Crea sito

Lasciate ogni speranza o voi che rifate: Terminator Genisys

bae0846bf6624bedbb5df0c12cf1470c

Terminator Genisys nasce spacciato.
Del resto, qualsiasi altro sequel dopo Terminator 2 era nato spacciato.
Questo confermò di essere spacciato quando uscirono titolo e trama.
Confermò di nuovo di essere spacciato quando uscirono cast e regia, la fiera delle seconde scelte.
Ribadì di essere spacciato quando uscirono le prime foto dal set.
Ma quanto spacciato poteva ancora essere? Sembrava non finire mai di scavarsi la fossa.
Quando divenne ufficiale che Schwarzenegger avrebbe effettivamente interpretato un Terminator, e non un umano nei paraggi, la Terra tremò a causa dei facepalm simultanei.
I produttori si affrettarono allora a dire che era un’idea di James Cameron e in effetti – primo punto vagamente a favore – quello dei tessuti umani del Terminator passibili di vecchiaia era un’idea già esistente nelle prime bozze del film originale, in cui era previsto che si vedesse il noto cyborg assassino a caccia di snack (giuro).
Poi uscì il primo trailer: spacciato.
Per il secondo trailer ci si giocò una mossa che denotava disperazione estrema: l’auto-spoiler della svolta più interessante. Non è l’unica, e avviene bene o male prima della fine del primo tempo, ma è davvero la più grossa. Intervistato sull’argomento, il regista Alan Taylor ha confermato che ecco, non era esattamente nelle intenzioni iniziali rivelarla prima dell’uscita del film.
Spacciato.
Infine l’ultimo sussulto: si decide di ributtare in sala il film originale del 1984 per solleticare i ricordi, aumentare la fotta e preparare meglio il terreno alle imminenti citazioni, poi spunta Cameron stesso ad affermare che gli è piaciuto, spingendo qualcuno a chiedergli se per caso era stato pagato per dirlo. Spacciato.
Terminator Genisys nasce spacciato: il suo pregio migliore, aldilà della scaramanzia con cui prepara comunque il terreno a un paio di sequel, è che tutto sommato sembra saperlo benissimo.
Ancora una volta, la definizione di Sbaglio: quella sensazione che anche gli autori dell’opera sappiano che le premesse non funzioneranno, per cui barattano grinta e decisione con rassegnazione, inerzia, e l’occasionale tentativo di limitare i danni.

Metafora di un franchise

Metafora di un franchise

Credo si possa discutere per ore della follia con cui qualcuno ha pensato di prendere il mantra alla base di ogni sequel/reboot (“un po’ uguale, un po’ diverso”) e deciso di applicarlo alla lettera ritornando sulla premessa del primo film, rigirandone alcune scene pari pari e remixandolo con alcune deviazioni. Deviazioni sostanzialmente accazzo, o almeno questa è l’impressione che sono destinate a lasciare se la trilogia non verrà conclusa (e qui vi ricordo che sei anni fa mantennero viva l’illusione di un imminente sequel di Terminator Salvation almeno fino all’uscita homevideo).
Il succo della saga di Terminator non è l’Universo in cui è ambientato, ma la situazione originale stessa. Terminator è una lunga fuga da un avversario inarrestabile e indistruttibile, appoggiata su suggestioni sci-fi affascinanti ma delicate quanto un foglio bagnato. Prova ad abbandonare il nucleo e ad espandere l’impalcatura e – quanto volte toccherà ancora dimostrarlo? – andrai invariabilmente a sbattere contro concetti che stavano meglio così com’erano, inespressi, sulla fiducia. E se non hai a bordo uno come Cameron, che ti ipnotizza con l’azione, la confezione sontuosa e le filosofie sul destino distraendoti dai buchi strategici di Skynet, sei in un vicolo cieco.
L’ennesima prova è che questo Genisys si ritrova a rubare da tutti i film precedenti della saga – da quelli amati in modo diretto, dagli altri sgraffignando spunti simili facendo finta di nulla – e a cercare nuove vie percorribili sfondando il guard rail della mitologia conosciuta verso qualsiasi cosa possa regalare un guizzo di freschezza a caso. Il risultato sono quattro o cinque trame in contemporanea e un miscuglio di timeline parallele al cui confronto lo script di Ritorno al futuro 2 è una poesia ermetica. Aggiungeteci ovviamente che Jai Courtney ed Emilia Clarke sono cagnacci irrecuperabili, e che il povero Jason Clarke salva a malapena la dignità, e ci si ritrova ad attendere le inquadrature su Schwarzenegger anche solo per togliersi dalla bocca il sapore di DTV deluxe. E guardate quanta tensione toglie il solo imparare già a metà film qual è il punto debole dell’avversario principale. A confronto, McG pare quasi George Miller.

