Crea sito

Essere Captain Marvel: non più caga-figli bensì dolce e caparbia distruttrice di astronavi

Leviamoci subito il pensiero: Captain Marvel è una donna; Captain Marvel non è un film sul fatto che Captain Marvel è una donna.
A posto così? Non proprio, ma mi sembra un buon punto di partenza.
Perché non so voi, ma man mano che le settimane passavano, i poster, le interviste e i trailer si susseguivano e la cosa più brillante che la promozione di Captain Marvel pareva in grado di partorire era l’intuizione pazzesca che per scrivere “hero” devi prima scrivere “her”… Beh, qualche dubbio su ‘sto film avevo iniziato ad avercelo pure io, che sono notoriamente la puttana #1 del MCU. Il dubbio di trovarmi di fronte a un film scarsino, povero di idee, ruffiano come la data scelta per la sua uscita — l’8 marzo, santo cielo –, diciamo più impegnato a provare un punto che a raccontare una storia.
Prendiamo uno qualunque dei numerosi film di supereroi che hanno come protagonista assoluta una donna usciti di recente: Wonder Woman. Wonder Woman è un film grazioso, per essere ambientato nel 1918 e scritto nel 1978, ma soffre di quel minuscolo problemino di dover ribadire ogni diciassette secondi che le donne sono forti e lo fa dicendo letteralmente, ad alta voce, “le donne sono forti” ogni diciassette secondi. Lo schema di ogni scena di Wonder Woman è: Wonder Woman entra in una stanza, assiste a una scena di casuale sessismo e, a scelta, o commenta indignata che sulla sua isola magica superprogressista queste cose non succedono o rompe il patriarcato con la forza della sua superforza. Sul finale mi sono un po’ distratto, ma dubito acquistasse molta più complessità di così perché l’unica cosa che ricordo è Lupin di Harry Potter che gridava, con tutto il mestiere di cui un attore elisabettiano è capace, io odio l’amoreeeee.

E io che pensavo che Harry Potter fosse scemo

Questa necessaria divagazione per dire: Captain Marvel non è così. Nei mesi precedenti all’uscita, il reparto marketing dei Marvel Studios ha evidentemente impostato la comunicazione sull’aspetto più immediatamente riconoscibile della pellicola, che questa volta l’eroe non ha il cazzo, ma grazie agli Antichi Dei, a Kevin Feige, a Satana e a quattro Gemme dell’Infinito su sei, Captain Marvel parla d’altro.
Un po’ origin story e un po’ buddy comedy, un po’ space opera e un po’ road trip, un viaggio dell’eroe che per sbloccare il proprio potere deve ritrovare/riscoprire sé stesso. Che poi questo eroe sia una donna aggiunge a un racconto di per sé parecchio universale un livello di lettura ulteriore che non va assolutamente sottovalutato (inutile girarci attorno, tutto il discorso sul non dover essere come “l’Impero Kree” ti vuole, sul non dover dimostrare niente a nessuno, sul vivere con le mani legate dietro la schiena, acquista inevitabilmente un valore diverso), ma che non ne determina la fruizione, o quantomeno che non è mai l’unica lente attraverso cui ha senso leggere il film.

L’opinione comune perplessa dall’idea di un supereroe donna

Anna Boden e Ryan Fleck, registi e sceneggiatori guarda caso provenienti dal mondo dei filmini indie ma non troppo (Half Nelson, It’s Kind of a Funny Story) e delle serie (Billions, The Affair, In Treatment), portano a casa il classico compitino Marvel che non sfigura né brilla particolarmente in mezzo a tutti gli altri. Si torna, come detto prima, al formato dell’origin story (non ne vedevamo una dal 2016 con Doctor Strange) cui unici tratti distintivi sono il fatto di iniziare in medias res (il che ci risparmia, relegandola a pochi minuti di flashback, almeno la parte sull’acquisizione dei poteri: grazie!) e di essere ambientata negli anni 90. Di quest’ultima cosa si apprezza la nostalgia non ancora molesta come quella per gli 80 e il gesto atletico di aver ringiovanito digitalmente (tecnologia su cui Marvel/Disney si balocca da anni raggiungendo risultati sempre più impressionanti) Samuel Jackson al punto che sembra di vedere delle scene eliminate di Pulp Fiction — per il resto appare una scelta abbastanza arbitraria e fine a se stessa.

Dici poco?

D’altra parte, è interessante notare come sia Captain Marvel sia Wonder Woman siano ambientati nel passato. Sembra di assistere a una meta-operazione di retcon attraverso la quale la nuova Hollywood woke e sensibile alle questioni sociali vuole rifarsi la verginità raccontandoci che le donne sono sempre esistite e hanno sempre avuto un ruolo centrale, non sono certo un’invenzione degli ultimi dieci minuti per mettere una pezza a una mancanza che durava da 70 anni!
Un’ansia di raddrizzare torti e ristabilire gli equilibri che nasce da intenti sacrosanti ma che mostra tutti i suoi limiti nella scrittura ancora parecchio legnosa dei personaggi femminili, che dopo decenni di NIENTE si trovano di colpo sulle spalle il peso di dover rappresentare un modello e un paradigma per l’intero genere. Per questo abbiamo settordicimila tipologie di eroe — il puro di cuore, l’adorabile canaglia, il bello ma scemo, l’inesperto benintenzionato — e una sola di eroina: la tipa tosta no-bullshit sicura di sé e priva di debolezze (che se no passa il messaggio che le donne sono tutte deboli), empowered.
Almeno, nel caso di Carol Denvers, la Marvel ha spinto fino in fondo il pedale sulla questione del potere. Con Captain Marvel l’MCU ha messo sulla scacchiera il suo primo personaggio veramente sgravo — con tutti i distinguo del caso, il Superman o il Dr. Manhattan della situazione, quello rispetto al quale tutti gli altri sono delle formichine. Sarà interessante vederla interagire con gli altri personaggi, scoprire che ruolo assumerà e come si incastrerà nel contesto più ampio della Marvel urbana e della Marvel cosmica. In questo senso Captain Marvel è non necessariamente memorabile ma la doverosa premessa a qualcosa che mi interessa molto di più e che vedrò fra esattamente un mese e mezzo: Brie Larson rompere il culo a Thanos*.

DVD-quote:

“Un capitano/C’è solo un capitano”
Quantum Tarantino, i400Calci.com

>> IMDB | Trailer

Amici dell’internet non mi sono dimenticato di voi, ecco la foto di un gattino!

*5 euro che non succederà davvero, da quello che si capisce del triler di Endgame pare abbastanza chiaro che metteranno fuori gioco Thanos facendogli comprare con l’inganno una casa in multiproprietà a Cortina.

Tags: , , , , , , , , , , ,

162 Commenti

  1. Ishiro Sfonda

    Ma quindi la nonna di Jason Statham é stata reclutata dai Marvel Studios per la scena della metropolitana?

  2. Pitch f. H.

    No, del film non me ne frega un cazzo.

    Però mi è venuta in mente un’idea di business.

    1. Acquisire i diritti di utilizzo del programmino che ringiovanisce gli attori (Samuel L Jackson è impressionante);
    2. Modificarlo perché funzioni in real-time;
    3. Trasformarla in un’app per Google Glass (a pagamento).

    Et voilà. Abbiamo sconfitto l’anzianità. Problem solved.
    Segue Kickstarter, partecipate numerosi.

    • Martino Scorsese

      io venderei i diritti a netflix per farci una puntata di Black Mirror finché sei in tempo.

    • Anonimo

      Penso lo abbia già opzionato Silvio…

    • Roberto

      Dopo il trattamento riservato a Thor, rendendo sia lui che il fratellastro delle macchiette stile cinepanettone italiano, rimasi molto deluso. Pensavo che il Mandarino su Iron Man rimanesse il punto più basso del MCU ma evidentemente mi sbagliavo. Comunque parlando di CP Marvel devo dire che il film a me non è piaciuto e l’ho trovato noioso. Serviva per farci capire cosa dovrà aspettarsi Thanos ? .. Mah nei fumetti Thanon se l’è legata spesso al ….. la capitana quindi sta eroina che arriva per risistemare tutto non regge e
      io non credo che in Endgame sarà così. Poi posso sbagliarmi clamorosamente ma spero di no ! E immagino scenari diversi anche se ho paura di “sbagliarmi clamorosamente” …..

  3. Lucas Leivatiotispacco

    L’unico dubbio che mi lascia questo film è il seguente: davvero CapM (per distinguerla dall’altro Cap, che chiamerò CapC) è la più forte di tutti o il Thor incazzato con la vita (e armato di STORMBREAKER, da scrivere in maiuscolo) se la gioca?

    • Se non sbaglio, nella sua variante più potente, almeno nei fumetti, Cap Marvel è un peso decisamente massimo anche più di thor. Se non sbaglio, legata a binary ha (aveva) una forza pari a Fenice, che distruggeva pianeti e sistemi solari come noccioline.
      C’è anche da dire che i poteri nel MCU sono stati decisamente ridimensionati (Ironman, thor, hulk) o potenziati (Cap America)

    • Lucas Leivatiotispacco

      Esatto, visto che i livelli di forza del MCU sono sballati, secondo me non si differenziano poi di così tanto CapM e Thor.
      Poi oh, dopo aver visto Dragon Ball Super, che sui livelli di forza ha fatto il caos definitivo, non mi aspetto chissà cosa, basta che Thanos non venga disintegrato con un sorriso

    • Thor con STORMBREAKER più forte di Vegeta, ma non di Captain Marvel. Se la gioca più o meno pari con Gotenks SSJ3.
      Captain Marvel più forte di Goku, ma solo prima del super istinto.

    • Martino Scorsese

      mamma mia, i livelli di forza del multiverse… C-17, androide costruito sulla terra, che riesce ad arrivare al livello di Goku super sayan nonmiricordodichecolore.
      sarà la nostalgia, ma quella serie mi ha fatto ampiamente rivalutare gt.

      comunque il peggio dei livelli di forza marvel è Thanos che con una gemma (che sembra non usi neanche) fa il culo ad hulk mentre con cinque incontra resistenza con Capitan America.

    • Lucas Leivatiotispacco

      Ma perchè Cap America ha la forza dei denti bianchissimi e degli STATI UNITI D’AMERICA dalla sua.

    • Cecchi Gore

      Badate che Vegeta anche nella sua prima apparizione poteva far saltare in aria la terra da solo (“planet buste tier” per i tecnici), dite che STORMBREAKER thor ne sarebbe in grado?

      Allego Thread in cui le migliori menti del fandom stabiliscono i power level con assoluta chiarezza: https://www.kanzenshuu.com/forum/viewtopic.php?f=6&t=14197

  4. jax

    MA LA PRIMA IMMAGINA E’ UNA COPIA DI XADHOOM!

  5. Ehi! Di sta cosa che è CM è praticamente Xadhoom ne sto parlando a chiunque dal trailer e nessuno mi da retta. GRAZIE!
    (ad onor del vero però credo che siano quelli di PK ad aver “omaggiato”, se no non si spiega.)

    • E’ quello che stavo pensando pure io, effettivamente.

    • jax

      uhm non so, considerando che PK è del 1996 e che Xadhoom appare praticamente subito, la primogenitura la darei agli italiani (non so quando appaia questa ultima incarnazione di Danvers o se ce ne siano simili).

      Diciamo che si tratta di fortuite coincidenze e la chiudiamo qua per accontentare tutti ;)

  6. (il commento di prima doveva essere in risposta a jax, scusate)

    Ora dico una roba rischiando di passare per troll, ma solo perchè è un argomento che vivo molto e male.
    Se, come dice giustamente Quentin:

    “Nei mesi precedenti all’uscita, il reparto marketing dei Marvel Studios ha evidentemente impostato la comunicazione sull’aspetto più immediatamente riconoscibile della pellicola, che questa volta l’eroe non ha il cazzo, ma grazie agli Antichi Dei, a Kevin Feige, a Satana e a quattro Gemme dell’Infinito su sei, Captain Marvel parla d’altro.”

    Perchè allora la rece non fa altrettanto?
    Il film l’ho visto e anche io ho apprezzato non ci fosse dentro chissà quale metaforone o messaggio contro il patriarcato: è un film in cui l’eroina è donna, la figura a cui si ispira è donna e che non ti fa mai pensare MACCOSA del fatto che nel ’95 un intero dipartimento ultra segreto dell’esercito USA fosse composto da sole donne.
    Vivadio.
    Il capolavoro vero credo sia tutto lì, riconosciamolo e andiamo oltre anche nella valutazione/discussione.
    Com’è la storia su cui basa sto film? Per me completamente inutile o se vogliamo piegata al vero scopo che è presentare il nuovo personaggio. Per voi?
    Come sono gli effetti speciali? Per me una mezza merda, per voi?
    La colonna sonora? Solo a me è parsa posticcia e attaccata sopra con il biadesivo al solo scopo di farti ricordare ogni tanto che siamo nel ’95?
    Siete d’accordo sia praticamente un film senza cattivi, cosa che sposta per l’ennesima volta in basso l’asticella dei MS nel creare antagonisti di livello?

    Boh, cose così.
    VI VOGLIO COMUNQUE BENE EH.

    • Sol

      Concordo, film necessario ma inutile.

    • abbi pazienza manq, ma dopo 10 anni e 21 film diventa difficile anche per noi trovare qualcosa da dire senza ripetere sempre le tesse cose. se dico che un film è il solito compitino marvel è perché i personaggi sono quelli, gli effetti speciali sono quelli, il livello di scrittura è quello. niente di fatto male, niente che faccia strappare i capelli. Ho preferito portare avanti un discorso più a latere ma che mi sembrava più interessante.

    • Ci sta tutto, ho solo avuto l’impressione volessi portare avanti un discorso più a latere di cui però al film in primis, per tua stessa considerazione, non frega poi così tanto. E’ solo un’impressione mia eh, ho visto il film e la recensione mi pare fuori fuoco. Non sbagliata, certamente condivisibile, ma è come quando si scrivono mille battute sul valore artistico di Bello Figo quando è Bello Figo il primo a non porsi la questione.

      Detto questo, volendo stare sull’analisi del ruolo della donna, ti ripeto che la cosa più grande che il film fa è non calcare la mano su quanto non sia strano che ci sia una supereroina protagonista, che è la cosa migliore che si può fare, a meno che non reputi abbia senso andare fuori da scuola e gridare “EHI NON E’ MERAVIGLIOSO CHE ANCHE I BIMBI NEGRI FACCIANO LE ELEMENTARI INSIEME AI BIANCHI?”, che è certamente un modo piuttosto stronzo di portare avanti un messaggio di base ultra condivisibile.
      Però forse manca ancora il coraggio di mostrare le sfumature. C’è un’unità di donne tostissime nel progetto PEGASUS: il capo alieno sotto copertura è donna e le sue sottoposte sono entrambe donne, come se le donne al potere funzionino solo in ambienti omogenei e completamente femminili. Per me la rivoluzione vera sarà quando ci sarà un’unità speciale in cui il capo è una donna, i sottoposti uomini, e tutto funzionerà senza che nessuno storca il naso. Cosa che qui, per i toni e i modi, sarebbe potuta funzionare perfettamente. Bastava che l’amica di CM, quella con la figlia che fa le elementari proprio come i bimbi bianchi (!!!), fosse un uomo.

    • IoMeMedesimo

      Starzinger?
      I Cavalieri dello Zodiaco?
      Rita Repulsa e i suoi sottoposti?
      Red Sonja e camerati?
      Morgan e pirati?

      I primi cinque che mi sono saltati in mente al colpo.

      A me stà roba dei capi femmine non mi pare tanto innovativa…

    • Jesus strikes back

      “Per me la rivoluzione vera sarà quando ci sarà un’unità speciale in cui il capo è una donna, i sottoposti uomini, e tutto funzionerà senza che nessuno storca il naso”

      Non c’entra una mazza ma mi ricordo una volta a Monaco, stanchi di berne un paio, volevamo andare a vedere una partita del bayern (SPOILER: non ci hanno fatto entrare), ho visto un capo-pattuglia donna che spiegava dove posizionarsi e cosa fare a dei bestioni sottoposto uomini, e ovviamente questi la seguivano senza fiatare… L’ho trovata la cosa più normale del mondo ma allo stesso tempo ho pensato che probabilmente era fantascienza nel 95% del restante mondo…

    • Sì, una cosa così, ma al cinema.
      Io non ho mai avuto in tutta la vita un capo uomo, quindi la trovo la cosa più normale del mondo perchè la vivo da quindici anni senza soluzione di continuità, in tanti posti di lavoro diversi.
      Ma immagino lo scopo di chi vuole sensibilizzare col cinema non sia io.

  7. Kylo Kal

    Se ho voglia di vedere un puro sfoggio di potenza mi riguardo man of steel partendo dallo scontro a smallville.

    Premio maccosa per gli alieni che se ne stanno 7 anni nascosti dentro un astronave a……giocare a flipper

  8. Cecchi Gore

    Ma nel film dicono “caPTain Marvel” o “caPITan Marvel”? Personalmente sentire “caPTain” in italiano mi fa andare giù di testa SMH

  9. Ma il Tesserac come c’è finito sull’astronave?
    Premetto che il primo film di Cap. America è come non l’avessi mai visto (mi sono sempre addormentato) però mi pare che finisca col Capitano che si iberna con aereo e Tesserac. E siamo ai tempi della 2° WW.

    Quand’è che lo ripescano? Sbaglio o la prima volta che lo ritroviamo è all’inizio del primo film degli Avengers che demolisce sacchi da boxe perchè non sa ancora che fare per recuperare l’Ice Lag? Perciò si presume che lui si sia svegliato da poco, perlomeno nel nuovo millennio.
    Ma se il Tesserac era già in giro ai tempi di Cap. Marvel (il film) vuol dire che l’avevano già ripescato e Cap. America l’hanno tenuto almeno un altro decennio in freezer?

    E poi il Tesserac a cosa serviva sull’astronave? Avevo capito per darle energia, però poi lo tolgono senza problemi e l’astronave parte per l’infinito e oltre. A cosa dava energia? Al flipper?

  10. Dopo infinity war, il marvel cinematic universe non merita un cazzo: nè spettatori, nè recensioni.
    Morto e sepolto, se mai è stato vivo.
    Vi prego, o Voi che dissentite, scateniamo una civile (ma anche no) polemica off-topic in merito!

    • Anzi, VI SFIDO.

    • Pepato

      Il fatto che quel film ti abbia (a te, singolo) suscitato emozioni negative è un affare tuo che non ha a che fare né con il film né con il MCU tutto. Legittime opinioni e reazioni, che però non meritano di diventare un’analisi universale. L’MCU continua e se ne fotte del tuo giudizio, e grazie a dio aggiungo. Grazie per averci fatto partecipi della tua delusione.
      (Andava bene?)

    • Quel “film” è indifendibile, per buchi di sceneggiatura, battutitine idiote e caratterizzazioni indegne di icone sacre a chi ama i comics. Chiude un cerchio aberrante iniziato più o meno col primo Thor, e sprofondato all’inferno col Dottor Strange, passando per il pur divertente Ragnarok. I fasti di Avengers, Winter Soldier e Civil War sono ormai un lontano ricordo e non servono che a far rimpiangere quanto avrebbe potuto essere. L’mcu continua e se ne fotte del mio giudizio (ma va?), e io che credevo di cambiare il mondo! La mia non è delusione, ma profonda indignazione: come fanno a piacerti certe minchiate?
      Grazie del commento: posso averne ancora?

    • Aggiungo che le regole della narrazione SONO universali e senza tempo, a partire da Omero (e prima ancora). La regola del MACCOSA risale ai tempi delle caverne. Una storia è oggettivamente brutta se è raccontata male; l’umorismo di lega inqualificabile fuori registro piacerà a chi ne è privo, come anche di senso critico.
      Mi fermo qui, ma c’è tantissimo altro che non va nell’mcu.
      E lo dico da Marvel fama dal numero uno di Capitan America che costava 50 lire.

    • Bradlice Cooper

      Le regole della narrazione saranno universali [1] ma hai scritto 4 commenti e il mondo continua a rotolare tranquillo, io qualche pensiero me lo farei – ma da solo in cameretta, non qui ad alta voce. ;)

      [1] no.

    • Credevo fosse lo spazio dedicato ai commenti, e francamente queste sfumature personali sono fuori luogo. Cazzo ne sai se ho una cameretta o un attico?

    • Forse Bradlice non capisce quello che hai scritto e ciò lo turba. O magari gli piace così tanto la minch…volevo dire è il number one fan di Chris Hemsworth e non tollera critiche all’MCU.
      Per questo la mette sul personale.
      Come Pepato prima di lui.

    • Ma non rompere i coglion….

    • Uttoo: grazie del commento, più intelligente di altri.

    • Italo2019

      Captain Marvel è un film di una noia mortale.
      Lo usano al posto dell’anestesia, in ospedale.
      Due palle immani.
      Non un sussulto, un’emozione.
      Niente! Piattissimo.
      Lei è esageratamente potente.
      Il villain praticamente non esiste.
      Fury ridotto ad una macchietta.
      Battute e gag in continuazione… Anche in momenti non opportuni.
      Ed é noiosissimo.

    • Bradlice: confuti la teoria delle scimmie instancabili citata nel commento di Pitch; neanche in un milione di anni alla tastiera riusciresti a scrivere qualcosa di intelligente.
      Il tuo senso dell’umorismo fa cagare e sei anche tanto coglione da utilizzare termini come “ricchione” nel 2019.

    • Bradlice, non volermene: non mi sento di relegare ques’ultimo pensierino alla mia cameretta.
      La “polemica” che auspicavo non era attinente alla tua presunta stupidità o omofobia, ma all’mcu.
      Poi gli eventi hanno fatto il loro corso…

    • Martino Scorsese

      guarda, per me la moda del cinecomic sparisce dopo Endgame. Da lì hanno due modi per andare avanti: o tornano al film singolo come sta cercando di fare la dc o provano ad aggiungere più cose e personaggi nella speranza che al pubblico torni la voglia di guardare i loro film.

    • Ale

      Io onestamente ti do ragione e ti chiedo: cosa ne pensi di come hanno depotenziato e bistrattato tanto Loki quanto Thor? Io sono personalmente molto suscettibile sull’argomento in quanto quelli sui due fratelli Asgardiani sono i miei fumetti preferiti fin dalla mia adolescenza. L’unica cosa che salvo è il casting… Mi piacciono molto sia Tom Hiddleston che Chris Hemsworth. Tu come la vedi?

    • “nella speranza che al pubblico torni la voglia di guardare i loro film”

      non mi sembra i film marvel abbiano questo problema al momento, eh?

    • Martino Scorsese

      intendevo dopo avengers 4. fidati, dopo quel film al pubblico verrà noia,prevalentemente perché già Infinity War era l’apice massimo, tutti i super in un unico film. poli lì sono riusciti a cavarsela con il finale aperto, ma dubito che dopo Endgame, in cui verranno aggiunti gli unici altri super non presenti nel precedente, al pubblico importi ancora qualcosa. l’unico altro modo che hanno per guadagnare ancora sarà inserire i Fantastici 4 e gli X Men, ma dopo saranno finiti. Poi chiariamo, è tutta una mia supposizione, e non sono certo un esperto di marketing, per cui può anche essere che abbia scritto un bel pacco di stronzate e che la marvel prosperi per un altro decennio.

    • Martino Scorsese

      Quantum,intendevo dopo avengers 4. fidati, dopo quel film al pubblico verrà noia,prevalentemente perché già Infinity War era l’apice massimo, tutti i super in un unico film. poli lì sono riusciti a cavarsela con il finale aperto, ma dubito che dopo Endgame, in cui verranno aggiunti gli unici altri super non presenti nel precedente, al pubblico importi ancora qualcosa. l’unico altro modo che hanno per guadagnare ancora sarà inserire i Fantastici 4 e gli X Men, ma dopo saranno finiti. Poi chiariamo, è tutta una mia supposizione, e non sono certo un esperto di marketing, per cui può anche essere che abbia scritto un bel pacco di stronzate e che la marvel prosperi per un altro decennio.

    • Martino Scorsese

      il secondo commento è venuto due volte perché… boh, la risposta più convincente che ho trovato è “sono un idiota”. scusate.

    • Ale: la scelta di casting per Thor e Loki era di certo azzeccata; poi li hanno ridotti a macchiette e ormai non rimane che poco o niente. Li hanno snaturati e resi dei personaggi ridicoli. Personalmente il momento che proprio mi ha fatto schifo a proposito di Thor (e Capitan America) è quando si incontrano sul campo di battaglia in mezzo a millemila morti ammazzati e scambiano battutacce sulle rispettive barbe: sembrano più i supereroi narcisisti e sociopatici dell’attesissimo “The Boys”.

    • Martino Scorsese

      IoSonUnRobot: per me la peggior scena è la caduta di Banner. mio dio, hai una scena potenzialmente epica, l’arrivo dei soldati nel campo di battaglia, e lo sminchi per far cadere come un idiota il tizio nell’hulkbaster? Per cosa, poi? per far ridere i bambinetti? ma non hanno già riso per le ventordici altre gag presenti? ma perché? Ma che ti ho fatto di male?

    • Martino Scorsese: volevo chiuderla qui, ma e’ piu’ forte di me. Rilancio con la megacazzata di Pantera Nera: “La cupola impenetrabile che protegge Wakanda ha un accesso secondario sul retro! Oh mamma: se fanno il giro la troveranno. Tanto vale abbassarla subito, cosi’ spariamo giusto una bordata di laser e poi carichiamo un milione di cloni di Venom all’arma bianca, che fa figo.” Ma che roba e’?

    • Martino Scorsese

      Dio quella roba!

      tra l’altro avrei due considerazioni a riguardo:
      1) chi è l’ingegnere wakandiano che ha pensato fosse una buona idea fare un semiscudo invece che uno scudo completo. e se i nemici atterravano dall’altra parte del Wakanda?
      2) posso capire che Pantera Nera non sia sto gran stratega, ma se dividi l’esercito nemico (perché una parte andava a destra e una a sinistra) ti è più facile sconfiggerlo perché è diviso in piccoli gruppetti più facili da eliminare rispetto ad un’unica mega orda dirompente.

      però si, meglio che chiudiamo, perché se dobbiamo tirare fuori le incoerenze del film non la finiamo più!

    • Toni Già

      Ora, non vorrei sbagliare, ma avendo appena rivisto Black Panther in dvd, io ho capito che gli alieni entravano lo stesso un pò per volta (infatti qualcuno entra sacrificandosi e facendosi fare a pezzi), ma se entravano dal retro e i difensori erano tutti sul davanti dovevano disperdere le difese e quindi per non disperderle e non avere sorprese dal retro hanno deciso di aprire la barriera.
      Poi se ho capito male pazienza dormirò lo stesso la notte, ma l’entrata di servizio sul retro mi pare una stronzata così grossa che non ci credo.

    • Bradlice: a che titolo scrivi? Decidi tu chi è opportuno scriva la propria opinione e il numero dei commenti? Non fai ridere e i tuoi atteggiamenti da bullo informatico hanno rotto il cazzo. Se devi confutare porta argomentazioni, altrimenti fattele tu le seghe nella tua cameretta, e sta fuori dal sito.

    • Bradlice Cooper

      BigMeetsBigger ma sei serio? Si rispondeva a un commento esplicitamente provocatorio di IoSonoUnRobot più sopra. Ho pure messo l’emoticon simpatica.

  11. Il film Captain Marvel è uscito al cinema il 6 marzo e non l’8. Appena ho visto il “gatto” ho subito previsto che IL SISTEMA MI AVREBBE TAPPATO LA BOCCA SE AVESSI PROVATO A FARE SPOILER

    • Toni Randine

      hai davvero spoilerato? ma sei stronzo?

    • gabrio il film è uscito l’8 marzo, il 6 hanno fatto le anteprime per la stampa. il resto del tuo commento l’ho editato perché a quanto pare gli spoiler danno fastidio (a me no ma sai com’è)

    • Quantum, qua da me il film è al multisala da mercoledì 6 marzo con plurimi spettacoli (il primo alle 16 poi a seguire)

    • Francesco

      È uscito l’8 matzo in USA (per ovvi motivi) e il 6 in italia. Nulla di male, eh?

    • Toni Già

      Confermo in Italia e tanti altri Paresi europei è uscito il 6, negli USA l’8.
      Ormai sono anni che da noi i film escono al giovedì o addirittura il mercoledì mentre negli United States hanno mantenuto il venerdì come uscita.

  12. Killing Joke

    Il fatto che in America si sia scatenata una polemica ferocissima per un film innocuo come questo e che alcuni abbiano sentito la propria mascolinità offesa e minacciata da ‘sta robetta fa capire che stanno messi veramente male

    • Bradlice Cooper

      È una misura della scarsa mascolinità di chi si offende, o più in generale della loro piccolezza emotiva e morale.

      Generalizzando: se vedere un ricchione ti fa sentire meno macho, significa che non sei macho manco per il cazzo.

    • Killing Joke

      Esattamente

    • “Ricchione” non si dice Bradlice: come cazzo ti permetti?

    • Pitch f. H.

      Reason why #1

      È che in suolo occidentale non si combattono *vere* guerre da troppo tempo. Non che personalmente ne senta la mancanza, ovviamente, sono per il peace and love sempre (fonte: vostra sorella). Però la natura umana, quella più intima, non si è evoluta così velocemente come si è evoluta la diplomazia internazionale. Risultato: l’uomo VUOLE guerra ovunque. Donna vs Uomo, Donna Vegana vs Donna e Uomo onnivoro, No-Vax vs Buon senso ecc.
      Tutto è (violentemente) polarizzato perché ci siamo, da oltre 60 anni, privati dell’esercizio legalizzato dell’odio e della carestia.

      Reason why # 2

      Il Teorema delle scimmie instancabili. Prendi una scimmia e mettila davanti ad una macchina da scrivere. In un lasso ∞ di tempo scriverà un’opera di Shakespeare.
      Ok, ma in un lasso di tempo ∞-1, scriverà il commento standard di internet, che è per definizione grossolano, sessista, razzista.
      Ovvero: prendere seriamente, nel 2019, le polemiche che nascono dai “social”, e lasciare che determinino *realmente* la qualità di un film significa cagare a spruzzo su almeno quattrocento anni di Illuminismo.

  13. Killing Joke

    Ciò detto se il prossimo film degli Avengers si risolverà in “Bene, adesso andiamo a prendere Thanos, gli rubiamo il guanto e alla fine tutto torna come prima” sarà una delle più grosse prese per i fondelli mai viste su schermo.
    Credo e spero che non sarà così (quantomeno per Thanos che è il miglior villain portato dalla Marvel al cinema e si merita una conclusione degna)

    • Michele Gardini

      Fosse stato quello originale dei fumetti. Uno che stermina metà dell’universo per far colpo sulla morte ha il suo perché. Averlo trasformato in Captain Decrescita Felice a mio parere ha tolto parecchio. Loki, come villain, a me sembra ben più interessante, visto che come recitazione se la gioca alla pari.

    • Martino Scorsese

      Michele, sono d’accordo al cento per cento. Il Thanos di Starlin, nichilista al punto da innamorarsi della morte al punto tale che per impressionarla decide di dare ai Vendicatori una minima possibilità di vittoria, in modo da dimostrare il proprio valore, è stupendo. Non capisco perché non potessero dargli queste motivazioni nel film.
      il migliore comunque per me è l’avvoltoio (mentre il film l’avevo trovato guardabile ma nulla più).

    • “Non capisco perché non potessero dargli queste motivazioni nel film.”

      perché avrebbero dovuto passare anni solo per introdurre e rendere digeribile la personificazione della morte a un pubblico che inizia solo ora a prendere confidenza con la marvel cosmica.
      e poi dai, fa un po’ ridere.

    • Martino Scorsese

      perché personificare la morte? perché non renderlo innamorato dell’ideale della morte?
      poi farà anche ridere, ma secondo me è meglio di Thanos che può uccidere gli avengers, tizi che lo vogliono fermare a tutti i costi, in un secondo ma non lo fa perché in realtà è buono. quando ha sterminato i nani che pure lo avevano aiutato.

    • Martino Scorsese

      Beh, perché personificare la morte? perché non renderlo innamorato dell’ideale della morte?
      poi farà anche ridere, ma secondo me è meglio di Thanos che può uccidere gli avengers, tizi che lo vogliono fermare a tutti i costi, in un secondo ma non lo fa perché in realtà è buono. quando ha sterminato i nani che pure lo avevano aiutato.

    • Martino Scorsese

      pure qui doppio commento. scusate ancora.

    • Uno sceneggiatore ganzo ci avrebbe messo un minuto a introdurre La Morte. Magari anticipandola in uno delle mille scene post credits, nel filmerda sul dottor Strange, o in innumerevoli altre occasioni. Non farebbe ridere manco per il cazzo, se chi scrive ste puttanate avesse il talento che Jim Starlin aveva nell’unghia incarnita dell’alluce sinistro. La verita’ e’ che con l’avvento della disney l’mcu attuale e’ un prodotto concepito da mentecatti per mentecatti.

    • Martino Scorsese

      Certo. Ci voleva una roba alla Settima Sigillo però donna. In realtà però la roba che mi ha dato più fastidio è Loki: li si che potevano usarlo come il Mefisto della saga di Starlin.

  14. IoMeMedesimo

    Premesso che di questo personaggio non me ne é mai importato niente, avevo già deciso di non buttare più soldi alla marvel dopo Venom e Maggiolino.

    Tre fattori hanno confermato la mia scelta come giusta:

    1) Il commento molto negativo di un mio amico appassionato di cinema (praticamente guarda tutto quello che esce o quasi).

    2) Una campagna promozionale che ha fatto cascare le braccia a tutti.

    3) Questa recensione…che non dice niente se non cercare di giustificare il film senza neanche nominarne i difetti.

    Grazie, mi avete fatto risparmiare ancora una volta i soldi.

    • Anonimo

      nè Venom nè il maggiolino (bumblebee?) sono Marvel

    • Venom non è MCU ma è “Marvel” fino all’ultima cellula del simbionte.

    • Seekario

      ma quando parli di “giustificare il film”, esattamente, a che passaggi fai riferimento?

    • IoMeMedesimo

      A tutta la recensione, che contestualizza il film per scusarne le pecche, o questo é quello che mi sembra.

      Del film non si parla mai praticamente, anzi, si cita la concorrenza così tanto che viene detto in poche righe più sullo schema di Wonder Woman che qualcosa riguardo la storia di Cap. Marvel.

      Poi, di chi sia sto film poco importa, coi fumetti sul grande schermo ho chiuso per almeno tre-quattro anni.

    • e pensa che se provi a salvare la foto di David Thewlis vedi che l’immagine si chiama “wonder woman è una merda.png” *wink wink*

    • IoMeMedesimo

      Uella!
      Eh, non son omai stato tanto bravo a trovare le uova di Pasqua.

      A proposito…manca poco!

  15. Angus Lee

    E’ divertente come tutta la tematica del genere faccia passare sottotraccia tutta la tematica politica del confronto tra superpotenza e gente che si abbassa alla violenza per sopravvivere, ma d’altronde anche in Iron Man 3 si parlava di minaccia creata ad arte e minaccia reale e tutti a discutere se il Mandarino fosse più o meno fedele ai fumetti.
    Francamente credo che il MCU almeno ci provi anche a dare tematiche progressiste in pasto ai grandi numeri, cosa che la Marvel ha sempre più o meno fatto coi fumetti. Poi però fanno porcate come il licenziamento di Gunn, che dimostrano come nel mondo reale tanti eroi sono tali solo a parole.

    • beh oddio, chiamarla tematica politica… sono anni che hollywood racconta storielle di imperi cattivi che fanno la guerra a casa degli altri con la scusa della democrazia e si sentono dei rivoluzionari che hanno fatto la grande allegoria. senza problematizzare, approfondire, spiegare le ragioni di entrambe le parti diventa una sparata fine a sé stessa.
      ti seguo invece su iron man 3, mai capito perché tutti sono sbroccati per quella cosa là del mandarino

    • Premesso che non mi ha scioccato il Mandarino di Iron Man 3, quello era più che altro un Mandarancio, un cosplayer ubriaco del Mandarino a fumetti.
      Mi pare di ricordare che la storia del film, in quel punto, fosse in crescendo, ma con la rivelazione del Mandarino fatto così, è finito tutto in un brutto anticlimax -_-

    • Martino Scorsese

      Ma comunque lo dicono nel film che lui non è il vero Mandarino, ma che Killian si è ispirato ad un vero terrorista chiamato mandarino.
      tra l’altro quel colpo di scena lì è probabilmente uno dei momenti più cinematografici dell’intero universo marvel, un colpo di scena che in qualsiasi altro film sarebbe stato elogiato.
      comunque credo che fosse stato criticato perché all’epoca quei film lì non dico fossero di nicchia, ma erano un pò come la trilogia di The War, una roba che guardano più gli appassionati. il vero momento in cui l’MCU è diventato effettivamente parte della cultura popolare è stato coi Guardiani della galassia. Da lì a tutti sono andati bene i film marvel e i produttori potevano permettersi di mettere qualsiasi modifica senza che nessuno lo facesse notare. sinceramente non so quanto sia stato un bene.

    • Iron Man 3 ha sfondato il miliardo di dollari, non so se si possa definire di nicchia. :)

    • Martino Scorsese

      Va bene, ma prova a chiedere al l’adolescente medio che considera i film Marvel i migliori della storia che ne pensa di Iron men 3.

  16. Cristoforo Nolano

    Quindi beccherà un botto di statuette dopo l’exploit di Zamunda?

  17. Luca

    Non capisco questa rece. Quasi non parla del film e quando lo fa non lo fa bene.

    Poi la storia dei 70 anni con una sola tipologia di eroina è un po inventata: non é sessismo é che i film con protagoniste donne o erano di un certo tipo o fallivano, hollywood segue i soldi.

    E comunque nel film il pedale sulla lotta al patriarcato e sulle donne che si ribellano ai maschi è premuto bello forte.

    Spoiler

    Intere sequenze dove carol per tutta la vita si ribella ai maschi. Scene dove il padre la critica perche donna, dove gli amici la perculano perche donna, colleghi dell esercito che le dicono è debole perche è donna, l aereo che non può pilotare perche a forma di uccello (cockpit in originale che per stare al posto di guida ci devi avere il pendolo).

    Tutto in un bel montaggio dove la donna carol si ribella contro l uomo che l ha limitata e oppressa.

    La scena dove lui cerca di mettere paletti e buttarla sullo scontro fisico dove l’uomo è superiore, con lei che spara raggi fotonici e se ne fotte.

    Metaforone di “una donna batte l uomo se usa appieno le sue doti invece di stare alle regole degli uomini stessi”.

    Film da 6 ma il femminismo c è e tanto

    • Buondì LaMotta

      “Intere sequenze” che dureranno sì e no cinque minuti.

      Qui non c’è femminismo e qualsiasi questione relativa al concetto occupa un minutaggio imbarazzante nelle due ore di film.

      E tutto viene liquidato con un’unica, singola battuta:

      SPOILER




      “Io non devo dimostrare niente”
      Applausi, WW magna tranquilla.

  18. Rocky Escobar

    Film parecchio meh con una protagonista da palo su per il sedere immenso, manco brutto ma totalmente inutile e che ti scordi un minuto dopo essere uscito dal cinema (il che è anche peggio di un film brutto, almeno quello qualcosa te lo trasmette)

    non fosse il film marvel dopo Infinity war e prima di Endgame non se lo sarebbe cagato anima viva (potevano fare pure solo un paio di sketch con Fury e il film avrebbe incassato uguale, se non di più)

  19. babbo corazzato

    Ma secondo voi Brie Larson è bona? Tipo che se la può giocare una nomination come “Miglior Gnocca” ai Sylvester 2020?

  20. Killing Joke

    Comunque dopo “Black Panther” dipinto da molti come una sorta di Malcolm X del Ventunesimo Secolo, Capitan Marvel contro il patriarcato pare che il prossimo saranno gli Eterni gay.
    Prepariamoci alla prossima ondata di indignazione e duelli rusticani su Twitter

  21. Toni Già

    E daje con sto vizio di affidare film d’azione a registi novellini o che han fatto solo filmetti inutili.
    Si vede la differenza quando un film viene dato a uno capace di girare l’azione (James Wan forever) e quando invece viene dato a registi fottesega dell’azione.
    Lannoia mortale di sto film in ogni suo frangente è qualcosa di clamoroso!
    Ma andè a ciapè di rat Disney e il loro politicamente corretto demmerda (anche per il licenziamento di Gunn).

  22. LeChuck

    Io voglio dire solo una cosa.
    Il gatto – colpevolmente non citato nella recensione da Quantum – la cosa DI GRAN LUNGA MIGLIORE del film.
    Il che la dice lunga sul film stesso.
    Come già detto in altri commenti, “inutile ma necessario”.

  23. Martino Scorsese

    copio e incollo da un altro sito su cui avevo commentato, scusate la pigrizia ma esprimeva abbastanza la mia opinione sul film dopo la visione:

    Film non dimenticabile, di più, tolto forse Samuel L Jackson. Tra l’altro moltissimi stanno facendo l’errore di Wonder Woman, dicendo che il film è bellissimo solo perché la protagonista è donna: non fraintendetemi, la parità dei sessi è fondamentale ed infatti ci volevano più cinecomics con supereroine (tipo la Vedova), però dire che è un film è bello solo perché il protagonista è di una etnia/genere/orientamento sessuale rispetto ad un’altra/o mi dispiace, ma è razzismo uguale.
    qualche considerazione (con SPOILER):
    – questione cattivi: interessante far apparire gli skrull come i buoni rispetto a quello che ci avevano detto i trailer, però dai, hai dei villain che possono mutare forma e quindi con mille potenzialità e li snobbi per un tizio anonimo che a momenti ruba a Malekith il premio “cattivo più anonimo di sempre”?
    – io ero andato al cinema per un solo motivo: Ronan. speravo che questo film lo presentasse come un antieroe, mostrandoci delle buone motivazioni per quello che fa nei guardiani. e invece boh, Darth Maul aveva più spessore e carisma.
    – questo e altri film mi fanno intuire che l’ormai stancante moda anni 80 (iniziata forse coi Guardiani della Galassia?) verrà presto sostituita da quella anni 90. yeee.
    -ormai sti film non sono più valutati per quello che sono, ovvero film, ma come episodi, e concordo con chi ha detto che se non era per Infinity war e Endgame questo film non lo avrebbe guardato nessuno nella vita.
    – negli ultimi tempi mi sono riguardato un pç tutti i film della marvel, e devo constatare che i peggiori sono sicuramente quelli della fase tre, almeno a livello di scrittura (Civil War e Infinity War sono pieni di buchi di trama): forse è dovuto al fatto che la marvel è diventata un fenomeno culturale dopo i Guardiani e da allora si adagiano sugli allori?
    – io lo dico: la moda del film di supereroi morirà col prossimo avengers, sono abbastanza convinto che dopo il pubblico si annoierà e troverà una nuova moda: per andare avanti il genere dovrà fare come il western e il noir, ovvero fare un film stand alone ogni tanto (e infatti scommetto che il nuovo Joker sarà un filmone) o si ostineranno a ripetere la stessa formulina, introducendo nuovi personaggi, facendo il mega crossover e sperando che al pubblico freghi ancora qualcosa. Anche così comunque hanno massimo massimo un’altra fase da fare (questa numero quattro) e poi muoiono.

    chiudo questo commento/mega pippozzo con una domanda: quanti e quali film di supereroi, secondo voi, tra vent’anni saranno ricordati e citati? per ora della marvel per me di memorabili ce ne sono cinque, forse sei.

    • IoMeMedesimo

      Tra vent’anni i film di super eroi saranno ricordati come i Western se butta bene, come American Warrior se butta male.

  24. Toni Già

    La MCU ha un universo coerente ma la DC tira fuori dei film singoli migliori (Wonder Woman, Man of Steel, Aquaman) e dopo il fallimento di Justice League addio idea di un universo coerente e condiviso DC.

    • Martino Scorsese

      guarda, come ho scritto sopra per me è meglio, meno preoccupazioni su “ah, questo devo farlo coerente con l’universo e bla bla” e più concentrazione nel fare un film e non un episodio di una serie tv.

    • Toni Già

      Sì infatti sono d’accordo con te e con me stesso.

  25. Attenzione! Prima di leggere questo commento sappiate che a me il primo Cap. America è piaciuto, se continuate a leggere è una vostra scelta e declino ogni responsabilità per danni a persone, cose e feels.
    Un vero autentico amante e conoscitore di fumetti questa roba non dovrebbe neanche sapere che esiste. I film Marvel hanno successo perché bypassano decenni di investimento emotivo dell’appassionato medio per puntare dritti alla plebe digiuna di fumetti. Brave persone, giuro: lo so perché ne ho sposato uno, mr. Sciuretto, il cui superpotere consiste nell’accompagnare me a vedere i film Marvel e dormire tutto il tempo. Stavolta io non avevo mai letto niente e partivamo pari; lui è rimasto sveglio e ha gradito. Io c’ero andata solo per amor di completezza e sono rimasta piacevolmente sorpresa. No, non è un capolavoro, non è rivoluzionario, ma fa il suo lavoro, cioè presentare in un paio d’ore miss mai coverta al grande pubblico e renderla moderatamente credibile. E poi niente può essere più brutto de I Guardiani della Galassia 2.

  26. Giuliano

    Certo che “caga-figli” è veramente di classe eh. Denota uno stile e una raffinatezza enorme, detto da uno che parla coi rutti.

  27. annadeimiracoli

    l’unica cosa che mi ha lasciato sto film è l’idea di prendere di nuovo in casa un gatto…

  28. Past

    eccalla’, arriva la pigiamata e commenti a raffica come se non ci fosse un domani…ma che vi fanno sti film…? perchè tutto sto entusiamo dietro roba che in due massimo tre giorni e bella che dimenticata…?

    MAH.

  29. Giacomo

    Quando il gatto graffia fury…. Vi siete chiesti. He cosa potrebbe nascondere il suo occhio adesso… Ovviamente dedotto dallespressione poco rassicurante dell’alimento.
    Ci avevate pensato?

  30. ste

    dai che forse ancora due tre puntate e ste ciofeche in pigiama ce le leviamo dalle palle…certo hanno desertificato le sale per 15 anni buoni ma tanto ormai il loro pubblico é passato a Netflix (brrrr)…forse e dico forse è la volta buona che si torna al cinema a guardare dei film (film, non serie TV con puntate a distanza di sei mesi ) di azione , fantascienza ecc chiamatela come volete ..senza gente che guarda il telefono e ciancica perché tanto il film l’ha già visto facendo il collage dei trailer dei sei mesi prima… Ovviamente questo lo guardo in streaming pirata coi sottotitoli arabi che é la.massima dignità da concedere a questa monnezza da under 20 cerebrolesi. Sul fatto che roba come Black panther Wonder Woman ecc possa avere una qualsiasi portata intellettuale (anche solo superiore all’attaccare le caccole al sedile del cinema pensando si sono tutti neri si sono donne bone evviva ) diciamo che è una cosa abominevole anche se mai orribile come la deriva horrorperbenista degli ultimi Oscar. Detto questo w i 400 calci in attesa di tempi migliori

    • Martino Scorsese

      sono d’accordo. infatti il problema di sti film è che vengono concepiti per essere come episodi di serie tv, ovvero la cosa che attrae di più gli adolescenti. Peccato che se uno si ferma ad analizzarli come film sono lavori fatti malissimo. Un esempio? Nel tanto osannato Thor 3 c’è il teletrasporto che la scena prima è istantaneo e la scena dopo è una sorta di tunnel spazio temporale che impiega secoli a funzionare. ed è un errore che era in Almighty Thor, la copia Asylum del primo Thor, giusto per dire.

  31. ste

    ma fosse solo per le incongruenze…é un’offerta palesemente al ribasso. Un film non nasce con l’idea che poi tanto spiego nei sequel prequel, non può creare epicità (fa fatica Milan dove non ci sono battute e Batman picchia a mani nude) basandosi su attori vestiti da idioti, non può fomentare nessuna discussione sulla realtà se é legato a personaggi pensati per il.mercato fumettistico di 20 30 o 40 anni fa. Poi che si possano guardare per carità de gustibus…ma che una cosa abominevole come Black panther sia agli Oscar e non nel cestone …(rivalutiamo i vari Transformers e anche Catwoman di Halle Barry allora..). Piacciono (nel.senso che son considerati proprio “bei film”)a chi non ha alcun gusto cinematografico o appunto a chi non può averlo o non è in grado, ossia quel range tra i 17 18 e i 27 28 che non è ancora stato risucchiato da fornite o Netflix, gente che spiace dirlo ma si siede al cinema attribuendo alla.visione la stessa dignità di 5 minuti giocati alla play o al terzomillesimo episodio della serie xyz. E il resto dell’offerta si attacca (e mi attacco anch’io, sono vecchio ..33 anni cazzo)

  32. totally not a robot

    quelli che triggherano di brutto stile uomo fumetto sui film MCU sono persone piu bidimensionali del classico villain marvel

    La MCU è una genialata è un circo (attenzione cringe in arrivo) ed è meglio di quei merdosissimi fumetti per ritardati adolescenti americani anni60-70-80 che erano costretti a comprare fumetti con le donnine mezze nude e ipertettute per segarsi invece che smerciare vhs porno pelosi come facevamo in europa because PURITANESIMO.

    Se volete la narrazzione e il cinema alto guardatevi Vertov Bergman e soci in lingua originale

    ps
    i dibattiti sui livelli di potenza solo nei forum di dragonball diobbbboia

    • Mio Dio! Ma sei vero?
      Un’ulteriore dimostrazione della fallacia del teorema delle scimmie instancabili.
      Spero per te che tu sia sotto l’effetto di stupefacenti e prima o poi ti disintossichi, perchè in ‘sti stati fai davvero pena.

    • ste

      libero di guardarli tutti come poi faccio io…e io libero di dire che sono merda pure (sì anche come intrattenimento sono merda pura). bello il principio per cui se non sei d’accordo su una cosa l’altro é sempre uno che trigghera come se smettessi di vivere perché è uscito l’ennesimo pigiama…sarei morto 20 anni fa allora

    • Cecchi Gore

      Ma guarda che i livelli di potenza sono una cosa molto, ma molto seria. Credi sia facile stabilire i “tier”? Tzé, non sai di cosa stai parlando amico

    • toni randine

      il tizio che tenta di bullizzare qualcuno usando il linguaggio ibrido italiano-termini dell’internet è veramente L’INCARNAZIONE TOTALE dell’uomo fumetto.

      Scommetto che sul tuo telefono conservi una cartella con le tue migliori “blastate”
      (migliori dal tuo obeso punto di vista, ovvio)

  33. Carpenberg

    Io non ho ben capito a che serve il superpotere che quando c’ha la cresta le si accorciano in automatico i capelli e quando se la toglie le ricrescono.
    Per il resto do ragione a Quantum: che vuoi dire di più sul solito compitino Marvel? Sono andato a vedermelo in prima fila, e come tutti gli altri è stato un decente intrattenimento, niente di epocale, scritto da sceneggiatori sotto il controllo del marketing, stacchi un paio d’ore e bon, fine.

  34. Past

    @ste

    sommariamente sono anche d’accordo…tenendo presente che di sti film non me ne perdo uno, e che si divertono sul momento e massimo due-tre giorni sono belli che digeriti ed espulsi e se va bene ti ricordi una due scene e/o lineee di dialogo…ma l’alternativa in ottica blockbuster-cinema d’intrattenimento in tutte le sue sfumature, quale esattamente sarebbe…?

    no perchè se questi prosperano senza problemi è perchè appurato di fury road non ce ne saranno più, ma se gli altri stanno unicamente a struprare franchise belli che morti vedi gli ultimi: alien,predator, terminator ecc… o riescono a fare robe anche più innocue e sceme vedi: i vari Transfomers e film tratti da giocattoli o videgiochi vari…questi prospereranno per altri 10-15 anni almeno…

    • ste

      ovvio che le alternative scarseggino…si va sul sicuro con quella merda..ormai é 100 per cento servizio cinematografico su richiesta del cliente più facile da spennare…lo stesso vale per una serie TV o il film diretto su nflix…lo guardi a casa spendi poco … che ti frega se non è un granché..pura offerta al ribasso, tanto finita una serie c’è sempre altra fuffa. Di Mad max ce n’è uno anche perché sono supercerto che gli assidui frequentatori di pigiamate e serie varie non l’abbiano apprezzato (no battute, no effetti colorati, no personaggi fumettistico ecc, no prequel sequel ecc). É un discorso vecchio che si adatta anche al discorso musicale…con la sola differenza che posso sempre cambiare canale radio o ascoltare altro in mille modi diversi…al cinema invece se vado quello trovo e se voglio vedere roba diversa me la becco per tre giorni e a orari improbabili se va bene(effetto checcozalone …ha successo perché c’è solo quello per un mese o viceversa?)

  35. Buondì LaMotta

    Restando in ambito MCU scpazziale, segnalerei Nova Prime (e i maschi MUTI).

    Ok che può esser difficile considerare Glenn Close donna, ma fa rima e c’è.^^

  36. Michael Gnaglas

    Spero anche io che il prossimo Avengers non sia semplicemente la Capitana che prende a calci nel deretano Thanos. Sarebbe una delusione. Leggo dabbasso molti commenti negativi su Infinity War. Adesso premesso che i gusti sono gusti…ma davvero?Cioe’ in un film cosi’ il problema e’ la caduta di Hulk o il mezzo scudo wakandiano?Invece tutto il resto? Un personaggio come Thanos, l’equilibrio narrativo con cosi’ tanti personaggi, il duello su Titano, l’arrivo di Thor sul campo di battaglia ( da lacrime ), il finale aperto. Tutte cose che molti dei premi oscar che scrivono qui sarebbero stati capaci di pensare e girare immagino. Il tutto in meno di 3 ore di film. Il tutto in un film che deve vendere a un pubblico di bambini e adulti.
    PS: la battuta ‘Capelli corti?’ / ‘Vedo che hai copiato la mia barba’ fa ridere, mettetevi l’anima in pace. Se non avete riso probabilmente il problema e’ vostro.
    Scusate lo sfogo, ma davvero si leggono sempre le solite cose e sembra che bisogna criticare i film Marvel a prescindere.

    • ste

      tutto ciò che puoi esaltare in un film di pigiami è diciamo come si dice ehmm…la regola per un qualsiasi e sottolineo qualsiasi film decente…poi che piacciano o non piacciano quello dipende solo da target e gusto.. e in questo caso target d’età e gusti sono entrambi bassi..infatti fanno soldi a palate e fanno benissimo. Non ci vuole molto a capire che si tratta di roba da cestone sotto ogni punto di vista ..solo confezionata bene.

    • Martino Scorsese

      Guarda, ti dico la mia che sono uno dei “detrattori”. parto comunque col dire che a botte è fatto molto bene e per quello vale il biglietto:
      – “caduta di Hulk e scudo wakandiano”: magari ho perso qualche commento. io parlavo su con IoSonUnRobot del fatto che la strategia del wakanda non abbia senso e che ci siano altri buchi di trama;
      – per Thanos sarò un nerdaccione pipparolo, ma continuo a preferire quello nichilista dei fumetti. poi questo è un ottimo personaggio, ma gli danno motivazioni un pò incoerenti e a volte sembra che l’abbiano addirittura troppo umanizzato;
      -Equilibrio narrativo: purtroppo per me il problema della scrittura così così (che c’era anche in Civil War) deriva proprio dai troppi personaggi. immagino che sia molto, molto difficile trovare il modo di introdurli tutti bene e in maniera coerente;
      Duello su titano: intendi la battaglia “tutti contro Thanos” o lo scontro col solo Iron Man? La prima l’ho trovata molto bella e ben coreografata, però anche lì, costavo molto far dire a Thanos all’inizio dello scontro “dai, voglio darvi una minima possibilità, perciò mi tratterrò coi poteri?”. Lo scontro con Iron Man sarebbe stato epico, ma le nanomacchine, mamma che fastidio;
      Thor in Wakanda: qua mi trovi pienamente d’accordo, scena epica che da il giusto riscatto;
      – quella battuta lì: personalmente non mi ha dato fastidio, era una di quella battute da cameratismo. trovo invece sceme gag come Banner che inciampa come un idiota, che rovinano una scena potenzialmente epica come l’arrivo dei soldati nel campo di battaglia;

      guarda, in definitiva il difetto del film è che bastava fosse scritto un minimo meglio, in alcuni casi bastava davvero una riga di dialogo o una roba semplice: per dire, per risolvere il problema Wong, non potevano farlo ferire dal bestione dell’ordine nero? o per quanto riguarda Loki, non potevano farlo durare come consigliere di Thanos e poi rivelarne il tradimento solo più avanti? davvero, in molti casi era poca roba.

      comunque ho visto pochi minuti fa il trailer di Endgame, e mi ha caricato molto, spero che con meno eroi e una storia più mirata riescano a migliorare.

    • Magari qualcuno dei premi oscar che scrive qui, scrive di mestiere con un altro nome e legge da sempre, tra le altre cose, i fumetti Marvel. Tornando a Infinity War quale sarebbe “tutto il resto” cui fai riferimento? Un paio di scene azzeccate rispetto a due ore di scene potenzialmente altrettanto valide rovinate da imbecillita’ assortite come se non ci fosse (e in effetti non c’e’) un domani? Se ti ha esaltato l’arrivo di Thor, presumo tu sia in grado di separare la crema dalla “cioccolata”: e qua la seconda prevale alla grandissima. Cos’ha Thanos di tanto figo? Un’etica inspiegabilmente idiota e il fatto che Josh Brolin (grande attore) abbia sempre gli occhi lucidi in computer grafica? In quest’ambito Andy Serkis e tutte le mitiche scimmie del pianeta delle scimmie lo surclassano. Se per equilibrio narrativo intendi che tutti appaiono ugualmente stereotipati e idioti, allora ti do ragione.
      Se ci facessimo bastare cosl’ poco ci meriteremmol’mcu: meno male che alcuni di noi vogliono di piu’.

    • Michael Gnaglas

      @Martino grazie per la risposta molto esauriente. Io semplicemente ti dico che se anche avessero fatto quello che tu dici, metti una riga di dialogo in piu, risolvi questa questione cosi’ e quella cosa’, tanto ci sarebbe stato sempre uno che scrive che ti trova un difetto e si chiede perche’ non hanno risolto in maniera differente. Sempre, perche’ leggendo molte recensioni e commenti soprattutto c’e’e sempre qualcosa che non va. Poi che questi film non siano dei colossi di struttura narrativa, siamo d’accordo. Ma sono film d’intrattenimento, magari fatti per farti spegnere il cervello un paio d’ore. E se il film e’ fatto bene, da mazzate come Infinity War, personalmente qualche pecca io la perdono sempre.

  37. Rocco Alano

    Questa bacheca è piena di gente che dice di disprezzare i film marvel, ma di averli guardati tutti.

    Avete del gran buon tempo!

    • Perché, disprezzare qualcosa che non si e’ visto sarebbe piu’ intelligente?

    • ste

      dalle mie parti si dice ta ghet bu tep….ma poi non è che li si disprezza ..l’ultimo ad esempio per metá film non era neanche malaccio…poi diventa una sfida di figurine…tutta roba che comunque non vale mezzo Spiderman di raimi per dirne uno

    • Rocco Alano

      @IoSonoUnRobot direi di sì. Visto che a me non passerebbe neanche per l’anticamera del cervello di guardare qualcosa che so già mi farà cagare.
      Magari sono strano io.

    • Apprezzo l’uso del condizionale, quindi rispondo: premesso che non sempre sai cosa ti farà cagare prima di averlo visto e talvolta le sorprese (anche belle, vedi Ant Man) sono dietro l’angolo, dopo “Infinity War” non guarderò più L’mcu.
      Gli ho dato molteplici chance perchè alcuni film erano buoni, un paio ottimi. In ogni caso tieni conto che persone come me, che sono nate e cresciute coi fumetti Marvel (e D.C.) amano i supereroi a prescindere, quindi è fisiologico seguirne le vicende anche sullo schermo indipendentemente dai risultati. Molti di quelli che hanno scritto nei commenti di C.M. credo appartengano a questa categoria.

  38. Il Reverendo

    Che poi vabbè,
    -ringiovanire artificialmente Samuel l Jackson significa solo chiedergli di farsi la barba e tingergli i cappelli, perché per il resto lui è proprio così
    -brie Larson io la amo.
    -ancora una volta Buffy ha fatto tutto quello che questi film qua pubblicizzano di fare, solo molto meglio e molto prima

    Sul film:
    Io l’ho trovato scarsino. La ricostruzione degli anni ’90 poteva funzionare molto meglio se avessero seguito lo stile di un film di quegli anni, almeno nelle scene con Fury e caulson in macchina, invece no.
    I registi di per sé li ho trovati scarsi, il film secondo me ha un montaggio che funziona male e scelte di regia lofie, persino per l’universo Marvel.
    Per qualche motivo brie Larson non sembra capace di infondere al personaggio quel misto di spavalderia e ironia che sembra che debba mostrare.

    E in linea di massima c’è poca incisività riguardo la storia, i cattivi, gli Skrull che sembrano usciti da un episodio dei Power Rangers, il gatto che sembra uscito dai men in black, l’ancora non abbastanza applaudito ben Mendelsohn un po’ sottoutilizzato (anche se so bene che ha il doppio ruolo), e infine la possibilità non utilizzata di fare una Carol danvers lesbo che secondo me sarebbe stata perfetta.

    Poi sarà anche che ho visto la sera prima aquaman, che è una fottuta bomba atomica di pacchianeria, grossezza, scene di botte riprese da dio, ingenuità e generica fighezza, che captain Marvel può accompagnare solo.

    Comunque amo ancora brie Larson.

    • Toni Già

      Reverendo una curiosità: ma Aquaman l’hai visto al cinema tardivamente o su altro supporto?
      Quello però andava visto al cinema a tutti i costi e su uno schermo enorme e con un audio potentissimo perchè è grosso grosso grosso.
      Che te lo dico a fare che Aquaman>di tanti film Marvel

    • Il Reverendo

      Lo so. Purtroppo l’ho visto “su altro supporto” perché al cinema mi è sfuggito.
      Colpa di quelle merde dei miei amici che passano il tempo a grufolare nel fango ma quando gli propongo un film di supereroi si ricordano di essere degli intellettuali snob.

      Bomba atomica comunque. Dai combattimenti girati in quel modo pazzesco alla pacchianeria totale, forse era più una roba d’avventura che di supereroi, ma ho già voglia di rivederlo. Lo facessero fare a Wan il film su Batman.

    • Toni Già

      @Reverendo ma molla i tuoi amici e vallo a vedere da solo. Ormai non provo più a convincere chi non vuole venire al cinema con me a venirci: prendo e vado da solo!
      A Wan qualsiasi film d’azione nei prossimi 20 anni!

  39. Toshi

    Io l’ho trovato davvero brutto come film. Noioso, banale. Nelle scene d’azione non si capisce una sega, tutte scure, secondo me hanno studiato poco le coreografie. Ma ce lo vedete Jude Law che si allena stile Chris Evans per fare a botte? Poi Samuel L Jackson ringiovanito che sembra faccia fatica a muoversi, le poche scene in cui mena le mani imbarazzanti. Solo Brie Larson mi è piaciuta, la trovo sempre una fregna spaziale qualsiasi cosa indossi. Poi si trasforma in super sayan, unica scena salvabile del film.

  40. Raga è bellissimo vedervi così carichi! Ora che ogni singola persona che legge questo sito si è presa dieci minuti per dire “le cose mainstream mi fanno schifo e questo film non è granché” possiamo contarvi così numerosi e partecipi anche quando recensiamo roba figa e meno mainstream?

    • No, egregio signor Quantum: date il meglio quando recensite lammerda perchè è più “di ridere”.
      In proposito pretendo e imploro una recensione SPECIALE della fantastica serie italiana “The Reaping”.

  41. Cristoforo Nolano

    La noia. Tolto il finale spaccastronavi, non succede veramente un cazzo. Si salva il gatto migliore dai tempi di Men in Black.

    • annadeimiracoli

      Quotissimo!
      Più noioso di questo, imho, solo Black Panther, che se c’avessero messo una pantera domestica, un ghepardo BFF, che so, un cucciolo di ippopotamo da adottare…forse forse…)

  42. MoNrOo

    So che ovviamente non frega a nessuno la mia opinione, ma sinceramente non mi è dispiaciuto. Anzi, mi è piaciuto più questo che Black Panther, per dire.
    I difetti di questo film non sono preponderanti, forse quello che mi ha dato paradossalmente più fastidio è proprio il titolo.

  43. Liam Brozzi

    Onestamente, questo film non mi è piaciuto per niente. A mio parere, è un’offesa all’intera serie della Marvel, ma non perché il protagonista è femmina. Anticipo che io stavo in ansia di vedere il film proprio perchè wonder woman mi aveva davvero sbalordito, quindi speravo lo stesso in captain marvel. Ma il film, a mio parere e a parere del 80% dei video recensione su youtube, questo film è noioso, in quanto:
    Il protagonista, non fa emozionare, anzi è antipatico perché non viene descritta la sua storia in maniera approfondita, e non deve fare un vero e proprio viaggio per diventare il super eroe che tutti aspettavamo, nel senso: chi si ricorda thor? Chi si ricorda iron man? Cazzo, questi si che hanno dovuto farsi il beneamato culo per diventare chi ora sono, e lo stesso vale per Wonder Woman. Mentre a captain marvel? SONO UMANA! Dice questa frase e diventa super sayan reincarnato femmina e distrugge astronzavi come se non ci fosse un domani (prendendole a cazzotti, non per dire). Il protagonista secondo me è troppo sbruffone, e poco umile, perchè non ha mai fallito: thor, all’inizio, viene bandito da asgard e da i suoi poteri dal padre, perché lo ha deluso e non ha dimostrato di essere all’altezza. E ripeto, in captain marvel? Non ha mai dimostrato di poter migliorare, perché negli unici due combattimenti con il suo “maestro lei “bara” utilizzando i suoi poteri, senza mai far vedere che davvero è forte senza quelli, e intendo dire: iron man, senza la sua armatura, ha fatto il culo a gente del suo stesso livello, quindi umano vs umano tony stark vince. Mentre, ripeto per l’ennesima volta, captain marvel? HAI RAGIONE, SONO UMANA! *goes super sayan*. Per questo motivo, sono rimasto davvero e dico davvero deluso dal modo in cui è stato girato e scritto il film, perché se il protagonista fosse stato più umile, e se avesse dovuto fare una ricerca, per provare e dimostrare la sua forza, allora sarebbe stato meglio! Fatemi sapere che ne pensate :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.