Crea sito

…ma nessuno vi salverà da THE TERMINATORS

the terminators
Sbrigata la pratica McG/Bale/CULI, occupiamoci del vero piatto forte estivo in materia androidi: The Terminators, ennesimo bersaglio centrato dalla Asylum, ed esordio a responsabilità piena dell’aiuto-regista di MegaShark vs. Giant Octopus Xavier S. Puslowski (giuro su Krom, in questo momento invidio pochi curriculum come il suo).
È noto che i film di un certo genere hanno diverse linee guida su cui impostare il proprio progetto.
In questo caso si è puntato tutto su “assumere gente che assomiglia a gente famosa”.
Per cui vado ad elencare i quattro protagonisti principali della vicenda:

  • Paul Logan: interpreta i terminators. Tutti. Sono tutti uguali. E ovviamente somigliano a Schwarzenegger. Fisico da culturista, volto di petra, espressione truce. Il Paul in questo caso ci insegna la lezione piu’ importante del film: interpretare un cyborg non è un cazzo facile. Provateci voi. Non è facile. Paul, per dire, non riesce: dovrebbe essere inespressivo, e invece in diversi momenti giureresti che sta pensando “Sono in un film! Che FIGATA!”. Dato il budget poi è costretto controvoglia a fare i suoi stessi stunt, per cui quando lo neutralizzano e dovrebbe cadere immobile in avanti, lui che in realtà non vuole farsi male all’ultimissimo si protegge col braccio. La cosa fa morire dal ridere.
  • Lauren Walsh: interpreta Chloe, la protagonista femminile, ed è la sosia sputata di Mary Elizabeth Winstead, e in quanto tale la cosa mi va benissimo. Il suo personaggio è copiato dal film sbagliato, perché fa l’esperta di meccanica come Megan Fox in Transformers. Ma più di Megan a un certo punto fa capire di intendersi anche di Dio, perché una le fa “Lasciami morire qui, Dio mi vuole punire” e lei risponde “Dio non fa queste cose”. Quindi se ne intende. Comunque è bellissima e bravissima, ha un futuro luminoso davanti a sè e vorrei telefonarle e regalarle un ciondolo di diamanti.
Che tu possa sempre conservare la tua purezza

Che tu possa sempre conservare la tua purezza

  • A Martinez: interpreta lo sceriffo Reed Carpenter ed è il sosia di Tommy Lee Jones in versione messicana. E giuro, si firma solo “A”. Che non so nemmeno se è il suo nome completo, solo l’iniziale, o se è l’articolo indeterminativo inglese come a dire “Trovatemi bastardi, sono un Martinez qualsiasi!”. Comunque domina il film con la sua aria protettiva e rassicurante da uomo vissuto e di solidi valori, poi ancora una volta copiano il film sbagliato e come in Alien si scopre che è un robot. A quel punto va in tilt, strabuzza gli occhi, inizia a parlare a vanvera e diventa un caso psichiatrico abbastanza preoccupante (SPOILER).
  • Jeremy London: interpreta “Kurt” e in teoria è quello già famoso di per sè, o perlomeno è l’unico che conosco. Era il protagonista di Generazione X di Kevin Smith, ma soprattutto Chandler Hampton in 36 indimenticabili episodi di Settimo cielo. In ogni caso è triste, ingrassato e fuori ruolo.
"Ricordatelo bene: in Messico ce ne sono migliaia come me!"

"Ricordatevelo bene: in Messico ce ne sono migliaia come me!"

A parte questo, The Terminators è degno rappresentante del cinema che piace a noi.
Voglio dire, chi è che fa ancora roba cosi’?
Con una scena piena di terminators che corrono qua e là senza meta, che dovrebbe aumentare la tensione e invece pare uno di quegli inseguimenti alla Benny Hill con la gente che esce da una parte dello schermo e rientra dall’altra?
E dove per risparmiare sull’effetto di un pugno che penetra un collo l’hanno girato da lontano, mezzo sfocato e in controluce stile ombre cinesi? Le ombre cinesi! Nel 2009! Viva la Asylum 4ever.

Dvd-quote suggerita:

“Degno rappresentante del cinema che piace a noi”
Nanni Cobretti, i400calci.com

Alternativa:

“C’è uno che assomiglia a Tommy Lee Jones, ma messicano”
Nanni Cobretti, i400calci.com

non c'è trucco non c'è inganno

non c'è trucco non c'è inganno

>> IMDb | Trailer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

5 Commenti

  1. oddio lauren walsh è strabica. oddio. oddio. mamma. calendario? gigantografia? ti-shèrt?

  2. Hahahaha no, avro’ preso il fermo-immagine sbagliato…

  3. masso

    Nanni ho scoperto questo sito solo oggi..ma devo dirti spassionatamente che ti reputo un genio!

  4. marco

    lo sheriffo e’ un cantante americano piuttosto famoso…. in america.

One Trackback

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.