Crea sito

Come si confeziona un gran finale: Avengers – Endgame

INTRO di Nanni Cobretti

Che cos’è lo spoiler?
È fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione, ma senza la fantasia e l’intuizione…
No ok, sinceramente: ognuno di noi ha definizioni diverse di spoiler, che vanno da “NIENTE è spoiler” a “un tizio per strada che dice ‘boh’ è uno spoiler”, per cui è matematicamente impossibile accontentare tutti.
Indipendentemente da come vi poniate a riguardo, va notato che a questo turno è successo qualcosa di davvero eccezionale: Endgame, pellicola cinematografica che punta a diventare uno fra i più grandi incassi di tutti i tempi se non il più grande, ha impostato l’intera comunicazione mostrando solo i primi 15 minuti del film, o brevissime scene adeguatamente modificate per non svelare nulla di quello che accade nelle successive due ore e tre quarti.
Di fatto, l’intera trama, se non addirittura l’intero genere del film, è stato trattato come uno spoiler.
Prima di entrare in sala, si sapevano solo gli aspetti fondamentali: gli Avengers rimasti in campo dopo Infinity War avrebbero raccolto le forze e in qualche modo avrebbero ribaltato la situazione. E non abbiamo la più pallida idea del come, tranne che qualcuno ci avrebbe lasciato le penne (c’è chi ha già salutato sui social).
Ma tanto è bastato per incassare in tre giorni quello che soltanto un pugno di film nella storia ha incassato in tutta la propria permanenza in sala.
Non male, in un panorama odierno in cui i trailer sembrano tornare agli anni ’60 in cui si raccontava tutto per filo e per segno.
Di conseguenza, parlare senza rivelare cose che accadono fuori dai (photoshoppatissimi) trailer è impossibile se vogliamo avere la speranza di dire cose vagamente interessanti: considereremo quindi come spoiler la definizione classica, ovvero le svolte a sorpresa, i morti, il finale, e non faremo niente di tutto questo.
Il resto invece potremmo menzionarlo, altrimenti si parla del vuoto troppo a lungo. È lunedì, e a giudicare dagli incassi molti di voi l’hanno già visto quattro volte.

Confido che nei commenti sappiate come regolarvi.
Buona lettura.

Il pezzo di Quantum Tarantino

Oh, Marvel, l’hai fatta di nuovo!
Proprio quando tutti credevano che il cinecomics avesse detto tutto quello che aveva da dire, proprio quando pensavamo che ormai il genere si fosse del tutto prosciugato, proprio quando le aspettative erano così basse che–ok, dai, basta cazzate. Avengers: Endgame era il film più atteso della storia da tutti quelli che hanno un minimo di gusto in fatto di film di supereroi, e come poteva non esserlo, dopo la bomba atomica che è stata Infinity War, con quel finale aperto e spiazzante che prendeva a schiaffi ogni regola del cinema mainstream. Endgame è la conclusione non solo di un dittico iniziato un anno fa, ma di un’operazione cinematografica decennale articolata in 21 film: ERA OVVIO che avrebbe funzionato, diversamente avremmo visto Topolino divorare ancora vivi i fratelli Russo mentre pezzi del cadavere squartato di Kevin Feige venivano trascinati su e giù per la Hollywood Walk of Fame.
Mi ero ripromesso di non parlare di “scommessa vinta” perché che noia ripetere sempre le stesse cose, ma anche perché, a ben guardare, quale scommessa? L’MCU ormai è una schiacciasassi col pilota automatico, un meccanismo a orologeria messo in moto anni fa e che da allora procede inesorabile in direzione di un obiettivo molto semplice: portare a casa il cinefumetto più grosso, più ambizioso e più riuscito di sempre. Il fallimento, banalmente, non è contemplato. Eppure. Che roba, ragazzi. Ogni volta riesce a sorprendermi.

Too big to fail

Quale sia il “segreto” di un film come Avengers: Endgame, è pure quella una cosa che ripetiamo da anni: dove gli altri insistono a fare film (brutti) in cui sembra capiti per sbaglio che i personaggi vengano dai fumetti, la Marvel fa fumetti con attori in carne e ossa. Senza imbarazzo, senza senso di colpa, con tantissimo calcolo, non c’è il minimo dubbio, ma con altrettanto cuore. E dove gli altri si piegano alle esigenze di un sistema produttivo che non era stato fatto per questo tipo di storie, la Marvel se n’è costruito uno su misura, mutuando le regole dalla carta stampata o spesso inventandosele da zero. Endgame è la sintesi perfetta di tutto questo, ma anche e soprattutto il film con cui l’MCU celebra il proprio successo, in cui torna fisicamente sui suoi passi per dirsi “grande vez, hai proprio fatto un bel lavoro”. E lo fa battendosene di chi non è ancora convinto, di chi non è in pari (all’amico — ce n’è sempre uno, non ho ancora capito come sia possibile — che chiede “posso vederlo anche se non ho visto quelli prima?” per la prima volta tocca rispondere con un secco no), di chi non si ricorda cosa succedeva nei film precedenti (mi ha sorpreso, per esempio, notare che il film non iniziasse con un riassunto). Mostrando persino più coraggio della sua controparte cartacea, la Marvel cinematografica ha smesso da anni di cercare di compiacere lo spettatore casuale o quello con poca memoria, di sforzarsi di essere accessibile a tutti: per quanto estremamente inclusiva e facile da approcciare, quello che offre ora è uno spettacolo per soli soci, dove Endgame è il premio fedeltà per chi ha raccolto tutti i punti.

Altra grande vittoria del franchise sta nel tono che ha scelto per mettere la parola fine a questo ciclo: Endgame è un film maturo, a modo suo, carico di gravitas ma che, a differenza di tanti capitoli finali di altrettante epopee cinematografiche, non cade nella trappola della serietà a tutti i costi, del pregiudizio per cui temi adulti possano essere raccontati solo se piove e tutti tengono il broncio, della logica che nella battaglia finale devi far morire almeno un tot di gente altrimenti non è epica. In Endgame c’è anche questo, sicuro, ma ciò che lo pervade dall’inizio alla fine è il senso dell’umorismo che ha sempre caratterizzato i film Marvel, un buonumore contagioso e mai forzato, un ottimismo che non cede neanche per un secondo allo sconforto. Quest’ultimo in particolare trova la sua manifestazione più vera nel tema, davvero insistito a questo giro, della genitorialità (il mio relatore dice che sarebbe più corretto parlare di generatività, ma io non ho fatto le scuole) che già caratterizzava le relazioni più riuscite fin da Infinity War. Che si tratti di parentele di sangue (la famiglia di Clint Barton o quella di Scott Lang) o rapporti più tortuosi ma non meno lampanti (Tony Stark e Peter Parker), l’essere genitori — come evoluzione, se vogliamo, del concetto di famiglia che era la vera ossessione di chi a questa saga ha dato i natali, Joss Whedon — ha assunto un ruolo sempre più centrale in quest’ultima fase, cosa che da un lato ci dice che tanto i personaggi quanto chi li scrive e chi li guarda è entrato in una fase più “avanzata” della propria vita, dall’altro fornisce il contesto perfetto per chiudere un’era raccontando un passaggio di testimone, a volte metaforico e altre letterale, alle nuove generazioni.

E ora che le cose istituzionali e sufficientemente astratte le abbiamo dette, io farei come i bambini grandi che tracciano la linea dello spoiler e iniziano anche a parlare del film, tipo.

Linea dello spoiler

Riporto qui di seguito l’elenco delle cose per cui ho pianto COME UNA FEMMINA:

  • Tony torna sulla Terra e la prima cosa che dice è “ho perso il ragazzo”
  • Scott Lang che abbraccia sua figlia
  • La semplice scritta “NEW YORK, 2012”
  • Thor che abbraccia sua madre
  • Ogni singolo personaggio torna in vita
  • Ma in particolare Peter Parker
  • Tony che dice “Io sono Iron Man”
  • I titoli di coda

Questi invece sono i momenti in cui mi dicono che ero in piedi sulla poltrona urlando CAZZO SÌ

  • “Heil Hydra”
  • Captain America vs Captain America (con lacrimuccia nel momento in cui il Cap più vecchio manda in tilt il Cap giovane dicendogli “Bucky è vivo”)
  • Cap, Thor e Iron Man caricano Thanos
  • Cap che brandisce Mjolnir
  • Cap che dice “Vendicatori uniti”
  • Thanos che le prende da Carol Denvers
  • Doctor Strange che fa il segno di “uno”
  • Tony che dice “Io sono Iron Man”

Tutto questo ci dice innanzitutto che io sono un allocco con l’emotività di un bambino dell’asilo, ma anche, come scrivevo più sopra, che Avengers: Endgame è una festa a cui tutti sono invitati, ma che è palesemente stata allestita per chi ha seguito e amato ogni momento di questa saga.
Che il viaggio nel tempo sarebbe stato la chiave per riportare le cose a posto dopo Infinity War l’avevano capito tutti, ma la scelta di far tornare i protagonisti alle origini (la base dello S.H.I.E.L.D. come luogo di nascita di Captain America, Asgard come “casa” nel senso più archetipico possibile, lo spazio dei Guardiani della Galassia perché è il film in cui abbiamo conosciuto e imparato a temere Thanos, e ovviamente la battaglia di New York dove tutto è iniziato) è un colpo da maestro e nella maggior parte dei casi uno spudorato tear-jerker.
Più scontata, ma non meno efficace, è la battaglia finale dove, almeno per quel che mi riguarda, ho sentito in sala lo stesso entusiasmo del primo Avengers, moltiplicato per sette anni di hype, il doppio del budget e il triplo dei personaggi coinvolti. In entrambi i casi, dietro il me adulto che urla in piedi sulla poltrona, c’era il me bambino che si preparava a questo momento da tutta la vita.

Non ha torto chi ha notato come si sia persa quella dimensione “intima” propria della poetica di Joss Whedon, gli Avengers di oggi non sono più un gruppo sgangherato di outsider che combattono fianco a fianco per una serie di circostanze random, ma un esercito coeso e stranamente organizzato, composto per tre quarti da praticamente semi-dei. Prima ci sentivamo parte di quella famiglia, ora, con tutto l’amore e l’ammirazione possibile, li possiamo solo guardare da lontano perché mentre loro diventavano “grandi” noi invecchiavamo e basta, ma è giusto così.

Simpler times

Non avrebbe avuto senso intestardirsi a mantenere uno status quo solo perché la prima volta aveva funzionato (che è un po’ il motivo per cui Age of Ultron fu un mezzo fiasco e uno dei film meno memorabili del pacchetto). Al contrario, dietro le evoluzioni dei personaggi principali possiamo scorgere un lavoro di scrittura di una raffinatezza e sensibilità che mai avremmo pensato di vedere in un blockbuster miliardario fatto di tizi in pigiama che sparano onde energetiche contro gli alieni. Tony, che incarna più di chiunque altro il concetto spidermaniano di poteri e responsabilità, si è diplomato all’università della vita e da irresponsabile scavezzacollo è diventato il padre che meritiamo e di cui abbiamo bisogno. Dopo anni passati nelle retrovie per evidenti limiti fisici e di carisma, Natasha non è più “la donna” del gruppo ma il cuore e il collante di una vera e propria famiglia. Hulk si è risolto una volta per tutte e, anche se ci ha resi orfani di tutti quei momenti di gioiosa distruzione fine a se stessa, ha ora qualcosa da aggiungere al dibattito che non siano le gag sul fatto che è stupido e irritabile. Thor è uscito dal dramma shakespeariano in cui l’avevano parcheggiato senza chiedersi di cosa fosse veramente capace Chris Hemsworth e in questa nuova, consolidata dimensione semi-comica ha trovato un ruolo che lo valorizza mille volte di più. E, incredibile ma vero, Cap ha finalmente conquistato quella credibilità per cui non solo puoi sinceramente fare il tifo per lui, non solo lo accetti come leader del gruppo per motivi che non sono “ha l’America nel nome”, ma impazzisci nel momento in cui impugna il martello di Thor perché in cuor tuo lo senti che è “degno”.

“Lampshading”

La visione è ancora troppo fresca per chiedersi cosa resterà di questi 11 anni di buffoni in pigiama, ma due cose possiamo dirle con una discreta sicurezza: un modello nuovo e coraggioso di fare cinema, con cui chiunque vorrà fare intrattenimento ai massimi livelli da qui in avanti dovrà fare per forza i conti, e il ricordo di un’esperienza collettiva elettrizzante che non ha precedenti nella storia.

Blu-ray 4K quote:

“Peter Parker MVP 2019”
Quantum Tarantino, i400calci.com

Il pezzo di Xena Rowlands

Mi sembra una coincidenza incredibile che stiano finendo più o meno contemporaneamente gli Avengers e Game of Thrones (al momento in cui scriviamo non sappiamo ancora i risultati della battaglia di Winterfell; chi pensasse di spoilerare Game of Thrones nei commenti, riceverebbe il trattamento Theon Greyjoy o equipollenti, ndr). A pensarci hanno un sacco di cose in comune: mille milioni di personaggi e mille milioni di location, ovviamente, e la costante e generalizzata ansia da spoiler che generano, ma anche il fatto di esser partiti entrambi come materia “da nerd” ed essere diventati la cosa imprescindibile da vedere tutti quanti insieme il più presto possibile (l’unica, ormai?) di cinema e tv, rispettivamente. E nel frattempo, mentre macinavano incassi e ascolti, e scalavano la piramide dell’intrattenimento collettivo, trasformavano i rispettivi campi in maniera opposta e complementare: il Marvel Cinematic Universe ha portato il cinema a essere massicciamente seriale – con tutti gli altri blockbusteroni che lo rincorrono nella gare del franchise, mica solo la Warner/DC Comics – mentre Game of Thrones ha portato la tv ad assomigliare molto di più a un blockbuster, tra effetti speciali un tempo inimmaginabili sul piccolo schermo, budget sempre più elevati e spettacolarità varia.

In tv.

E ora che si concludono, si trovano di fronte entrambi allo stesso problema: la serialità è geneticamente concepita per durare, e per durare il più a lungo possibile, e ancor più lo è questa serialità franchise-izzata, dove ogni dettaglio di scena, ogni personaggio secondario, ogni easter egg può aprire la strada a un nuovo rivolo narrativo, uno spinoff un prequel un sidequel un qualcosa-quel. Come si fa a confezionare un finale che sia all’altezza delle aspettative, che regali una chiusura soddisfacente, sia a livello logico sia a livello emotivo? Come si chiude degnamente qualcosa disegnato per durare all’infinito? La risposta che darà Game of Thrones ancora non la so (ma sento già lamentarsi da ora il coro d’insoddisfatti), mentre quella del Marvel Cinematic Universe – per la precisione, il pezzo di MCU che riguarda gli Avengers – ora finalmente la sappiamo, ed è – forse inevitabilmente – una delle esperienze più meta che mi siano mai capitate. Non lo dico per forza in negativo, sia chiaro: forse la cosa più simile che mi viene in mente è Ready Player One, un film che mi è piaciuto un casino, ma Endgame è un passo ancora più in là. Endgame è qualcosa di diverso da un film: di più o di meno, dipenderà probabilmente dalla soggettività del singolo spettatore, ma è indubbiamente perfetto in quello che fa, nel suo essere prima di tutto un grande e catartico evento collettivo, nuovissimo eppure subito nostalgico, intrinsecamente legato al momento in cui esce, alla visione partecipata in sala, alle emozioni sedimentate per oltre un decennio negli spettatori, alla quantità di dettagli che recupera dai film precedenti per spremerne svolte inaspettate stampando un sorrisone di riconoscimento e soddisfazione nel pubblico. Insomma, celebrando prima di tutto il viaggio, perché in un’opera seriale è il viaggio a contare davvero: tutto quel che c’è stato anche tra un film e l’altro, negli interstizi di tempo, nelle elucubrazioni e nelle attese, qualcosa che in Endgame trova direttamente forma diventando un espediente narrativo perfino più spettacolare della mega battaglia in CGI.

The original team

Per forza di cose il film è un’opera discontinua, con tre atti che potrebbero essere altrettanti film distinti, e registri diversi che si sovrappongono e a volte si scontrano (primi fra tutti, naturalmente, il drammatico e il comico): non si tratta di errori, o tentativi malriusciti, anzi, è proprio il contrario, questo è probabilmente l’unico modo giusto di fare una cosa così. Ed essendo così variegato e disomogeneo (in modo paradossalmente funzionale) è possibile, quasi inevitabile, che possa suscitare reazioni diversissime a seconda dello spettatore, posizionando vette elevatissime accanto a note vagamente stonate, come una giostra in un parco a tema.

È un film in cui c’è quasi tutto per tutti, a patto di avere fatto almeno un pezzetto di quel viaggio (e d’altronde chi non? Almeno un paio di generazioni l’MCU le ha prese praticamente al completo): è un film sui viaggi nel tempo e quindi sulle seconde possibilità, una riflessione sul fallimento e sui diversi modi di affrontarlo, su passare il testimone ed elaborare il lutto, è un heist movie è un fantasy è uno spy thriller è un dramma intimista è una commedia demenziale e due o tre(cento) altre cose ancora.

TRIGGER

Nella mia particolare e personalissima esperienza, la battaglia finale non è riuscita a toccare in profondità tutti i tasti che mi sarei aspettata, ma chissenefrega. Le prime due ore mi hanno dato meraviglia in abbondanza, con quel modo incredibile di mostrare il “dietro le quinte” dell’universo cinematografico Marvel e rivelare che dietro all’MCU c’è… altro MCU! E l’ultima inquadratura, beh, per quanto mi riguarda è la perfezione. Non è un film per me, né per la metà dell’universo; è un film tutti, tutti insieme, contemporaneamente, ora, adesso: poi per forza non tutto tutto può piacere a tutti tutti, ma ragazzi quando ci ricapita?

Dvd quote suggerita:
“When you play the End-Game of Thrones, you win or you die”
Xena Rowlands, i400calci.com

Il pezzo di George Rohmer

Sono andato a vedere Avengers: Endgame all’IMAX di Orio. È un’oretta di strada, ma ne vale la pena per film evento che necessitano di essere visti su uno schermo più grosso del PIL del Wakanda. A un certo punto, quando quel certo personaggio impugna quella certa arma a sorpresa, è partito un applauso spontaneo, urla e cori da stadio. La cosa si è ripetuta un altro paio di volte. Così, dal nulla, la gente si è messa ad applaudire. L’ho visto accadere ai festival, l’ho visto accadere nei cinema americani, ma mai così in una proiezione generica in Italia.

E non è che fosse un pubblico di soli amanti dei fumetti Marvel. La sala è bella grande ed era piena, davanti a me c’erano dei tizi che si guardavano la partita sul telefonino fino a pochi secondi prima dell’inizio del film. Era un pubblico GENERICO. E ha applaudito in tre punti.

C’è anche il nostro pugno lì, tra quelli.

Per me questo è sufficiente per decretare senza ombra di dubbio il successo dell’impresa mastodontica di Kevin Feige. Nel bene e nel male, vi piaccia o meno la saga, è innegabile che quello che la Marvel ha fatto non abbia precedenti. Le prime volte in cui andavo a vedere un film di supereroi con gli amici, eravamo quelli che da ragazzini leggevano la posta dell’Uomo Ragno. Volevamo solo vedere in carne e ossa sul grande schermo gli eroi che amavamo. La priorità non era il film, ma la fedeltà a certe storie e la possibilità di vederle trasportate nel mondo “reale”.

Con Avengers: Endgame si compie invece un progetto che ha ribaltato questa prospettiva. Ora il pubblico è composto in gran parte da gente che quegli eroi ha imparato ad amarli grazie ai film. E al cinema ci si va per vedere come andrà a finire la saga cinematografica. Persino i fan, che una volta rompevano il cazzo con le infedeltà ai fumetti (mi ci metto anche io), oggi sono disposti ad accettarle perché Kevin Feige e i suoi minions hanno creato un universo coerente, indipendente, che ci appassiona come una grossa telenovela di menare.

Ho trovato Endgame un film superiore a Infinity War. L’altro era certamente miracoloso per come riusciva a infilare ventordicimila personaggi in due ore e mezza dando spazio a tutti quanti, ma alla fine era una quest eroica abbastanza canonica. Qui invece arriva all’apice quella capacità della Marvel di giocare all’interno dei generi, adattandoli al mondo dei supereroi. Il risultato è un film dal tono e dal ritmo davvero imprevedibili, in cui le interazioni tra i personaggi e la trama da Ocean’s Eleven dei supereroi funzionano meglio delle grosse battaglie, semplicemente perché quei personaggi ormai li conosciamo come fossero nostri amiconi. Non c’è più alcuna fretta di adattare al cinema storie famose, anzi, i Russo hanno la libertà totale di creare una storia originale e si prendono tutto il tempo necessario per farla respirare nei piccoli momenti (vedi la scena esilarante di Hulk che scende le scale). E soprattutto per DIVERTIRSI.

“Gialappalaaa…”

E a proposito di Ocean’s Eleven. Endgame è la riprova di come ogni tassello accumulato in questi undici anni sia fondamentale, anche una roba all’apparenza marginale come Ant-Man. Non solo Ant-Man, in quanto personaggio, dà il contributo più importante per sbrogliare la matassa, grazie alla tecnologia quantica. Ma da quel film, Endgame ruba la struttura da heist movie. Non sentite anche voi il rumore di un Edgar Wright che rosica?

Il pezzo di Nanni Cobretti

Anche il quarto Highlander si chiamava Endgame e parlava di un passaggio di consegne generazionale. Coincidenze? Non credo.

Serve davvero il parere cinico su un film del genere?
Sarebbe divertente, eh? Ma non sono sicuro.
Il Marvel Cinematic Universe in questi 11 anni ha fatto un sacco di scommesse niente male, e le ha vinte tutte.
Costruire un impero su un ex-tossico che non aveva un ruolo commerciale importante dal ’92? Fatto.
Riunire un gruppo di pretenziose star in un film corale di senso compiuto? Fatto.
Sfondare il botteghino con una roba su eroi sconosciuti tra cui un procione che parla? Fatto.
Incassare 600 milioni con una proposta insulsa come Ant-Man 2? Fatto.
E ora questa, che alla fine dei conti era la più facile di tutti: un film lungo tre ore di cui non vi hanno manco detto la trama. Risultato? Un miliardo e mezzo nel primo weekend.
Che gli si vuol dire?
Passato l’entusiasmo iniziale, che pure io ci sono cresciuto con quei fumetti, mentirei se dicessi che mi sono particolarmente appassionato alla saga. L’ho scritto più volte. Ho scritto forse l’unica recensione mondiale perplessa su Winter Soldier, anche se era al 90% una scusa per parlare d’altro.
Dopo un po’ si è capito l’andazzo.
Si è capito che un esperimento simile poteva probabilmente funzionare in un solo caso su 14 milioni, e quel caso includeva come minimo appiattire tutto sullo stesso tono, avvicinare il cinema alla tv, uscirsene con film dai titoli diversi incentrati su protagonisti diversi, ma che in realtà erano episodi di un’unica saga globale.
Gli Avengers sono come il gelato: puoi avere mille gusti diversi, ognuno distintivo e con la sua personalità, ma la base – gli ingredienti strutturali, la consistenza, la temperatura – non cambia. Inutile andare in gelateria e pensare di trovare una pizza o una bistecca. È per questo che Edgar Wright ha mollato Ant-Man: non poteva fare un film di Edgar Wright, avrebbe dovuto fare un gelato al gusto di film di Edgar Wright.
E dopo 21 film questi discorsi diventano inutili, probabilmente anche fastidiosi: ostinarsi ad andare a vedere Endgame, curiosità antropologiche a parte, significa accettarne le regole.

Una garanzia.

Gli Avengers – questo film come tutta la saga – hanno fatto una cosa notevole: hanno riportato al centro l’importanza della caratterizzazione dei personaggi e del loro viaggio emotivo, a scapito del resto. Ve lo dico io, che sono l’ultima persona a cui interessa: hanno capito che, sotto sotto, ciò che incolla la gente allo schermo e la riporta ogni volta in sala è l’umanità, il carisma, l’empatia. Sii coinvolgente, e ti perdoneranno (quasi) qualsiasi cosa. Il resto può essere semplificato. Cinque anni di cura Thanos e nessuno che controlli se il pianeta è davvero migliorato o no, prima di sacrificarsi per riportare tutto a com’era prima? Off topic, quelli sono problemi del mondo reale, rivolgetevi a Greta Thunberg. Tony Stark che inventa i viaggi nel tempo tirando due supercazzole, spingendo un bottone e urlando “FUNZIONA”? No problem, i megaprocedurali hard sci-fi stile Arrival li fanno in un’altra sala.
E dopo un name-dropping che infila Ritorno al futuro e Terminator come Timecop e Bill & Ted, messo lì come a dire “sappiamo tutto, ci siamo documentati, la coerenza è impossibile, stateci su di dosso”, l’unica cosa che conta veramente nei salti temporali dei nostri eroi è che ognuno di loro venga confrontato con qualcosa di importante, che non è tanto riprendersi le pietre quanto invece chiudere il proprio cerchio narrativo, trovare la soluzione ai propri conflitti interiori, maturare definitivamente. Questo è l’aspetto che la sceneggiatura di Endgame cura e dosa con la precisione di un robot, ed è questo il motivo per cui se ti importa dei personaggi – se ti è mai importato dei personaggi, se li hai seguiti per 11 anni, se sei addirittura cresciuto insieme a loro – ne esci devastato e soddisfatto.
Perché nel nome dello storytelling emozionale perfetto vengono fatte anche scelte che non tutti farebbero, come il finale più stronzo e meraviglioso di tutti i tempi (quello di Infinity War) o come, in questo, rinunciare allo star power e tenere mezzo cast di nomi grossi fuori fino all’ultimo momento, fuori persino dagli eventi promozionali. E pure quelli in campo subiscono un trattamento non scontato: Thor ciccione fa riderissimo la prima volta, poi ti accorgi che non torna magro, poi ti rendi conto che sembrava una gag ma non la era, era davvero lo sviluppo del personaggio, sensato e coraggioso e alla fine il più straziante di tutti. Hulk saggio è forse il meno convincente: se tutti gli Avengers imparano qualcosa di determinante durante il film, lui è l’unico che sembra impararlo prima ancora che il film inizi, e che alla fine sia qui solo per rendersi utile. Tra le nuove leve, Captain Marvel si dimostra già troppo scomoda e potente per rendere avvincente una storia del genere, e se la tira all’inverosimile: credo di essermici ufficialmente innamorato.
Ma sul resto c’è pochissimo da dire: le priorità sono chiare, la concentrazione è fortissima, l’amore è tanto.
Rimango cinico, ma davanti a un mestiere di questi livelli posso solo ammirare.
La mia generazione si è dovuta sorbire roba come La minaccia fantasma, Il regno del teschio di cristallo, Die Hard 4, Prometheus, Terminator Genisys: sotto sotto, a dirla tutta, sono persino invidioso.

Pensaci tu adesso.

Dvd-quote:

“Se solo anche Die Hard finisse così”
Nanni Cobretti, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , ,

244 Commenti

  1. Ruper Tevere

    Boh. Per come mi avete insegnato a criticare i film qui, questo è un pasticcio. Il contrario del miracolo che era Infinity War. Per carità, si fa vedere, intrattiene etc. Ma non è un granché. Manca di interesse in troppe parti.

    • manuel fantoni

      quotissimo
      stesso pensiero che mi gira in testa dalla sala ad oltranza..

    • dino riise

      secondo me no (nel senso non l’ho trovato un pasticcio e anzi mi è piaciuto molto) ma comunque ragazzi è sempre più difficile chiudere una storia che non gettarne le basi. da questo punto di vista infinity war aveva un compito più facile rispetto a endgame.

    • Killing Joke

      Tutto il piano di Thanos deriva dall’avere visto la fine fatta dal suo mondo natale, Titano.
      Nel film precedente questo era spiegato benissimo e c’era una coerenza di fondo nelle sue azioni, qui viene mostrato in balia degli eventi come un qualsiasi cattivo di Serie B

    • dino riise

      perché non è arrivato alla fine del suo percorso, ti ho risposto sotto :)

    • Shu-Shá

      Ma non è vero dai.

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      Quando vede il futuro agisce di conseguenza per prevenire che gli Avengers pongano rimedio.
      Ti concedo che sul finale gli mettono in bocca la cattiveria di volersi godere la distruzione della Terra, un po’ per portarci dalla parte dei protagonisti, un po’ forse per mostrare che anche un “idealista” a un certo punto se lo fai incazzare diventa tignoso.

    • Il Reverendo

      Per me l’esatto contrario. Infinity War era un film tutto sbagliato. Sbagliato dal punto di vista cinematografico perché non aveva la minima voglia di pensare al come raccontare, ma solo al cosa. Sbagliato nelle battute, tantissime anche in momenti assolutamente non necessari e inutili, sbagliato nella storia che non aveva in cazzo di davvero interessante, tranne thanos, fino alla fine. e pure visivamente era sbagliato, con la battaglia finale in wakanda, ambientazione mille volte più povera e mille volte meno interessante del “parcheggio” di civil war, o la battaglia sul pianeta alieno.

      Infinity War é tutto sbagliato ma in qualche modo funziona.

      Endgame funziona sempre. È tutto studiato a tavolino ma per la puttana se è studiato bene. Dall’assalto iniziale a thanos colitvatore di patate ai viaggi nel tempo fino a una battaglia finale che guarda al signore degli anelli e risponde “hold my beer”, fino a thanos, che si conferma davvero un cattivo che fa paura.

      Infinity War in confronto a endgame Sembra una poverinata.

    • Raven

      Anche a me ha fatto davvero schifo. Mi sono annoiato, cosa che non dovrebbe succedere in un film del genere..

      Thanos totalmente assente in questo film, è la cosa migliore del film precedente.

      L’umorismo davvero becero (in sala mi vergognavo sulle battute su thor..), e la parte centrale davvero fallita totalmente.

      Il finale soddisfacente, ma su 3 ore, 2 non mi sono piaciute. Mega bocciato. Peccato, infinity war mi era piaciuto tanto

    • Martino Scorsese

      quoto il reverendo: Infinity War al confronto è un pastrocchio, scritto molto peggio. Da non eccessivamente fan del filone, questo mi ha divertito parecchio.

    • Fabio de rosa

      Mi perdonerete ma rimango basito da queste recensioni. Sembra che qualcuno vi abbia fatto un incantesimo. Tutto questo incensamento oer un film oggettivamente modesto e che è costellato di enormi buchi e difetti che nemmeno avete tenuto in considerazione di mensionare. Non mi dilungherò oltre perché tanto vale affidarci al ” De Gustibus”… Ma mi sarei aspettato ben altro da voi..che per qualche ignota ragione non ho invece riscontrato. Recensione lunghissima,eppure troppo vuota.

    • F.lli Edgar Wrigth

      Mi ha colpito un commento di Raven.

      Anchio a tratti mi sono vergognato per Thor. E anche per Hulk.

      Aggiungo poi che la frase che aspettavo da TRE film e che per me doveva essere il titolo del film mi è stata rovinata da quel fottuto martello.

      Da tutte le parti leggo “grande conclusione” e forse è vero, ma come film è solo noia aggiunta ad altra noia!

    • Martino Scorsese

      Fabio intendiamoci, pure per me é molto modesto: mi ha sicuramente divertito, ma non lo metterei in un’eventuale top ten di film di supereroi manco per sbaglio. Ho passato volentieri tre orette, ma non lo considero come molti il film della vita.

    • Number

      Non sono esperto ,ma per me ci sono dei limiti invalicabili ,tipo il martello di Thor non può essere l’arma di captain America,Hulk rimane Hulk e banner rimaner banner,Tony Stark e la vedova nera non possono morire, i film devono seguire la storia dei fumetti, è quest’ultimo che comanda.

    • Number: considerando che nei fumetti abbiamo visto tutto e il contrario di tutto (personaggi zombizzati, vampirizzati morti e resurrezioni, cambi di casacche e armature, viaggi nel tempo, fra le dimensioni, nello spazio, nel piano astrale, nella mente, nel corpo umano e non), mi chiedo davvero cosa intendi con “limite invalicabile dei fumetti”.
      Ah, nei fumetti Cap può brandire il martello di thor e lo fa in più occasioni, hulk ha, di base, almeno 3 aspetti diversi (verde con la mente da bambino, grigia in versione moralmente ambigua e verde con la mente di banner) e tony stark e la vedova sono morti almeno un paio di volte a testa.

  2. Recensione perfetta, sia nelle considerazione positive di Quantum, sia nelle perplessitá del capo (e ottimi anche gli interventi di Xena e George).

    Personalmente, ritengo che Infinity Wars sia un film leggermente superiore, ma Endgame fa esattamente quello che deve fare e quindi é un film riuscitissimo.

    Seguono considerazioni SPOILER NON SONO SICURO SIANO DAVVERO SPOILER MA METTO LE MANI AVANTI E URLO SPOILER.

    Cose che mi sono piaciute molto:

    – tutti i momenti esaltanti citati anche da Quantum (con al top la scena di Cap che impugna il martello per cui stavo quasi per alzarmi in piedi urlando “tutti in piedi per il Capitano!), a cui aggiungere il momento in cui tutte le eroine si mettono in difesa di Spiderman.

    – la struttura a viaggi nel tempo gestita molto bene. Soprattutto perché da importanza ad Ant-Man, personaggio che, a sorpresa, mi piace molto (lui e i film)

    – Thor Lebowski che appena lo vedi pensi “dai, ora lo convincono, un fulmine dal cielo e torna un fusto”. E INVECE NO.

    – l’inzio é fulminante e lo scatto d’ira di Thor ti lascia davvero spiazzato.

    – le uscite di scena sono emozionanti, ma non patetiche. Soprattutto quella di Cap.

    – é un film di tre ore, ma non ti trovi mai a pensare “questa ultima mezz’ora potevate anche risparmiarvela”. Il film vola.

    – i tanti momenti in cui vengono citati momenti dei film precedenti, ma senza troppi gomitini (es. Cap. che chiama Spiderman “Queens” o Thor che urla “lo sapevo” quando Cap prende il martello).

    Cose che mi sono piaciute meno:

    – un paio di gag nella prima parte mi sono sembrate un po’ forzate (tipo quella del selfie) e ho temuto si perdesse il controllo della cosa. Invece quando le cose si fanno serie tutto si mette a posto.

    – ci sono tipo un sacco di spunti che vorresti vedere approfondire e personaggi che vorresti vedere di piú (Captain Marvel su tutti), ma purtroppo non si puó. Davvero, ci potevano fare una trilogia a parte solo con quanto detto con questo film.

    – Thanos é un po’ sacrificato a parte il monologo pre-battaglia finale.

    Concludendo, un gran film (con i suoi bei difetti che nessuno nega), un gran finale, una grande esperienza. Grazie a tutti.

    • Maranzaman

      “Thanos é un po’ sacrificato”

      Nel senso letterale del termine, ad inizio film, da Thor magro.

  3. Hellblazer Joestar

    Intanto Kudos per la sigla che è un pezzissimo. Ora mi leggo anche il resto.

  4. È stato il coronamento.
    Il coronamento di 11 anni di film Marvel, visti all’inizio con la fotta del me ragazzo che andava in edicola a comprare Capitan America & I Vendicatori, con gli occhi sbrilluccicanti di chi finalmente VEDE i suoi eroi muoversi, parlare, combattere.
    È stato il coronamento di 11 anni di film Marvel, visti per spiritosi completezza, dopo che la meraviglia era in qualche modo attenuata e si era lasciato posto allo standard, alla routine.
    È stato il coronamento ed il rendersi conto che Infinity War ed Endgame, non sono altro che uno dei tanti (troppi?) crossover Marvel che ho letto nella mia vita.
    Che quei crossover avevano i loro pregi e i loro difetti, ma erano tutti epici, ribaltavano le carte in tavola, ti facevano salire la fotta e, soprattutto, raccontavano una storia che era la summa di mesi, a volte anni, di storie in albi separati, di testate che magari non seguivo e che dovevo recuperare, per capire quei riferimenti lì.
    Endgame è tutto questo, dopato come può esserlo un blockbuster odierno, con dei personaggi VIVI, che hanno davvero qualcosa da dire.
    Chapeau, Marvel. Sei riuscita, ancora una volta, a togliermi il fiato.

    • Doc Strangelove

      Visto il giorno di uscita, mezzanotte e un quarto all’Imax a Firenze ( e pure in 3D,non mi sono fatto mancare nulla). È finito quasi alle quattro del mattino, eppure in sala la gente aveva i lucciconi e nessuno aveva pensato di sonnecchiare nemmeno un po’. Io sono di una generazione ancora precedente, i fumetti Corno/Marvel li compravo fin dai ‘70, ma questo finale di partita è stato davvero qualcosa di importante. Avete già scritto tutto voi, anche qui nei commenti, quindi non c’e bisogno di aggiungere nulla.
      È stato bello fomentarsi per un decennio per arrivare a quella scena finale da vere lacrime ( e i titoli di coda con gli autografi del gruppo Avengers originale mentre il tema suonava sempre più forte è stata davvero forte )
      Grazie a tutti, vedremo dove andranno ora, si è capito che sviluppi ce ne sono ancora, ovviamente non più legati a questo gruppo.
      Momento migliore per me Thor/Lebowsky. Lo stupore di vedere che rimaneva così davvero, che quella era la sua maturazione , mi ha stregato .
      Abbracci virili

  5. Ruper Tevere

    “La mia generazione si è dovuta sorbire roba come La minaccia fantasma, Il regno del teschio di cristallo, Die Hard 4, Prometheus, Terminator Genisys: sotto sotto, a dirla tutta, sono persino invidioso.”

    Certo, citando Thanos stesso, non mi scordo
    che dobbiamo essere grati per quello che abbiamo avuto. Peró sticazzi, il film è telefonato, la regola dell’acquario non rispettata, Hulk e Thor personaggi distrutti. Bisognerà aspettee forse qualche mese per dare un giudizio sensato. Io non la trovo assolutamente la chiusura perfetta, sono abbastanza sicuro che si potesse fare meglio e anche molto meglio, sospetto che certe scelte siano state dettate da esigenze contrattuali, etc.

    Erano anni che non avevo così fotta di andare al cinema, ma la motivazione era la stessa alla base dei romanzi di appendice, vedere cosa succede e che fine fanno i personaggi. E tutto ció è un bene eh sia chiaro. Solo che secondo me non è un gran film.

    • Cinepathia

      Ventitre film per raccontare una storia… Qualsiasi cosa tu stia cercando di fare, la stai facendo male.

    • Shu-Shá

      Con regola dell’acquario non rispettata indendi

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      Cap che resta a vivere nel passato e lo ritrovano vecchio nel presente, vero? Quando avevano detto chiaramente che “la fisica quantistica non funziona così, motherfucker”

    • Ruper Tevere

      Si, caro e puntualissimo shu sha

    • Shu-Shá

      Eh ha fatto incazzare pure me quella cosa.
      Potevano benissimo

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      far veder che non tornava e mostrarcelo felice con la sua inglesina nella linea temporale alternativa.
      Però non avresti avuto la scena (brutta, per me) del passaggio dello scudo a Falcon, che come nei comics diverrà il nuovo Cap.

    • Il Reverendo

      Non ha detto che non funziona così. Ha detto che il futuro non può essere cambiato da ciò che avviene nel passato, che è comunque il futuro di chi ha viaggiato nel tempo.
      E infatti cap se ne va ma non è che cap non c’è stato negli eventi degli altri film. C’era. E contemporaneamente ha vissuto nel passato ed era vecchio.

    • Ruper Tevere

      SPOILER

      senza contare che Blacky che manda avanti Falcon nun se po vedé

    • Shu-Shá

      @Reverendo
      Cazzo hai ragione, però per come l’ha spiegata poi Tilda Swinton, doveva crearsi una timeline per i cazzi suoi. Boh.

      @Ruper
      E se fanno la gaymance non vi sta bene, e se non la fanno non vi sta bene…. scherzo, anche a me ha fatto brutto.

    • Il Reverendo

      Infatti tilda swinton scazza tutto.
      Ma.diciamo che se la cavano proprio come diceva Nanni, in quel discorso in cui letteralmente citano gli altri film di viaggi nel tempo e strizzando l’occhio allo spettatore gli fa capire che tanto se ci ragioni troppo non ne funziona nessuno quindi tanto vale…

      Sulla cosa di Bucky poi hai perfettamente ragione. La roba di Falcon è dettata esclusivamente dal politicamente corretto ma quello scudo spettava a Bucky. E tra l’altro cap con il braccio metallico e magari il costume nero e lo scudo sarebbe stato di una fighezza pazzesca. Ma Bucky é sempre stato sacrificato, sia quando gli fanno perdere il braccio e poi lo ibernano, sia quando muore in infinity war quando poteva benissimo sopravvivere a differenza di tutti gli altri la cui morte ha un senso.

      Vabbè.

    • Shu-Shá

      It’s a shame perché Bucky è il più fico di tutti:
      – capelli lunghi unti
      – barbaccia
      – occhio da hangover perenne
      – braccio metallico
      – come armi roba che spara il piombo e i cazzotti

    • Gabry

      Il problema è che nei film Bucky è ancora considerato malvagio dall’opinione pubblica. Dopo Civil War lo ibernano in Wakanda e Cap viene messo fuori legge dagli accordi di Sokovia. Nessuno, escludendo pochi personaggi, sa che Bucky in realtà era stato manipolato ecco perché non poteva essere lui il nuovo Cap nell’immediato

    • Shu-Shá

      Ma non il fatto che non diventi Cap, il fatto che vada Falcon a salutare Cap per primo e non lui.

    • Buondì LaMotta

      C’è da dire però che in Winter Soldier i due hanno fraternizzato parecchio.

      Sembra un po’ la questione amico di infanzia ritrovato VS nuovo amicone con cui fai cose, lol.

      Bucky (da buon umarell come è anche lui) avrà compreso la bromance tra i due e ha fatto un pass indietro.

      Certo, sarebbe stato fichissimo Cap Bucky…

    • Io veramente non capisco tutte queste perplessità su thor e hulk: hulk, nei fumetti è quello, la versione “hulk smash” è stata abbandonata millenni fa e si è visto di più l’hulk con la mente di banner che altre versioni (e, di base Hulk ha almeno tre versioni che sono canoniche e perfettamente compatibili con il personaggio).
      Thor così, a quanto mi ricordo, non si era mai visto ma mettiamocela via una volta per tutte: la versione teatrale, semplicemente non funzionava. Scontentava gli spettatori e l’attore (che voleva abbandonare il personaggio). Cosi ha più senso anche perché è una evoluzione del personaggio (che diventa logica se si tiene presente ragnarok e infinity war, dove thor ha letteralmente perso, nell’ordine: madre, padre, pianeta natale, sorella, metà degli asgardiani compreso heimdall, fratello adottivo) in più ha sconfitto thanos senza averlo fermato (in infinity) ed ucciso quando oramai non serviva più a nulla. È un guerriero di 1500 che ha perso tutto e si è lasciato andare. Francamente io la trovo un’evoluzione originale e per nulla scontata. E se funziona (e funziona), benissimo così

  6. avdf

    ehm… credo di esser l’unico su questo spazio che aspetterà l’uscita in home video…

  7. Nico La Scheggia

    l’unica recensione di Endgame di cui realmente se ne sentiva il bisogno

    • Il Presidente

      Serialization kills movies wonder

      Visto, in lingua originale, all’ Arcardia di Melzo.

      Chiatamente è il FILMONE da vedere e non posso ritenermi deluso, anche perché tre ore che passano come l’acqua. Quello che non riesco a togliermi di dosso però è la sensazione di aver vissuto emozioni più assimilabili alla fine di una serie tv piuttosto che il kolossal hollywoodiano. Non voglio passare per la piagnina nostalgica però ormai da mo’ l’andazzo è chiudere la saga, non alzare l’asticella di quello che può fare il cinema, come un Jurassic Park o uno Star Wars, per dire. Sì, ok, è tutto in IMAX e c’è il battaglione però rimane un film di persone che fanno spiegoni a turno, più che altro. Mi sono comunque divertito un botto proprio perché, come avete detto, sono i personaggi-attori che funzionano e ho fatto anche io la ola nei momenti più uao.

      ORA PASSIAMO AGLI SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER

      Sarò sincero: non è stato il film che mi aspettavo. Ok, immaginavo la dragonballata con tutti che tornano in vita e mi aspettavo diversi personaggi caduti in battaglia permanentemente. E invece sono andati per il viaggio nel tempo, cosa che porta sì qualcosa di molto godibile ma porta anche le solite turbocazzate di cui non riesci a fartene una ragione.
      Detto questo, non credevo che le morti rimanessero così limitate e che la parte del Gesù Cristo andasse tutta ma TUTTA sulle spalle di Tony Stark. Il messaggio della Marvel è chiaro: grazie Robert, tu hai tirato su la baracca, tu ci hai fatto fare i fantastiliardi. Dai trailer, i messaggi strappalacrime, “io sono Iron Man”, le martellate nella scena post-credit che non è una scena post-credit, la vecchia zia Robert si porta a casa tutto.

      Comunque, tra le cose che vincono l’infinito ci vanno sicuramente Thor Lebowski e Hulk, ci vanno la parte del viaggio nel tempo nella NY del 2012 e un paio di de-aging per il lol (Stan Lee e Michael Douglas) e la prospettiva futura di Asgardians of the Galaxy. La battaglia finale certo è fika ma mitigata da un paio di cazzatelle.