Passiamo quindi alle idee migliori.
Innanzitutto la più attesa: siamo nel 2015, questa storia di Kyle Reese che torna indietro nel tempo apposta per ingravidare Sarah Connor inizia a puzzare di matrimonio combinato all’indiana, per cui è soltanto logico che la povera Saretta sbotti in un “ahò, e se stavorta facessi un po’ er cazzo che me pare?”, il che sommato allo spoiler di cui sopra (nonché al fatto che Kyle Reese è quel bamboccione di Jai Courtney) rischia di rimettere effettivamente tutto in gioco.
Poi finalmente viene esplicitato il parallelo fra Skynet e Google/Facebook, e più specificatamente l’iCloud. L’idea per cui Skynet finisca per controllare improvvisamente il mondo grazie alla gioiosa adesione volontaria di tutta la popolazione al grido di “wow posso connettere il computer all’auto” è tanto ovvia quanto giusta, l’unica istanza in cui la vita reale è andata effettivamente incontro al futuro immaginato da Terminator.
E infine oh, il ritmo è alto, i botti tanti, la dose di autoironia salutare: a pretese azzerate, esistono modi peggiori per passarsi due ore.
Ma se siete quel tipo di spettatore a cui un sequel non necessario rovina il ricordo dell’originale, lasciate perdere o vorrete farvelo strappare via dal cervello con il laser.

Metafora di un franchise

Metafora di un franchise

DVD-quote:

“Non l’ho visto, abito in una timeline parallela”
Nanni Cobretti, i400Calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

156 Commenti

  1. Boh, io probabilmente sono uno di bocca molto buona, o forse ne ho letto talmente male, ma talmente male che sono andato al cinema con l’aspettativa di vedere una merda completa e senza speranza, o forse sono così innamorato di Schwarzenegger che da quando è tornato sul set tutta la roba che ho visto con lui mi è sempre piaciuta più o meno.

    Mi sono ritrovato molto nella recensione di Nanni, qui praticamente il meglio che c’è viene dal confronto/citazione con i primi due mitici film della saga. Questo ovviamente la dice lunghissima su un film che se non appartenesse ad un brand così forte praticamente perderebbe il 75% del suo bagaglio. Lo scontro Schwarzenegger vecchio con Schwarzenegger giovane è figo ma viene risolto in due secondi. Forse è più realistico così, però in un film con viaggi nel tempo, robot che invecchiano e umani che vengono contagiati da virus informatici non è il realismo che cerco.

    In tutto questo c’è che se anche il ritmo non molla mai il film quando esce fuori dai binari è appena un po’ sopra alla debacle di Salvation (l’ho rivisto da poco: è una merda) e non ha nessuna scena, non dico come i primi due, ma manco dei guizzi di follia tipo il terzo. Forse il Terminator che prova a sorridere è la cosa più memorabile. Il resto è solo circo, con rete, corde di salvataggio e orchestrina che suona nei momenti un filo più tesi per non traumatizzare i bambini più piccoli e impressionabili.

    Alla fine mi sono anche messo a ridere, il film è talmente buonista e consolatorio su tutto che la conclusione in realtà non rovina nulla. Anche perché non è che ci fosse molto da rovinare.

    • BohBeh

      a proposito di Salvation, ma perchè ogni volta mi dimentico che c’è la Bonham Carter? e adesso ho pure scoperto che c’è anche la tipa roscia di Jurassic World.

  2. TreAsterischi

    Premessa: sono fan dei primi 2, mentre il terzo non esiste e trovo Salvation una enorme occasione sprecata…
    Questo Genisys mi è sembrato una gigantesca fanfiction di qualche fanboy molto affezionato ai primi 2: non è un buon film, ma non fa nemmeno così tanto orrore…
    è innocuo, non distrugge i tuoi ricordi d’infanzia e non ti fa desiderare di mandare un Terminator nel passato per impedire che questo film venga realizzato…
    Si lascia guardare, ti godi i popcorn e amen…

    Ho sofferto di più con Jurassic World! >_<

  3. Ciobin San Cochiba

    È un film di una bruttezza inimmaginabile. La cosa abnorme non è la roboticità assente, quanto l’inattesa piccolezza di Emilia Clarke. Sembra appena uscita dall’asilo nido tenendo in mano un mitra che è il doppio di lei. Ci manca l’astuccio con i pennarelli e le figure da colorare nello zainetto dei puffi. Se penso che me ne ero innamorato ai tempi dell’anal selvaggio in GOT mi viene da prendere a calci qualsiasi cosa nell’arco di 1,5 metri (1,5 metri credo sia la sua altezza). Ma non basta. C’è anche la storiaccia di Schwy che posta la faccia di Terminator con l’arcobaleno per festeggiare la legalizzazione delle nozze dei froci americani. Cioè, dico, ma vi rendete conto ? Nanni ??
    La scopa con cui faceva campagna elettorale anni fa evidentemente se la è ritrovata su per il culo, sto vecchio.

    Ma poi, scusa Nanni, è uscito Pounf of flash con un Van Damme che ricalca le vette dei film con Ringo Lam e John Woo, tra spaccate mortali e piedi aggrappati agli specchietti delle auto in movimento, e niente, nessuna rece, tutti qua a lamentarsi di stammerda appallottolata.

    Vi lascio con un ricordo di Emilia dei tempi d’oro:
    http://www.girlsofthrones.com/middle-ages/medieval-anal-sex/gameofthrones-12_002_emilia-clarke-forced-analsex.jpg

    Ciobin San Cochiba

    • David Kronenbourg
    • Ciobin San Cochiba

      Cooosa ? Ma, ma, ma… fino a pochi minuti fa non c’era. È incredibile.
      @David Salutami quel negro di Steven Senegal quando lo vedi e dagli una gomitata in un occhio da parte mia specificando: “Da parte di Ciobin”.

      Cordialità,
      Ciobin San Cochiba

    • axel folle

      ma quindi Pound Of Flash è una merda o no?

    • Ciobin San Cochiba

      @Alex Mah, che ti devo dire ? A me è parso una figata eccelsa. Ora, se vogliamo star a dire che il Van non è più scattante come prima, posso anche far finta di non incazzarmi (in parte comunque è vero). Ma il punto è che si tratta dell’unico attore che continua a essere la proiezione vivente di se stesso da giovane. Ce la mette tutta. Cazzo. Botte, tensione attoriale, tensione muscolare. Non c’è paragone con gli altri. Da Sly, a sto vecchio con la scopa in culo di Schwy, a Dolph zombie lundgred. Al massimo loro tre potrebbero fare i bidelli in un orfanotrofio per handicappati. Il Van invece sta davvero troppo in alto. E il piede attorcigliato allo specchietto sta lì a dimostrarlo. Roba che se uno degli altri tre che ho nominato facesse una spaccata del genere, gli uscirebbe fuori mezzo intestino.
      Per questo mi sembrava strano che non fosse stato celebrato con una rece. MA poi, di fatto, non lo è stato. Ovvero i commenti sono penosi e soprattutto pochi. Invece con questa merda gigante di Genesys tutti a commentare come mosche al grande buffett offerto dalla premiata ditta Schwarzymmerd.
      No, ma dico, cosa ci voleva a inventarsi qualche twist innovativo, tipo: Innestano un chip umanizzante in Terminator il quale come prima reazione avverte l’impulso di incularsi Sarah Connors: lei muore; Il T-1000 inizia a trasformarsi in merda e si muove attraverso le fognature, sfuggendo così ai controlli; a un certo punto del combattimento si rompe una vetrata ed entra un scena un centipede umano da guerra, cavalcato da Don Cheadle con tanto di sella da cowboy innestata sul primo elemento.
      E invece ? Sarah Connors c’ha le sue cose, rivuole la sua vita, il wifi non prende.
      Ma che si fottano.

      Cordialità,
      Ciobin “Alan” Cochiba

    • Cimerian

      Credo sia il commento più immaturo e pieno di inutili insulti che abbia mai letto. Dovresti portare un pò di rispetto a Schwarzenegger, in fin dei conti è in assoluto il più grande attore di film action di tutti i tempi, oltre ad essere anche il più grande bodybuilder di tutti i tempi.
      A mio giudizio Van Damme, seppur molto bravo e carismatico, non regge minimamente il confronto.
      Sei libero di dare la tua opinione ovviamente, ma prima di fare certi commenti pieni di inutili insulti, cerca di connettere il cervello prima e tira fuori qualcosa di più costruttivo.

    • Ciobin Mc Cocister

      Ma guarda, ti sbagli di grosso. Io non sono affatto libero di dire la mia. Non posso. Non più. Potrei risponderti, ma tu non vedresti la risposta. E, credimi, la voglia di rispondere al tuo commento insolente è tanta. Il mio giudizio, sappilo, resta immutato. E anzi, è persino rafforzato dal tuo inutile commento da parrucchiera.

      Alan Cochiba.

    • Ciobin Mc Cocister

      Toh. C’è ancora. Si vede che il bidello sadico è distratto. Colgo l’occazzione per completare il discorso. Mi dici che Schwy è campionissimo di action e Body Building. Ma grazie, davvero. E io che pensavo fosse un istruttore di ping pong. Sulla stima per quel signore non c’è alcun dubbio. Ma adesso è finita. Capito ? Fi-ni-ta. Non è più niente di ciò che è stato. E per come sta rovinando la propria immagine si merita insulti ben peggiori dei miei. Anzi, se tu gli volessi davvero bene lo insulteresti insieme a me.
      Van Damme, per dire, ci crede ancora. Lui fa il film, recita, dirige se stesso. Non venirmi a dire che in questo film Arnold è più che un figurante. Sembra una sagoma di cartone trasportata con un carrellino. Sentirlo chiamare papà da lei, poi, è qualcosa di immondo, oltre il trash.
      Quindi, se gli vuoi bene, insultato. Altrimenti hai solo perso l’occazzione di tacere.
      (seguono insulti irriferibili)

      Dr. Alan Cochiba

    • Giovanni Carpentiere

      Complimenti! Un autentico elogio della poverata con commovente pippozzo sulla dignità perduta. Peccato solo che JCVD, nonostante i circa 15 anni in meno di Silvestro e Arnoldo, sia cinematograficamente scaduto da almeno 20.

