Crea sito
Jackie Lang

Menare all’italiana: il manuale dei colpi base di Bud Spencer

Coach

Coach

Bud Spencer è stato il più grande artista marziale del cinema italiano.
Non solo perché probabilmente l’unico ma perché a differenza di molti altri, anche non italiani, aveva un repertorio di colpi propri che nessun altro può vantare. Aveva uno stile coerente e ben identificabile, aveva mosse sue, esclusive, che non usava e non usa nessun altro, così legate a sè che chiunque le usasse sarebbe evidente che sta imitando Bud Spencer. Sopra a tutto aveva un modo di intendere il conflitto tutto suo, il che lo rende un artista marziale e noi di i400calci intendiamo celebrare la sua scomparsa con un breve compendio delle sue mosse esclusive, quelle che non si trovano in nessun altro combattente del cinema.

Innanzitutto bisogna considerare lo stile, improntato alla pesantezza. I colpi avversari si prendono in pieno, solo ogni tanto si parano, quando lo si fa è per poter poi attaccare. Dunque la difesa di fatto non è un’opzione, perchè in realtà in Bud Spencer, non esistendo la schivata, la parata è solo un momento dell’attacco.
Dunque iniziamo subito da queste parate, perché non sono semplici come si può credere e sono il primo passo per l’offesa. Il movimento è sempre dall’alto verso il basso. Nella pratica non serve a niente ma è una soluzione visiva che funziona bene, perché il colpo parato ha una sua parabola e apre la strada all’attacco.

La parata base è alta e laterale, solitamente portata con l’avambraccio o il braccio tutto, e ovviamente va verso il basso.

parata-2

Se proprio si deve parare un attacco frontale allora c’è l’acchiappo, cioè quella mossa complicatissima per la quale il pugno avversario viene afferrato al volo nella capiente mano di Bud. Comunque sempre dall’alto verso il basso.

acchiappo

C’è anche una variante più goduriosa dell’acchiappo che è lo stritolaossa, cioè prendere il pugno dell’avversario (sempre in alto) e stringere portandolo lentamente in basso.

spezzaossa

In tutti questi casi l’aver portato il braccio dell’avversario in basso lo lascia sguarnito e pronto a prendere il colpo. Tutte queste parate base servono infatti come già detto a contrattaccare subito. Tutte tranne l’eruzione, che è quella mossa che può fare solo Bud Spencer (e che sfrutta regolarmente) utile a sbaragliare una montagna di uomini che gli si è gettata sopra. Ve lo propongo nell’immortale versione di Lo Chiamavano Bulldozer

eruzione

L’esile repertorio difensivo è tutto qui, perchè al contrario di Terence Hill, che eccelle nelle schivate e quindi nella difesa, quello offensivo è il repertorio più ampio di Bud Spencer. In tutta la sua filmografia si vedono tantissimi attacchi diversi ma tutti discendono da alcuni colpi fondamentali. Ne sono magari un’aggregazione o una filiazione, ma diciamo che le mosse da imparare sono un numero limitato adattabile ad ogni situazione.

Prima di tutto c’è il colpo base che non è il cazzotto (quello pure c’è ma non è un colpo esclusivo, lo vantano tutti), quanto la manata aperta in faccia o tra capo e collo o sulla nuca.

238225_o

Qui la possiamo rivedere anche meglio, è laterale oppure parte dall’alto, soprattutto è molto molto caricata, parte almeno da dietro la schiena e compie tutto un arco fino ad arrivare al punto di impatto. Questo è molto importante.

manata

Raddoppiando le mani sia ha la doppia sberla sulle orecchie. Questa è proprio una mossa col copyright BS, una che genera infinite soluzioni comiche e che è coreografica come poche altre. Unisce infatti la sensazione di una violenza blanda all’effetto comico del rintronamento.

doppio-schiaffo

Più raro invece il frontalino, una specie di sberla sulla fronte. Bud lo usa poco, giusto quando deve chiudere una combo di colpi. Non a caso qui lo vediamo a seguire di due sberle

frontalino

Uno dei pochi colpi che invece partono dal basso per andare verso l’alto è l’uppercut, mossa di certo non esclusiva di Bud Spencer ma che nella sua interpretazione diventa un classico sempre uguale, quello utile a far volare l’avversario.

uppercut-2

Se però a fare l’uppercut sono buoni tutti, inventare il suo contrario è da geni.
Siamo di fronte al colpo firma, quello che nasce e muore con Bud Spencer, che non ha nessun senso nel mondo reale (perché farebbe più male a chi lo dà rispetto a chi lo riceve) e, al contrario degli altri, viene dato almeno una volta in ogni singolo film. Non si dà cioè film di Bud Spencer senza quello che lui stesso aveva battezzato il “piccione”, cioè il cazzotto in testa dall’alto verso il basso. Qui vedete bene l’effetto sulla vittima

piccione-2

Qui in combo con una doppia sberla vedete bene lo sforzo nel portarlo

piccione

Come dicevo poi i colpi vanno tutti combinati, guardate qui che splendido esempio di doppia parata laterale dall’alto al basso e poi di nuovo dall’alto al basso un doppio piccione.

parata-con-piccione

Siccome poi i colpi nel tempo si sono evoluti e non sono mai rimasti uguali, alcuni finiti in disuso, altri nati o evoluti, vi voglio proporre qui un colpo che è tale solo in virtù dell’effetto sonoro. Sarebbe una normale manata ma diventa straordinario con l’idea demenziale di sonorizzarlo con l’eco. Nessuno al mondo poteva anche solo immaginare una cosa simile.

Ora sarebbe bello poter postare un video con tutte queste mosse tutte insieme ma non ne esistono, perché come scrivevo sono cambiate e si sono avvicendate negli anni. La scazzottata che posso proporvi dunque è una delle più complete in assoluto benchè non contenente proprio tutto. È presa da Non c’è due senza quattro, notate come lo stile pesante sia alternato con quello elettrico di Terence Hill, come i colpi siano più ariosi nelle loro parabole.

Infine questo bonus perchè vi voglio bene. Questo è inclassificabile, oltre che bellissimo da vedere

corsa

 

AGGIORNAMENTO 04/06

Nei commenti Michelangelo giustamente segnalava una serie di altri possibili colpi del repertorio tra i quali ci è sembrato particolarmente significativo inserire l’acchiappo con risposta, ovvero il colpo tramite il quale, prendendo l’avambraccio dell’avversario (o in certi casi proprio il pugno nella sua capiente mano), Bud gli restituisce il cazzotto rivolgendo l’attacco avversario contro egli stesso.

acchiappo-e-colpo

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

111 Commenti

  1. Ciak Norris

    ragazzi,
    io non posso ancora credere che ci abbia lasciati davvero.

    E ora?

    • m.grazia

      Troppo troppo forte…impareggiabile!

    • Li'l Bud

      Neanch’io ci riesco. Mi viene ancora da piangere. Sembra che sia morto un parente. Oggi poi dovevano fare Piedone d’Egitto su Rai Movie ed invece è saltato, al suo posto hanno fatto una boiata con un certo Castellitto. Possiamo solo vedere i suoi film (per chi già ci riesce, per ora io no troppo triste) o leggere una sua autobiografia per convincerci che ha vissuto una vita felice e da quel poco che ho sentito è stato proprio così. Poi per onorarlo possiamo farci una gran mangiata come piaceva a lui ed educarci ad una mentalità che non sopporti le ingiustizie nella maniera più accesa come ci ha insegnato. Su internet ci sono ora molti articoli che parlano di curiosità su di lui e sono molto interessanti. Certo ognuna di queste cose è una magra consolazione, non credo funzioneranno del tutto. Addio, grande amico.

    • Ciak Norris

      Bud è l’amico che non ho mai incontrato.

      Non riesco ancora a guardare un suo film senza commuovermi.
      L’unica consolazione è sapere che ha vissuto davvero una gran vita.
      Quella che ognuno di noi avrebbe voluto vivere.
      Magari al suo fianco…

    • Bobbomario

      Inimitabile Bud!!!❤️

    • Christopher L'Onan

      Basta lacrime ragazzi. Lui è immortale.
      Se guardate la Cappella Sistina vi sentite tristi perché Michelangelo è morto? No!
      I ceffoni di Bud riecheggiano nell’eternità!

  2. Michele

    Complimenti, ottimo articolo.
    Hai dimenticato però alcuni colpi.
    Per esempio abbiamo una variante del piccione data sulla clavicola anziché sulla testa. La sequenza più lunga di piccioni alternati testa-clavicola si ha nell’incontro tra Bud e Tommy Glancing Blow, in I quattro dell’Ave Maria. In alternativa anche nell’incontro tra Bud e mister Ormond in Io sto con gli ippopotami.
    Un altro colpo tipico di Bud e la presa al volo dell’avambraccio avversario che viene poi spinto avanti in modo da colpire il volto dell’oppositore con il suo stesso pugno (mossa che può essere ripetuta più volte di seguito). Un celebre esempio lo si può notare nella rissa in palestra di Altrimenti…ci arrabbiamo.
    Esistono poi anche dei rarissimi calci, colpi per lo più di disturbo, sferrati sempre con grande sforzo (vedasi la rissa nel locale del Capo in Altrimenti… ci arrabbiamo, in cui Bud afferra per la caviglia due avversari e sferra a entrambi un calcione sul sedere, uno con una gamba e l’altro con l’altra).