      Con il viaggio temporale e con il finale finalone però c’è anche una quantità di turbocazzelle che mi han fatto girare le balle:

      1-Captain Marvel è sostanzialmente inutile. Incontra gli Avengers nella scena post-credit del suo film, così, ammuzzo, che pare possa teletrasportarsi a piacere. Praticamente se ne va con la scusa “eh ma ci sono un sacco di pianeti” e torna giusto per salvare la baracca nel finale. Forse era il caso di farle uno squillo prima di iniziare tutto l’ambaradan del viaggio nel tempo.

      2-Tony Stark cosa mi viene a raccontare che sta per morire di stenti nello spazio che gli si sono scaricate le pile dell’astronave quando ha una fonte di energia infinita nel suo petto? (che non gli serve più per sopravvivere. tra l’altro, quindi avrebbero potuto tranquillamente farla vedere danneggiata).

      3-Peter Parker dice che è riapparso esattamente dove era scomparso però con lui c’era il mago (Doctor Strange) che ha iniziato a fare i suoi cerchi arancioni con le mani, cioè evidentemente i portali…peccato che nell’altro film -quand’erano sull’astronave- fosse il primo a cagarsi sotto perché non si riusciva ad invertire la rotta.

      4-Beh ma quindi con quelli che vengono fatti tornare tutti nel mondo dei vivi si viene a creare un gap tra metà terrestri che hanno 5 anni in più? Tipo Peter Parker torna a scuola e magicamente ritrova tutti gli ex compagni di classe uguali come prima (pensando anche al trailer di Far From Home…).

      5-Come CAZZO immaginavano di rimettere a posto tutte le pietre dopo averle usate? Una valigettina per Cap America + il martello e hop salto temporale per quando (e dove?)

      6-Se battono il belino con tutti i viaggi temporali e quello che si può/non si può fare, com’è che Cap America bello tranzollo riesce a tornare a vivere con l’agente Carter?

      7-Dato che ce l’hanno, perché non usano quella cazzo di pietra dell’infinito del tempo per riportare in vita Tony Stark (come aveva fatto Thanos per Vision la pellicola prima) e far usare il guanto dell’infinito a qualcun altro?

      8-In sostanza quindi i morti-morti paiono essere Black Widow e Tony Stark, contando poi Vision dal film precedente. A quanto pare il Loki del 2012 scappa con il Tesseract e chissà cosa ci farà (probabilmente la serie tv che hanno in cantiere quelli di Disney+), la Gamora del 2014 va nel 2019 e ci rimane? Dove/come sparisce dopo il battaglione? Cosa faranno con lei e Quill? Come hanno fatto con Toretto e la sua amata smemorata in Fast and Furious ;D?

      9-Se Cap America urla “PORTATELO IL PIU’ LONTANO POSSIBILE” non capisco perché sballottarsi il guanto dell’infinito tra personaggi come una palla da rugby esattamente dentro la battaglia (a parte per girare una grande scena) invece che farlo sparare da Strange in un portale e vaffanculo.

      Vabeh basta così dai…

    • Shu-Shá

      @Presidente, sono d’accordo con tutto quello che hai scritto e la cosa bella è che non me fotte un cazzo. Da questo si vede un film che funziona.

    • Fabio

      No,da questo si capisce perché film modestissimi siano così applauditi. C’era stata la moda degli occhialini 3D…ora va di più quella delle fette di prosciutto negli occhi.

    • Shu-Shá

      Fabio, citami il tuo film di pigiami o di fantascienza o comunque fantastico preferito e sono sicuro che un paio di maccosa belli li trovo. Sì, anche in Guerre Stellari.

      Quello che voglio dire è che non è il problema di sceneggiatura a fare il film “brutto”. Il problema lo noti e ti da fastidio quando il film non funziona di suo.

    • Mio cugino Vincenzo Price

      N – perchè semplicemente non mandano ant man indietro di 5anni e mezzo a prendersi 7miliardi di particellequantiche per fare tutti i viaggi che servono/vogliono?

  8. Spoiler: avete notato l’imprecisione degli spoiler che si leggono in giro? Ero in una sala piena di rettiliani che non hanno applaudito manco per il casco, e ho visto il film in modalità long black veil, vecchia canzone del Chieftains che siete autorizzati a non conoscere, quindi: “the scaffold is high, eternity near, she stands in the crowd, she shed not a tear” ma ho pianto con le vostre recensioni quindi grazie.

  9. Cinepathia

    Ventitre film per raccontare una storia… Qualsiasi cosa tu stia cercando di fare, la stai facendo male.

  10. Donald Mac

    Bellissime recensioni, GIGANTESCO film. Solo una perplessità, piccola, minuscola, su una gag:

    SPOILER

    Hulk costretto a scendere dal palazzo usando le scale, si incazza, fa volare via una porta che colpisce Stark e in questo modo si perde la gemma azzurra. Non si poteva trovare una soluzione migliore, più credibile? Insomma, al cinema accanto a me un bambino ha detto “Perché Hulk non è saltato giù dalla finestra?” O giù dalla tromba delle scale atterrando direttamente al piano terra?

    • Lino Banshee

      Mi ero dimenticato di metterla nel mio commento lungo precedente, ma concordo assolutamente. Questa é forse la cosa che mi é piaciuta meno del film. Viene fuori una gag simpatica, ma non l’avrei messa in quel punto e come svolta di trama di quel tipo

    • Shu-Shá

      Credo che la risposta sia che Hulk è talmente stupido che semplicemente gli dicono di scendere per le scale e lo fa.
      La verità è che la scenetta funziona da morire, e quando una cosa funziona, come dico sempre, il maccosa non lo vedi.

    • Lino Banshee

      Infatti dopo un momento in cui ho storto la bocca, il “vabbé Hulk é stupido” é quello che mi sono detto e ci ho ripensato solo a film finito.

      Chiaro, sto facendo del puntaccazzismo estremo. La scena funziona, ma avrei separato la gag scale dalla svolta di trama (Stark poteva andare a sbattere contro mille altre cose). Ma alla fine va bene anche cosi, dai.

    • Comunque se fai cadere un corpo di 500 kg da 150 m in mezzo a una strada, causi distruzione e probabilmente morti.

    • Shu-Shá

      Sicuramente Hulk stupido si preoccupa molto di questa cosa, Gigos.

    • Be’, non era mica l’Hulk carogna di Ultimates che (nudo) massacra migliaia di innocenti nel tentativo di violentare Betty, è un Hulk tutto sommato bonaccione. Anche non essendo una cima lo capisce che rischiare di ammazzare gente a caso è brutto (senza parlare dei danni alla proprietà, ma di quello forse gli frega zero).
      Se ci aggiungi il fatto che glielo avevano detto esplicitamente di prendere le scale, che doveva fare pòra stella, borbotta ma ubbidisce, come i bambini.

    • Toni Già

      Sì ma Hulk del 2012 non era così ubbidiente che basta dirgli “scendi dalle scale” e lo fa. E’ solo con Ragnarok che è diventato una macchietta.
      No dai quella scena è proprio studiata male.

  11. Killing Joke

    Boh, a me è piaciuto veramente poco.
    Mentre invece pur essendo già stanco delle pigiamate “Infinity War” mi era piaciuto tantissimo.
    Per me rispetto al film precedente si perde tantissimo l’epicità data da Thanos, che era visto come una forza inarrestabile (“ineluttabile”, come ripete lui in questo film).
    Diciamoci la verità, Thanos è stato l’unico antagonista reso decentemente in un film Marvel, dove i cattivi erano più che altro delle sagome cartonate.
    E invece in questo film Thanos ridiventa improvvisamente il solito cattivo da film Marvel. Un cattivo monodimensionale che si fa sorprendere e poi cambia il suo piano in 30 secondi (“basta mi avete rotto, adesso invece della metà stermino tutti”).
    Poi c’è altro, ma per adesso basta questo

    • Buondì LaMotta

      A me invece il suo diventare villain a tutti gli effetti ha convinto, alla luce del film precedente.

      Per me filmone, e complimenti a tutto l’MCU, godetevi i paperdollari.

    • dino riise

      piuttosto questo è un thanos di qualche anno precedente, che non ha compiuto un percorso come l’altro, che comunque aveva dovuto superare delle prove e sacrificare qualcosa. per me è normale che il suo piano non sia lo stesso, questo sa solo come andranno le cose, ma non è pronto.

    • Shu-Shá

      Concordo con la difesa d’ufficio di Dino Riise.

      Quanto ai cattivi, io salvo sicuramente l’Avvoltoio di Keaton e probabilmente Loki perché insomma dai è troppo un mito.

  12. marco

    Solo un minuto e poi rilascio la parola agl’intenditori. Io sono un vecchio che comprava Uomo Ragno e Devil, più tutto il resto ma con meno passione per gli altri, compresi i Vendicatori. Insomma, pronto a scassare le palle sin da quando ho visto MJ anziché Gwen Stacy come sogno di Parker nel primo Spider-Man. Adesso, a cavalcata conclusa, ho solo voglia di dire un bel GRAZIE, ci voleva, mi sono divertito, mi sono commosso, è stato bellissimo.
    Ho cominciato ad andare al cine a vedere i pigiamoni prima che nascesse mio figlio, e finisco (almeno questa torta), con il mio settenne che, ad un certo punto, capisce in un nanosecondo quello che sta accadendo e mi anticipa dicendo: è Capitan Marvel! E da come lo dice, si capisce che è immerso nella meraviglia. E sono contento così.

  13. Maxnataeleale

    Imprecisioni ce ne sono, e sarebbero anche stati in grado di sistemarle, ma il film sarebbe dovuto durare tipo cinque ore.. Per me un gioco di equilibrismo perfetto:anche i momenti più stupidi nell’insieme hanno il senso di alleggerire le situazioni più drammatiche. Poi, per citare la Johannson, in una storia dove c’è un procione che ti manda delle mail non è che puoi fare troppo il pignolo eh. Con tutti questi personaggi secondo me è assurdo chiedere di meglio

  14. Ang Lì

    Dai ragazzi, cerchiamo di essere seri: Infinity War, lungi dall’essere una “bomba” con un “finale aperto e spiazzante che prende a schiaffi ogni regola del cinema mainstream” o addirittura niente meno che il “più stronzo e meraviglioso di tutti i tempi”, era una confusione protratta troppo a lungo e salvata solo dal protagonista letteralmente larger-than-life (Thanos, non l’altro).

    Per chiunque abbia presente l’arco narrativo di Infinity Gauntlet, in effetti, il dimezzamento della popolazione dell’universo era un passaggio inevitabile e scontato, sempre che si voglia mantenere quel minimo di aderenza ai momenti topici delle saghe classiche; il che, va da sé, è più o meno obbligatorio se l’operazione commerciale deve andare in porto.

    Da un punto di vista più pragmatico, invece, è l’espediente di trama che serve a salvare Endgame dal pasticciaccio brutto che era Infinity Wars: tolto di mezzo un parco personaggi decisamente troppo abbondante, che si risolveva in una superficiale galleria di cameos, a questo giro restano in campo le facce note e gli sceneggiatori hanno buon gioco a costruire attorno a loro la storia, con risultati cinematograficamente superiori da ogni punto di vista.

    Certo, ci sarà chi si lagna che ci sono troppe battute o troppo poche, che questo o quel personaggio è troppo aderente al canone o troppo poco, ma tolto l’influsso del fanboyismo sulla valutazione complessiva, resta il fatto che Endgame riesce (miracolosamente?) a trovare un equilibrio credibile tra pathos, comicità, coerenza interna e aderenza al materiale di base, senza rinunciare a tirare le fila di un percorso durato dieci anni. Di questi tempi, non è poco. A dicembre vedremo se riuscirà nello stesso intento l’unica saga che per popolarità, influenza e durata può aspirare a battere il MCU.

    • Il Reverendo

      Bravo, condivido

    • Ruper Tevere

      Dici Star Wars? Star Wars è morto nel 1982, la nuova saga è un mezzo aborto e ormai è andata così

    • Lorath

      Star Wars è morto prima de Il Ritorno dello Jedi?

    • Martino Scorsese

      sono d’accordissimo. Infatti secondo me il problema dei Russo e soci è quando devono trattare troppi personaggi. Infinity War, con tutto che le scene d’azione sono abbastanza spettacolari, rivisto alla seconda visione è veramente brutto.

  15. dino riise

    altri SPOILER

    ma robert redford? e natalie portman secondo voi invece è tornata davvero per girare quattro secondi o hanno usato vecchie riprese scartate? ero per le vecchie riprese, anche perché mi sembrava si fossero lasciati male con lo studio, ma poi l’ho vista tra le foto alla premiere

    • Shu-Shá

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      Ha colpito pure me la Portman.
      Sono sicuramente scene nuove.
      Considera che Lei, oltre essere la cosa più bella sul pianeta, è anche una stronza che fa la grande attrice quando le gira, ma poi a sorpresa partecipa alle peggio (meglio) pigiamate because dollars.
      Strano che non fosse ai funerali di Tony, però, a pensarci.

    • Lino Banshee

      Wikipedia sostiene che le scene con la Portman siano state prese da quelle tagliate di Thor 2. Ecco spiegato perché non ci sia al funerale (e perché l’acquisizione della pietra da parte di Rocket avvenga fuori scena)

    • Lorath

      Redford l’hanno chiamato davvero, visto il contesto… Old man and the gun era una burla, questo è il suo ultimo film XD

  16. Past

    e niente, alla frase “avengers uniti” ho dimenticato thor sempre più coglione, hulk che non spacca un cazzo e le millemila cose che non tornano con sti cazzo di viaggi del tempo…11anni…22 film…5 alti per tutti.

    • Shu-Shá

      Che momento.

      VENDICATORI UNITI DIOCRISTO, VENDICATORI UNITI

    • Hellblazer Joestar

      Spoilerini, ma niente di che

      A me nel momento di fotta generale della battaglia quella è una delle due cosette che sono andate storte.
      Cap a quel punto dovrebbe urlarlo, AVENGERS UNITI, non uscirsene a mezza bocca con quella cagatina lì. “Avengers… uniti.”, reso talmente moscio che mi ha ammazzato il momento.
      L’altro momento che mi aspettavo era quello Girl Power. Che va benissimo ed è perfino giusto. Ma così a muzzo in mezzo alla battaglia non c’entrava nulla.
      P.s.: comunque riderone per Captain Marvel. Arriva e subito salva la situazione a inizio film, si azzardano a fare la.morale a Thor (in America mancherà il detto che i rigori li sbaglia solo quello che ha il coraggio di tirarli…) poi se ne va credendosela un casino (“ho altra mezza galassia da controllare, voi non fate cazzate”). Poi torna nel finale tipo cavalleria e fa più male che bene perché in quel momento Thanos si sta smitragliando l’esercito (riderone che non ci resti nemmeno un supereroe). Fosse arrivata due minuti dopo Thanos sarebbe stato crivellato dalla sua stessa astronave.
      P.p.s.: questo non rovina nulla perché ti arriva solo se ci pensi dopo ma lo scambiazzo di guanto è roba che manco Bugs Bunny.

    • Shu-Shá

      Non mi frega una sega, io LA AMO AVREMO DEI FIGLI

    • Ga

      La cosa di Avengers Uniti ha deluso anche me…ti fanno salire l’adrenalina a livelli giga, sei li in piedi che urli come una scimmia “DILLO, CAZZO, DILLOOOO!!!”
      attimo di sospensione
      “AVENGERS…uniti”
      erezione uccisa al volo

      per il resto film della SUPERMADONNA

    • F.lli Edgar Wright

      Eh si. Dovrei sentirlo in originale per giudicarlo, ma il doppiaggio mi ha fatto pisciare dal culo… e in più quel martelletto che avrei avuto dove infilarlo. (non in un buco nello spazio)!

  17. Ruper Tevere

    Ecco, ho elaborato il commento definitivo sul perché non è un gran film:

    SPOILER
    1. mi aspettavo qualcosa di più originale di ritorno al futuro 2
    2. non si possono infilare troppe sciocchezze in un film (tipo hulk che rischia di venire schiacchiato da un lastrone di cemento…)

    • Shu-Shá

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      Sì, Hulk che rischia di affogare non si può vedere.

  18. Buondì LaMotta

    “A dicembre vedremo se riuscirà nello stesso intento l’unica saga che per popolarità, influenza e durata può aspirare a battere il MCU.”

    Eh, mi sa che oramai è un po’ tardi per quell’altra saga: un tempo era la mia preferita, ma quest’anno prenderà begli schiaffoni.

    Ah, ma è sempre Disney, se ne faranno una ragione.^^

    • Ruper Tevere

      SPOILER
      …e il guanto con le gemme che in questo film ti ammazza se lo usi…e Iron Man che non si sa come gliele ruba dal guanto neanche fosse robin hood col principe giovanni nel vecchio cartone disney…e la battaglia finale incomprensibile…e la parte iniziale che funziona solo se non conosci la trama ma voglio vedere quanto regge ad una seconda visione senza ammorbare…na na na

      e sia chiaro che: questo lunedì mattina non ho una sega da fare; non mi lamento di un film, non capisco cosa ci sia da lamentarsi. peró meh. Poche botte tanti spiegoni.

    • Shu-Shá

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      SPOILER

      – Il guanto che ti ammazza all’uso ha del tutto senso, è un potere divino in mano a un misero essere umano.

      – La parte del furto è bellissima! In un attimo capisci che Stark era stato così arrogante da prepararsi un nano-guanto incula-gemma nell’eventualità che avesse dovuto assumersi sulle spalle il ruolo di Dio. L’arroganza ha salvato l’universo.

      – Non puoi lamentarti di un film in cui non sapere la trama è il fulcro che non regge a una seconda visione dai

    • Ruper Tevere

      SPOILER

      – sì ma è un po’ pretestuoso, funzionale alla
      trama e basta (e mi riferisco amche a thanos mezzo bruciacchiato)
      – si è un bel twist, ma Dio Madonna pensarci nell’altro film?
      – lamentarsi mi pare una parola sbagliata, anche solo essere qui a criticare è un divertimento e non mi scordo che comunque sti venti film sono un ben diddio. Peró secondo me la parte iniziale è eccessivamente palla al
      cazzo e non regge se non per la curiosità

    • Shu-Shá

      Beh, ma nel primo film precipita tutto.
      Un attimo prima Stark è a pisciare il cane a Central Park, e SBEM! catapultato in mezzo alle stelle.

    • Mio cugino Vincenzo Price

      SPOILER SPOILER

      nell’altro film non può farlo perchè il guanto se l’è fatto Thanos su Titano col mantice e il martello. Qui il guanto è tecnologia Stark, la tuta e il guanto sono sincronizzati su iStark per cui per me manco le “ruba” le gemme ma comanda a tutto di spostarle da un guanto all’altro.

  19. Ang Lì

    Personalmente sono del tuo stesso avviso, tant’è che l’idea di portare a conclusione le due saghe a distanza di pochi mesi mi sembra un’imprudenza da parte di un’azienda di solito così attenta a questi aspetti. O magari funzionerà proprio l’effetto “vederli entrambi per fare il paragone”. Di certo c’è che Episodio VIII ha ucciso in me ogni frenesia. Servirà un miracolo per riportarla in vita.

  20. Ridely Scotti

    Amato alla follia, considerando anche il fatto che non mi sono unito al coro per Infinity War un anno fa: un gran lavoro di sceneggiatura, sicuramente, un finale spiazzante (ma anche no, ce lo aspettavamo tutti) ma non mi aveva entusiasmato più del giusto. Questo invece mi ha riempito il cuore come solo pochissimi film del MCU hanno saputo fare (il primo Iron Man, il primo Avengers, Ant-Man 1 e 2, Guardiani 2): ho riso tantissimo in certe scene, ho provato quella strana sensazione di acqua che esce dagli occhi in QUELLE scene

    SPOILER

    (Lo sguardo di Tony quando rivede Peter… chi rimane indifferente non ha cuore)

    e infine mi sono gasato come un pazzo nel mega scontro finale (un po’ corto forse, ma vabbè).
    È un film calibrato e studiato nel minimo dettaglio con una precisione super-umana: ogni momento comico è al posto giusto, ogni momento drammatico idem, l’equilibrio è perfetto, gli attori sono al massimo… e che gli vuoi dire a un film così?
    Il lavoro su Thor sembra una baggianata ma in realtà è intelligentissimo sia come scelta narrativa (si riduce così per un motivo ben preciso) che in termini di valorizzazione del personaggio (ci rendiamo conto di cpsa avremo ora in Guardiani 3?? Film della vita in arrivo, con Gunn al timone).
    E vogliamo parlare di Tony? No, non c’è bisogno.
    Ancora, che gli vuoi dire a un film così? Questo MCU sta prendendo il posto (se non l’ha già preso) di Star Wars nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni: è un fatto.
    La vera sfida per Feige e soci comincia adesso: continuare la telenovela dopo una cosa grossa come questa

  21. “per cui Age of Ultron fu un mezzo fiasco”
    Personalmente non lo penso ma magari è un gusto mio. Però mi pare in generale che la godibilità dei film MCU sia stata spessissimo proporzionale al numero di personaggi coinvolti. Ci hanno abituato così bene ai film corali (e non era scontato, vedi DC) che un film con “solo supereroe” ora è un po’ poco.

    • Shu-Shá

      Madonna AoU è la merda vera. Credo il peggiore film di tutti, cosa aggravata dall’essere uno dei film “degli Avengers”, conclusivo di una fase.

      Però contiene il grande monologo di Renner in cui spiattella la ridicolaggine di trovarsi con arco e frecce in mezzo all’apocalisse :D .

    • Lorath

      “Niente di tutto questo ha un senso”

    • Alle vostre esagerazioni schizzinose rispondo solo: HULKBUSTER.

      (“There’s no pleasing some people…”)

  22. Lino Banshee

    Mi unisco al coro dei detrattori di Age of Ultron, un film che rimane in bilico tra il “rifacciamolo, ma piú grosso” e “facciamo qualcosa di nuovo” finendo per fare male entrambe le cose. Di quel film si salvano giusto James Spader che riesce a rendere un minimo interessante un cattivo inutile e l’arco narrativo riservato a Occhio di Falco

  23. Lorath

    “La mia generazione si è dovuta sorbire roba come La minaccia fantasma, Il regno del teschio di cristallo, Die Hard 4, Prometheus, Terminator Genisys: sotto sotto, a dirla tutta, sono persino invidioso.”

    A proposito, ma nel film qualcuno cita proprio Die Hard come film sui viaggi nel tempo, senza motivo, ma perchè? LOL.

    • Shu-Shá

      Perché infatti un secondo dopo gli dicono “die hard no, cazzo dici”.

      Non so se per far intendere che aveva confuso Looper, con Bruce Willis, con Die Hard, in quanto Looper è LAMMERDA quanto a paradossi temporali.

    • Lorath

      che poi Looper è andato in vacca nel momento in cui SPOILER Nebula ha ucciso la Nebula del 2014 lol.

    • Shu-Shá

      Lo dici come critica?
      Perché nel caso vedo che non hai ancora capito come CAZZO FUNZIONA LA FISICA QUANTISTICA ORA TI HULK BANNER A SPIEGARTELA :D .

    • Lorath

      non critico un caxxo visto che l’ho capito da mò che non esistono paradossi temporali in questo film. lo dicono pure che non funziona coem Ritorno al Futuro.

  24. The worthy elevator

    Mi sa che abbiamo assistito alla fine dell’era dei supereroi al cinema.Difficilmente si tornerà mai a questi livelli

    • Shu-Shá

      Credo io pure, ma mai dire mai.

      Sono già programmati:

      Spider-Man: Far from Home
      Black Widow
      The Eternals
      Sequel di Doctor Strange
      Sequel di Black Panther
      Shang-Chi
      Guardiani della Galassia Vol. 3

    • Lorath

      E ci sono pure delle discussioni preliminari su Ant-Man 3 (a detta di Michael Douglas)

    • Martino Scorsese

      Pure per me. Moltissimi amici che l’hanno visto hanno detto che lo considerano la conclusione. Non so quanto gli convenga continuare con i crossover: dovrebbero fare stand alone piú a se stanti, come la DC, se no la gente comune inizierâ a stancarsi di film tutti uguali.

  25. Comunque alla scena del funerale io pensavo: “Oh, ma a Hollywood oggigiorno se non sei nel MCU non sei davvero nessuno.”

    • Shu-Shá

      Seriamente, chi è che NON sta nel MCU?

      Classifica dello star power:
      MCU > FF > expendables

    • Lorath

      Dwayne Johnson, purtroppo ha scelto l’altra sponda. Lo pitturavano di verde come in una famosa foto e risparmiavano sulla CGI di Hulk… ;P

    • Shu-Shá

      Fa in tempo a entrare, ho in mente almeno tre-quattro personaggi perfetti per lui.

  26. Shu-Shá

    Ma solo io ho sperato, anche stavolta, fino alla fine, di vedere Drax fare una Bautista Bomb?

  27. Shu-Shá

    Fa in tempo a entrare, ho in mente almeno tre-quattro personaggi perfetti per lui.

    • ste

      tutto giusto o tutto sbagliato a seconda dei punti di vista…ma eviterei di valutare la qualità di qualsiasi film in base al botteghino sennò poi tocca ogni volta ricordare il target di questi film e il conseguente motivo per cui i personaggi son sempre più rincoglioniti, non c’è violenza spessore ecc ecc. Son tanti pigiami e su 21 o quel che sono se ne salvano 3 4 …come le puntate di una buona serie tv. Per il resto quello prima aveva un suo perché poi come al solito sbracava sul finale…questo vedremo.

    • Shu-Shá

      Solo tre o quattro no, dai…

      – il primo Iron Man
      – il primo Avengers
      – tutti i Cap
      – Spider Man
      – il primo dei procioni
      – il primo Ant-Man
      – il primo Thor e io direi anche Ragnarok
      – sicuramente Dottor Strange
      – e naturalmente questi due

    • ste

      azz ho risposto al commento sopra sorry

    • ste

      apro e chiudo la polemica con me stesso dicendo che salvo iron man 1, i guardiani della galassia e il primo Avengers in quest’ordine di qualità…il resto dimenticabile . Volete vedere un piccolo capolavoro a tema pigiami che piaccia a tutti ? lo Spiderman cartone animato ultimo uscito …si mangia ogni Marvel pigiamata uscita e uscente

    • Shu-Shá

      Se è per quello pure Big Hero 6 (sempre Marvel, ma non MCU) faceva il culo a tutti, all’epoca.

    • ste

      molto bello ma imparagonabile

  28. sniffo

    Io altri 15/20 minuti di film (oppure una serie di post-credit scene) per vedere Cap. America restituire tutte le gemme dell’infinito l’avrei sopportata volentieri.

    • Shu-Shá

      Alla grande, per me potevano continuare due ore, stavo in estasi.

    • Sì, ma quanto è bello che per la prima volta non abbiano messo scene post credit? Per me è un tocco di classe, dà veramente un senso di closure.

    • Anonimo

      Ha senso la cosa.

      Però lascia comunque un bel vuoto.

    • F.lli Edgar Wrigth

      Io invece avrei pagato di tasca mia per terminare l’agonia. Ogni aspettativa frustrata. Ma di certo è un problema mio

    • Lorath

      In realtà, il primo film senza scena post-credits è stato Age of Ultron. C’era solo quella MID-credits.

  29. Shu-Shá

    Ha totalmente senso.

  30. L'ozio è il padre di Virzì

    COMMENTO CHE CONTIENE SPOILER! COMMENTO CHE CONTIENE SPOILER!

    SPOILER

    SPOILER

    Visto in una sala strapiena all’inverosimile, ad un orario ai limiti dell’umano con un Dolby che mi è rimbombato in testa per tutto il giorno seguente manco fossi andato a ballare! Applausi a scena aperta da parte di tutto il palazzo quando Cap impugna il martello. Silenzio di tomba quando Tony resta immobile. Alla frase “Io sono Iron Man!” ho potuto percepire che tutti hanno trattenuto il respiro. Finito, quando sono passati i nostri che autografavano lo schermo gigante avevo gli occhi parecchio lucidi per la fine di questa saga lunga 11 anni. Un’esperienza collettiva totale che non avevo mai provato prima d’ora in un cinema.

    Personalmente applaudo tutti quelli che hanno partecipato e creduto al progetto, mi avete regalato bellissimi momenti e consiglio ai capoccia della Marvel di issare una statua grossa così a RDJ a “imperitura memoria”. Grazie di tutto, birra pagata se passate dalle mie parti, ma ora basta così. Non voglio che diventiate la parodia di voi stessi o svaccate pesantemente. Già questo Endgame, se analizzato lucidamente, è strapieno di buchi e maccosa. Però il tono epico e il fatto che fosse la fine mi (ci) ha fatto passare oltre sbattendomene allegramente la ciolla. In tutta onestà un Guardiani 3 o un Dottor Strange 2 non so se li reggerei.

    Meglio lasciare quando si è al top. E più top di così è molto dura.

  31. Martino Scorsese

    Allora, dico la mia. Prima di tutto, dico subito che, da non eccessivamente fan della marvel, questo mi è piaciuto. Non un capolavorone, ma esattamente come la prima visione di Infinity War al cinema mi ha dato tanta epicità. Speriamo che questa soddisfazione resti per le visioni successive e non cada, uccisa dai buchi di trama e dalle gag idiote, come in Infinity War.
    Butto lì un elenco di punti positivi e negativi (SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER-BASTA):
    Positivi:
    – in generale, ho trovato il ritmo, più pacato e riflessivo, meglio di Infinity War, che invece era, almeno dal mio punto di vista, troppo veloce.
    -sempre rispetto ad Infinity War, molti buchi di trama in meno. credo che i Russo e i loro soci scrivano meglio quando hanno pochi personaggi da caratterizzare.
    -anzi, sono riusciti a toglierne parzialmente uno da Infinity War: dicendo che il Guanto può consumare molte energie, si può spiegare perché Thanos combattesse a pugni invece che usare troppo i poteri.
    -la battaglia finale è incredibilmente epica.
    – sono riusciti sapientemente ad aprire nuove vie per il loro universo.
    -alcuni personaggi ne escono fuori veramente bene e vengono finalmente valorizzati, vedi Ronin o Hulk
    – il punto migliore, ho trovato l’anticlimax dell’incontro col Thanos del presente perfetto. davvero.

    negativi:
    -le gag. ok, lo so, le battute hanno sempre fatto parte di sti film, sono la ciffra stilistica, se no i bimbi dormono, ecc. Però davvero, pur non arrivando ai livelli di fastidio di Infinity War alcune le ho trovate troppo invadenti. e si, Thor ciccio, parlo di te.
    -da non agente del patriarcato, maschilista, antidonne ecc, ho trovato la scena Girlpower davvero forzata. Abbiamo visto che avete personaggi femminili forti, ce lo ha mostrato il sacrificio della Vedova, non è che dovete urlarcelo!
    -Capitan Marvel, a tal proposito, si becca la palma di “personaggio delusione del film”. cioè, ce l’hanno pompata un casino e alla fine si limita a salvare i due all’inizio e a proporre di uccidere Thanos. Poi basta: un pò come Wesley Snipes in Mercenari 3, è come se fosse sempre stata un personaggio secondario del gruppo. ‘Azzo, ma almeno fate fare a lei lo schiocco salva mondi, e non a Hulk!
    -posso farmi andar bene il fatto che gli stravolgimenti avvenuti nel viaggio nel tempo non alterino il futuro conosciuto ma ne creino uno parallelo (vedasi Dragon Ball) ma allora il viaggio che fa Cap ala fine per riportare le gemme non sta in piedi: innanzitutto, incontrerebbe il se stesso del primo film. In secondo luogo, lui vecchio potrebbe esistere solo nel futuro dell’universo parallelo (quello da cui gli avengers hanno preso le gemme), non in quello che conosciamo noi.

    Cosa succederà in futuro? io credo che faranno come la DC, ovvero film (o miniserie) a se stanti. credo che l’assenza di una scena post credit che introduca il nuovo villain della prossima fase sia una prova di ciò. Altrimenti possono provare a continuare per altro tempo, ma secondo me dopo un film così, recepito da quasi tutti come la fine, non so quanto gli convenga. Ma sono supposizioni mie, magari continuano così. Nel dubbio, l’unico film vagamente del genere che aspetto è Joker.

  32. Ciak Norris

    Ma davvero nella prima parte di dorme come dicono alcuni?

  33. Satan Claus

    Film scritto malissimo (ma non raggiunge la stupidità del precedente) e girato peggio.

  34. Ralph Cacchio

    Boh, devo essere davvero un asociale del ca..ctus (pg13)
    nonostante la fotta a me ha fatto abbastanza cagare, con tutte le minchiate messe, e per quanto imperfetto ho preferito mille volte infinity war.
    L’unica cosa che ho trovato veramente, ma veramente epica, è che l’unico solo e vero salvatore dell’universo intero, anche più di gesù, sia IL SORCIO.

    Senza il sorcio hacker non ci sarebbe avengers che tenga, viaggio nel tempo, fisica quantistica, gemme o Gae-thanos che si voglia.

    ONORE AL SORCIO.

    viva ratatouille

  35. Kylo kal

    piccolo SPOILER

    quando è saltata fuori iron gwyneth volevo alzarmi e urlare “e la nonna di jason statham allora?”

  36. Axel folle

    Personalmente troppo poco epico e troppo celebrativo, una gran patata che punta troppo insistentemente al pubblico fidelizzato, quindi preso come film a sé stante non mi ha fatto impazzire. Però non è un film a sé stante è bla chiusura di 11 anni e 21 film e che dire, il progetto MCU è qualcosa di storico e fino ad ora unico. Giù il cappello e i miei ossequi.

  37. Rosetta Stoned

    Dai, almeno dura 3 ore e puoi effettivamente dire che ti passa la serata. Intrattenimento di parola. Per il resto, boh, la sbobba riciclata piace a tutti evidentemente. Neanche una battaglia degna di questo nome dico io.

  38. Ruper Tevere

    Shu-shà beccate questa :D

    -Come fa il guanto di Tony a funzionare se doveva essere un artefatto magico forgiato dal cuore di una stella morente (motivo per cui ha sterminato tutti i nani meno che uno?)

    • Lorath

      perchè Stark è diventato un superfantagenio visto che è arrivato a OTTANTACINQUE revisioni della sua armatura e ora è anche in grado di fare il caffè per tutta la troupe del film, immagino.

      ma quella cosa della stella morente non valeva solo per Stormbreaker?

    • La cosa della Stella morente era solo la forgia: Thanos va lì a farsi fare il guanto per poter utilizzare le gemme, stermina i nani (tranne uno, il progettista) e poi se ne va. Non dice da nessuna parte che il guanto poteva essere creato solo lì (mentre il stormbreaker poteva farlo solo il nano progettista con la forza di un sole)

  39. Toni Già

    Commento prima di leggere tutti gli altri commenti:

    SPOILER (ma come dice l’intro l’avete già visto tutti)

    Film di 2 ore e 45 che poteva durarne 2 ed era lo stesso, anzi meglio!
    Tutti gli incontri di Thor con la madre, Iron Man con il padre, tutti inutili e incomprensibili, almeno per me.
    L’unica scena decente ed emozionante è quella del sacrificio di Vedova Nera, anche se pure qui non doveva essere uno dei 2 ad ammazzare l’altro? Vale anche il suicidio? Mah!?
    Poi Hulk a metà, Thor devastato dall’alcol e coi sensi di colpa sono ridicoli e fastidiosi.
    Però, detto tutto questo, quando nello showdown finale si aprono i cerchi e spuntano tutti gli Avengers mai esistiti tutto il resto del film viene riscattato.
    Però ribadisco che ci sono almeno 45 minuti di troppo.

    Mia personale còassifica dei film Avengers:
    1) Avengers (insuperata e insuperabile la scena di New York)
    2) Infinity War
    3) Endgame
    4) Age of Ultron

    Ma la classifica dei film Marvel in generale per me è:
    1) Avengers
    2) Winter Soldier
    3) Guardiani della Galassia
    4) Infinity War
    …eccetera

  40. Killing Joke

    È morto John Singleton.
    Riposi In Pace, vado a rileggermi la vostra recensione di Boyz N the Hood

  41. Fabio

    Mi perdonerete ma rimango deluso da queste recensioni. Sembra che qualcuno vi abbia fatto un incantesimo che impedisca di avere quella severa nitidezza con cui siete soliti guardare a un film. Tutto questo incensamento per un film oggettivamente modesto e che è costellato di enormi buchi e difetti che nemmeno avete tenuto in considerazione di mensionare. Fatico persino a riconoscere il vostro stile che senza mai rinunciare alla serietà mi strappa qualche risata e dona l’arricchimento culturale che sempre dovrebbe derivare dal buon confrontarsi.Non mi dilungherò oltre perché tanto vale affidarci al ” De Gustibus”… Ma mi sarei aspettato ben altro da voi Di una quasi inarrestabile sequenza di complimenti. Mi sarei aspettato qualcosa che qualche ignota ragione non ho invece riscontrato e mi sono ritrovato a leggere una recensione lunghissima ma al contempo troppo vuota.

  42. Dio Kai

    nei miei ricordi è con Lost che inizia la paranoia degli spoiler, ai tempi lavoravo con una collega punk old school (crass, fugazi etc.) che una volta scocciata mi aveva detto: “a me degli spoiler fotte sega, se il film è bello rimane godibile se è unammerda rimane unammmerda”.

    aaaah vecchia saggezza punk quanto mi manchi…

  43. Stracchinononnonanni

    E’ possibile usare il guanto dell’infinito per riportare Schiaffi tra noi?

  44. Marcello

    É il film più brutto che abbia mai visto.

  45. Michele Gardini

    Filmone che fa passare tre ore alla grande, non esente da difetti abbastanza imbarazzanti, se lo facevano di due ore e mezzo tagliando qualche scenetta scema e lavorando con più attenzione su qualche particolare ci avrebbero guadagnato tutti (o forse quasi tutti, maledetta lobby dei venditori di popcorn e bibite).

    SPOILER SPOILER SPOILER

    1) Alcune scenette comiche sono penose: Antman che invecchia e ringiovanisce, la gag del selfie, Hulk che deve farsi le scale. Potevano lasciarle nel cestino. Di altri.

    2) Hawkeye che diventa giustiziere della notte ci può stare, ma vederlo fare il ninja con tanto di costumino uscito dai b-movie degli anni settanta fa molto più ridere delle scene di cui sopra.

    3) Mi sacrifico io/no vado io, roba che dopo trenta secondi vorresti un bel pari e patta ed il terzo che se la ride (vogliamo dare qualche soddisfazione al povero teschio rosso, sbattuto non si sa come e perché su un pianeta in culo all’universo a fare il guardiano al nulla?)

    4) La CGI di Banner/Hulk, un passo indietro ai film precedenti, quando compare il suo faccione e comincia a muoversi ho pensato ad un (involontario?) tributo della Disney ai buoni vecchi tempi quando i disegnatori lavoravano con il tizio munito di frusta alle spalle.

    5) Girls power che mancava solo la canzone delle Spice Girl, con Capt. Marvel “arrivo io ma solo nel momento esatto in cui devo salvare l’universo perché dovete prendere il numerino e attendere”, e qui è saltata fuori la maledetta anima nerd che guai a tirar fuori i fumetti, ma Adam Warlock si meritava un rimpiazzo meno dichiaratamente “facciamo felici anche le fanciulle che sennò la volta prossima stanno a casa e addio megarecord stramondiale di incassi”.

    6) Spiderman che è uno che sta dentro un costume che alla fine ti chiedi perché non si chiami Ironboy (Ironlad? A cuccia, nerd)

    Ma alla fine ha ragione Xena, il richiamo a Ready Player One è quello giusto, Thor con la panza alcolica e la scena finale della mega rissa bastano ed avanzano per mandarti a casa con gli occhi lucidi, e che altro vuoi chiedere ad un megaschermo al giorno d’oggi?

    Michele Gardini

    • Michele Gardini

      Ah, dimenticavo la poracciata di spararti in faccia lo spot dell’auto tedesca, roba che ti vien voglia di lasciargli l’obolo nella cassettina a fine proiezione. Ma dico io, un minimo di orgoglio?

    • Shu-Shá

      Ma quello esiste fin dal primo Iron Man, dai.

    • Michele Gardini

      @ Shu
      Sscusabile fino a quando hai qualche timore di non rientrare nei costi, non quando l’unico dubbio è quanti record di incassi abbatterai. E comunque prova almeno a fare finta di nasconderlo, invece di sbattermelo in faccia gridando “compra quest’auto che fa troppo figo!! Romba pure se è elettrica!!!” Voglio dire, un minimo.

    • Lorath

      Teschio Rosso ci è finito a causa del Tesseract.

      Comunque anche io avrei voluto pari e patta lol però nel senso che vedeva ‘sti due che si menavano e alla fine dice fancùlo eccovi la gemma ciao via raus andersen!

  46. ste

    visto male per ora ma al di là delle battute o della plausibilità (chissenefrega) sembra un film e non una fiera della pigiamata come gli altri…la scena finale non so se sia ispirata o abbia ispirato però ricorda moltissimo quella di ready player One…anche se lì c’era più romanticismo che autocelebrazione

  47. Fortebraccio

    Bello.
    Meno “Maccosa!?” Del solito ma belli grossi:
    – okkey hai fatto fuori metà del pianeta ma perché l’altra metà dovrebbe andare a schifo entro 5 anni??!!
    – facezia, perché decine di traghetti abbandonati a liberty Island??;
    – perché nella battaglia finale, invece di giocare agli inseguimenti, non date le gemme al dott. Strange che in un amen le porti in salvo sopra il K2;
    – ma soprattutto, perché, porca vacca, Tanos, insieme a quella metà dell’umanità distrutta con lo schiocco di dita, non si è ricordato di includere tutti – e dico proprio tutti – gli Avengers (a partire da Tony)!!!???!!! Mi arrovello.

    • Fortebraccio

      Hubris?

    • Fortebraccio

      UP
      SPOILER?!
      SPOILER

    • Fortebraccio

      SPOILER.
      Dimenticavo, il guazzabuglio dei viaggi nel tempo e delle relative regole, a mio parere gestito così così. Francamente alla fine non si capiva più un mazzo! Al Cap anziano è partito un corale: meehh!?!

    • Shu-Shá

      – nessuno ha detto che il pianeta va a schifo in cinque anni, c’è solo stato del caos dovuto al fatto che metà gente è sparita all’improvviso
      – i traghetti sono abbandonati perché la gente non li prendeva più
      – LoL a dare la gemme a Strange non ci avevo pensato
      – Thanos non ha seccato gli avengers perché il suo piano è onesto: si va a caso. Nel primo film specifica che nello schiocco include anche sé stesso.

    • Shu-Shá

      Sui viaggi nel tempo non ci sono guazzabugli (è uno dei film coi viaggi nel tempo meglio gestiti!), peccato per la cazzata finale di Cap, appunto.

    • Fortebraccio

      Hai detto cotica…

    • Fortebraccio

      Comunque, per i traghetti intendevo perchè abbandonati in massa a liberty Island… ma appunto è una facezia.
      Per il Cap vecchio non è solo una cazzata… due ore di spiegoni sulle divergenze spaziotemporali (appunto un guazzabuglio visto il finale) e poi… zac!

    • Mio cugino Vincenzo Price

      anch’io ero lì quando spidey prende il guanto MA DIOTHANOS DATELO A STRANGE CHE LO PORTA SU ALPHACENTAURI! però, occorre rivedere qualcosa per coerenza, credo che la spiegazione sia
      A: Strange sta tenendo ferma l’acqua della diga o salcazzo coi suoi poteri
      B: Strange non indossa la gemma verde, ma forse centra un cazzo perchè è la gemma del tempo e fa Cerchetti per tutto il film anche senza..ma che poteri usa allora per fermare l’acqua?

    • Fortebraccio

      Per Tanos, hai ragione
      e come al solito i cattivi nei film sono sempre un po’ minchioni (vedi il ravvedimento finale e il piano B “vi ammazzo tutti e amen”… troppo tradi Tanos, troppo tradi). Mi ero illuso di aver. trovato IL cattivo definitivo e invece…

    • Ang Lì

      Per info: Cap non è invecchiato nella stessa linea temporale di Endgame, è invecchiato in quella dove rimane per stare con Peggy. Poi avrà utilizzato la tecnologia delle particelle Pym, di cui a questo punto conosce il potenziale, per trovarsi là esattamente al momento in cui il se stesso più giovane parte per restituire le pietre e consegnare lo scudo a Falcon.

  48. TreAsterischi

    “È per questo che Edgar Wright ha mollato Ant-Man: non poteva fare un film di Edgar Wright, avrebbe dovuto fare un gelato al gusto di film di Edgar Wright.”
    Cioè un Cornetto? XD

  49. Questo film mi ha assolutamente spiazzato. Non amo particolarmente quel tipo di fantascienza (io sono per 2001 o Blade runner) ma ho visto i capitoli precedenti per far contenti i miei figli. Li ho apprezzati, sia chiaro, ma non mi hanno entusiasmato. Il canovaccio era quello di sempre, seppur con una qualità maggiore, e non solo tecnicamente. Eppure, questo Avengers: Endgame mi ha lasciato basito. La scrittura, la cura dei personaggi, i risvolti umani e, perché no, romantici, non sono da film di supereroi. Film ironico e intelligente, traccia una strada nuova per il genere, e credo che questo non possa che far bene ai nostri ragazzi.
    https://silviocoppola.com/2019/05/01/20/43/09/

  50. Cristoforo Nolano

    Forse il migliore di tutti dopo Winter Soldier, comunque questo femminismo che la tocca pianissimo è bello e tutto quanto, ma alla lunga rompe i coglioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.