Crea sito

#HarleyQueen: il trailer pazzesco di Suicide Squad su Bohemian Rapsody

Sembra un mese fa che usciva un trailer così bello, su una canzone così giusta, da fomentarmi a mille su un film di cui fino a un attimo prima non me ne fregava una mezza. E invece era un mese e ben 5 giorni fa, che scherzi pazzerelli che fa il tempo! Sto parlando ovviamente di Star Trek Beyond (working title “Fast & Furious Space”) su quella bomba di Sabotage dei Beastie Boys, e ne sto parlando affinché sia perfettamente chiaro il mio stato d’animo quando dico che il nuovo trailer di Suicide Squad lo supera a destra lasciandosi dietro una scia di fuoco.

Guardate che roba:

Lo dico qui e lo ripeterò spesso: non sono un gran fan DC (sono maniacale solo su Batman) cartacea E cinematografica E telefilmica, Joker e Harley Quinn non sono tra i personaggi di cui mi frega particolarmente, l’intera idea della Suicide Squad l’ho sempre trovata una puttanata persino nei fumetti e questo film mi è parso fin dall’inizio un passo falso in grado di rivaleggiare solo col progetto (giustamente) abortito sui Sinistri Sei come spinoff di Spider-Man.
Eppure, in questo trailer c’è tutto quello che serve per portarmi in sala di corsa e col vestito buono (metti mai che alla proiezione del giovedì pomeriggio di una sala milanese c’è Margot Robbie in incognito).

Ci dice finalmente qualcosa sui personaggi in una modalità diversa dallo spiegone fuoricampo, riesce nell’impresa incredibile di farceli stare tutti più o meno simpatici (pure Will Smith? Ma sì, dai, pure Will “sguardo intenso” Smith), evita i superspoiler e ci rassicura sul proposito di mettere, finalmente e grazie al cielo, il divertimento davanti all’autoflagellazione – senza scadere nel circo made in Marvel. Buttateci dentro le botte, i botti, i Residents e Margot Robbie/Harley Quinn pronta per il set di un film porno.

Ma soprattutto è montato da dio, su una canzone che non è solo straordinariamente bella (che tenerezza scrollare i commenti su YouTube e vedere la gente che chiede i titoli delle canzoni, al plurale) ma che è perfetta per la storia di morte, malattia mentale, nichilismo e patti col diavolo che Suicide Squad si propone (vedremo con che risultati) di raccontare. E a chi verrà a dirci che i Queen sono intoccabili (a parte il fatto che no, non lo sono): beh, non è esattamente questo il punto?

Poi la sola è sempre dietro l’angolo, ma questi sono i migliori 2 minuti e mezzo di video buttati fuori dalla DC finora. Film compresi.

Tags: , , , , , , , , ,

180 Commenti

  1. Bud Spacey

    ma un premio Sylvester al miglior trailer si può inventare?

    • AnnaMagnanima

      Io farei il premio a miglior titolo dei post. Sarebbe votatissimo.

    • Bud Spacey

      ma penso che tutti i titoli siano belli. Non so, votare il migliore sarebbe ingeneroso nei confronti degli altri. Poi al redattore che riceve meno voti gli vengono i complessi e sarebbe ingiusto.
      Quindi no Anna, brutta pensata ;)

    • AnnaMagnanima

      …mumble….mumble….
      Mm mm….no. un redattore de i400calci coi complessi non lo so proprio immaginare….

    • samuel paidinfuller

      @bud
      vince cmq fury road

    • Bud Spacey

      @samuel infatti :)
      ma io dicevo in generale, vedere tutti questi commenti entusiastici per questo trailer mi ha fatto venire questa idea. Ai premi Sylvester manca la categoria miglior trailer. O trailer che rispecchia effettivamente il film. Si potrebbe anche creare la categoria Trailer più disonesto, ovvero quello che poi non c’entra niente con il film.

  2. Chow Yun Fart

    Sì ma il 5 agosto….. :(

  3. Darko Ramius

    Io leggo “Avengers puppate la fava” in ogni fotogramma del trailer. Non riesco a capire se ho lo schermo rotto o se questa prevista poverinata cosplayer sarà invece un filmettone cazzuto e divertente. Comunque venduto.

    Nasdarovie

  4. Harrison Chrysler

    fa letteralmente cagare!

