Crea sito

Risultato della ricerca per: district 9

District 9: il giorno degli Zoidberg

Ma chiccazzo è Neill Blomkamp??? Uno che Peter Jackson ci si innamora talmente tanto che, una volta crollato il progetto Halo, gli dice “va beh allora gira quello che ti pare”, non importa quanto poco hollywoodiano sembri? Ellamadonna. Comunque “sembri” è una parola su cui torniamo dopo.
I primi venti minuti sono esattamente quelli che promette […]

District 9: le belle metafore sociopolitiche di una volta

Chi è Neill Blomkamp, uno che al suo primo film riesce a far piazzare il nome sul poster grosso quasi quanto quello del produttore Peter Jackson? E soprattutto, perché ha una doppia “l” nel nome?
Della seconda domanda a ripensarci non ce ne frega un cazzo, quindi rispondiamo alla prima: Neill Blomkamp è un sudafricano che […]

Mostrologia: Gli alieni gamberoni

Nome. Gli alieni gamberoni.
Chi gliel’ha dato. La saggezza popolare.
È colpa degli americani? È colpa che è finita la benza (come direbbe il mio meccanico). Un bel giorno un’astronave aliena in avaria atterra su Joannesburg e non si muove di lì. Gli alieni scendono a terra e vengono più o meno segregati in un ghetto, mentre […]

Prendi due paghi uno: la recensione di Alita – Macchine mortali

L’offerta del giorno: una recensione per due film. E tanta RABBIA CONTRO LA MACCHINA.

Sentenza di morte: Johnny Frank Garrett’s Last Word

Dove Stanlio Kubrick scopre che l’ultima parola di Johnny Frank Garrett è “Garrett”

The Hallow: un horror senza meta. In senso buono

Perché ogni tanto è bello tornare alle basi.

Chappie, du du du, in cerca di guai. Humandroid che non cambi mai.

“Voglio rifare Corto Circuito!” “Buuuuuuuuuu!” “Ma ci metto i Die Antwoord a caso!” “Yeeeeeeeeee!!!”

Gabe la bomba iberica e il suo Automata

Dove Stanlio Kubrick fa la conoscenza di un bomberone dalla Spagna e del suo nuovo filmone

Girare bene, razzolare male: The Signal

In cui Jean-Claude si lamenta dello stato pietoso in cui la fantascienza cinematografica sta lentamente scivolando.

Open Grave: faccettismo e fastidio

Di quando Miike vide un film de Merwe