Crea sito

Meet me on my vast Berandal: amici, c’è IL PRIMO TRAILER DI THE RAID 2

Zitti tutti.

È chiaro il concetto o volete vederlo un’altra volta?

Oh. Bene.
Siamo tutti d’accordo, spero, che il concetto di GRAGNUOLA sia appena stato ridefinito e l’asticella delle aspettative sparata nella stratosfera con la stessa violenza con cui quel tizio viene fiondato di tempia contro una longherina di ferro.
Ma c’è di più. C’è di più, secondo me. Mi assumo tutte le responsabilità e lo dico con sicurezza: The Raid 2 non ci tradirà. The Raid 2 ci ripagherà in pieno dell’attesa e non sarà in alcun modo deludente. Perché se in questo momento c’è un regista action di cui mi fido ciecamente è proprio Gareth Evans: uno che appena ha avuto un minimo di budget ha subito tirato fuori un capolavoro; uno che sa benissimo che cosa cerca il suo pubblico e non ha paura di darglielo; uno che ha già dimostrato di non essersi montato la testa e di non essere una one hit wonder; uno che, infine, non è corso a cercare progetti miliardari ma si è subito ributtato a testa bassa in quello che gli piace fare, solo con più soldi, più credibilità internazionale e molti più stuntmen da mandare in rianimazione.

Evans non è come Prachya Pinkaew, che appena raggiunse il successo volle subito dimostrare di essere UN REGISTA VERO e appesantì il suo (pur bello) The protector con dialoghi inutili, inutili intrecci e inutilissima gente che non si mena. Evans sa già di essere un regista vero e non ha complessi d’inferiorità nei confronti di nessuno. Non ha bisogno di nobilitarsi: ha solo bisogno di più danari per sfogare il suo talento. E stavolta ce li ha. Ed è per questo che può solo farci felici.

Per ammissione dello stesso EvansThe Raid 2 sarà un film di respiro più ampio. Il che non significa «c’è spazio per l’introspezione e i sentimenti». Significa: QUESTO È THE RAID CON AGGIUNTA DI MACCHINE E DI GIAPPONESI. The Raid con gli inseguimenti, con più personaggi che si picchiano in più modi, con la gente investita dalle auto in manovra, con le inquadrature matte al contrario e le già citate TESTATE NELLE TRAVI. Torna ovviamente Iko Uwais, e – sorpresa! – abbiamo anche il graditissimo ritorno di Yayan Ruhian (che, morto nel primo episodio, è risuscitato grazie alla vittoria del Sylvester e torna qui a interpretare un personaggio di nome PRAKOSO). Più qualche new entry di razza tipo Kenichi Endo (direttamente da Visitor Q) e Ryuhei Matsuda (direttamente da Tabù). E non voglio nemmeno immaginare quali nuovi picchiatori di razza abbia in serbo Evans per noi; in questo momento, in Indonesia, c’è un giovane e sconosciuto artista marziale che sogghigna soddisfatto, ben sapendo che di qui a un anno sarà diventato il nostro nuovo beniamino. Film del 2014 senza se e senza ma, ci scommetto quello che volete.

Oggi solo gioia, solo abbracci.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

118 Commenti

  1. Tommaso Gavioli

    a me piace the raid in generale perchè sono convinto che il realismo vada oltre la cinematografia: secondo me sul set li ammazzano per davvero!!!!
    TOP!

  2. Luotto Preminger

    Anche ammesso e non concesso che Evans abbia voluto fare la “storia di ampio respiro in cui non c’è solo azione”, quel che mi dà fiducia è che secondo me Evans il ritmo lo saprebbe tenere alto sempre e comunque, a differenza di un Pinkaew che ha le ambizioni ma non il talento necessario a reggerle

  3. Schiaffi

    @Nanni
    E’ un dato di fatto che recentemente qualunque trailer e specifico TRAILER con qualcosa che esplode diventa in automatico sinonimo di figata e motivo di scrivere commenti a cazzo tanto per sentirsi parte boh di un circolo esclusivo di ignoranti a ogni costo. Guai ad argomentare in maniera costruttiva eh, guai a porre dei dubbi sennò si diventa lo sparamerda di turno anche se comunque ci azzecco il 99% delle volte. Chissà come mai.
    Cmq nn è affar mio, mi chiedevo soltanto com’è che sul twitter e IRL tutti esprimano speranze e DUBBI mentre in questo post solo entusiasmo alla cieca.
    Se poi se il film completo fa cagare ok viene smerdato, ma il delirio a caso ad ogni trailer ha raggiunto il livello: meeting motivazionale venditori Kirby.
    Ovvio che spero che spacchi ma le premesse per adesso NON ci sono o se ci sono, qualche genio mi illumini dato che da mesi nelle interviste si parla solo di quella hammer girl di merda e dal trailer nn si capisce un cazzo del livello di mazzate.
    Pure bangkok ko aveva mazzate bestiali ma casualmente nn se lo ricorda nè se lo fila nessuno proprio perchè ceffoni a parte era una vera merda noiosa piena di freaks e tempi morti assurdi. TEMO possa ripetersi la stessa puttanata.

    @Dembo
    Sto aspettando questo sequel di brutto ma i miei dubbi li ho già spiegati sopra.
    Per qnt riguarda l’altro post mi metto semplicemente al livello della next gen di fancalcisti: gente del cazzo più preoccupata di darsi il gomitino dicendo che è tutto belo belo piuttosto che dare uno straccio di argomentazione positiva o negativa. Vietato ogni tipo di confronto ormai bisogna solo fare i beceri per ogni trailer di merda che esce, fine. Siam diventati i400dementi ormai

  4. Biscott Adkins

    @Benve per la prima metà stessi primi piani con le stesse espressioni poi magari sono paranico io

    @Luotto io come Senegal faccio considerazioni su quello che posso vedere e quello che posso vedere non mi convince in toto=forse non è quello che cercavo. Però ovvio sono tutte seghe a partire da un teaser di un minuto e su un poster promozionale

    Per finire, Evans merita tutta la stima e la fiducia di questo mondo e di sicuro non sarò il primo a rimangiarmi la parola.

  5. samuel paidinfuller

    @schiaffi
    fammi capire
    dici che la gente qui si esalta appena vede le mazzate in un trailer mentre tu sei scettico perchè dici che raid2, cambiando impostazione, abbia qualcosa di diverso da sole mazzate?

  6. Luotto Preminger

    @ biscott e senegal: sì, è evidente che abbiamo una divergenza di fondo… cioè a me questa diversità dal primo film FA AUMENTARE la fotta, perché sono curioso di vedere cosa fa Evans con un tavolozza molto più grande.
    Se il regista fosse un altro, o se questa fosse la prima produzione mainstream americana a medio budget di Evans, i dubbi verrebbero anche a me, eccome.
    Ma così no, son contento e basta. E credo che lo sarei meno se dal trailer mi sembrasse una cosa molto più simile all’originale, proprio perché voglio vedere Evans alle prese con qualcosa di più grosso.
    Fermo restando che secondo me state esagerando e le differenze con il primo (per velocità del ritmo e quantità di azione) non saranno così sostanziali.

    Bangkok Knockout era diretto da Panna Rittikrai, bravo come coreografo ma merda comprovata come regista. Questo invece è il sequel di The Raid dal regista di The Raid(*), uno che nei ritagli di tempo, già che c’era, ha fatto anche Safe Haven. È forse il miglior regista d’azione pura che ci sia oggi, è giovane, è al suo picco creativo, e ha voglia di spaccare il mondo. Mi pare ci sia una bella differenza.

    (*) e ricordo che se la star dei vari Ong Bak e compagnia è sempre stata Tony Jaa, che metteva i registi al suo servizio, la star di The Raid era indubbiamente Evans, che metteva gli attori, Uwais compreso, al SUO servizio.

  7. @schiaffi:

    1) innanzitutto spiega il “tanto per sentirsi parte boh di un circolo esclusivo di ignoranti a ogni costo”, o dell’accusa sottointesa di non avere un’opinione nostra. Se vuoi – ma non davvero necessario – anche alla luce dei fatti di aver puntualmente bocciato anche film ignoranti (l’ultimo risale a… aspetta eh, dammi il tempo di sfogliare con calma gli archivi… ah ecco, stamattina).

    2) il trailer personalmente, preso di per se’, non mi esalta quanto quello di Protector 2, ma da qui a dire che fa schifo ci passa un oceano. Io dico che i dubbi sollevati nei commenti sono legittimi ma anche che piu’ riguardo The Raid e piu’ trovo che sia un film perfetto in tutto, non solo le botte. Confido, come ha detto qualcun altro, che Evans sia un regista venti volte migliore di Prachya Pinkaew – che e’ buono solo a fare del circo – e che sappia regolarsi. Nel caso, ci sono gia’ anche Merantau e V/H/S 2 a tranquillizzare. Alla luce di questo, trovo piu’ ingiustificato farsi abbattere completamente dalle pur comprensibili incognite che il contrario.

  8. @biscott guarda posso capire che questo trailer possa suscitare in qualcuno delle perplessità, soprattutto perche sembrerebbe distanziarsi o meglio estendere il già efficace modello del primo film. non mi sono esaltato cosi a caso perché ci sono due botte, ma perché è un teaser trailer della madonna che a differenza di che ne so capitan america , X-Men o altri mi ha emozionato.Di sicuro il fatto di conoscere a memoria The raid e non avere motivi per dubitare di Evans influisce. Preferisco avere fiducia che iniziare già ad avere pregiudizi e critiche nei confronti di un film che deve ancora uscire.

  9. umbem

    il fatto che ci sia (possa essere) più plot m’intriga, lo vedrei con molto più scetticismo se non fosse così. mi preoccupano i mille personaggi, chè rischirebbe di fare la fine di – la sparo grossa per farmi farmi capire – cars 2 (lo so, così ho ucciso ogni potenziale considerazione di quello che sto scrivendo…).

    mi accontenterò se la trama non sarà un enorme “retrolampo”, con mille spiegoni e il presente solo azione – o che si scopra che il boss della prigione è suo padre (a meno che non lo faccia donald sutherland.

  10. Akuzo

    The Raid 2, che emozione!
    Mi ricordo ancora quando ho passato mezza giornata in pieno periodo d’esami per tradurre i sottotitoli inglesi del film in italiano per mostrare il primo The Raid agli amici. E ora ne esce un seguito?
    Commozione mia e commozione cerebrale di tutti gli stunt-man che parteciperanno a questo magico magico film… Oggi solo gioia (cit.). :D

  11. Biscott Adkins

    @Benve a me genere perplessità perchè non mi prende; non mi genera più fotta di quanta ne avessi prima e non mi incuriosisce sui nuovi personaggi. Ha ragione @Luotto quando dice che c’è una divergenza di fondo…
    Comunque son ben felice che Evans si innovi e provi ogni volta a fare un qualcosa in più di quanto fatto prima però, anche se siamo solo al teaser poster/trailer, per adesso rimango un attimo sospettoso; poi capiamoci non sto dicendo che il film farà cagare/ci ha tradito/è un venduto.

  12. @biscott ma infatti le tue perplessità sono fondate e le capisco..però alla fine bona, fottesega del trailer, alcuni lo attenderanno con molta più fotta, mentre altri magari con sospetto, speriamo fra qualche mese di essere tutti qui ad abbracciarci felicemente per aver visto il sequel definitivo di un film definitivo. Io ci credo.

  13. Slum King

    @Nanni:
    Schiaffi se l’è presa perché non hai postato il trailer di Enemies Closer.
    E ha ragione.

  14. Biscott Adkins

    @Benve 5 alto

  15. galbaccio

    TANTISSIMA ROBBA !
    sono gia pronto al travaso di bile ai prossimi sylvester a vederlo perdente contro il solito fim spaccatutto per funboy della dysney

    p.s.: per chi volesse, consiglio la visione di blu spring film cult di toyoda con l’ottimo ryuhei e pezzi dei thee michelle gun elephant. UNA FISSA

  16. @slum: porca miseria. Ha ragione da vendere… Sono mortificato e sai cosa? Rimedio subito.

  17. Schiaffi

    @nanni
    “E’ un dato di fatto che recentemente qualunque trailer e specifico TRAILER con qualcosa che esplode diventa in automatico sinonimo di figata e motivo di scrivere commenti a cazzo tanto per sentirsi parte boh di un circolo esclusivo di ignoranti a ogni costo”
    Mi sembra un concetto piuttosto chiaro e non vedo cosa dovrei aggiungere per rendere cristallino il mio punto di vista. Poi vabè la boriosa postilla che reputa la mia opinione “non davvero necessaria” mi toglie ogni dubbio riguardo alla direzione presa da questa baracca ormai colma di leccaculi e cortigiani.
    Che poi la mia resti un’opinione personale su cui non bisogna fondare una linea editoriale nè una linea di pensiero è indubbiamente fuori discussione, ma fare il figo e bollare una critica/opinione personale come “non necessaria” è triste e fuori luogo dato che ho sempre argomentato le mie motivazioni, a differenza della maggior parte degli stronzi.
    Guarda mio buon amico mi lasci molto perplesso anche perchè quelle rare volte che ho criticato qualcosa dei 400 è sempre stato con cognizione di causa.
    Se mi verrà la maledetta voglia di scrivere qualcosa, scriverò “HYPE!!!” o “FIGATAAAAA” o qualunque altra stronzata inconcludente tanto per far numero nei commenti e farmi sentire accettato (che concetto eh) da un gruppo di nickame mangiamerda.
    Francamente trovo più interessanti i post di ciobin che deliranti o meno che siano, almeno ha sempre contribuito a dire la sua e a creare motivo di discussione piuttosto che mischiarsi nella massa informe.

  18. umbem

    niente niente che schiaffi in realtà è beppe grillo?

  19. @Schiaffi: “Se vuoi – ma non davvero necessario – anche alla luce dei fatti di aver puntualmente bocciato anche film ignoranti”. Non vedo in questa frase nulla che si riferisca alla tua opinione o la ritenga in nessun modo superflua. Lo dico senza alcuna polemica. Hai frainteso amico, per quanto mi riguarda Nanni stava dicendo “Non c’è bisogno di guardare ai film che abbiamo recensito per capire che abbiamo un’opinione nostra”. E credo che questo sia cristallino.

  20. Botte & Costello

    facendo un paragone tra capolavori, secondo me The Raid 2 sta(rà) a The Raid come Die Hard 3 sta a Die Hard, nel senso che si passerà da una situazione claustrofobica in un unico luogo (grattacielo) ad casino della madonna in cui verrà distrutta mezza città. Beh, almeno ci spero
    Credo in te, Gareth

  21. Steven Senegal

    @Luotto: sono d’accordo, siamo abbastanza lontani nella posizione, anche se a posteriori credo che la tua sia più equilibrata. La mia parte con l’handicap di aver idealizzato il sequel tanto da immaginarlo come “altri 90 minuti che non siamo riusciti a mettere nel primo dvd PERO’ in giro per jakarta”
    Però riconoscerai anche tu che quando dici “la star di The Raid era indubbiamente Evans, che metteva gli attori, Uwais compreso, al SUO servizio”, la stessa cosa possa venirgli maledettamente difficile in questo seguito? O che quantomeno con tutta sta gente, rischia molto?
    Abbiamo un Iko più grosso che morde il freno, con un Man of Tai Chi* alle spalle e probabilmente voglioso di emulare il Taslim di Fast6 e delle pubblicità per LG. Abbiamo un Yayan ridotto da final boss carismatico a barbone della stazione. Ci sono poi Ryuhei Matsuda, Kenichi Endo e sta Julie Estelle-Hammer Girl che farà quella pesa che mena (ma che ha sempre fatto drammi, commedie, molti horror e ha imparato a menare per questo film) più tutti gli altri. Li avrà dovuti tenere sotto padrone e allo stesso tempo dedicare a tutti uno spazio dignitoso senza sacrificare nulla sul piano del ritmo.
    Gareth Evans ce la può fare sicuro, perchè è il più grosso che c’è. Però qualche paura avanza.

    Colgo l’occasione per confessare che Merantau a me garba parecchio e sul finale mi ha fatto quasi… Vabbé ci siamo capiti.

    * dove tra parentesi viene ridicolizzato

  22. @Schiaffi

    guarda, io te l’appoggio che qualche volta sui trailer (ma anche sui film, vedi Pacific Rim) c’è dell’entusiasmo condiviso troppo conformista e immotivato, però stavolta – secondo me – bisogna stare nel team gasati senza se e senza ma.

    ti dico il perché: il Sylvester dell’anno scorso a The Avengers come miglior action. A un film sì godibile e ben fatto, ma in definitiva con molti più soldi che anima e già caduto nel dimenticatoio, anziché a un’opera come The Raid che coi suoi pochi mezzi ha riscritto il genere e invece rimarrà nella storia.

    Ce li ricordiamo i commenti degli ignavi che hanno votato i bambocci in costume: “The Raid è cazzuto sì, però alla fine è tutta adrenalina e coreografia, The Avengers invece c’ha la storia e i personaggi”.

    Bene, sto giro anche The Raid 2 avrà la storia e i personaggi. Se Evans riuscirà a gestire il tutto come ha già dimostrato di saper fare, solo i peggiori babbei avranno ancora il coraggio di preferirgli la fracassonata in CGI del momento. Ma non riusciranno a prevalere. Poco importa la differenza di pubblicità e distribuzione, il vero genio la prossima volta avrà il giusto riconoscimento.

    Per questo secondo me è un dovere morale credere CIECAMENTE che The Raid 2 conquisterà il mondo. Anche se nel poster ci fossero i teletubbies, nel trailer una nonnetta che fa la calza e nelle interviste si parlasse di effusioni tra i banchi di scuola. Fottesega. Io ci crederei lo stesso che il film, solo quello conta, spaccherà tutto in un modo che manco possiamo immaginare.

    O almeno, per me stavolta è più giusto così, esporsi al rischio di una delusione di proporzioni epiche, roba che se Evans invece pesta una merda poi ti metti anche tu a picchiare il muro però con la testa, piuttosto che nutrire anche solo il minimo dubbio. Anche e soprattutto perché la forza di attirare una fede cieca di queste proporzioni se l’è guadagnata sul campo, e se spreca l’occasione non ne avrà più un’altra così.

  23. @schiaffi: rilassati pure, confermo la versione di Miike.
    Il problema pero’ e’ se confermi pure tu che intendevi proprio quello che ho capito io, ovvero che secondo te commentiamo ogni trailer acriticamente esaltandoci senza cognizione di causa per sentirci parte di continuo a non capire cosa e soprattutto perché. In un post dove Luotto si sta sbattendo per spiegare e motivare ogni sua riga pur riconoscendo le vostre obiezioni, come e’ da sempre nostra abitudine.
    Dispiace sempre quando un lettore fedele ha qualcosa da ridire, ma a un certo punto viene da pensare che tu ci abbia sempre letto a meta’ come hai letto a meta’ il mio ultimo commento, e se e’ cosi’ onestamente non e’ che ci posso fare molto.

  24. John Who?

    Per qualche strano motivo io invece mi fido un sacco del tipo di Twitch.
    Roba che penso “Non può che essere meraviglioso, c’è quel figo di Todd Brown a produrre”.
    Si può essere più idioti?

  25. Luotto Preminger

    @Steven: certo! che il progetto sia più rischioso non c’è dubbio. però mi sembra una cosa che Evans può e deve far bene – anche perché qui si gioca una carriera potenzialmente stratosferica. e mi viene da essere ottimista

  26. Terence Hell

    Fotta a secchiate? Si.
    Qualche perplessità pure. The Raid in tutto il suo splendore alla fine rimane una storia di celerini indonesiani che sgombrano un palazzo, con annesso sbirro corrotto. Semplice, pulito e indimenticabile. La comparsa di vari boss alza il livello freaks in maniera preoccupante. Spero vengano gestiti bene.

  27. Steven Senegal

    Poi, se posso permettermi, volevo dire una cosa sul discorso commenti & commentatori. Credo che lo sfogo del buon Schiaffi fosse più per certi commenti degli ultimi tempi che per i redattori, ma magari mi sbaglio.

    Ho scoperto i 400 con un po’ di ritardo ma ho prontamente recuperato andandomi a rileggere nel tempo tutto il pregresso. Ho poi proseguito leggendo e basta. Da quasi 2 anni credo, commento a vanvera.
    Per quello che ho visto, la sezione commenti in linea di massima ha degli avvicendamenti ciclici con l’eccezione di qualcuno che abbraccia più di un ciclo. Senza star lì a stabilire quando si stava meglio o quando si stava peggio, è un po come uscire in piazza e – per i veterani – non trovare più nessuno degli amici che si conosceva e con i quali si discuteva, si argomentava, ci si menava etc
    Oh, io penso che avere la possibilità di “parlare con qualcuno” sia sempre stato un punto di forza di sto posto. Altrove pare di essere i matti del paese, nessuno che ti risponde, autori che ti snobbano. Forse è mancato un po’ questo negli ultimi tempi.

    Non fa testo in tutto questo pippone, l’amico Ciobin la cui costanza e l’indecifrabilità dell’operato è nota solo a Dio. E voglia questi che un giorno, il suo intento, venga rivelato pure a noi.
    Dico così solo perchè oggi non s’è fatto vedere e volevo stanarlo per sentire la sua sul teaser che ci tengo.

    Un grazie a Luotto

  28. @steven: grazie mille per il feedback sui commenti, osservi il giusto quando affermi che ci sono periodici e fisiologici ricambi generazionali e che forse ce n’è uno in corso adesso al quale stiamo ancora prendendo un po’ le misure.
    Sono anche contento che riconosci quello che ho sempre cercato di fare, i commenti aperti sono una mia battaglia e sono esattamente il tipo di battaglia grazie alla quale so che Schiaffi e’ un appassionato “scomodo” ma vero e che un giorno scopriremo il nuovo capolavoro teorico di Ciobin.
    Perdere commentatori abituali perché non hanno più tempo (che ne so, si sono sposati o cazzate simili) è una cosa che capita e amen, è il ciclo della vita, ma se per caso i motivi sono altri abbiamo sempre le orecchie aperte.
    E fidatevi, e’ un argomento di cui in redazione discutiamo a intervalli regolari.

  29. umbem

    @steven:
    amico mio, spero ricordi che da tempo immemore votai il tuo come best nick ever e giusto ieri, forse esagerando, lamentavo i bei tempi. persino la ricomparsa – magari non è mai scomparso e me l’ero perso io – di schiaffi è stata un piacere, anche se in passato abbiamo avuto un paio di scambi accesi.

    ho l’impressione che aggiungendo rubriche si sia ampliato il target. forse questo ha creato i cicli a cui ti riferisci – li ho notati anch’io.
    ma per quanto mi riguarda, credo sia una cosa ottima, anche se si porta dietro il rischio dei “minchia oh cazzo dici” che disprezzo.
    capisco eventuali rimpianti, ma pretendere qui la dimensione dello zoccolo duro di vecchi amici forse è uno spreco del mezzo.

    più che altro la nostalgia della prima onda mi ricorda un sacco il “sì vabbè ma i primi dischi erano meglio, poi son diventati commerciali”.

    per rendere l’idea, c’è un meraviglioso bootleg di dylan del ’66, quando suona con la band, inizio periodo elettrico. cazzo, faceva like a rolling stone!! eppure c’era gente nel pubblico che gli urlava “juda” perchè non suonava più acustico.

    la domanda non è retorica: ammesso e non concesso che il blog sia cambiato, è un errore dei lettori attaccarsi alla prima fase, o è un errore che eventualmente loro non siano fedeli alla linea?
    (dio santo questa chiusura alla marzullo è imbarazzante, chiedo scusa a tutti).

  30. Bongiorno Miike

    Io però davvero non capisco. Si ragiona come se in un sito si potesse mettere un ponte levatoio per tenere la gente fuori. Non si può. Fatevene una ragione.
    E poi…
    Uno si sbatte per fare qualcosa che funzioni, farlo bene, farlo al meglio delle sue possibilità. E la cosa per una volta funziona davvero senza dover ricorrere a sputtanamenti di NESSUN genere (avete mai visto una pubblicità? Avete mai visto una marchetta?). La cosa funziona anche senza alcun tipo di promozione! Incredibile! Il mondo è davvero un posto migliore! La gente inizia conoscere e a frequentare il blog senza che Nanni sia comparso a UOMINI E DONNE! E INCREDIBILE (2) continua a starci anche senza che il sito cambi di una virgola la sua impostazione! Il risultato? La gente si offende perché ormai il loro piccolo segreto tra amici non è più il piccolo segreto tra amici. C’è qualcosa che non va o sono solo io a vederlo?

  31. Bread Beat

    questo teaser trailer esalta. E non ci stanno storie.
    Quello che dice Schiaffi in parte è comunque vero; parecchi si fomentano solo perché trascinati dalle recensioni. Fatto sta che tanti post fa su non so quale argomento notando un eccessivo entusiasmo scrissi una cosa del tipo “se Nanni si mette a fare un partito diventa il nuovo Beppe Grillo”.
    Ma alla fine è il prezzo del successo che i 400 stanno avendo. E’ una sua normale evoluzione. Schiaffi rimane uno della 400 old school, duro e puro e quindi frigna. Basta solo saper smettere di leggere in tempo i commenti inutili.

  32. Steven Senegal

    @umbem: no ‘spetta, il mio discorso prescinde da considerazioni sui contenuti. Anche perché non registro scostamenti nella linea dei post tali da determinare da abbandoni. Certo può capitare che una rubrica non mi piaccia ma mica smetto di leggere il blog, al massimo passo. Il giorno dopo o addirittura all’ora di pranzo, ho sempre un argomento nuovo/diverso. E non è poco.
    In generale per come la vedo io, si abbandona per motivi esterni (tempo) o perché non ci si diverte più a leggere/commentare nel lungo periodo.

    Figurati se per me ha senso stabilire l’esistenza o la superiorità di uno “zoccolo duro” poi. Quasi tutti i commentatori attuali arrivano dopo tanti altri prima di loro e altri ne arriveranno. Io per primo sono arrivato a questo blog quando già c’erano dinamiche consolidate e veterani e figurati se mi sarebbe andata a genio la selezione all’ingresso.
    Poi vabbè capiterà pure che arrivi un minchione o un troll ma in genere non hanno lunga vita, si annoiano prima e non li leggi più.

    Ps. sì mi ricordo la cosa del nick, è stato per la memoria del pesce rosso sull’Avvocato del Diavolo e si parlava di quella maiala di Connie Nielsen

  33. Steven Senegal

    @umbem: no ‘spetta, il mio discorso prescinde da considerazioni sui contenuti . Anche perché non registro scostamenti nella linea dei post tali da determinare gli avvicendamenti. Certo può capitare che una rubrica non mi piaccia ma mica smetto di leggere il blog, al massimo passo. Il giorno dopo o addirittura all’ora di pranzo, ho sempre un argomento nuovo/diverso. E non è poco.

    In generale per come la vedo io, si abbandona per motivi esterni (tempo) o perché non ci si diverte più a leggere/commentare nel lungo periodo.

    Figurati se per me ha senso stabilire l’esistenza o la superiorità di uno “zoccolo duro” poi. Quasi tutti i commentatori attuali arrivano dopo tanti altri prima di loro e altri ne arriveranno. Io per primo sono arrivato a questo blog quando già c’erano dinamiche consolidate e veterani e figurati se mi sarebbe andata a genio la selezione all’ingresso.

    Poi vabbè capiterà pure che arrivi un minchione o un troll ma in genere non hanno lunga vita, si annoiano prima.

    Ps. sì mi ricordo la cosa del nick, è stato per la memoria del pesce rosso sull’Avvocato del Diavolo e si parlava di quella maiala di Connie Nielsen

  34. Bucho

    I PUGNI NELLE MANI!

  35. samuel paidinfuller

    ma i commenti anche di sola esaltazione ci stanno nei post con i trailer
    quelli che fanno cascare le palle sono quelli beceri che ogni tanto spuntano nei post con le rece di quei (pochi) film con qualcosina in + kick & explode

  36. Steven Senegal

    @Miike: non so se dici a me, ma ti rispondo che non penso si stia ragionando nell’ottica di piccoli segreti tra amici o piccoli problemi di cuore.
    Il discorso che facevo io era più sulla possibilità di interagire con qualcuno nei commenti (sia esso lettore o redattore) e Nanni ha capito in pieno.
    Credo che ci possa stare un po’ di straniamento per un commentatore abituale se questo vede calare attorno la cosa. Oppure ancora se ci si limita a manifestazioni di HYPE o E’ UNA MERDA senza argomentare il perché confrontandosi ma dando contro all’altro “perché se non vi va bene siete fighette o degli sparammerda”.

    Quanto al discorso “gente che arriva”, al massimo, potrà capitare qualche sguardo torvo all’inizio, che ci sta. Ma alla fine, per me, chi rimane a lungo è tutta gente giusta temprata da botta e risposta, riflessioni, regolamenti di conti e agguati.
    Mica siamo al Buon Pastore che uno viene qui a chiedere la rece di Dott. House o dire che lui va a vedersi la Grande Bellezza e non Fast6 – perché a quello ci vanno gli zingari – (storia vera) e pensa di andarsene impunemente. Credo che nonostante l’affluenza sia un filo più generalista che in passato, ci sia sempre una sana selezione naturale e non ponti levatoi.
    Ti posso garantire poi che IRL (grazie Tyler) la gente si attiva per portare il Verbo Calcistico ai più bisognosi tra amici/parenti/conoscenti.

  37. @samuel: ma se i problemi sono con i commenti dei lettori amen, non posso farci nulla, ed e’ normale che – come dice Steven – a ogni ricambio generazionale aumenti il rumore e poi rimangano solo quelli che si adattano all’ambiente, che almeno da parte nostra non e’ cambiato.
    Io me la sono presa con Schiaffi solo perché nel suo commento sembra tirare indistintamente dentro anche la redazione, e alla richiesta di spiegarsi meglio non l’ha fatto (per poi dare del borioso a me).
    E’ il tipo di osservazione che accetto da uno nuovo, ma da un lettore abituale… non posso farci gran ché lo stesso, ma mi mortifica.
    In linea generale – ma capisco che non e’ facile – uno dovrebbe avere la prontezza di spirito di rispondere ai commenti che gli interessano e ignorare gli altri (e magari, se e’ un problema sentito da molti, posso provare a cambiare la visualizzazione e inserire tipo la struttura ad albero).

  38. Past & Fasul

    comunque sto trailer è una figata,io un trailer così non l’ho mai visto! ad esempio si era tirato in ballo quello di protector 2 che invece almeno a me aveva detto poco.

    poi mettiamoci anche che the raid è diventato un pò il simbolo di questo blog e il regista evans uno dei nostri migliori amici immaginari e il dado è tratto.

    che poi intorno agli utenti storici ci sia un movimento di gente che va e che viene,che probabilmente posta senza manco aver letto l’articolo ma solo avendo visto il trailer da un’altra parte,che probabilmente ha anche un idea distorta del blog (vedi il caso di alex9 che non si capacitava del fatto che machete 2 è stato stroncato) io non vedrei ciò come una cosa negativa perchè di quei 20-30 che passano in 2-3 settimane (stima fatta cosi su 2 piedi,dipende anche da cosa esce in quel periodo) per sentito dire e che ci capiscono poco, almeno uno che capirà e saprà usare questo blog sicuramente ci scappa!

    un passo alla volta…

  39. samuel paidinfuller

    @nanni
    lo so che non puoi farci niente, ma se fanno cascare le palle a me immagino che fanno cascare le palle anche a chi il blog lo scrive mettendoci sempre impegno e quasi sempre intelligenza e creatività (il quasi xchè non mi sono letto tutti i post)
    parliamo di pochi casi ma mi danno l’idea di quando da pischelli uscivi con la crew del fratello + grande del tuo amico e scimmiottavi estremizzando gli atteggiamenti di quelli + grandi per far vedere di essere anche tu un hardcore raver

  40. @samuel: ovvio che ogni tanto capiti, ma si scende nell’estremamente soggettivo

  41. @Nanni
    Per quel che vale il parere di un singolo, io alla visualizzazione ad albero ci voglio bene per riuscire a stare dietro alle conversazioni. Certo, ha il lato negativo che se non le segui tramite feed diventa difficile capirci qualcosa nella scansione temporale dei commenti. :)

  42. Biscott Adkins

    commenti ad albero? utili ma se si supera la quarantina di commenti su un solo argomento (e accade spesso) hai bisogno di aiuto esterno per capirci qualcosa tipo non so maghi astrologhi gente che legge i fondi di caffè

  43. umbem

    @mike & steven (mike nel caso si riferisse a me):

    sui pezzi non ho niente da ridire, anzi (ma poi, davvero, non mi permetterei di certo di venirvi a rompere i coglioni se i pezzi non mi piacessero più, sarebbe leggermente arrogante..).
    mi riferivo solo al tema, sollevato dai lettori, della old school rispetto alla next gen, peraltro vedendo come una cosa positiva la next gen.

    quello che cercavo di dire con il commento sui “fasci” – premesso che la mia era una ovvia esagerazione – era semplicemente che se qualcuno crea uno spazio di discussione e si sbatte ogni giorno per portare nuovi contenuti, non mi piace che lo stesso spazio venga usato dalla gente per mandarsi a fanculo e far vedere quanto siano cazzuti.

    ma appunto non ha nulla a che vedere con la redazione.

    poi, tutti i temi di denuncia, critica sociale o simili, per quanto mi riguarda sono tutte cazzate, quantomeno se riferite a un trailer o se si basano su commenti letti da altre parti. quella parte di discussione mi sembrava un po’ sterile.

    per quel che vale, non vengo qui per le esplosioni, ma per leggere luotto che scrive di breaking bad, o nanni di superman, o cicciolina di angel heart e via dicendo. c’è la nuova rubrica sui romanzi? figo! la memoria del pesce rosso? figo! la parentesi ilare sui disegni? ah, quella non mi interessa molto. bene, non la vedo e finita lì, non comincio a scrivere che vi siete rincoglioniti perchè avete messo i disegni. se i disegni diventano parte preponderante di una nuova wave (è di nuovo un’iperbole), amen, è stato bello e grazie di tutti gli input che mi avete dato, voi e molti dei commentatori.

    tutto qui

  44. Follia Omicida

    Comunque non capisco come sia possibile accettare,tollerare e anzi cercare di comprendere uno che nel 95% dei commenti che fa,da degli stronzi,sfigati,paraculi,leccaculi,a chi semplicemente non si allinea al suo modus operandi.

    Leggo questo blog da credo ormai 3 anni?
    Ogni mattina è la prima cosa che controllo,ma non ho mai commentato,perchè?
    Perchè sinceramente passo metà della giornata a sfanculare gente per strada,a lavoro,in famiglia e chi più ne ha più ne metta.
    Se devo anche mettermi a sfanculare un tizio che non vedrò mai e che non trova nulla di meglio che crearsi il suo personaggio ad hoc virtuale per sentirsi qualcuno,è uno sbattimento di cui faccio volentieri a meno…

    Il Trailer mi gasa parecchio,gente strana,sangue a gogo,un regista solido,e un protagonista cazzuto,per il resto ci si capisce poco o nulla,ed è così che un trailer deve essere,almeno per me.
    Vedremo a lavoro compiuto.

  45. @follia omicida: ma nessuno ti chiede di farlo se non ti va. E’ l’internet, nessuno ti da’ degli spintoni se lo ignori, ma se proprio non riesci a spostare gli occhi cinque righe piu’ giu’ e gli unici commenti che ti verrebbero da fare sarebbero insulti a un altro utente che ti sta sul cazzo, penso – senza polemica – che probabilmente sia meglio cosi’ per tutti.

  46. Schiaffi

    Bello cmq come in tutto questo tempo, parecchi personaggi che giuravano di non aver mai commentato prima, si sono sverginati sui 400 esclusivamente per rispondermi o sfogare sui miei post il loro rancore.
    Vedete signori, questa è la magia della comunicazione, faccio interagire persino i timidi e gli ignavi che si nascondono tutto l’anno sotto le sottane.
    Dovreste assumermi come community manager, vedete come vi faccio avere una media di 300 commenti ad articolo anche se poi sicuramente verremmo fagocitati dalla follia peggio di Shutter Cane

  47. umbem

    @schiaffi:
    non so se ti riferisca anche a me – io mi riferivo anche a te. se noti non ti sto criticando, il tuo modo di comunicare è tuo. a mio parere, se mai ti può interessare, è uno schema retorico vecchio. non ci vedo peraltro alcuna genuinità o qualcosa che ti renda più “vero”, ma mi piace provare ad andare oltre e leggere lo stesso quello che scrivi, perchè ci sono idee che a me interessano.

    penso che alla base ci sia solo un diverso significato che diamo al concetto di fan/supporter. per me non può empiricamente essere tradito, per te sì (così credo di aver capito). that’s it.

  48. Follia Omicida

    @Nanni:probabilmente si,meglio così…

    Comunque ne approfitto per farvi i complimenti per il blog,siete cazzuti,continuate così.

  49. Spero non faccia la fine di Ong Bak..ma se @Nanni è fiducioso, Io sono fiducioso.

  50. @follia: grazie mille. Mi dispiace sinceramente non ispirarti anche commenti sereni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *