Cicciolina Wertmüller porta gli occhiali (belli spessi) e nient'altro, guarda i film distesa sulla dormeuse, e sorseggia Martini facendo schioccare delicatamente la lingua. Si sente a suo agio davanti a Béla Tarr come a Brian Yuzna, alterna con disinvoltura disamine artistico-filosofiche a perversioni scopofile e giochi di parole da barzelletta delle medie. Nella vita privata, cerca di mettere in pratica tutto ciò di cui parla. Ma soprattutto, Cicciolina si spaventa tantissimo di fronte ai film con le porte che cigolano e i fantasmi che appaiono all'improvviso; la sua passione per il cinema deppaura è infatti squisitamente catartica. Quando vede un film con le botte in da la fazza invece si annoia, si volta e accarezza la gatta. Nanni Cobretti l'ha posta a guardia di due avamposti: il femminismo e l'ortografia. Le tendenze sadiche di Cicciolina gli sono enormemente grate.

Ogni investimento è una scommessa: una lezione di finanza della dott. Wertmüller che intanto parla anche di The Stylist

Parrucchiera psicopatica decide di fare la regista. Ah, no.  »

Jolt: un’elettroshockezza

Un film di donne di menare per finta  »

The Vigil: un horror a lume di sette candele

Un raro caso di storia di possessione demoniaca basata sulla mitologia ebraica, che oltretutto mette una discreta strizza al culo.   »

Chiodo scaccia chiodo: A Quiet Place – Part 2

Un altro passo nella lunghissima lotta contro i mostri che sappiamo già come si ammazzano  »

L’osteria numero 20 presenta: The Reckoning

Una commovente storia di opportunismo, ipocrisia e scarse doti recitative.  »

Muffa eri e muffa ritornerai: Relic

La morte, quella lenta.  »

Saint Maud: dice “non vuol peccare”; però, si sa, lo fa.

Un film sui piccoli contrattempi della mania religiosa, tipo morire male  »

Gli amici del pub presentano: The Gentlemen

Come trovarsi al pub con gli amitchie davanti a una pinta di Guinness.  »

Il mistero de Lo Sbaglio: Catwoman (2004)

E’ proprio così brutto anche a 16 anni di distanza? Sì.   »

Kindred Spirits: I feel Lucky

Tre donne, tre livelli di sanità mentale, un regista che sa quello che fa.   »