Crea sito

Compromesso storico DOES matter (2012 e cose)

Avete presente il trailer di Godzilla? Immagino di sì. Nel caso, eccolo.

Vi potreste accorgere, parlando del trailer, di due cose piuttosto evidenti. La prima è che non si vede l’attore protagonista, ma essendo Matthew Broderick è comprensibile. La seconda è che non si vede il mostro, alluce destro escluso. È una tecnica della suspence di stocazzo che per un po’ ha buttato alla grande, quello che a me piace chiamare soluzione Contact (aspetti due ore e mezzo per vedere gli alieni e alla fine viene fuori che è il padre). Quel che conta nel trailer è solo un motto con cui –appunto- non hanno mancato di tartassare i coglioni per mesi –Size Does Matter, per le implicazioni falliche chiedete a Cicciolina Wertmuller. Era comunemente accettato il dogma secondo cui nascondere è il modo migliore di mostrare, e quasi nessuno si rendeva conto che anche solo a dirla ti caghi addosso dal ridere.

so help me god.

so help me god.

Oggi le cose sono cambiate un pelo, di base per evitare che gli appassionati di settore (settore=ADSL) si scarichino il dvd-rip prima di aver visto il film in sala. Il dogma cecità uguale visione d’insieme (cit. Rutger Hauer) è fieramente rifiutato in favore di una magistrale scelta dei tempi nello svelarsi a mo’ di strati di cipolla, stile Avatar (ok, ho sbagliato esempio); il che significa che la principale differenza tra 2012 e Godzilla è che per far piombare i fanatici al cine sono stati messi sul mercato, a loro tempo:
1) un trailer che metta insieme una (sembra) pioggia di meteoriti, un’onda anomala che passa sopra all’Himalaya, la cupola di San Pietro che si rovescia sulla gente e il Gesù Compagnone di Rio de Janeiro che crolla in video

2) una preview di cinque minuti in cui John Cusack scappa dalla California con una limousine mentre la faglia di Sant’Andrea gli si sta sbragando dietro al culo.

di cui noi, non per tirarcela ma venite pure a succhiare, siamo stati tra i primi settecentomila organi d’informazione cinematografica a darvi notizia. Passati diligentemente in rassegna i due video, fotta ingestibile e via in prima proiezione al multiplex. Nel caso non siate ancora stati, sappiate che le scene che avete visto NON sono un assaggio BENSÌ le uniche cose davvero valide presenti nel film. Come a dire che la lucidità teorica di Roland Emmerich e la realizzazione di un film nero come il carbone (intendo una pellicola in cui al minuto due il mondo comincia a finire, e dopo centoventi minuti di esplosioni e crateri il mondo è talmente finito che puoi solo cacciare i titoli di coda con un pezzone tipo Always) sono entrambe due cose MOLTO lontane a venire. Roland decide invece di approfittare degli ultimi spasmi di street cred per continuare ad urlare a gran voce che finchè è vivo e in salute non serve cercare il nuovo Roland Emmerich, o anche Stephen Sommers puppami la fava. Parlando di immagini questo si traduce nel tipico film alla Emmerich, tipo Independence Day, in cui:

  • passi tre quarti d’ora ad aspettare che abbiano trovato una giustificazione decente e inserito le tre o quattro sottotrame che ci dovranno accompagnare quando inizia a scoppiar tutto;
  • Jay, Hamilton e Madison sono vivi, lottano insieme a noi e hanno trovato impiego come ghost-writer di dialoghi di film di Roland Emmerich;
  • la redenzione è soprattutto una questione di prontezza di riflessi;
  • i maya non c’entrano un cazzo ma avevano visto tutto per tempo (ma vorrà pur dire qualcosa il fatto che i maya si siano estinti molto prima degli altri)
  • nel pre-finale il mondo decide di unirsi di fronte alla tragedia, sulla base di nessun presupposto ideologico a parte il carisma fascinatorio di uno scienziato negro abbastanza figo da scavalcare la scala gerarchica per parlare al cuore della gente e farsi battere i pezzi da Thandie Newton per tutto il secondo tempo.

E basta. Non è che manca la pacca (per quanto viste le premesse la pacca manchi UN BEL PO’), è che diventa sempre più difficile svolgersi le questioni di contorno a livello intellettuale. Vi sconsiglierei di andarci e avanti con la prossima vaccata da duecento milioni di dollari, ma verso metà film c’è un momento di comicità assoluta (nel quale la sala ESPLODE, giuro su dio) che per la prima volta nella storia rende più figo e divertente vedere un blockbuster americano in un cinema italiano rispetto a qualunque altro paese del globo. Niente spoiler, ma quello mi sa che non ve lo potete proprio perdere.

dvd-quote:

“Pioggia di meteoriti, un’onda anomala che passa sopra all’Himalaya, la cupola di San Pietro che si rovescia sulla gente e il Gesù Compagnone di Rio de Janeiro che crolla in video.”
(Wim Diesel, i 400 calci)

Tags: , , , , , , ,

11 Commenti

  1. david

    Il problema di sti film è che NON puoi vederteli sul tuo sfigato 15.4″ (o 15.6″ se l’hai comprato ultimamente), e nemmeno sul tuo simpatico e un pelino più largo monitor…azz…devi vederteli al cinema..ma anche dare 7,5 euri (o anche 8 se il cinema ha i pop-corn extra-size)è veramente un insulto a se stessi!

  2. sì beh siamo sempre al size does matter; secondo me, comunque, nel dubbio va bene anche non vedere il film. Tipo 10000 AC ho deciso di non vederlo, giusto per sicurezza.

  3. pigliapost

    Wim, in questo film, l’unica cosa che sta in piedi è la faglia di Sant’Andrea, ma purtroppo anche quella dura poco.

    Per il resto è una corazzata Potemkin dei giorni nostri. Tipo quelli che all’aeroporto di Las Vegas ancora si preoccupano se l’aereo possa decollare o meno mentre…. Insomma!

  4. abraxas

    bentley for life! XD

  5. Cleaned

    Ho sempre pensato che fosse indispensabile farsi trovare pronto e allenato ANCHE per affrontare “imprevisti” del genere. Che solo il John (Cena, McLane, Rambo, Matrix) della situazione (primo del suo corso, medaglia al valore ecc.) potesse sopravvivere ai fatidici 12 round.

    Mentre qui un pacifico scrittore fantasy, un frolloccone sedentario che dorme sul divano, si nutre di surgelati e vive in simbiosi con il PC… poi guida meglio di un pilota Rally, corre come un centometrista e trattiene il fiato come i migliori campioni di apnea superando le insidie con la forza dell’ottimismo.

    Ok che fare le pulci a questi film non serve a niente… ma io in palestra che ci vado a fare?

  6. beh ma di base il problema di emmerich è tutto quello scientismo pseudoniciano pelosissimo. tipo che il supereroe è sempre una testa d’uovo che fa jogging in mezzo alla sfiga e se gli rompi le uova nel paniere cerca di ucciderti prendendoti a mazzate con il titolo di studio (Dennis Quaid nell’Alba del giorno dopo, Jeff Goldblum in Independence Day, James Spader in Stargate o Matt Brod in Godzilla). tipo mcgyver senza il mullet.

  7. Carlo

    So che non c’entra nulla con questo post, ma mi aspetto quanto prima una celebrazione dell’oscar alla carriera appena assegnato a Roger Corman. Sono basito e commosso.

  8. Dan

    Il film l’ho visto, ma questo momento di comicità assoluta non mi torna proprio in mente…

    Complimenti per le tags del post, spettacolari

  9. Non è che questo momento di comicità ha a che fare con un certo tizio, abituato a far ridere le platee di tutto il mondo con i suoi scherzi irresistibili?

  10. Cleaned

    @thomas morton

    Tana! Anche lo sfottò a “governator” è simpatico però :)

  11. Comunque ecco, ho visto il film. Non mi è del tutto chiaro cosa non vi abbia convinto, ma per quanto mi riguarda l’ho trovato ottimo. E pur avendolo visto sullo schermo del PC. Cioè, secondo me non c’è una sbavatura che sia una. Che poi, tanto per parlare, non sono mai stato un fan di Emmerich, anzi di norma mi fa abbastanza cagare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.