Crea sito

R.I.P. Tony Scott

21 Giugno 1944 – 19 Agosto 2012

Non c’è la forza nè la voglia di dire molto altro adesso.
Quello che pensiamo di lui è ampiamente documentato.
Ciao, Meraviglia.

Tags:

67 Commenti

  1. Carlo

    una tragica perdita per il mondo della pittura

  2. Phoenix

    La persona sbagliata che si butta dal ponte.

  3. :-( Ciao Tony

  4. Gigi Proiettile

    R.I.P.

  5. Antani

    Affranto.

  6. Giovi 88

    Grande tristezza, proprio eri sera ho visto Giorni di Tuono e due giorni fa Unstoppable… Se ne va un ottimo regista di film d’azione, tra i suoi film da me preferiti ci sono L’ultimo boyscout e Man of Fire. Riposa in pace Tony.

  7. Slum King

    E’ venuto fuori che aveva scoperto di avere un cancro al cervello di quelli inoperabili. Che palle. Che palle. Che palle.

  8. Aldo Jones

    Cristo Santo Fottuto !!! Solo una cosa del genere avrebbe potuto oscurare la recensione de I MERCENARI 2.

    MA PORCA TROISSIMA !!!

  9. … Godspeed Tony….

  10. Gigi

    RIP Tony qualsiasi sia il motivo che ti ha spinto al tuo gesto.

    Come appassionato di cinema, mi viene il rammarico pensando a dove sarebbe potuto arrivare come regista: cinematograficamente parlando, Unstoppable è il suo lavoro migliore, veloce, secco, privo di fronzoli, essenziale. Peccato.

  11. Triolocaust

    La notizia sul cancro al cervello non è confermata per ora. Tony aveva sofferto di depressione in passato, potrebbe essere quello. In ogni caso: @Mattia, non c’è niente di male nello scrivere “il regista di Top Gun”. Devi pensare che la maggior parte delle news sono indirizzate a gente che magari di Scott non aveva mai visto manco un film, e non a “iniziati” che sanno che True Romance è forse la sua opera migliore. Così almeno si fanno un’idea e se hanno voglia da lì vanno oltre…

  12. Ho visto necrologi che citavano più facilmente Giorni di tuono e Allarme rosso che True Romance e L’ultimo boyscout. Prima il botteghino e la programmazione di Rete 4, poi il resto.

  13. blueberry

    io non sono un “fissato”. intendiamoci: mi piace il divertimento e passo con non troppa difficoltà dal visionare un “uccellacci e uccellini” o, appunto, “l’ultimo boyscout”. mi piacciono i film di guerra e/o comunque di sparamenti e morti ammazzati bene/male. la cosa divertente è che ho sbavato guardando un sacco di film diretti da tony ma che, vista la pigrizia, non sapevo fossero “suoi”. mi riferisco appunto a beverly hills cop II, all’ultimo boyscout, ad allarme rosso, a the fan (immenso de niro), nemico pubblico, spy game (redford caga in testa a pitt), man on fire e deja vu. ho associato il nome tony scott a questi film qualche mese fa leggendo la sfida tra nanni e robe. direte “è pazzo costui!” e me lo merito anche. ma io davvero non sapevo fossero i suoi e l’unico scott che ho sentito nominare è ridley di cui ho visto i film di guerra (mi mancano i classiconi lo so).
    la mia ragazza è da romanticherie assortite e quindi, davanti ad un film, siamo sempre o quasi in disaccordo. eppure la convinsi a vedere “man on fire” (che non sapevo fosse di tony) propagandando la presenza di denzel come garanzia. beh lei ha pianto poi alla fine del film.
    tutto questo solo per dire grazie a tony.
    non m’interessano i paragoni. e non esiste un metro per stabilire grandezza estetica o altro.
    solo grazie tony

  14. Ho appena letto la pagina dedicata alla sua morte sul Corriere della Sera. Da rabbrividire. Intanto True Romance non è mai citato, Man on fire in maniera molto superficiale, pare quasi che il capolavoro di Scott sia Top Gun. Certo bisogna rivolgersi a tutti, un giornale di quel tipo ha il dovere di fare identificare alle persone chi era Tony Scott, ma allora perché NON appare nemmeno un trafiletto con sopra scritto “i suoi film” e seguito dal bruto elenco dei titoli con anno di uscita. Mereghetti invece di parlare di quello che Scott ha fatto per il cinema si attarda a sproloquiare di complesso del secondo e stronzate simili. Minchia ma sei un critico o uno psicologo da bar? Ma che cazzo mi citi a fare Pelham 1 2 3 per parlare di Washington come suo attore feticcio? Perché non metti Man on Fire che è un capolavoro? Ma come si possono lamentare che la critica cinematografica sui giornali stia morendo se poi quando hanno un occasione grande quanto un palazzo di fare un discorso che un si discosta un filo da quelli più triti e ritriti la mancano totalmente? Non so nemmeno quante volte ho sentito questi baroni di cartapesta attacare i cineblog dicendo che lì chiunque può scrivere qualsiasi cosa è che loro sono invece garanzia di autorevolezza perché con i loro studi sull’estetica e sulla tecnica bla bla bla. E poi con i tuoi anni di studi sull’estetica e sulla tecnica che cazzo scrivi il giorno dopo la morte di Tony Scott? Banalità sopra banalità. Complimenti

  15. Chiedetelo a Ridley il complesso del secondo.

  16. abraxas il commesso

    stasera su italia1 fanno top gun, non credevo che l’avrebbero fatto

  17. Garet

    RIP Tony :(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.