  3. Carla

    Bellissimo! Fatelo anche su Terence Hill! XD

  4. Luca

    Io volevo segnalare questo momento…la doppia sberla rintronante, seguito da sollevamento del poveretto e lancio a Terence hill (che poi fa una delle sue mosse tipiche, il ribaltamento dall’orlo dei pantaloni alle caviglie)

    https://youtu.be/eUxwoMvm6gk?t=286

  5. Rob

    Grazie per l’articolo, forse è il miglior ricordo che si potesse lasciare per Bud, che nel suo genere è stato un grandissimo artista, mi appecorono alla sua bravura [cit. obbligatoria]. Personalmente è da Lunedì che ho il magone, cosa mai capitata con nessun’altra morte illustre, forse perché sento che se n’è andato un pezzo della mia infanzia

  6. claudio

    bellissimo omaggio al mitico bud, a lui sarebbe piaciuto.
    Io ci sono cresciuto al suono dei suoi cazzoti.

  7. Gabu

    Penso sia da aggiungere anche il colpo con la padella od oggetti metallici, dal suono distintivo. Immancabile quando spunta fuori il cuoco in una rissa!
    Potete espandere l’articolo?

  8. Simone

    Da ricordare l ‘epica sberla dal basso in alto che bud dà a mescal nel “lo chiamavano trinita” togliendogli il cappello e facendogli fare mezzo giro su se stesso prima della caduta

  9. dirty harryhausen

    questo articolo è commovente, solo i 400 calci possono tanto :D

  10. claudio

    No ragazzi, veramente, siete dei geni.
    E` la terza volta che mi leggo questo post.
    Meraviglio, ancora quando vedo “l`eruzione” mi scompiscio….
    Un pacioso energumeno sempre pronto a strappare risate.
    Per sempre nei nostri cuori Bud.

  11. Enrico

    La parata alta e colpo dal basso è derivata dallo Jodan uke del karate con attacco tsuki, in alcuni stili di ju jitsu poi il braccio dell’avversario lo si porta verso il basso per sbilanciarlo e proiettarlo, del resto queste tecniche prendevano spunto dal karate all’epoca molto diffuso, quindi Bud Spencer era un marzialista a tutto tondo.

  12. Ilmoralizzattore

    Il pugno mazzata che il Conan (di Milius) mezzo brillo infligge ad un povero cammello ho sempre pensato fosse un omaggio al grande Bud.

  13. Enrico

    Qui Terence Hill nell’ultimo saluto a Bud racconta che il nome Piccione gliela dato lui, anche se il colpo l’ha inventata Bud.
    https://www.youtube.com/watch?v=EZWScxEg3pU&list=RDEZWScxEg3pU#t=0

  14. Walter

    Complimenti ! Un bel post d’altri tempi, bellissimo.

  15. Ciak Norris

    ragazzi non dimentichiamolo troppo presto…

    https://www.youtube.com/watch?v=I9lD08ejNC0

    ci manchi Bud!!!

  16. Emanuele

    Bellissimo articolo!!
    Volevo aggiungere solo due elementi ricorrenti nelle scazzottate, che non sono propriamente dei colpi ma dei segni distintivi dello spirito e dell’effetto comico che anima le botte: una è il ricorrente uso delle porte come “arma”, è l’altro è l’indifferenza di Bud al disturbo portato da un terzo combattente, che lo colpisce alle spalle (a volte con oggetti contundenti tipo tavoli o panche, soprattutto a fine rissa con immancabile commento di Terence del tipo “ma quello lì viene con noi?”. Grazie di tutto Bud/Carlo, che Dio ti benedica.

  17. R.

    Arrivo tardissimo solo per dire che rivendendo Il buono il brutto e il cattivo, mi sono reso conto che nella scena di menare di Mario Brega si riconoscono diverse analogie (sarà per la stazza) con le signature moves di Bud (tipo lo schiaffazzo tra capo e collo).

    Chissà se quest’ultimo non ha in parte preso ispirazione proprio da Mario Brega.

  18. Luis

    Un bellissimo articolo, un compendio delle qualita’ manesche di Bud Spencer.
    Grazie e complimenti.

  19. luca

    Gran pezzo! Una cosa secondo me abbastanza caratteristica di Bud alla fine delle sue risse (specie contro chi reputava forte abbastanza) avviene quando entrambi stremati e senza apporre alcuna difesa si colpiscono uno alla volta fino a che uno dei due non cade.
    L’effetto è naturalmente comico e anche coreografico perchè il tutto è di solito accompagnato a una specie di passo dell’ubriaco in cui nessuno dei due riesce a tenersi sulle proprie gambe.
    Mi scuso se qualcuno lo aveva fatto notare nei commenti precedenti, è che 110 da leggere erano troppi!
    Saluti Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *