Crea sito

Il corpo di Jennifer. Appiccicato a quello della sua amica. Con la lingua.

In Inghilterra gira un poster diverso da quello ufficiale che fa sembrare Il corpo di Jennifer una semplice commedia adolescenziale e si limita ad etichettarlo come “perverso” come timida allusione alla trama horror. È questo qua sotto:

e magari cantano anche come in High School Musical! *_*

e magari cantano anche come in High School Musical! *_*

Normalmente m’incazzerei, ma dopo averlo visto in anteprima al FrightFest di Halloween è una scelta che mi sento addirittura di incoraggiare. Alla fine dei conti, l’unico tipo di pubblico in grado di apprezzarlo è proprio quello delle commedie adolescenziali – o almeno quel suo sottoinsieme aperto di mente il tanto che basta per non spaventarsi davanti a Megan Fox con una dentiera affilata e gli occhi felini.
Che intendiamoci, ovvio che non mi aspettavo Hellraiser, ma a Diablo Cody – anche se Juno mi ha fatto cagare – speravo di poter chiedere qualcosa che fosse un minimo più interessante e sostanzioso, e che potesse possibilmente infilarsi sulla scia di riuscite satire/metafore alla Schegge di follia o Mean Girls. Gli spunti del resto c’erano tutti: la band “indie” che fa il patto col diavolo, la mangiauomini letterale, l’amica sfigata dai sentimenti confusi, il solito ambiguo trattamento mediatico delle tragedie. E invece tutto quanto viene buttato in barzelletta, gag superficiali usate per punteggiare una storia svogliata che si accontenta di accumulare dialoghi saccenti/sarcastici (è in questo che è bravina la Cody) e che limita il lato horror a un paio di deboli spaventerelli, qualche macchia di sangue e Megan Fox struccata. E che nel frattempo ci affligge con la colonna sonora modaiola più fastidiosa e invasiva più o meno di Tutti i Tempi.
Però le note positive ci sono, e una è proprio Megan Fox. Chiederle di fare l’oca svampita, cinica, superficiale, troietta e irresistibile è come chiedere a Clint Eastwood di fare il duro dagli occhi di ghiaccio: magari fatichi a distinguere quando ci fa e quando ci è, ma in quanto ad efficacia non ha rivali.
Poi c’è un’ammirevole Amanda “occhioni” Seyfried nel canonico ruolo della finta bruttina con gli occhiali, i capelli in disordine e senza fondo tinta, che se non altro evita di eccedere in sfigaggine in quanto provvista di boyfriend (Johnny Simmons nel ruolo di Michael Cera).
E poi ci sono le due parole magiche:

* SCENA LESBO *

Tra Megan e Amanda. Breve ma intensa.
Favorisco foto per stimolare l’immaginazione.

I don't wanna close my eeeyes... I don't wanna fall asleep 'cause I'd miss you babes, and I dooon't wanna miss a thiiing...

le sbarbine sono bionde - le sbarbine sono more - le sbarbine sono tante - le sbarbine in amoreeeee

Dal canto suo Karyn Kusama alla regia non ha il tocco brillante di un Jason Reitman, ma rimane una professionista più che decorosa e dotata di buon talento visivo, e infila almeno un paio di scene ben fatte – tipo Megan Fox nuda con le tette fuori che esce dall’acqua al rallentatore, anche se le tette non gliele inquadrano e sono visibili solo nelle foto del backstage opportunamente distribuite in fase promozionale.
Ma alla fine della faccenda, bassi istinti a parte, comincio ad essere un po’ troppo vecchio per queste cose.
In Italia dall’11 dicembre.

DVD-quote suggerita:

“Megan Fox scena lesbo”
Nanni Cobretti, i400calci.com

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

13 Commenti

  1. Una pinta qui per il mio amico che cita gli Skiantos!

  2. jackkkk

    un dvd quote un po’ banalino, eh? punti sulla carnazza?

  3. Ratto Reietto

    è tutto quello che serve per vendere un film.
    Qualcuno sa qual è il laboratorio dove hanno creato la Megan, che me ne ordino una?

  4. Questa recensione avrei potuta scriverla io. No, sul serio. Fatta eccezione per il giudizio meta-critico sulla Fox, le cui misere tettine vengono pateticamente sparate in orbita dal push-up in ghisa della foto. E ha dei pollici semplicemente inguardabili. Guardate qui:
    http://img121.imagevenue.com/view.php?image=04459_17_122_687lo.jpg

  5. Gran bella invenzione. Megan Fox, dico. Poi vabbeh, la riuscita del film per me è assolutamente superflua.

  6. @Nanni Cobretti: nooo, speravo di non leggere mai “l’unico tipo di pubblico in grado di apprezzarlo è proprio quello delle commedie adolescenziali”; speravo che Jennifer’s Body fosse diverso…
    @Diobrando: i pollici sono più importanti per lo schermo della tua televisione che per la Fox, non credi? tette a parte

  7. @Lenny Nero: ..ebbè, sì. Hai ragione. E aggiungo che i due colpi che le propinerei volentieri non sono in discussione. Dicevo così, giusto per alimentare il fuoco della polemica gratuita. E portare subdolamente avanti la mia personalissima campagna pro-sputtanamento di questa pseudo-attricetta da quattro soldi. ;-)

  8. Ah, la scena lesbo con Megan….

    Sì? Stavamo dicendo…?

  9. david

    ‘somma, detta come va detta, mi scarico quei 20 mb di scena lesbo e sono a posto, no?!

  10. Simo

    Concordo con Diobrando. Per me la Fox è sopravvalutata. Di gnocche ce ne sono state e saranno anche di migliori. E’ che l’abbiamo vista sempre e solo sudaticcia, con le labbrucce socchiuse, abbronzatina e pure un pochino sporca di polvere. Così sembrano fighi pure quelli di Lost.
    (Sì, è ovvio, si parla dell’empireo. Gente così per strada semplicemente non esiste, la scongelano e la portano sul set direttamente).

    Simo

  11. @jackkk: sto solo dando una mano al marketing, e’ a questo che servono i DVD-Quote

    @david: confermo

    @per chi disprezza la Megan… ma si’, ma si’, viva la donna che sa fare 2+ 3 e che quando ti svegli la mattina e’ uguale a come te la ricordavi la sera prima… ma alla fine, per quanto il cervello non sia d’accordo, non e’ lui che comanda (e con questo si recava ruttando al pub a vedere West Ham – Everton)

  12. Diablo Cody è un semi-pacco. Leviamola di torno, please. Sta annegando la sceneggiatura della commedia americana in piazzata da democratici sfrenati e paraculi. A me Juno non è che fece proprio cagare, ma certo il suo super-spot da famiglia aperta e democratica era insopportabile. Stesso discorso per United States of Tara. le famiglie della Cody se tu sei strambo o resti incinta a 15 anni non è che sclerano ma dicono ehi sei una figa!

  13. weofp

    è finita la semana del cine fantastico y de terror qui a San Sebastian-Donostia, ottumo festival grazie anche al pubblico caciarone cazzone e appassionato.
    Si segnalano la presenza di Christopher Smith a presentare Triangle, di due tizi dal nome impronunciabile detti anche regista e produttore di Dead Snow e, per la seratona finale, Noburo Iguchi in versione sumo (http://img694.imageshack.us/img694/4712/imgp1204.jpg). (avrei anche il filmato di sti due che fanno la danza del sumo ma non mi si crea di metterlo su youtube)

    Il pubblico si è espresso dicendo che Paranormal Activity fa cagarone, mentre tra i corti hanno trionfato il supercortissimo Barbee Butcher e gli ottimi Arbeit fur Alle e Miracle Fish.
    Segnalo anche un promettente corto ispanico, Zombie and Cigarettes, dovrebbe trovarsi qualcosa su tubo.

    http://img694.imageshack.us/img694/6653/imgp1198.jpg
    http://img503.imageshack.us/img503/1469/imgp1202.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.