  5. Leonardo Di Capri

    ma il trailer di 10 Cloverfield Lane non lo cacate proprio? eppure sembra niente male

  6. Benicio del Totoro

    Comunque quando dici le cose fatte a modino: più guardo ‘sto trailer e più mi sale la FOTTA. E a me dell’universo DC Comics non me ne frega un’infiocchetatissima: a parte Harley Quin non conosco nessuno di ‘sti scappati di casa…
    Però se mettono Bohemian Rapsody anche nel film e gli associano un montaggio serrato come questo come minimo scardino 8 poltrone intorno a me, occupanti inclusi.

    Forse è meglio se vado al cinema da solo.

    • Cristoforo Nolano

      E pensa che Harley Queen è un personaggio poverata inventato per la serie TV per ragazzini a fine anni ’90.

    • Benicio del Totoro

      Di Bruce Timm che le mise addosso un costume da giullare di corte bipolare.
      È dalla serie 52 se non sbaglio che l’hanno fatta diventare un puttanone punk-redneck. :D

    • Cacchi Gore

      Ma è normale che risulti irritante quell’Harley Quinn qui?

  7. Giorgissimo

    Io di solito non amo i fumettoni al cinema. In particolare la maggior parte dei super eroi USA mi sta sulle balle (carta o celluloide che sia). Ho accettato i primi Superman di Richard Donner & Company , i Batman di Burton e Spider di Raimi. Tutto il resto lo trovo di una noia mortale, indecente, insipido e soporifero. L’apice della noia? Tutti i film degli Xmen e degli Avengers e i Batman di Nolan (PS: e io adoro Nolan!). Lo so il problema sono io, non i film stessi, che non riesco proprio ad appassionarmi: le trame mi sembrano scialbe, insulse, i protagonisti li trovo poco interessanti e e la messa in scena mi pare solo una baracconata nella quale non riesco nemmeno a capire cosa succede. Fondamentalmente non riseco a entrare nella storia, non mi appassiono e dunque dormo… Eppure sono riuscito a fomentarmi con 200 episodi di Dragonball Z! Che differenza ci sara’ mai????
    Tutto questo per dire che, alla visione di questo trailer, mi sono emozionato. Finalmente vedo qualcosa che attira la mia attenzione. Anche se conosco solo il 10% dei personaggi. Anche se si tratta di fumettoni. Anche se c’e’ fin troppa caciara e battutine sceme. Ma non mi pare il solito baraccone che fatico a seguire. Mi sembra un bel Parco a Tema coi controcazzi in cui non vedo l’ora di entrare!!!! Sono riusciti a farmi salire la bava srtavolta. Sara’ la bionda… ma cazzo ci sono riusciti!

  8. blueberry

    ma quando li finiranno????

  9. ermenton kazzuriza

    Non andrei mai a vedere al cinema un film del genere (cinecomic in genere), sicuramente andrò a pescare in merito più avanti. Stiamo cmq parlando di gente mascherata o pupazzata che va in giro a fare cose sotto un probabilissimo pg13, e io ormai sono troppo vecchio per queste cose, e questo è il mio ultimo giorno prima della pensione.

    PS: se non avete colto le citazioni: Ma azzo ci fate in sto sito?

  10. Zavits

    Prego che il trailer non sia una esca molto ben fatta per quello che altrimenti finirebbe per risultare quello che numerosi degli esimi contributori definisce “carnevalata”, “pupazzata”, eccetera eccetera…perchè se mantiene anche solo metà delle premesse, il tono scanzonato ed il dosaggio del ritmo finirà per essere un film di culto in breve tempo e per ridefinire i cinecomics (che, chi lo avrebbe mai detto, avrebbe bisogno di differenziarsi anche al cinema, in tv già in qualche modo è segmentato in drama, action, comedy…).
    Ma una domanda sorge spontanea: facendo riferimento al fumetto, dove ogni missione della Suicide Squad finiva appunto con uno o più membri in meno, chi potrebbe lasciarci le penne? Non so che contratti hanno firmato la Robbie e Smith ma tenendo conto che i loro sono i nomi (e anche i personaggi) più popolari qualche seconda fila è destinata a non apparire in un eventuale secondo capitolo…

