Crea sito

Cattivo come adesso non lo sono stato mai: la rece di Suicide Squad

«Poi zoomiamo bene bene sulla tua faccia intensa e sofferente OK?»

«Poi zoomiamo bene bene sulla tua faccia intensa e sofferente OK?»

Suicide Squad si apre con due fenomenali sequenze che ci presentano le due superstar che tengono in piedi la baracca. Will Smith è Deadshot, un tizio che spara benissimo e di mestiere ammazza la gente, mentre Margot Robbie è Harley Quinn, una tizia tutta pazza appesa a testa in giù. Proiettili in testa e follia negli occhi: David Ayer ci ha appena spiegato che i suoi due personaggi più importanti sono cattivi cattivissimi! Sta andando tutto alla perfezione.

Suicide Squad prosegue introducendo dal nulla Viola Davis che è Amanda Waller, una tizia del governo che – deduciamo un po’ a fatica – sta provando per l’ennesima volta a farsi approvare quello che, con il senno di poi ma anche con un po’ di buonsenso del prima, non è difficile identificare come un piano del cazzo: dopo l’uscita di Dawn of Justice il mondo della DC è sull’orlo di una crisi di nervi, e l’unico modo per tenere a bada i potenziali futuri Superman che potrebbero sbarcare sulla Terra è riunire una squadra di cattivi cattivissimi, disposti a fare quello che nessun buono buonissimo farebbe mai.

È significativo che tutto il casino da risolvere in Suicide Squad sia causato da uno di questi cattivi e che di fatto il film si crei da solo la scusa per esistere?

«SORPRESA! Siamo troppo pazzicattivi! xoxo»

«SORPRESA! Siamo troppo pazzicattivi! xoxo»

Amanda Waller prosegue facendoci fare la conoscenza dei suoi asset. È qui che assistiamo a due fenomenali sequenze che ci presentano le superstar che tengono in piedi la baracca, e cominciamo a sentirci un po’ presi per il culo. Altri proiettili in testa, gente appesa e la follia negli occhi: è quasi come se avessimo già visto tutto dieci minuti fa! Alla fine della parata, sia Deadshot sia Harley Quinn ci tengono a ribadire che loro sono cattivi cattivissimi.

Lo ribadiranno per tutto il film, a intervalli regolari e accompagnando spesso le dichiarazioni d’intenti con gesti simbolici e pregni di significato come “spaccare una vetrina” o “fare la faccia cattiva e serrare le labbra”. È d’altronde importante che lo ribadiscano visto che Suicide Squad è un film che fa il possibile e l’impossibile per dipingere i suoi protagonisti come eroi e vittime, il governo come corrotto e cattivo cattivissimo e il teorico vero villain della situazione come un boss di Final Fantasy. È difficile passare per malvagio se passi un’ora sotto la pioggia a sparare a mostri senza volto, e nel tempo libero pensi alla tua famiglia o a tua figlia o al tuo amore o a quanto crudele è stata con te la società civile.

Ecco perché è importante ogni tanto ribadire di essere cattivi!

Ah! Da qualche parte in questo bordello senza costrutto c’è anche il Joker. Sigla!

Fingiamo per un attimo di poter ignorare il fatto che, come sto facendo io in questo pezzo, anche Suicide Squad dedica il suo intero primo atto a presentare e ripresentare i personaggi – con picchi di ridicolo quando si parla di Deadshot e Harley Quinn, chiamati sul palco tre volte in meno di mezz’ora per consentire ad Ayer di appiccicar loro addosso anche qualche minuto di Batman e Joker.

Dico “Ayer” ma è chiaro che, almeno se parliamo di scrittura e montaggio, il poveraccio ha avuto pochissimo a che fare con quello che è arrivato al cinema. Voglio dire, se le schedine di presentazione del cast esistessero come clip-prequel su YouTube invece che come Power Point animato pre-film ne loderemmo la creatività e lo stile e financo il coraggio, visto che tutto si può dire di Ayer tranne che la sua carriera sia costellata di colori psichedelici, one-liner deliranti e personaggi pazzi pazzissimi che sputano fuoco. Lui la materia la affronta anche con classe – anche se non senza un certo nervosismo, e infatti le cose vanno meglio dal secondo atto, quando il film diventa il più classico dei “gente con fucili che si muove sotto la pioggia in una zona di guerra” –, poi però il suo girato viene riassemblato sotto forma di trailer di mezz’ora con tanto di colonna sonora diegetica a uso playlist di Spotify (The House of the Rising Sun quando compare una galera, Sympathy for the Devil quando compare Margot la matta, Seven Nation Army quando la Squad è finalmente riunita…), i suoi personaggi ritoccati per far felici tutti soprattutto l’agente di Will Smith che non vuole vederne danneggiata l’immagine di “papà d’America”, il suo villain depotenziato dalla maledizione della CGI brutta… insomma non è giusto prendersela con Ayer, che si è solo trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato.

La Squad. Non nella foto: il merdone nel quale sta nuotando David Ayer.

Sopra: la Squad. Non nella foto: il merdone nel quale sta nuotando David Ayer.

La cosa che fa incazzare è che i membri di questa benedetta Squad sono, sarebbero, potrebbero essere, dei gran personaggioni! Jai Courtney, Jay Hernandez, Adewale Akinnuoye-Agbaje (cioè Boomerang, Diablo e Killer Croc) sono tutti in parte e tutti molto divertiti da quello che stanno facendo, e se avessero un po’ di spazio per respirare e non fossero costantemente schiacciati sotto il peso dell’irrinunciabile Passato Tormentato© potrebbero dare a Suicide Squad quel tono da armata Brancaleone degli stronzi di cui il film avrebbe disperatamente bisogno.

Invece c’è quello che sputa fuoco che però non vuole sputare più fuoco perché ha bruciato viva la sua famiglia, c’è quello che sembra un coccodrillo gigante che poveretto è cattivo perché da piccolo lo prendevano in giro, c’è l’insostenibile Will Smith che vuole solo una cosa, vuole che la sua figlioletta possa crescere felice e sicura in un mondo in cui il bene trionfa sempre e gli innocenti non soffrono mai, il che da un lato è, come dire, complicato da conciliare con il suo mestiere di killer prezzolato, dall’altro ci regala uno dei punti più bassi del cinema AAA 2016 sotto forma di una scena in cui Deadshot potrebbe sparare a Batman e farlo fuori ma si trattiene perché non vuole che la sua bambina lo veda.

Poi c’è Harley Quinn che è, sarebbe, potrebbe essere l’unico personaggio al posto giusto dell’intero film perché è molto semplicemente matta come un cavallo, e dunque giustificata a fare un po’ di quell’anarchico casino che è tristemente assente da Suicide Squad. Purtroppo, e non sto dicendo che Margot Robbie non sia una fuoriclasse assoluta che ruba la scena a chiunque e che sostanzialmente è protagonista di un film a parte che è meglio di Suicide Squad per mille motivi diversi, perché lo è, ma purtroppo per ancorarla alla realtà del film Ayer le appiccica addosso il Joker e la trasforma, con un rapido colpo di spugna, da mina vagante a principessa in pericolo, e di conseguenza il succitato Joker nel cavaliere bianco di turno.

«LO VEDETE QUANTO SONO PAZZOMATTO PORCA PUTTANA?»

«LO VEDETE QUANTO SONO PAZZOMATTO PORCA PUTTANA?»

Vorrei parlare a lungo del Joker e di quanto cane sia Jared Leto in overacting costante, con quell’approccio da secchione primo della classe che grida HO STUDIATO A LUNGO PER ESSERE COSÌ PAZZO GUARDATE COME SONO PAZZO a cui manca anche un’oncia, un’ombra, una molecola di spontaneità e personalità.

Vorrei anche prendere a schiaffi quello che, tanti anni fa, ha convinto Jared Leto di essere un grande attore, ma già che ci siamo vorrei anche un castello tra i monti e una fornitura a vita di Red Bull.

Vorrei, dicevo, parlare a lungo del Joker più anonimo e monodimensionale che il cinema abbia mai conosciuto, un presagio di sventura per tutti i futuri film DC, il problema è che c’è pochissimo da dire: lui ama Harley, Harley ama lui, Harley è in pericolo, lui la vuole salvare. Ecco, ho finito di parlare del Joker.

Forse bisognerebbe invece parlare del cattivo! E non sto parlando del Vero Cattivo Che In Realtà È Il Buono© (Amanda Waller è l’unico personaggio che faccia qualcosa che si possa realmente etichettare come “malvagio”), ma del MacGuffin archeomagico che serve per giustificare tutta la baracconata. Cara Delevingne è June Moon, un’archeologa posseduta dallo spirito di un’entità antichissima e molto incazzata, e il suo piano consiste nel creare un’enorme vortice di CGI brutta nel cielo e trasformare tutti gli sventurati che le passano a tiro in mostri che sembrano sacchi della spazzatura antropomorfi, tutti belli anonimi e indistinguibili così da non turbare le coscienze dei più giovani.

Sopra: con la scelta di rappresentare i cattivi come sacchi di rumenta ambulante, Suicide Squad rivela un'insospettabile anima ecologista; che sia la raccolta differenziata il vero supereroe del film?

Sopra: con la scelta di rappresentare i cattivi come sacchi di rumenta ambulante, Suicide Squad rivela un’insospettabile anima ecologista; che il vero supereroe del film sia la raccolta differenziata?

E quindi succede che la Suicide Squad deve attraversare una serie di edifici random tutti uguali e sparare a qualsiasi cosa si muova, prima per salvare una persona misteriosa («e chi sarà mai?» si chiede assolutamente nessuno visto che la risposta è scontata come un Amazon DaY), poi per pestare i cattivi (che a quel punto si sono moltiplicati). Intanto piove a dirotto, e l’unico a ricordarci che stiamo guardando un film di supereroi e non di SWAT è Diablo quando decide di sputare fuoco.

Per dovere di cronaca devo citare anche la presenza di Joel Kinnaman nel ruolo di Rick Flag, che ama June anche quando diventa una sacerdotessa magica della morte che si muove con la grazia di un cingolato.

Sempre per dovere di cronaca devo dire che il film a un certo punto finisce ed è dura dire se ce ne possa fregare qualcosa.

Intendiamoci, ha i suoi momenti. Tutti concentrati nella prima mezz’ora, ma ci sono e suggeriscono anche l’esistenza, da qualche parte, di un film se non più interessante quantomeno meno sconclusionato di questo. L’intento è commendevole, diamo una scossa all’universo DC con qualcosa di diverso per toni e temi e approfittiamone per introdurre alcune figure chiave dal lato cattivi – visto quanto è finora desolante il panorama dall’altra parte della barricata. Non ci dimenticheremo facilmente della peraltro oggettificatissima Margot Robbie, alla quale vanno +10 punti per riuscire a non scadere nel ridicolo facendo la bambolina fintanaif mentre agita un enorme implemento fallico. E poi c’è… mmm, quando Jay Hernandez sputa fuoco è tutto molto divertente!

Sopra: anche questo è divertente.

Sopra: anche questo è divertente.

Sentite, il problema è che Suicide Squad è un casino senza capo né coda, con grossi problemi tonali e di consistenza interna, costanti crisi d’identità, un ritmo regolare e cadenzato quanto un’aritmia grave e soprattutto nessuna idea del perché, senza direzione dove andare né tesi da sostenere né basi da gettare se non quelle per potenziali spin-off dedicati alle terga di Margot Robbie. Non si regge in piedi da solo neanche a voler essere generosi perché il trattamento Frankenstein che ha subìto è a livello dell’ultimo Fantastici Quattro. Non migliora la già disastrosa situazione dell’universo DC perché la cosa più d’impatto che riesce a dirci è che Il Peggio Del Peggio© è un branco di frignoni con problemi di famiglia e i rimorsi di coscienza, e avanti di questo passo lo scontro finale di Justice League sarà un’introspettiva seduta degli alcolisti anonimi, o si combatterà in una foresta di lettini dell’analista.

Non è nulla, in definitiva, o comunque molto, troppo poco per non finire nel dimenticatoio entro poche settimane.

DVD-quote:

«Comunque meglio di Batman v Superman»
Stanlio Kubrick, i400calci.com

«Pure peggio di Man of Steel»
(v. sopra)

«Tutto sommato, meglio di Iron Man 3»
(v. sopra)

«A conti fatti, Catwoman era meglio»
(v. sopra)

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

210 Commenti

  1. Violence Jack

    Visto ieri…me lo sono già dimenticato. Ma il Joker zarro è così anche nei recenti comics? Ed in più non c’è una scena d’azione che non sappia di già visto.

  2. Visto oggi in aereo, senza audio (Iceland Air fa pagare le cuffiette!). Meglio dei film sugli Avengers, per lo spirito di gruppo della Squad. Condivido il giudizio negativo su Leto, e Harley che controlla continuamente se ci sono SMS dal suo Principe Psichedelico Azzurro rende il personaggio meno interessante. Cara Delevingne m’è parsa così kitsch che le sue scene potrebbero essere aggiunte al Flash Gordon del 1980.

    Aspetto con ansia “Harry Potter Contro Harley Quinn: Addio Pubertà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *