Crea sito

Consigli per l’arredamento: Martyrs

martyrs_poster_01 - Copia

Martyrs (Alta qualitàCompra)

Tags: , , ,

32 Commenti

  1. Potenzialmente un grandissimo film, per me mandato in vacca proprio dall’estenuante e alla fine noiosa sequenza della tortura.

    Quella fregna suprema di Mylène Jampanoi pensavo sarebbe esplosa diventando una diva, invece è po’ scomparsa, almeno dai miei radar.

  2. Ruggero Deodorantato

    Non sono riuscito a finirlo: prima e unica volta per un horror

    • supertramp

      io non l’ho mai visto, ma è davvero così impressionante ? mi sa che lo recupero.

    • Ruggero Deodorantato

      Io l’ho mollato sì per lo schifo, ma anche perchè proprio non provo nessun interesse a vedere gente martoriata per 90 minuti E BASTA. A quel punto mi guardo un porno, se devo scegliere, che almeno quello mi diverte un po. In film come Martyrs non trovo proprio il divertimento, il piacere di guardarli

    • AnnaMagnanima

      secondo me devi solo cambiare sotto genere. che so, vediti una casa, tipo CABIN IN THE WOOD, oppure INSIDIOUS o OCULUS, una roba coi mostri tipo LA COSA o SPRING, vediti BABADOOK…se proprio non ne hai mai visti ti consigliamo noi.

    • Ruggero Deodorantato

      Li ho visti tutti :D sono un patito di horror, è il torture porn che proprio non mi va giù

    • Poisoned Ivy

      Madò Ruggero, come ti capisco. Io pure non trovo davvero alcun piacere nel torture porn, lo trovo un genere insignificante. Lo schifo mi viene già anche troppo.

    • Vin Diesel30€Grazie

      Mi accodo. Riconosco la qualita’ del film ma mi ha disturbato troppo (anche se ammetto sono sempre curioso di vedere quanto vadano oltre i limiti….). L’unico che sono riuscito a guardare e’ stato (anche se non torture) Society, che comunque e’ mooooolto meno cupo di Martyrs.
      Altro film interrotto fu Frontiers.

    • AnnaMagnanima

      …e come te lo sei scelto il nick??? :P

    • Poisoned Ivy

      Devo dire che io sulla cupezza, la disperazione e tutto il resto non ho grossi problemi. L’angoscia psicologica non m turba, anche se non è il mio tipo di horror preferito (a me MI piacciono i mostri, perdio). Mi crea problemi vedere la gente torturata. Non lo squartamento in sè, sono una fan della motosega nell’horror, ma sta cosa che parte, credo, da Hostel di vedere la gente torturata per il gusto stesso della tortura (non gusto del personaggio che la perpetra, ma proprio gusto di chi guarda il film) ecco, io proprio non al trovo divertente.

    • Poisoned Ivy

      Ah, aggiungo che comunque, visto che dopo tanti anni siamo ancora qui a parlarne, nel bene o nel male il regista il suo intento l’ha ottenuto, e dato che chi l’ha visto per lo più mi dice che il film è pure ben fatto, direi che in ogni ci siamo, ecco.

    • Bud Spacey

      Grande Poisoned Ivy

    • Taccagno

      Il regista sarà pure riuscito nel suo intento di far parlare ancora del suo film, come del resto ci sono riusciti con Alex l’ariete.

  3. Past

    Tra i migliori horror di sempre per quanto mi riguarda.

  4. Gabriel Puntello

    Ah, per me uno dei filmZ top!
    E non so nemmeno se classificarlo ESCLUSIVAMENTE come horror…
    Tenete conto che la cosa che più ricordo di questo film, sono le scene in cui entra il tizio nella cella di Anna (Morjana Alaoui) e la prende a pugni in faccia senza nemmeno dire una parola…

  5. Marlon Brandon

    Ma cosa ho visto un altro film? Qualche scena la ricordo truce ma tutto il film una tortura?

  6. AnnaMagnanima

    io non me lo ricordo molto. mi ricordo il finale che mi lasciò un pò così e poi solo che all’epoca mi piacque.
    mi sa che me lo devo rivedere…

  7. Ceramiche Kobayashi

    Anche io ho trovato questo film quasi insostenibile, ma non è solo questione di quello che si vede a a schermo (la parte del pestaggio per esempio, viste le premesse e lo sviluppo finale, poteva essere sostituita da qualche tortura anche peggiore), è proprio l’atmosfera, lo sviluppo della storia e il finale che mi hanno lasciato un senso di malessere difficilmente eguagliabile.

  8. Beer, Bitches and Bulletbelts

    Tra l’altro l’idea di base viene (inconsapevolmente) tratta da un fumetto dell’albo splatter del giugno 90′, “il segreto della morte” (che ovviamente “scoprilo da solo, ragazzo…”)

  9. Norton Antichrist

    Un film talmente disturbante che non sono riuscito a rivederlo. Quindi secondo i miei parametri un capolavoro.

  10. Rocco Alano

    Mi associo con chi l’ha trovato un film insostenibile e non solo per le scene di tortura, ma per la totale disperazione in cui è intriso, che, a mio parere, è assolutamente insensata. Ci sarò gente a cui darà un sottile piacere intellettuale vedere un film del genere (o anche qualcuno che ci si fa le seghe sopra, boh…), ma io mi chiedo: che creperò lo so già, a che pro vedere roba del genere?! Per prepararmi alla botta, come diceva Bill Crystal?

  11. Rocco Alano

    “Society” non è un torture-porn, ma un signor film fortemente satirico e capacissimo di giostrare generi diversi con una leggerezza che neanche la scena finale (fortina, in effetti) scalfisce. Per me, mille volte meglio di “Martyrs”

  12. supertramp

    Dopo aver letto i commenti e la recensione di NANNI COBRETTI ormai torturato dalla curiosità mi sono fiondato uno streaming selvaggio… Beh il produttore è lo stesso di quella puttanata con avvitamento di irreversible, già da questo si possono capire molte cose. SPOILER a iosa…allora la prima ora di film è un maccosa di proporzioni leggendarie (in certi momenti ho pure riso) in ordine cronologico almeno credo,la protagonista dopo aver fatto una strage non se ne va ma chiama al telefono l’amica ammettendo gli omicidi e nonostante gli avesse detto che la stava chiamando da quella casa l’amica la chiama per nome, poi la raggiunge ed entra senza alcun motivo in casa e comincia a toccare tutto ma propio tutto per lasciare più impronte possibili. Dopo invece di andarse decidono di pulire la casa che neanche Mr. Wolf cazzo ci sarebbe riuscito, mentre una cià le visioni e sanguina per casa l’altra seppellisce la famiglia in giardino poi si accorge che la madre è viva è senza nussun cazzo di motivo ha la grande idea di aiutarla,la protagonista sbotta e la finisce a martellate,allora l’amica chiama la madre così tanto per aggiungere altre prove… lasciando stare lucchetti con mazzi di chiavi in bella vista e il passaggio segreto più stronzo di sempre, l’amica che è stata promossa a protagonosta dopo aver salvato una tipa INVECE DI ANDARSENE si addormenta, dopo tuttu quello che ha fatto e visto si addormenta…arrivo al finale aspettandomi il peggio e invece non succede niente non capisco cosa ci fosse di così disturbante ,15 minuti di noia seguiti da 15 minuti di supercazzola pseudo religiosa e poi boom la vecchia si spara in bocca e fine. a Pascal Laugier ma Vaffanculo.

  13. alex9

    Il film più brutto che ho visto nel 2015. Ma proprio che gli ho dato 0, nella mia classifica personale. Giusto per capire, il penultimo (Crank) prese fra il cinque e il sei…

  14. Marlon Brandon

    A parte che Irreversible e’bellissimo, ma non per lo stupro o per la faccia fracassata, per i dialoghi che sembrano improvvisati tra un Vincent Cassel da sempre tra i meglio in Europa, una Bellucci che sembra quasi un’attice e il terzo incomodo quello che amico amico, amico un cazzo.
    Io Martyrs lo consigliai supergasato a mio padre, che un po’di francese lo mastica. Ma niente secondo me nemmeno se lo ricorda.

  15. Stati mUniti

    Ma perchè mettere una trama in un torture porn,che poi devo mandare avanti il film solo per le scene di tortura…Un film noioso ma con buone scene,probabilmente avevo la versione censurata ma lo scuoiamento non lo visto e me la son ritrovata spellata e basta.
    Anche i ruoli,avrei preferito l’altra ragazza nuda sul tavolo.C’è di meglio

  16. Cicciput

    Uno dei pochi horror che ho rivisto con piacere. La prima volta ho fatto sinceramente fatica a finirlo, la seconda l’ho decisamente apprezzato.

  17. Botte & Costello

    Madonna che filmone, nella mia top 5 horror degli ultimi 20 anni. E non è torture porn, porcaputtana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *