Crea sito

Archivio delle etichette: gus van sant

Fenomenologia della meta-natica: la recensione di All Cheerleaders Die

Come diceva Čechov, se nel primo atto compare una wicca goticona lesbica, essa dovrà necessariamente fare le magie con le pietrine e risuscitare i morti entro il terzo atto.

Il fermo-immagine del lunedì

Psycho

Erode per caso: la recensione di Come out and play

Dove vi parliamo di un bell’horror spagnolo degli anni Settanta e di un brutto remake del 2012 di un bell’horror spagnolo degli anni Settanta. E dove facciamo la conoscenza di Makinov, lo scemo incappucciato.

Contagion: salviamo pure quel secchione di Soderbergh

Steven Soderbergh una volta ci ha chiesto se poteva venire a giocare con noi al campetto. Allora io gli ho detto: “ ‘spetta Steven, ti faccio sapere!”. Poi ho chiamato il Nanni e abbiamo controllato chi cacchio fosse questo Steven. Era venuto fuori che il Soderbergh è un regista, uno sceneggiatore, un produttore, un montatore, […]

I’m still Ben from The Town

Io mi ricordo, sì, mi ricordo. Mi ricordo di quando il povero Ben Affleck vinse un Oscar. Era il 1997, Gus Van Sant non aveva ancora cominciato a fare dei film noiosi come Last Days, ma era impegnato nel primo passo del dittico poi denominato “fenomeno giovanile in tag team con un attore dal fare […]

Deadgirl: ne comprereste una?

Tu e il tuo amico strambo siete annoiati a morte dalla giornata media in una high school di provincia americana, e decidete di andare a “giocare” in un ex ospedale abbandonato. Dopo il classico montaggio su pezzo punk in cui fate gli scemi e spaccate tutto, vi perdete in un’ala particolarmente losca e intanata, sfondate […]