Crea sito
Xena Rowlands

L'angolo di Xena Rowlands

Post | Blog | Biografia
Xena Rowlands non è nata, ma è stata forgiata dal fuoco di mille battaglie, al tempo degli dei di Val Verde, dei signori della guerra e dei 400 calci che spadroneggiavano su una terra in tumulto. Dopo aver diretto in gioventù un cartello di amazzoni narcotrafficanti, oggi gestisce un’onesta attività di contrabbando spaziale. Ha modi burberi, ma un cuore d’oro. Abita su un’astronave, spesso ormeggiata nei dintorni della stella Deneb, insieme a suo marito Olimpio Cassavetes, e ai loro adorabili animalini, una puffosissima manticora di nome Lilo e un tenero xenomorfo di nome Stitch. Nonostante un’agenda fitta di impegni, conduce con successo e perizia multitasking anche le carriere parallele di wide receiver dei Pittsburgh Steelers e di cantante nei peggiori night di Betelgeuse. Nel tempo libero adora Satana e cucina muffin.

Lasciami entrare nell’agriturismo: Eat Local

Invito a cena col vampiro, ma il caffè non viene benissimo.  »

Primo convegno della tv di menare: i400Calci al Festival delle Serie TV

Sabato 21 ottobre alle 17 alla Triennale di Milano parliamo di serie da combattimento.  »

Re-enter the Dragon: Warrior, una serie da un’idea di Bruce Lee

Dove Bruce Lee ha una buona idea e quarant’anni dopo diventa realtà.  »

Wonder Woman + Black Panther = Sheena, regina della giungla (1984)

Un elefante, un rinoceronte, cinque leoni, quattro leopardi, un cavallo dipinto da zebra, un fenicottero di pezza, due piccoli serpenti, un’aquila reale, non manca più nessuno.  »

Mini convegno di menare a Milano il 7 giugno!

I 400 calci discetteranno di città del futuro di menare al festival Oltre lo specchio  »

Non entrate in quella casa nel bosco: What Keeps You Alive

Innamorarsi e passare weekend in case nel bosco isolate: due cose che finiscono malissimo.  »

Come si confeziona un gran finale: Avengers – Endgame

L’ASSASSINO È stiamo scherzando, niente spoiler. Ma sì, parliamo anche di cose che non sono nel trailer, altrimenti c’è poco da dire che non sia già sotto gli occhi di tutti.  »

Il primo CineUniverse è femmina: Supergirl – La ragazza d’acciaio (1984)

Siamo nell’era di Wonder Woman e Captain Marvel e non ce lo ricordiamo più: com’era un cinecomic mainstream femminile nel 1984?  »

Billy Supermaxieroe: la recensione di Shazam!

Ah ah ah! Hai detto la parola magica!  »

Prendi due paghi uno: la recensione di Alita – Macchine mortali

L’offerta del giorno: una recensione per due film. E tanta RABBIA CONTRO LA MACCHINA.  »