    • Ciobin Mc Cocister

      Mah. Ti va di lusso che sono in modalità parental control e te la cavi con una sola domanda: a proposito degli ultimi 20 anni mi pare che quello che ha SMESSO di fare film sia un certo governatore della California, che ora è tornato a farsi prendere in giro come uno scemo di guerra, con questa commedia per idioti, e non un certo Van Damme che non ha mai smesso di fare l’attore. Perché lui è un Attore. E non un vecchio manichino tirato con la cordicella dai tecnici di scena, uno che alla prima occasione buona di allontanarsi dal cinema, che evidentemente deplora, schifato dai suoi stessi fan boy (te compreso), si butta in politica.
      Di tutte le critiche che potevi fare hai scelto l’unica che mi ha consentito di smerdarti con la facilità con cui si pesta un ragazzino di 6 anni con martellino e scalpello.

      Cordialmente,
      Dr. Alan J. Cochiba

    • DDS

      Prima di scrivere ‘ste stronzate almeno Sabotage con Schwarzy l’hai visto?

    • Ciobin Mc Cocister

      Ci ho provato a vedere Sabotage. Ayer per me era una garanzia ma con quel film ho capito che anche lui poteva scivolare su un pezzo di merda e farsi male. Film orrendo con Schwarzy oltre il ridicolo, con i capelli mezzi tinti e il ciuffo da Tin tin. Ho retto 15 minuti. Al massimo potevi citarmi quello in coppia con Sly, ma non so per quale motivo hai scelto di autoflagellarti con Sabotage. Guarda ti va benone perché ho ancora il parental control attivo, altrimenti ti avrei coperto di insulti irriferibili come (omissis… omissis…) tanto per farti un’idea.
      Schwy esiste solo per ciò che ha fatto prima di diventare un politico, tradendo per sempre il pubblico e i fans. Dopo, cioè oggi, esiste solo il marketing disperato di una pelle vecchia che si trascina a fatica da un set all’altro mendicando carezze e biscottini.

      Cordialità,
      Dr. Ciobin Van Cochiba

    • Giovanni Carpentiere

      Toc toc McCocister, c’è qualcuno in casa? Qual è la domanda? Leggendo il tuo post in parental control mode in cui dicevi che me la sarei cavata con una domanda, beh, io mi aspettavo una domanda…e invece no, mi son trovato te che mi (ap)pesti di parole come il peggio Tullio Gregory circa la storia di uno che “fa cinema” per pagare le tasse e gli alimenti (leggasi per te: “per passione e per i mie fans”)…

  4. mki

    io non credo lo vedrò mai se non tra 5-6 anni su iris

    si, sarà divertente e tutto quello che volete ma la Linda Hamilton, l’attrice che interpretava Sarah Connor nei primi 2, ci aveva 2 palle gigantesche..

    vederla sostituita con sta sbarbina solo per questioni di marketing..
    il solo pensarci mi fa venire un magone incredibile

    • Giovanni Carpentiere

      Tutto bello e tutto giusto…ma la Hamilton c’ha quasi 60 anni…marketing o non marketing, è un pelino fuori ruolo per una Sarah Connor nemmeno ventenne

    • mki

      beh certo lei ha fatto il suo tempo..

      io volevo solo mettere in risalto la differenza di carisma tra la hamilton e la clarke.

      sta ochetta è stata presa solo perchè sull’onda del successo di game of thrones..
      ma quante attrici meglio di lei avrebbero potuto interpretare decentemente il ruolo sarah connor?

  5. Past

    sarà che in questo periodo dell’anno dal cinema cerco solo un paio d’ore di sfago dopo giornate piene di lavoro e rotture ma io me lo sono propio goduto, ne riconosco tutti i limiti di regia,recitazione ecc…ma questo ultimo arny show secondo me il suo dovere lo fa, molto meglio di T3 e TS che si nascondevano dietro quello fatto da cameron, qui almeno qualcuno ha avuto il coraggio di andare oltre su alcune cose e per i tempi che corrono tanto basta.

    molto meglio di JW per quanto mi riguarda che era propio na cretinata.

  6. BohBeh

    per la serie “trova le differenze”: http://www.occhisulcinema.it/Focus%20On%20NEW/Focus%20On%202015/Focus%20On%202015%20-%2001.htm

    questa è di parecchi mesi fa, ovviamente è SOLO PER CHI HA VISTO IL FILM

  7. E dire che per la prima mezz’oretta ci avevo anche sperato.
    Babbè, mi rimarrà comunque nel cuore il sorriso cretino di Schwarzy

  8. Ang Lee Birds

    Sulla scena delle foto segnaletiche con sotto la canzone più scontata di tutti i tempi sono scivolato lentamente sulla seggiola e mi sono ritrovato a piangere in posizione fetale. Una merda così gigante che spero South Park ci faccia una puntata in cui stuprano un t800 con delle ruspe (come ai tempi del Teschio di cristallo, siamo a quel livello di bruttura). È quel tipo di Hollywood che vorresti vedere bruciare lentamente insieme ai loro dollari. Si salvano solo i primi 10 min, secondo me dovevano continuare a entrare nelle timeline vecchie (se proprio vuoi fare del costosissimo fan service) invece di crearne altre 17.

  9. Toni Già

    Visto oggi pomeriggio. Arnold è sempre grande. Il film quando non c’è azione è più che inguardabile insentibile, i dialoghi sono spesso fastidiosi e le battutine azzeccate sono pochissime.
    La battaglia iniziale non era male e così doveva essere tutto Salvation invece della bruttura che è stato.
    Questo Genisys ha poco di memorabile se non il ritorno di Schwarzy ed il finale che non spoliero è veramente ridicolo (chi l’ha visto sa a cosa mi riferisco).
    Tutto sommato vale comunque la pena di vederlo ma solo per l’azione e il sonoro, spettacolo per gli occhi e per le orecchie.

  10. overdoze

    Un micidiale aborto pensato e fatto da gente che probabilmente non ha mai visto i primi due se non raccontati dal nipote di cinque anni.

    E’ inutile fare le citazioni se non si coglie nemmeno per sbaglio il succo dei due capitoli originali. E’ tutto sbagliato, la si butta in caciara e in farsa quando non si sa più a quale santo attaccarsi, non c’è pathos, attori cani come poche cose, il nulla cosmico e pneumatico.

    Nel terminator originale Reese era un poveraccio e i flashback facevano vedere un mondo devastato e disperato, gente che viveva sotto terra, la disperazione e il disagio erano palpabili. Qui sembrano tutti dei fotomodelli con le armature e i dialoghi, mio dio i dialoghi!!! Nel futuro, nel passato, è tutto sbagliato, non si azzecca mai la nota giusta e si da per scontato che per tenere il pubblico sveglio si debbano fare scene action di 10 minuti tutte in CG come il vergognoso inseguimento in elicottero. Si da per scontato che farmi vedere un termiator che salta e schizza mi diverta quando toglie tutto ad una macchina che funzionava di più quando era un manichino inquadrato a mezzo busto nel primo film.

    Una vergogna e Cameron che promuove sta roba si dovrebbe vergognare. Lasciate stare terminator cazzo! Roba da far rivalutare il 3.

  11. the Bat(Mat)

    Evidentemente sono rincoglionito: mi sono divertito.
    Nonostante i maccosa giganti, Arnold un po’ patetico, i due cagnacci inguardabili, le battute tristi… mi sono divertito.
    Si è divertita anche la mia amica che è molto più cacacazzi di me a livello di continuity e “calzate dei viaggi nel tempo”.

    So solo che due sere prima ho visto Jurassic World e quello sì che è un film imbarazzante a confronto…

  12. Giòn Connor

    Mi hanno trascinato a vederlo… Cioè offerto il biglietto…
    Una cagata rifare le scene del primo paro-paro e poi la fotocopia sbiadita del T1000 del T2 che entra nel supermercato del T1, MACCCCCOSA!!!!

    Poi attualizzato ai ns giorni,ci manda un messaggio: voi tutti connessi + internet delle cose, vi mangerà….. un pò Orwell un pò skynet….. mah….

    Dovevano fare un cameo con Linda Hamilton vecchia per fare la madre/zia della Sarah jr dato che parlano di timeline del 73…. e poi anche con l’attore del T1000 orig… che ha ancora una fazza da durazzo…..
    ..

  13. Due parole: pensavo peggio.
    Casting orribile e locations piattissime non bastano a rovinare una storia che ci sta e ha pure qualche idea simpatica.
    Per me la sufficienza ci sta tutta

  14. Nathan Spencer

    Purtroppo, dai commenti alcuni di voi so già che non mi piacerà mai e cè il rischio che potrebbe addirittura deprimermi.
    Per me TERMINATOR è e sarà sempre UNA MACCHINA DI MORTE.
    E quando parlo di macchine di morte, non voglio sentir parlare di battute, tentativi di sorrisi o altre minchiate.
    Forse sarà che sono troppo, troppo, troppo legato al primo Terminator, dove si respirava un aria drammatica e senza speranza.
    Dove un colossale Arnold spaccava lo schermo in due e un carismatico Michael Biehn mi entrava per sempre nel cuore con un eroe senza speranza ma che non si arrende mai.
    Per fortuna che quest’anno mi hanno ridato Mad Max.

  15. Steven Senegal

    TS sarà pure una cagata però aveva il “pregio” di cercare di inventare un nuovo immaginario per la saga, tra l’altro con alcune sequenze memorabili nonostante ne diciate tutto il male possibile
    questo, come già detto, non aggiunge proprio una sega se non il solito sottotesto meta che “arnold e gli altri vecchi eroi action sì sono vecchi ma non superati” già riproposto con EX 3 e i giovani comprimari di polistirolo.
    Davvero, se lo ripetono come un mantra nella speranza di crederci pure loro.
    Che sarà pure condivisibile o meno ma a casa mia si chiama mettere sempre le mani avanti
    paradossalmente: cani tutti e il migliore risulta proprio arnold, ma più per merito suo è per via del cartone che si trova attorno e che qualcuno si è scordato di ritirare il martedì

    e sì, scena delle fotosegnaletiche agghiacciante ed esempio di un film che nelle parentesi volute non fa mai ridere e nessuno glielo ha nemmeno mai chiesto

    • Giovanni Carpentiere

      Salvation non ha pregi. L’olocausto nucleare e la guerra contro le macchine l’ha immaginata qualcun’altro. Non è un’idea originale. E nemmeno prova a fare qualcosa di diverso: Salvation prende un’idea ancora inesplorata, e pure potenzialmente avvinciente, e la butta nel cesso. Come? Raccontando l’inutile storia di un tizio che un giorno si sveglia e passeggia in un mondo bello caldo e soleggiato, forse un po’ distrutto, ma senza violenza, senza uccisioni, senza drammi umani fino a quando la sua strada non si incrocia con quella di un altro tizio a cui piace parlare per frasi fatte. Fine. Dov’è la novita? Dov’è il pregio? Forse forse, a ben vedere, è Genisys che -nonsotante riprenda il solito canovaccio- cerca di stravolgere tutto, dalla timeline alle figure di Connor e del Terminator.

    • Steven Senegal

      guarda che ti è sfuggito quando scrivo “nuovo immaginario PER LA SAGA” e non “nuovo immaginario mai visto nel cinema mondiale e nella narrativa di tutti tempi”. Grazie della precisazione inutile.
      Ah, ti è sfuggito pure “pregio” tra virgolette.
      Mmmh sì genesys stravolge tutto: Sara scappa, Arnie è il terminator buono, reese dà una mano, arnie terminator giovane sono gli stessi fx di salvation usati a scrocco, il terminator cattivo è sempre la stessa colata di mercurio di 20 anni fa (manco si son sforzati di inventare qualche cosa di nuovo), tot scene sono riprese pari pari di peso, gli spoiler si sapevano da mesi.
      Nel complesso, bell’intervento

    • Giovanni Carpentiere

      Grazie! Non mi torna però “nuovo immaginario per la saga” quando la guerra contro le macchine sta come sfondo in Terminator da almeno 25 anni. E il bello che in Salvation continua a rimanerci nello sfondo.

    • Steven Senegal

      Sì, in Salvation c’è soltanto un terminator cattivo che insegue Sara, mica c’è qualcosa di nuovo che non s’era mai visto nei precedenti 3 ep. Motociclette robot che inseguono i cristiani, altri robot giganti che stanano e uccidono poveracci nel deserto, la resistenza e la sua base, caccia della resistenza che combattono mezzi aerei di skynet che a loro volta rapiscono uomini, scenari apocalittici vari e dulcis in fundo la base di skynet – guarda non c’è proprio nulla di visivamente nuovo, mi hai convinto.
      Poi cosa c’entra che la guerra con le macchine sta sullo sfondo da almeno 25 anni? E grazie al cazzo. Peccato che come te l’ha fatta vedere Salvation prima non era mai successo: solo tizi che scappano in ambientazione urbana e dei giorni nostri
      Poi che Salvation sia un’occasione sprecata e un mezzo aborto, non ci piove

  16. Morrizz

    Contentissimo di aver IGNORATO i trailer e di essermi goduto tutto quel che c’è di buono in questo GENYSYS.

  17. Davide

    Da quando una messa “a pecora” lo starebbe prendendo nel culo?

    • Ciobin Mc Cocister

      Beh, già da un bel po’ di tempo.
      Caro amico, è una vecchia storia. Capisco che la tua giovine età ti impedisca di comprendere certe cose. Un giorno capirai.
      Ti fornisco un primo indizio: osserva nella foto con viva attenzione il volto del cavernicolo dietro di lei e subito dopo quello della principessina. Notato niente ?
      Io non ho mai sperato veramente in una svolta di questo tipo in Terminator, ma con il quasi incesto con minore per cui Sarah lo chiama Daddy ci siamo andati vicino. E io sono stato male ogni volta che ha pronunziato quella parola.

      Cordialmente,
      Dr. Alan J. Cochiba

    • DDS

      Comunque di minchiate ne scrivi a pressione. Non se la sta scopando da dietro. Lei piange perchè è vergine e perchè non vuole.

      Nel 2015 si scopre che quando una ragazza perde la verginità non gli piace per un cazzo e soffre.

      E no, Khal Drogo non ha nessunissimo motivo per scoparsela da dietro, visto che vuole un figlio il prima possibile. Nei libri infatti, non c’è nessun accenno al fatto che sia anal. E Martins descrive sempre bene i rapporti sessuali.

      Prima di scrivere cose con questa fastidiosissima aria da sapientone, almeno assicurati che non siano boiate.

  18. Giorgissimo

    Premessa: reputo il primo Terminator un bel film. Reputo T2 uno dei piu bei film della storia del cinema. T3 e salvation mi hanno fatto schifo. E mi affascinano tutti i film con viaggi nel tempo.

    Contropremessa: prima di vedere Genisys ho letto mille recensioni negative e mi aspettavo un aborto.

    Svolgimento: Genisys l’ho visto ieri. Mi aspettavo uno schifo. Per me non lo e’. E’ puro fan service? Con me ha funzionato. Lo reputo sufficente. I difetti sono palesi: dialoghi poveri, un paio di attori non all’altezza (parlo di Kayle e Sara), effetti speciali a volte poveri (il T1000 era piu realitico nel 92!), qualche puttanata finto-scientifica di troppo, e soprattutto (neo principale) assenza di quella tensione drammatica/violenta e di quella sensazione di impotenza che rendeva grande T2. Tutto il resto pero’, per quanto mi riguarda funziona: Arnold, la trama, le linee temporali, i paradossi portati all’estremo, John Connor malvagio, tutte le scene di azione, lo scontro Arny vecchio vs giovane, i robot, la guerra, la memoria di Kayle, skynet/Genisys, JK Simmons, strizzatone d’occhio ai vecchi film, botte da orbi. Credo di aver provato quella strana sensazione che mi dava ritorno al futuro 2 di fascino/curiosita’, nel vedere evolvere situazioni gia note.

    Lo so saro’ io. Non e’ T2, ma lo reputo comunque sufficiente.

    • Nathan Spencer

      Sufficiente e Terminator sono due parole che non posso assolutamente vedere vicine.
      Come del resto Terminator e papà.
      Brrrr…

  19. L'infame

    questi tornano indietro nel tempo per modificare gli eventi, lo stanno facendo ormai da 3 film, eppure ne viene fuori il peggio di sempre ogni volta e questo film non farà eccezione, anche se andrò a vederlo.

    Le idee serie, sono finite circa 2 decenni or sono, T3 è stato un imbarazzo clamoroso e T4 era così povero di trama e narrazione che non poteva essere salvato, nemmeno da una star del calibro di Bale.

    La serie tv ha avuto grande potenziale che però gli sceneggiatori hanno esaurito rapidamente, senza riuscire a dare forma a un universo espanso coerente e credibile da cui attingere per produzioni future, infatti non sono riusciti a superare le 2 stagioni.

    Chiaramente è un franchise bollito.

    Cambiare la narrazione per rendere Sarah Connor il protagonista è un’idea eccezionale, che in realtà avrebbe dovuto essere il cardine di T3 o T4.

    Il nuovo film? sembra semplicemente come una vecchia serie che stanno cercando di svecchiare. Non aiuta nemmeno che Arnold si presenti come un attempato Terminator, mentre la sua carriera cinematografica e politica sono al collasso. Tutto fa quasi sorridere.

    Terminator è una saga che aveva bisogno di essere messa sullo scaffale per un po ‘ e lasciata “andare in pensione”, in modo che quando sarebbe stata riavviata o reboottata, sarebbe “tornata in maniera epica”, come quando si fa con le reunion delle band storiche.

    Ad esempio ho visto di recente al cinema il primo e devo dire che è invecchiato benissimo.

    Dico solo che c’è così tanto che si potrebbe fare con gli avanzi, e questo piatto sicuramente non è “carne fresca”.

    Modesto parere, dirò sicuramente ancora la mia dopo essere andato al cinema.

  20. Spatola

    Me lo vedo il produttore: classico texano – che col cappello e gli stivali da cowboy ci va pure a dormire – che raglia e detta legge a cazzo in ogni fase produttiva del film e alla fine della fiera vien fuori una bella merda e lui è pure contento. Il regista è nato evidentemente senza palle e tale è rimasto http://whatculture.com/film/terminator-genisys-director-admits-he-doesnt-understand-the-movie.php In più, credo abbia poca cultura. Sì, essenzialmente credo che la faccenda sia questa. Legge poco. Conosce chiaramente poco il mestiere che gli è capitato di fare. Per non parlare della fantascienza. O della scienza in generale. Becca solo il cash, lui. Di sicuro arriva meglio di me a fine mese. Vabbè. Anche il titolo del film, completo di refuso, è una scelta carina come spararsi su un piede con un cannemozze. Per quanto riguarda l’auto-spoiler del trailer, credo che l’unica spiegazione possibile per questa scelta I.D.I.O.T.A. possa essere quella di un atto di sabotaggio vero e proprio, partito dall’interno della produzione stessa per motivi che non sapremo mai. O magari no. Magari erano davvero tutti convinti che fosse una bella idea svelare l’unica sorpresa del film ben prima della sua uscita. Morale: tristezza totale. Uno dei film più brutti di sempre.

  21. umbem

    Visto ieri. tutta la vita un fan movie (in sala l’avevo chiamato un film museo).
    Le timeline se le son giocate bene nel senso che sono riusciti a giustificare a loro modo un eterno loop in cui alla fine puoi farci stare il cazzo che ti pare.
    Dopo un quarto d’ora in cui cerchi di allineare tutto (ed è lì che sbagli, come diavolo puoi allineare un loop?) lasci perdere e provi a goderti i momenti amarcord.
    Va visto con lo stesso spirito di die hard 4: ci metti gli olè quando citano i primi due.

    Detto questo l’azione è carentissima. L’unica vera scena d’azione di TS batte da sola tutte quelle di TG. Anzi, il problema di TS è che non abbiano calato la mano sull’azione coi controcazzi.

    La più grande nota di dolore è j.k. simmons. Hai appena dimostrato (whiplash) di essere un attore coi coglioni foderati di vibranio, ma poi devi campare con ruoli da coglione per cui peraltro ti avran pagato pure il doppio. Lì il mondo, pure in tutte le timeline di TG, diventa irreparabilmente ingiusto.

