Crea sito

MeTooxploitation: la recensione di Black Christmas (quello del 2019)

Con quel ritardo che puoi dissimulare solo fino a un certo punto dicendo “non passavano i mezzi” perché Natale viene solo una volta l’anno e quasi mai a marzo, eccoci qui a parlare di un film che è uscito a dicembre e che si chiama Black Christmas. Secondo remake (il primo uscì nel 2006, scritto e diretto dall’assistente alla regia di Final Destination 3 e con un cast fatto quasi esclusivamente di gente dai telefilm per ragazzini: un successo incredibile al botteghino, la critica si spellò le mani, pazzesco non ve lo ricordiate!), dicevo, secondo remake di un classico degli anni 70, semi-dimenticato-poi-riscoperto capostipite del genere slasher che da noi uscì col titolo (daltonicamente comico) Un Natale rosso sangue, Black Christmas ‘19 non è il classico slasher. E lo si capisce subito.
Senza scomodare il trailer, che comunque rimane un esempio prezioso della sottile arte di sintetizzare un intero film, trama, colpi di scena, conclusione e addirittura inquadratura finale, in soli due minuti e 40 secondi di montato — basta guardare il poster: non un volto di ragazza straziata dal dolore, né un volto di ragazza paralizzata dal terrore, non un coltellaccio che gronda sangue e neanche la maschera dell’assassino di turno, ma quattro ragazze donne inquadrate dalla testa ai piedi, forti e sicure di sé, armate, incazzate e pronte a fare nero il patriarcato. Più che un horror sembra l’album d’esordio di un girl band che ha impostato tutta la comunicazione sull’idea che “noi non siamo la classica girl band!”.

Spice World 2019

Imogen Poots è Final Spice, la classica protagonista di uno slasher: è bianca, è bionda, è pura di cuore e, anche se questa informazione non sarà mai rilevante ai fini della trama, è orfana. E soprattutto ha subito un trauma: l’anno precedente, durante una festa in una frat house, un ragazzo l’ha drogata e violentata, tra l’omertà dei confratelli e l’indifferenza delle autorità. Ma Final Spice non è sola in questa catartica avventura, a cantare in playback insieme a lei c’è SJW Spice, la nera politicamente impegnata in tutte le cause giuste, Younger Spice, la più giovane e svampita del gruppo, Hot Spice, la bona, Nerdy Spice, perché ha gli occhiali, Qualcosa Spice, che è nel poster e ha senza dubbio un ruolo nel film ma che mi venga un colpo se ricordo una sola cosa su di lei, e tante altre Spice senza nome e pertanto senza personalità che verranno prese di mira da un misterioso killer incappucciato in un campus deserto per via delle vacanze di Natale e per risparmiare sulle comparse.
Chi si celi, poi, dietro il cappuccio del killer è lampante dopo circa tre minuti (o al 61esimo secondo se state guardando il trailer) ed è un gran peccato perché se c’era un’intuizione davvero figa nel Black Christmas del ‘74 era la scelta di non svelare mai l’identità, né il movente, dell’assassino, secondo l’immortale principio che niente che possa scrivere uno sceneggiatore sarà mai spaventoso quanto l’immaginazione dello spettatore. Ma le priorità, come diventerà evidente tra poco, sono altre.

Senz’altro

È un film pieno di contraddizioni, Black Christmas, e quando dico pieno intendo una sola, che però basta e avanza a rovinarvi la giornata: è un horror PG-13.
Vale a dire è un film che si impegna a raccontare di gente che muore, ma spende una quantità veramente irragionevole di tempo a farla parlare invece che a farla morire, non mostra una goccia di sangue, non cerca l’orrore, non cerca nemmeno lo spavento, sbriga la maggior parte degli omicidi offscreen e condensa tutta la violenza di cui è capace in un paio di scene e una zuffa finale mal coreografata. Principalmente perché Blumhouse, la casa di produzione che si è fatta un nome sfornando film di genere a basso budget ma di buona fattura in cui viene lasciata assoluta libertà ai propri registi, ha lasciato assoluta libertà a una regista a cui non interessava veramente fare un film di genere.

Black Christmas è, dichiaratamente, un pamphlet femminista che si scaglia contro la mascolinità tossica, la misoginia delle istituzioni e le discriminazioni di genere. Che parla di sorellanza, di solidarietà, di consenso, di cultura dello stupro ed entra molto nello specifico del fenomeno, tristemente diffuso e contro il quale si sta facendo molto poco, delle violenze sessuali nei campus americani. E non ci sarebbe nessunissimo problema, lo ripeto in capslock perché sia assolutamente chiaro, NON CI SAREBBE NESSUNISSIMO PROBLEMA, se lo facesse bene. Se non facesse parlare i personaggi esclusivamente per slogan o per spiegoni, se si fosse preso il disturbo di raccontare una storia più articolata e meno banale, se non avesse deciso programmaticamente di impiegare tutti i registri tranne quello del cinema.

Bravi bambini che avete imparato la poesia

Perché un cinema di genere che sia anche politico esiste, ne abbiamo nuovi ottimi esempi ogni anno (e negli ultimi anni sfornati dalla stessa Blumhouse!) e una cosa che nessuno ha mai fatto, da Romero a Jordan Peele passando per mezzo milione di altri registi e registe che hanno raccontato con efficacia temi sociali con il linguaggio dell’horror, è stato dirsi “facciamolo senza violenza, così ci danno il PG-13 e il messaggio può raggiungere più persone”. Così stai semplicemente usando il medium sbagliato. È come se qualcuno mi spiegasse perché è importante fare la raccolta differenziata, citando studi, portando esempi pratici e utilizzando un linguaggio chiaro e accessibile, anche se io gli avevo chiesto due gin tonic.

Fino all’ultimo ho avuto la tentazione di dire che il risultato era scarsino, ma bel tentativo. E invece no, bel tentativo il cazzo. La scrittura sciatta all’ennesima potenza (stiamo parlando, comunque, di un film dove i buoni sono buoni perché hanno subito una violenza, i cattivi sono cattivi perché dicono che le donne devono stare al loro posto e la componente sovrannaturale è spiegata con “they discovered something magical”), la contraddizione di voler raccontare una storia di empowerment femminile scordandosi di caratterizzare i personaggi femminili, la vigliaccheria di autocensurarsi per garantirsi una distribuzione più capillare (spoiler: non ha funzionato) fanno di Black Christmas un film non solo brutto, ma disonesto: l’aver voluto trattare Temi Sociali Importanti non è una scusa, è un‘aggravante.
C’è un posto speciale all’inferno per chi abbandona i cuccioli in autostrada, guarda i video senza cuffie sui mezzi e tratta il cinema di genere come il piano B di qualcos’altro. Gira e rigira si torna sempre lì, la scuola del “volevo fare un film ma non ero capace e così ho fatto un film horror”. Il patriarcato può dormire sonni tranquilli.

Stream pirata-quote:

“Stop Maski Etero: The Meme: The Movie”
Quantum Tarantino, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

14 Commenti

  1. Vincent Cocotti

    Niente e io che pensavo che fosse il remake bello del remake brutto (cit. Un titolo di un grande articolo del nostro Stanlio…) anche se già dalla locandina stile girl power si intuiva odore di cloaca…. Mi terrò l’originale di Bob Clark…

  2. Bradlice Cooper

    Io non smetterò mai di chiedermi come fanno le confraternite/sorority a non essere illegali…

    • guarda, non ho informazioni di prima mano ma se i film mi hanno insegnato qualcosa funziona così: tutte le volte che un rettore illuminato decide di chiuderle perché sono, obiettivamente, una roba abominevole, arriva un personaggio politico potente e ammanicato che è stato membro della confraternita quando era giovane e si spende per tenerla aperta. ufficialmente per difendere le tradizioni, segretamente perché deve il suo successo a un rito di sangue consumatosi al suo interno.

    • GGJJ

      In genere utilizzando il teschio di Geronimo per il rito.

  3. Past

    quello del 2006 lo ricordo abbastanza…faceva sa solita cazzata di aggiungere un background al killer, dove il buono del film originale era proprio che non l’avesse…arriva, ammazzava male, perchè sì.

    dopo essermi dovuto sorbire il remake di silent night, questo lo droppo volentieri.

  4. Denis

    Ho in dvd solo il remake del 2006, quindi non si vedono bulbi oculari strappati a mani nude, ma il regista non era meglio se faceva un dramma, sembra di essere negi anni’90,belle facce e niente sangue un pò come Auguri per la tua morte, horror smorzati.

  5. Immagino sia un caso ma trovo buffo che il pezzo su Missione Goldfinger sia inserito a sandwich tra 2 recensioni di film che parlano di maschilismo tossico e stupri.

    • GGJJ

      Se non è un caso è una genialata.

      C’è anche da dire che i film su donne “…forti e sicure di sé, armate, incazzate e pronte a fare nero il patriarcato” ultimamente non è che siano pochissimi, eh? E’ un tema un tantinello di moda…

    • Sì, e poi lo 007 d’annata oggi risalta facilmente.
      Tra le scene ormai inconcepibili, oltre alla quasi violenza su Pussy Galore, ce n’è una all’inizio che sembra uscita da Mad Men: Bond a bordo piscina si fa fare un massaggio da una bionda, arriva un collega per parlare della prossima missione, lui congeda la ragazza con una sonora pacca sul sedere e un “Men’s talk!”.

    • deligatissimo.

  6. Ambrogio Patriarcato

    Salve sono il Patriarcato e approvo questa recensione.

  7. KAISER KONRAD

    Come se ce ne fosse bisogno, ennesima riporova che questo è l’unico sito di cinema non contaminato dalla piaga del politicamente corretto.
    Grazie ragazzi, continuate così.

  8. Bleeeek Christmas
    I gave you my heart
    Buy the the very next day
    You gave It away
    This year
    To save me from tears
    I’ll give it to someone rated R

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.