  11. Axel Folle

    Però ecco ci terrei a sollevare una questione. Da un tot la questione pg13 a mio avviso si sta un poco estremizzando a mio avviso. Ora faccio un confronto: FF7 e John Wick. Il primo col pg13 il secondo a quanto ne so col Rated R. JW pur aggiungendo qualche dettaglio sanguinolento (che anche se non ci fossero non cambierebbero film di una virgola) di fatto propone una violenza estremamente edulcorata che non disturba più di quella di F7, anzi se parliamo di pura azione probabilmente quella di Fast è fatta meglio, intrattiene e ce la si gode maggiormente. O comunque tirando le somme Fast7 è un film assai più grosso di un John Wick qualunque. Con questo non voglio dire che il PG13 non sia una restrizione, anzi, è una scopa in culo di quelle belle dritte. Dico solo che con una buona dose di gusto e inventiva si può fare comunque qualcosa di tosto ma leggere certi commenti non pare un ragionamento così scontato.

    • Axel Folle

      Detto questo fosse per me toglierei pure sto parental control o come casso si chiama che saran venute fuori persone migliori i ragazzini che ai tempi si cagarono in mano con Gremlins che non sto stronzetti gasati per ste cacatine Marvel.

    • Il Reverendo

      ma infatti se un film è figo lo è a prescindere.
      il discorso è che una bella sparatoria sanguinolenta in un pg-13 te la puoi dimenticare.
      la classica scena della scopata te la puoi dimenticare.
      una battaglia a coltellate stile the hunted te la puoi dimenticare.

      è un po’ come andare al cinema già sapendo che ci saranno dei paletti che limitano quello che puoi vedere.

    • Axel Folle

      Sicuro, quello cheSdicevo è appunto che certo il pg13 è sinonimo di restrizione ma non per questo possiamo scordarsi qualche sequenza di botte ben fatta.

      Che poi ad essere onesti Ayer nei suoi precedenti film era più uno che sapeva dare effetto alla violenza proprio nel conferirgli una certa crudezza in quello che mostrava ma non certo per un fatto di coreografie, sul quel versante è assai basilare. Però non cambia che considerare per spacciato un film col pg13 è una leggerezza. Per dire io ho aspettative più su questo che si Deadpool per il quale è previsto il Rated R. Magari a torto.

    • Zen My Ass

      Mi fai venire in mente che l’anno scorso ho fatto vedere alla mia classe (scuola media) The Goonies, ed e’ stata la prima volta per tutti loro. Il film e’ piaciuto parecchio (e pure a me, che non lo vedevo da quando ero ragazzino), ma a pensarci bene, e’ pieno di parolacce, violenza, situazioni oggi non piu’ accettabili, pregiudizi razziali e quant’altro. Questo non toglie che il film sia ottimo e divertentissimo, ma fa riflettere come i tempi siano cambiati.

  12. Killing Joke

    Piccolo OT: La serie animata di Batman degli anni ’90 (in cui fu introdotto appunto il personaggio di Harley Quinn) per me è una delle migliori mai prodotte.
    Alcuni episodi erano veramente incantevoli, da gustare anche cresciuti (ne ricordo in particolare uno stupendo con protagonista Mister Freeze)

    • Bud Spacey

      La serie animata di Batman degli anni ’90 mi piaceva molto, era molto ben fatta

    • Axel Folle

      Ho rivisto qualche puntata della serie animata anni 90 pochi mesi fa (la prima, non la successiva). Per caso se ne parlo una sera con un amico e il giorno dopo curioso feci qualche ricerca e lessi belle cose a proposito di questa. Poco da dire, quel poco che ho rivisto era tutto ottimo (poi la vicina buttana mi ha tagliato il wifi), roba che oggi pare in ibrido impensabile. Nel senso oggi vengono prodotti o serie animate per adulti, o roba per bambini, l unica via di mezzo possono essere gli shonen o come minghia si chiamano che sono indirizzati al pubblico dei tinegerz poi possono essere seguite in maniera ambivalente sia da chi ha qualche anno in meno sia da chi ha qualche anno in più ma in genere si mantengono su binari abbastanza politicamente corretto. Io la serie di Batman da bambino la guardavo e diamine aveva una cupezza che ora fatichi a trovare nella roba più seria. E dico fu un successone, come ribadisco lo fu anche un Gremlins e la carta vincente a mio avviso di proprio questo di giocare su toni cupi e grotteschi in film che teoricamente sarebbero indirizzati ad un pubblico non adulto. Dannato parental control.

