senza idea di dove fuggire farebbe insorgere anche nel più paludato degli esperti di shopping.

«È come il Black Friday riga', state tranquilli».

«È come il Black Friday riga’, state tranquilli».

La fuga è solo l’inizio di un’avventura assolutamente anonima – ma molto spettacolare e tiratissima, almeno per un’ora e qualcosa – in cerca del MacGuffin magico che sconfiggerà gli zombie. Salta fuori, infatti, che Brad Pitt (o Gerry se preferite) non è un normale padre di famiglia ma una specie di ninja magico con i superpoteri, ed è per questo che un tempo lavorava come Agente Qualcosa per l’ONU. Perché l’ONU l’abbia lasciato andare viste le sue qualità sovrumane** (le uniche che lo distinguono da una sagoma di cartone, tra l’altro) rimane un mistero, fatto sta che qualcuno si accorge finalmente della cazzata, lo sequestra insieme alla famiglia e gli impone di vagare in luoghi random del pianeta in cerca di qualche indizio su come sconfiggere i morti viventi.

Bene! Finalmente un film di zombie diverso! In cui il protagonista fa qualcosa di più del semplice «sopravviviamo»! In cui c’è un obiettivo da raggiungere! In cui le location sono più di due, e anzi si svaria dalla Corea del Sud a Gerusalemme! E pensate, persino la minaccia non-morta è differente: gli zombie non sono più gusci di esseri umani svuotati della loro – perdonatemi il termine – anima e quindi doppiamente inquietanti poiché sottendono la domanda «cosa rende davvero umano un essere umano?», ma una sorta di tipo di specie di insetti controllati da una non meglio specificata mente collettiva che consente loro azioni altamente coordinate e contrarie all’immaginario del morto vivente stupido e caracollante. Vederli in azione è come vedere in azione un gruppo di squali che hanno fiutato il sangue: sono veloci, sono letali, soprattutto sono puliti ed educati e non sporcano in giro.

Sopra: cavar sangue da una rapa in CGI.

Sopra: cavar sangue da una rapa in CGI.

Per quanto tratti di cadaveri ambulanti che mordono la gente per infettarla, infatti, World War Z è quanto di più innocuo si sia mai visto nella storia del genere, al punto che sarebbe stato più furbo mollare subito la parola “zombie” (nel titolo e nei dialoghi) e optare per un più generico, chessò, Infezione totale. In quasi due ore di film non gocciola a terra manco un microgrammo di sangue, il che è accettabile quando Forster punta su scene delicatissime come quella illustrata nella foto qui sopra, che ritrae cataste di cadaveri ammassate di fronte al muro del pianto o qualche altra struttura analoga situata nei pressi di Gerusalemme, funziona molto meno quando il poveraccio che ha girato l’unico Bond di quelli con Craig odiato da tutti è costretto a evoluzioni e contorsioni pur di evitare di riprendere un cranio spappolato o un braccio mozzicato. Arriva un momento in cui ci si annoia dello spettacolo in computer grafica e non si può far altro che ridere dell’educazione con cui viene affrontata l’emergenza.

Poi, all’ennesimo cambio radicale di setting in un’ora, quando ci si sta abituando a considerare WWZ nient’altro che uno spot della Lonely Planet con qualche simpatica botta qui e là e un paio di corsette rinfrescanti dei protagonisti, quando è ormai chiaro che questo B-movie da 200 milioni di dollari è un film relativamente gradevole a piccole dosi per quanto presto dimenticabile, quando neanche l’assenza di violenza riesce più a minare la convinzione che un confortevole anonimato sia un trionfo a fronte del rischio di disastro che il film poteva sulla carta rappresentare, succede una cosa. Arriva lui.

«HUEHUEHUEHUEHUEHUEHUH».

«HUEHUEHUEHUEHUEHUEHUH».

Ora, io GIURO che non volevo dedicare l’ultima parte del pezzo alla complessa storia produttiva del film, a Damon Lindelof e a come il suo finale completamente riscritto trasformi un film da 5,5 d’incoraggiamento in un film da MACCOSA CON LODE. Non volevo perché che palle, tutte le volte che c’è di mezzo lui si finisce per ignorare tutto il contorno e concentrarsi solo sulle sue scelte di scrittura idiote e pretestuose, diventate a quel punto l’unica cosa di cui è interessante parlare. Che è un incubo per chi vuole scrivere di un film senza spoilerarlo. Facciamo così: vi piazzo prima la versione censurata e non-spoilerosa del perché il finale di World War Z è un disastro, poi scrivo SPOILER e se non avete visto il film potete smettere di leggere.

In pratica: indizio dopo indizio, monotonia dopo monotonia, Brad Pitt sembra essere arrivato all’ultimo viaggio, quello che gli darà risposte a domande come «qual è il vaccino? Perché non mi ricordo i nomi di nessuno degli altri personaggi di questo film? Forse perché sono tutti assolutamente senza personalità?». Poi succede qualcosa che potrebbe coinvolgere un aereo, Brad Pitt inciampa casualmente nella soluzione, IL FILM INTERO PERDE DI SENSO, titoli di coda, aspettiamo il sequel, ciao, grazie.

«Ciao arrivederci».

«Ciao arrivederci».

Versione con gli SPOILER

Da quando Lindelof prende in mano il timone della sceneggiatura, riscrivendo di fatto un finale completamente diverso e persino già girato, succedono le seguenti cose:

• Brad Pitt sale su un aereo diretto in Galles, dove stanno i laboratori dell’OMS. Nel cesso di questo aereo è nascosto uno zombie, che salta fuori quando meno te lo aspetti!

• per sconfiggere lo zombie, Brad Pitt gli lancia una granata. L’aereo precipita e Brad Pitt ammazza l’intero equipaggio a parte sé e Amico.

• il laboratorio dell’OMS è invaso dagli zombie! Oh no! Pensa che sfortuna recarsi in un luogo pieno di… ehi, ma come mai tu, Dottore, non sei infetto?

• Brad Pitt lo guarda, capisce, ha l’intuizione del secolo: gli zombie non mordono i feriti e/o quelli malati terminali poiché non sono veicolo valido per l’infezione! Genio! Artista! Incredibile come in un mondo in cui già miliardi di persone sono state infettate il primo ad accorgersene sia un ninja in Galles! Pazzesco pensare a tutti quei malati di cancro con sei mesi di vita che vengono ignorati dagli zombie e io me li immagino che li inseguono urlando «no signor zombie, mi morda, ho ancora sei mesi per spargere l’infezione, non mi faccia sentire escluso!».

• e c’è di più! Quello che scopriamo grazie a Brad Pitt è che gli zombie possono annusare la tua malattia gravissima e debilitante anche attraverso i vetri! Come dice Darth c’hanno la TAC integrata negli occhi! Ma catturiamone un po’ e usiamoli come macchina per le diagnosi di malattie orribili!

Dopodiché Brad Pitt inventa il vaccino magico e tutti vissero felici e contenti fino al sequel annunciato dallo stesso Brad Pitt con le parole «This is not the end. Not even close» proprio in chiusura di film.

Sopra: calma, dignità e classe.

Sopra: calma, dignità e classe.

E niente, questo è quanto. World War Z poteva essere un discreto disaster movie da domenica pomeriggio, piatto e senza alcuna pretesa ma funzionale a un’oretta e mezza di divertimento; e nel caso avrei riservato le mie lamentele a chessò tipo un editoriale da fanboy intitolato “Perché WWZ non è un film di zombie e quindi fa schifo”.

Invece alla fine arriva Lindelof e infarcisce lo script di buchi e salti logici, e tutto nel vano tentativo di nobilitare con basi pseudoscientifiche e circa razionali un’opera che di nobilitazione non aveva alcun bisogno, facendo esplodere il Maccosometro e precipitare la valutazione di World War Z pericolosamente vicino allo zero.

Vaffanculo.

DVD-quote suggerita:

«Ma vaffanculo»
(Stanlio Kubrick, i400calci.com)

«Un film assolutamente anonimo, non fosse stato per il mio intervento!»
(Damon Lindelof, pirla)

«C’è anche Pierfrancesco Favino!»
(Pierfrancesco Favino)

IMDb | Trailer

* la velocità a cui si diffonde il virus, tra l’altro, rende improbabile il fatto che dopo qualche giorno di avventure di Gerry ci possa essere ancora qualcuno sano al mondo, ma tant’è.

** tra cui quella di trovare sempre un aereo disponibile per viaggiare in giro per il mondo, nonostante il panico causato dall’infezione che avrebbe presumibilmente dovuto far chiudere ogni spazio aereo possibile e immaginabile.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

169 Commenti

  1. Lars Von Teese

    Dark Souls e` di una difficolta` che ho incendiato il calendario a forza di bestemmiare santi, chi lo ha creato deve morire spruzzando sangue dagli occhi

  2. Stanlio Kubrick

    Esaggerato! E allora Demon’s Souls cos’è, la morte di tutte le divinità cristiane e pagane? :-D
    Serio: Dark Souls (come anche Demon’s Souls) è difficile ma perché richiede concentrazione, dedizione e tantissima pazienza. Una volta che entri nel loop giusto (o che farmi anime come un disperato per livellare velocissimo…) è una bella sfida, ma non quel dramma che molti dicono, secondo me. Il primo Ninja Gaiden per XBox, per dire, era peggio.

  3. Terence Hell

    Ninja Gaiden rimane il gioco con coefficiente di bestemmie al minuto di più alto di tutti i tempi.

  4. Amici, i veri giochi con i coefficienti di bestemmie insuperabili a livelli Tonno Nostromo hanno tutti almeno vent’anni sulle spalle. Vogliamo parlare di Ninja Gaiden per NES? Quella era roba pensata per far piangere, erano gare di sopravvivenza in cui tutto era lecito, il level design era scorretto per una questione di principio e l’unico obiettivo era far male. Cristo, perfino nelle avventure grafiche, prima della rivoluzione Lucas, si moriva totalmente a cazzo di cane, senza motivo, magari solo perché avevi deciso di salire le scale. I Souls sono stronzi, ma lo sono in maniera (quasi sempre) corretta e rispettosa, altro che le bastardate di quei tempi.

    In quegli anni ho imparato il significato della parola odio. Me l’hanno insegnato degli sviluppatori evidentemente tutti pestati durissimo dai rispettivi padri, in una tana delle tigri chiamata videogioco. E onestamente, se esco dalle nebbie della nostalgia, non è che ne senta troppo la mancanza.

  5. Ah, Gatsu, su Dishonored, mi piace il concetto secondo cui i finali dipendono da quanta gente ammazzi QUINDI non da una scelta etica. :D
    Cioè, credo di capire quel che intendi (tipo che non c’è un classico sistema di scelte morali in stile Mass Effect, no?), ma ammetterai che è un’affermazione un po’ folle, per certi versi. :)

    Detto questo, io l’ho giocato (quasi) stealth perché per natura mia mi piace giocare così, ma poi ci ho rimesso mano facendo altro e se cerchi sul Tubo è pieno di gente che fa dei numeri pazzeschi giocando in maniera totalmente action. Poi, certo, non è Call of Duty. :)
    Il bello dei diversi finali e dell’ammazzare o meno, poi, è che ti influenza anche il mondo di gioco, con più o meno infezione, infetti, morti, topi e via dicendo mano a mano che vai avanti. Aggiungici la roba nascosta da scovare, le missioni facoltative il fatto che a seconda di quali abilità pompi hai parecchie strade diverse e già sarebbe molto. Ma poi il punto è che i livelli sono tutti pensati basandosi su sistemi: non ci sono strade vere e proprie, pochissimi “set piece”, ci sono arene con dentro elementi guidati da regole e I.A., gli stessi obiettivi e oggetti appaiono in zone diverse se rigiochi e i personaggi non stanno fissi in un luogo, si spostano, fanno azioni, reagiscono anche a come hai giocato (tipo il tizio che puoi trovare nel suo ufficio o, se hai fatto troppo casino, già nascosto nella safe room, dove comunque si nasconde se ti fai sgamare). Insomma, è proprio un gioco progettato in una maniera che ti permette di rifarlo più e più volte in modi diversi.

    Per capirci, quel che contesto non è il fatto di non apprezzarlo: ma ci mancherebbe, può piacere, può non piacere e soprattutto può non piacere questo specifico tipo di approccio al level design e alla rigiocabilità. Tutto lecito. Dico solo che accusarlo di scarsa rigiocabilità in assoluto mi sembra un po’ fuori bersaglio. Poi, che questo genere di rigiocabilità, boh, chiamiamola “sistemica” possa non piacerti è stralecito, ci mancherebbe.

    (Bello che World War Z ci interessa talmente tanto che ormai parliamo TOTALMENTE d’altro :D)

  6. @giopep, però se vuoi la mia opinione l’argomento sulla NES difficulty, per quanto formalmente corretto, non vale, è proprio un discorso di «non è neanche lo stesso fottuto campo da gioco». C’è proprio uno stacco in questo senso, che cade tipo in coincidenza con l’uscita della Play 1 (o forse della combo Play 2/XBox, dovrei ragionarci) e che rende le cose imparagonabili. Te lo dice uno che ha cominciato a giocare con Colossal Cave – e che prima di perfezionare lo speedrun di Ninja Gaiden per NES ha dovuto toccare i vent’anni. AH MA POI!
    Anch’io comunque non credo di sentirne la nostalgia, anzi proprio non la sento, almeno finché non mi cascano le mani su roba tipo Super Meat Boy, lì l’odio/amore per la NES difficulty rifiorisce come una campanula in primavera e per qualche mese perdo la vita.

  7. Gatsu Io Gatsu Io

    Giopep non mi ero accorto della castroneria scritta sorry:-) peró hai inteso il mio messaggio io il gioco lo accuso di scarsa rigiocabilità e poca longevitá (ci hai preso mass effect 2 l’ho fatto 4 volte :-) )ma lo considero un gran gioco una delle sorprese dell’anno scorso (anche se non mi uccidete ma gli ho preferito far cry3)conta che lavoro nell’ambiente e tendo a consigliarlo a chi cerca un bel gioco.discorso demon e vecchi giochi ragazzi demon e dark fanno bestemmiare ma sono equi se sbagli paghi e vuol dire ricominciare provate zombieU dove sbagli perche il sistema di controllo e uno scandalo e devi ricominciare da km prima, comunque e vero che i vecchi giochi avevano altri coeficienti di difficolta ricordo le bestemmie per super ghost&goblins su super famicom….

  8. Gatsu Io Gatsu Io

    Ah ma sono i commenti su Wwz? Me ne ero scordato:-)

  9. Giovi 88

    Ma nessuno ha notato il giovane geniaccio che prima fa il metaforone del secolo sulla natura-killer e poi cinque secondi dopo si spara accidentalmente da solo come un fesso?
    Comunque per me WWZ è stato un film deludente (e visti gli ultimi commenti che parlano di ALTRO mi sa che lo è stato pure per voi) vuoi per il regista che fa l’equilibrista per non mostrare una goccia di sangue vuoi per il solito Lindelof che ormai scrive solo la metà della sceneggiatura…
    Ed è un peccato perché nonostante i difetti evidenti volevo vedere come andava a finire la ricerca del cosiddetto “punto zero” da dove è iniziata l’epidemia, invece come al solito il tutto si risolve con un nulla di fatto e con un finale sbrigativo preso in prestito da Io sono Leggenda…. Qualche scena imponente c’è, ma è veramente difficile trovare qualcosa di valido in questo film…

  10. Gatsu Io Gatsu Io

    Piu che altro facevamo notare come il piu brillante piano della razza umana per sopravvivere fosse mandare la sua punta di diamante nonchè messia virologo in prima linea in una missione suicida aiutato da ben 4 navy seal

  11. Giovi 88

    @Gatsu
    In effetti anche quella è parecchia assurda, ma ci poteva stare che venisse mandato in missione a studiare il primo zombie da vicino. Ma difeso da soli 4 Navy Seals…. È roba da Lindelof!!!
    Invece difendo la scena dalla granata sull’aereo, ormai non c’erano più alternative tranne quella (forse) di barricarsi dentro la cabina di pilotaggio e poi scappare dalla botola una volta atterrati…

  12. Scusate se continuo l’OT. :D

    @Stanlio
    Ma ci mancherebbe, campo da gioco diverso, dico solo che quello di quei tempi là era veramente essere stronzi duri & puri. Un Dark Souls è duro, ma è duro in una maniera più onesta (non proprio sempre sempre sempre, magari, ma ci siamo capiti). Quei giochi là, spesso, avevano il problema di essere figli di una mentalità da sala giochi, in base a cui l’obiettivo era prendere a calci in faccia il giocatore per spillargli altri soldi. Si faceva così, punto, anche se poi a casa in realtà i soldi ormai glie li avevi già spillati. Oh, poi, non fraintendere, ci sono cresciuto, con quelle bestemmie, ci voglio bene.

    E comunque anche Super Meat Boy, sempre sia lodato, nella sua stronzaggine è moderno, ti fa ricominciare istantaneamente due passi prima di dove sei morto, ti fa salvare il livello a cui stai. E così VVVVVV (sempre sia lodato). Io me li ricordo, quei figli di puttana di giochi in cui se schiattavi ripartivi dall’inizio del livello e se finivi le vite cammina, riparti proprio dall’inizio e stai pure zitto. Il che, fra l’altro, se vogliamo conferma quel che dici sul cambio di campo da gioco: anche i giochi che vogliono fare i “vecchi” lo fanno comunque in una maniera moderna e più accettabile.

  13. Gatsu Io Gatsu Io

    Comunque un altra cosa del film che ho trovato ridicola è il fantomatico super piano di rifornimento aereo in bicicletta….mi sto ancora interrogando adesso sul perchè….

  14. Credo l’idea fosse non fare rumore (quindi niente veicoli a motore) ma provare comunque ad essere più veloci che a piedi. Credo.

  15. BellaZio

    Mi piace scrivere ora, quando nessuno lo leggerà probabilmente, che ho una deformazione mentale per cui WWZ non mi è dispiaciuto, anzi… Certo quel finale che avrebbe dovuto essere è migliore, soprattutto perché non è che ti inietti roba a caso in un laboratorio, però mi avevate prospettato di molto peggio, quindi oh, alla fine mi è passato bene. Se non altro ha un gran ritmo dall’inizio alla fine…

  16. Fra X

    “World War Z è uno splendido romanzo firmato da Max Brooks, il figlio di Mel.”

    Ah, però!

  17. Enrico

    Gli unici che potevano tirare fuori qualcosa da questo obbrobrio erano quelli di South Park con una puntata a tema, che verte sulla polizia che uccide solo i bambini e ragazzi neri, geni!
    Il che dimostra che l’orror o quasi, funziona solo quando c’è un sotto tema politico o sociale, altrimenti nel caso degli zombi si riduce a pazzi rabbiosi che corrono come matti e non si capisce perché non muoiano di fame e dove prendano le energie dopo giorni di corse, oppure cadaveri in decomposizione che non dovrebbero durare più di una settimana o due (vero the walking dead, altro che dieci serie da fare sugli zombi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.