  22. Mah..onestamente tutte queste critiche così negative, fatico a capirle.
    Forse sono offuscato dall’essere troppo fan di Arnold, ma a me..il film è piaciuto!E manco poco!
    Vero che Emilia Clarke ha 1/10 della grinta e della faccia cattiva di Linda Hamilton, vero che ci sono dei buchi nella trama notevoli, vero che forse l’idea del papà-terminator è un po’ da commediola americana..però nel complesso il film diverte, ha molti spunti interessanti, e personalmente lo colloco in terza posizione, dopo i primi due inarrivabili (Salvation ultimo ovviamente).
    E poi diamine..ma cosa vi aspettavate?!?È Schwarzenegger..mica Nanni Moretti!

  23. AxelFolle

    no ma infatti sto film è una cagatina, è giusto dirlo

  24. Già stato detto tutto: le due ore passano abbastanza lisce e (un pochetto) ti diverti pure, ma ciò che rimane è l’amarezza di ciò che avrebbe potuto essere e non è stato. Il paragone ovviamente è con Mad Max Fury Road: laddove lì è la fiera del talento (regia, script, attori, coreografie, musiche…) TG è la fiera dei mestieranti senz’anima. Che poi a essere onesti l’impegno c’è, es. almeno Arnold ci crede così forte che almeno lui il tifo te lo strappa proprio dalle mani, o anche la storia è meno sgrausa di quanto ipotizzassi, ma mancano proprio la visione, il genio, le soluzioni uniche, la capacità di riproporre quell’immaginario dei primi due capitoli come davvero meriterebbe. Ma che ci vuoi fare? Ormai Cameron s’è fissato coi suoi puffi spaziali…

    • AxelFolle

      esatto. un poco spiace ce Cameron sia in ballo col progetto Avatar che intendiamoci per me è un filmone anche quello, lui registicamente è tipo uno che trasforma in oro tutto cio che tocca ma ho una tale avversione per il digitale massiccio che per quanto mi possa appassionare mi lascera sempre un po scontento. questo per restare nel campo dei cazzi miei.

  25. Effetto botte

    Non so se sia stato detto, ma a me fa impazzire Arnoldo in versione “Doc Brown”. Gli sono stati affidati una marea di spiegoni, e questo lo rende ogni scena più tenero <3

  26. Cristoforo Nolano

    Film discreto, affossato principalmente da tre cagnacci (i due Clarke e Courtney). Ad Arnold non puoi non volergli bene sempre e comunque.

  27. Phil

    Avendo parlato con van damme ho scoperto che si era proposto con Adkins “per qualsiasi parte”
    Ma hanno detto no non per problemi realistici ma solo perche-tipo italia-
    Non ci avevano pensato e quindi secondo loro bisognava rispettare il pensiero originale.
    Tipo festa del natale.
    Fai le cose per tradizione e mangi il panettone anche se preferisci il pandoro.
    Un saluto

  28. bloody

    Ovviamente T:G non ha minimamente la bellezza dei primi due capolavori, però io ho trovato in questo film qualcosa di migliore rispetto a T3eTS, lo metto un gradino sopra anche perchè qualcosina di nuovo la racconta, e ha dei bei momenti sci-fi.
    Ci sarà un film di Schwarzy che elogerete ogni tanto? perchè a quanto vedo elogiate ogni film di Sly(che mi piace anche) ma sparate merda su tutti i film di Arnold, specie negli ultimi! ;)

    • Chiedimi come faccio a sapere che hai letto solo questa e quella di Contagious / Maggie.

    • bloody

      si ho letto solo queste due di Arnie!xD
      Però per esempio anche in Maggie la parte di Arnold a me ha trasmetto tenerezza, è vero non dice chissà quali parole ma la sue espressione triste e tormentata mi è piaciuta, non servono sempre grandi discorsi per fare una buona parte in un film.
      E poi c’è True Lies dove lui è fantastico e divertente ;)

  29. Ruper Tevere

    Lunedì sera su Italia 1, tardi, davano Terminator 2. Io cazzo sono tornato a casa a mezzanottemenounquarto stradeciso ad andare subito a letto, accendo la tv per cazzeggiare giusto 10 minuti, lo guardo tutto. Che cazzo di superfilm della madonna. Quindi 400 e recensioni. Bellissima una frase di Nanni su Cameron che ti ipnotizza con l’azione. Proprio vero. Penso a tutta la sequenza al Pescadero. Quindi, gasato, mi sono risparato The Terminator e quindi Genisys.

    Non sto nemmeno a commentare, ma mi sono fatto un’idea del problema generale dei reboot. Di questo in particolare, comunque. Terminator 1 e 2 sono film CUPI. Cogiuda se sono cupi. La speranza è poca e l’umanità è vista sostanzialmente come un branco di morti viventi. Il Terminator prima e il T1000 poi sono inarrestabili.
    Quello che segue, invece, è roba allegra dove sono tutti ricchi e pasciuti e pregustano soldi da cachet e incassi. Peraltro dovuto alla contingenza tutta momentanea che non sapendo più la gente ricca dove cazzo spenderli sti soldi, si ritrova a volere i soldi per i soldi. Nel dubbio. Non esageriamo con l’immaginazione eh.

    Mi sono anche abbastanza divertito, soprattutto all’inizio, ma non toglie che sia una merda senza speranza e quasi grottesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.