    • Batman è tuttora un bel pezzo, amato e riverito, di serie televisiva animata anni ’90 Made in USA, famosa per tantissime ottime scelte stilistiche, narrative, e di cast – il buon Mark Hamill in originale doppiava il Joker. Aveva alti e bassi e vincoli dovuti al fatto di essere un prodotto con un target “non adulto” e con tutti i vincoli imposti dal caso, ma questo non vuol dire che non ci scappasse il momento godereccio quando l’executive non guardava (cosa capitata anche ai Gargoyles, che la Disney non si è accorta di cosa stava producendo, o ad Avatar the Last Airbender, che quando si sono accorti di cosa gli stava passando sotto il naso hanno frenato di colpo, aggiungendoci fanservice).

      Occhio Axel che rispetto agli USA il Giappone ha sempre funzionato in modo molto diverso: anche se rispetto al fumetto, rispettato in ogni sua forma, fino a qualche anno fa mi risultava che gli anime fossero tendenzialmente considerati una versione in tono minore o roba più per bambini (sempre effetto indiretto della fascia protetta), c’è sempre una fortissima segmentazione di target e una produzione di circa 200 titoli all’anno per la Tv, con influenze varie ed eventuali che non prendono solo dagli Shonen e dagli Shojo (genere per ragazzini – ragazzine), ma anche dai Seinen e Josei (genere per adulti maschi e femmine tra i 20-40 anni, più o meno lo stesso target principale dei telefilm occidentali). Da noi sulle generaliste fondamentalmente arriva poco, ma girano robe più affini al gusto calcistico tipo questa… Niente, un off-topic perché sono otaku, e niente…

    • Axel Folle

      Di in effetti ho fatto un mischione di troppa roba tenendo conto solo di quello che passa in tv in Italia, sono stato troppo sommario.

      Anche con Gargoyles mi stava scendendo la lagrima. Che cartone bello, l intro ancora ce l ho stampato in testa.

    • Batman (e a volte anche Gargoyles) erano serie che a tratti riuscivano anche a mostrare un certo conflitto nei protagonisti, roba rara.

      E le puntata di Batman dove vedevi la genesi di alcuni villain e, cazzo, non potevi che empatizzare con loro?
      La genesi di Duefacce piscia in culo a quella di Nolan quaranta volte.

    • @Axel Folle: no no, ma figurati, io certe cose ce le ho presenti solo perché sono un’impallinato, ho tirato fuori la cosa solo perché volevo l’occasione di citare un anime in cui la gente ‘shplode, gh!

      Comunque: Poooooo-popopopooooo-popopooooo…

    • @Shu-Sha ed Axel Folle: Gargoyles riusciva a infilare in una serie “per famiglie” un mostro ragazzo padre con istinti omicidi nei confronti della moglie malvagia e un menage-a-trois weirdo su Avalon tra un mago, una principessa e un bambino diventato adulto durante la sua permanenza, oggi le associazioni dei genitori sclererebbero.

      Su Due Facce ricordo che si sfruttava bene il vantaggio della serialità: Harvey Dent “sano” veniva utilizzato in parecchie puntate come personaggio di supporto e si dava tutto il tempo allo spettatore per empatizzatare prima di fargli fare la sua fine brutta…

    • il cartone di batman è serie pregevolissima e che raccomando sempre caldamente a tutti. l’avevo accennata come uno dei tanti “eredi” di Darkman di Sam Raimi (specie per il modo in cui tratta i cattivi), qualche volte mi piacerebbe parlarne più approfonditamente, vedo che il seguito non manca.

      Gargoyles era un’altra roba che proprio boh, non mi perdevo un episodio e tutte le volte pensavo “MA LA DISNEY LO SA?!?!”
      li hanno mai fatti i dvd?

    • Poisoned Ivy

      Non amavo Batman nemmeno da ragazzina, anche se qualche episodio della serie l’ho visto, ma Gargoyles era qualcosa che boh, un film ci vorrebbe, ora che c’è il compartimento digitale adatto.

    • @Quantum, ma tipo parliamone!
      Una rubrica sui cartoni calcisti..? C’è abbastanza materiale.
      Oppure ci abbasta anche un post monografico su Batman.

  13. Iko Uwapassa

    Margot Robbie appena passabile, per questo io e i miei amici abbiamo tenuto in pausa il momento in cui s’inchina davanti alla vetrina, solo per 10 minuti.

  14. Martin Scortese

    I trailer, la Robbie, Ayer e i Queen dicono che Suicide Squad sarà il filmone dell’anno.
    Per sapere la Verità, ancora un mese di attesa..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *