Crea sito

Archivio delle etichette: Kevin Costner

Essere Texas Ranger: Highwaymen

La caccia all’uomo più spettacolare d’America finalmente senza spettacolarizzazioni.

Criminal: la quasi vera storia di un debito di gioco

Il “filmetto action\thriller anni novanta totalmente sorvolabile” ma col cast più profilato che vedrete quest’anno.

In sacrificio per voi: 3 Days to Kill

Le volte che abbiamo parlato di McG nei 400 Calci si possono tranquillamente approssimare al solo Terminator: Salvation. La ragione fondamentale di questo è che McG fa fatica ad esistere nei film che dirige, figurarsi nel panorama hollywoodiano o nella nostra idea di cinema.

Jack Ryan: L’iniziazione. Ovvero: come ti ricomincio un discorso già fatto tre volte.

Cronaca dell’ennesimo tentativo poco convinto di rilanciare un personaggio cinematograficamente sfigato.

Premi Sylvester 2014: i vincitori

La cronaca, il conteggio voti, il podcast, le foto, gli ospiti incredibili e tutto quello che ha reso la serata come sempre memorabile.

L’uomo d’acciaio: recensione senza mutandoni

La prova schiacciante dell’influenza profondamente negativa di Christopher Nolan nel mondo dei supereroi sta nel fatto che qualcuno abbia pensato a lui per pilotare il reboot di Superman.

Speciale S.Valentino: Gioco d’amore (1999, di Sam Raimi)

Arriva quel capolavoro di Soldi Sporchi, il film più negativo e depresso dell’anno 1998, e Sam Raimi d’improvviso non deve dimostrare più niente a nessuno. Potrebbe tornare a girare un horror e stracciare la concorrenza avendo già dimostrato tutto quel che c’era da dimostrare, ma si concede il passo più pericoloso della sua carriera e nel 1999 fa uscire Gioco d’amore.

Man of Steel: il teaser trailer che prende male

Ti prego Zack, dimmi che questo trailer è ingannevole e che hai fatto un normale film alla Zack Snyder.

Papa’s got the same old bag: Django Unchained, il trailer

Com’è che ogni trailer di Tarantino dopo Kill Bill fa sembrare ogni suo film un clone di Kill Bill anche se alla fine puntualmente non c’azzecca niente?

Robin Hood (no calzamaglia no party)

Paradossalmente per amare un film come Robin Hood si potrebbe partire dalle (prevedibilissime) stroncature. In quella di Cineblog sta scritto che più che Ridley, sembrerebbe esserci il fratello Tony dietro la macchina da presa. Naturalmente in senso dispregiativo, all’interno di un inattaccabile impianto da recensione old-skool in cui il film viene demolito pezzo per pezzo […]