Crea sito

R.I.P. Tobe Hooper

25 gennaio 1943 – 26 agosto 2017

Non amo fare classifiche, ma se mi chiedete qual è il mio horror preferito di tutti i tempi ho la risposta secca: Non aprite quella porta.
Anzi, dico di più: per me l’horror è questo.
I tempi dilatati, le riprese sobrie e minimaliste, l’assenza quasi totale di musica, davano un’aria anti-cinematografica che ti levava ogni punto di riferimento, ti immergeva nella situazione come nessun altro, e quando esplodeva senza preavviso con strappi di meschina ultraviolenza diventavano puro terrore. Il raro film che per decenni si è meritato tutte le avvertenze e i superlativi che gli tiravano addosso, lanciando un intero sottogenere e influenzando generazioni di cineasti fra i più disparati. L’ingresso in scena di Leatherface è il rullo di pellicola che salverei se dovessero bruciare tutto l’horror del mondo tranne due minuti.
Negli sforzi seguenti Tobe Hooper non riuscì a replicare quel successo di critica e pubblico, fino a quando Spielberg non gli offrì l’occasione di diventare il prestanome più famoso di sempre con Poltergeist: il regalo gli servì per ottenere un ricco contratto con la Cannon e sfornare un film matto come Space Vampires e soprattutto Non aprite quella porta 2, uno dei sequel più incompresi e sottovalutati di sempre (senza di lui, scordatevi il miglior Rob Zombie).
Da lì in poi avrà un buon colpo di coda con The Mangler, e poi camperà di rendita.
Ciao Tobe. Il cinema è troppo poco, sento di doverti un pezzo del mio dna.

Tags:

17 Commenti

  1. Zen on My Ass

    Hai detto tutto quello che c’e’ da dire. Amen.

  2. Io però qualche titolo in più l’avrei citato. Mi viene in mente Invaders, per dirne uno, o un certo Djinn, che mi era piaciuto parecchio e che soltanto ora scopro essere suo. Mi mancherà moltissimo.

  3. AnnaMagnanima

    <3
    non ho parole.

  4. Gianni Carpentiere

    Un grande.

  5. Anonimo

    Comunque space vampires era un gran bel film

  6. Ryan Gossip

    Davvero triste ritrovarsi così dopo le ferie, con la perdita di un professionista davvero bravo.
    Ciao e grazie di tutto.

  7. Sottoscrivo.

    Quel Film La’, un paio di grindhouse duri e puri quando i grindhouse non erano ancora roba da hipster, Hutch contro i vampiri, l’horror formato famigliare su cui James Wan sta costruendo un’intera carriera, le tette di Mathilda May, il sequel di Quel Film La’ che era completamente diverso ma non era per niente stupido, Jame Gumb indagatore dell’incubo contro Citzen Kruger, e poi sempre e comunque Quel Film La’. Poi anche tante boiate, ok. Ma l’elenco qui sopra vale come indulgenza speciale per la remissione di qualsiasi cine-peccato.

  8. GGJJ

    Pezzo da incorniciare. Ogni singola parola è sacrosanta.
    RIP Tobe

  9. jax

    Poltergeist direi che è un altro caposaldo assoluto. L’horror per famiglie che diventa quasi avventura.

  10. Jena Pistol

    Ma porca putt. ,e chi lo sapeva fosse morto ? Da due giorni poi ? Come Nanni anche il mio Horror preferito e di Tobe Hooper,ed’è Poltergeist,più leggero di Non Aprite quella porta certo ma per me perfetto,si tratta di un cocktail ben riuscito di commedia e Horror tra i più difficili da realizzare,si perchè se fai Horror/thriller,Horror/fantasy ,Horror/fantascienza e altri, la parte Horror può tranquillamente funzionare questo si,ma Horror/commedia è doppiamente difficile,si perchè in questi casi di solito a funzionare è la commedia e ti gusti solo quel genere,l’Horror al contrario viene da schifo perchè no,non ti spaventi manco per sbaglio.Con Poltergeist invece funzionano entrambi i generi ed’è ogni volta una goduria. R.I.P.

    • Jena Pistol

      Leggo adesso su Badtaste che l’assistente alla fotografia John R Leonetti ha dichiarato che sostanzialmente il film lo diresse Spielberg. Quello che sapevo io e che per motivi di salute Spielberg lo sostitui per qualche giorno,e da li la diceria che il vero regista fu Spielberg. Mah,se è cosi,il mio Horror preferito lo devo a Spielberg quindi ?

    • In breve: sì. Diciamo che è un film di Hooper tanto quanto Spiderman Homecoming è un film di “Jon Watts”. Solo che all’epoca queste dinamiche in cui il produttore detta una linea creativa durissima non erano frequenti e anzi, un po’ losche. Più parti inoltre hanno dichiarato che Spielberg se lo voleva effettivamente dirigere da solo ma (la faccio super-sintetica) c’erano potenziali scioperi sindacali in ballo e non volle rischiare.

    • Jena Pistol

      Già,Spielberg è un Boy scout,mi sa che non ha mai fatto/detto una cosa fuori posto in vita sua,figurarsi andare contro uno sciopero. Certo che cosi ai miei occhi,se possibile è diventato ancora più grosso. Il mio film d’avventura preferito lo ha fatto lui ( I predatori),quello di guerra pure ( Salvate il …) e adesso pure l’horror ? Cosa vuole ancora ? Scalzare Terminator 2 dalla mia top di fantascienza con Player One per caso ? E no eh,Terminator non si tocca.

  11. Zen on my Ass

    Mi e` venuta voglia di rivedermi Space Vampires, un film che non pratico da 25 anni buoni…

  12. GGJJ

    Di Space Vampires non dimenticherò mai le scene di Mathilda May come mamma l’ha fatta, penso in assoluto una delle donne più arrapanti (il termine adeguato è questo, inutile indulgere in eufemismi) in assoluto mai apparse sul grande schermo

  13. Mad Rockatansky

    Prima Romero, poi lui.

    Non c’è limite alla costernazione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.