Crea sito

Menare con gioia: i400Calci incontrano Yayan Ruhian

L’unica intervista giusta che si potesse fare a Cannes quest’anno la si doveva andare a fare all’ultimo piano dell’ultimo degli hotel, nell’ultima stanza affittata dall’ultima delle produzioni, nel più sgangherato e angusto luogo di Cannes, ai confini del cinema d’autore, nel pieno del cazzeggio da Takashi Miike. Era quella a Yayan Ruhian AKA Mad Dog.
Al festival Yayan era venuto per Yakuza Apocalypse, delirio da Miike in cui interpreta un otaku che mena. Voi chiederete “E in virtù di quale sagace trovata di trama quest’otaku mena?” Nessuna. Allora pronti risponderete: “Dunque a quale simpatica soluzione porta quest’ardita trovata?” Nessuna. È un otaku che mena e basta. Fatevene una ragione. È un film di Takashi Miike.

Yayan ci accoglie in giacca e cravatta, con un lungo codino, tirato a lucido per l’intervista con i400Calci. Una volta spiegato brevemente chi siamo e cosa facciamo (dove sia Valverde, come siano finiti gli ultimi Sylvester e chi sia in testa per il premio Jimmy Bobo di quest’anno), inspira con soddisfazione mette le mani giunte davanti alla testa e accenna un inchino in segno di ringraziamento e rispetto per il fatto che trattiamo cinema di combattimento.

Il rispetto

Il rispetto

Descrivi tu il tuo personaggio in Yakuza Apocalypse che a me non mi regge ti prego
Il mio personaggio è uno yakuza che prima di essere tale era un otaku ed è la ragione per la quale mi è davvero piaciuto: il contrasto tra l‘essere otaku e yakuza

Da che mondo è mondo io ho due certezze: che le scene di combattimento richiedono molto tempo per essere pianificate e girate e che Takashi Miike è velocissimo a girare i film. Come si conciliano le due cose?
Lui lavora in maniera molto semplice, ha una tecnica facilissima, molto diversa dagli altri registi con cui ho lavorato. Per esempio quando ho fatto The Raid e The Raid 2 avevamo alle spalle 3 o 5 mesi di preparazione per i combattimenti, invece con Miike facevamo così: “Yayan, mi puoi far vedere alcune mosse?” gliele facevo e lui diceva “Ok buono, molto buono!” penso che le coreografie fossero state fatte solo sul set, né preparazione né tecnica. Molto semplice ma buono, ottimizzate al massimo

Eri libero di creare mosse quindi?
Sì, Miike mi diceva “Ok questo è il tuo personaggio ma ricorda che questo è un film giapponese e non indonesiano, dunque non puoi usare il Pencak Silat”, perchè la yakuza è giapponese dunque non sarebbe andata bene, proprio non sarebbe andato bene con la storia, non è un silat-movie ma uno yakuza movie. Quella della yakuza è un’arte marziale libera e brutale

Ti abbiamo visto lottare sia a mani nude che con le armi, ma qual è il tuo stile, quello che preferisci?
Il mio stile è il Minang, alla cui base ci sono diverse tecniche di respirazione, appartiene alla scuola dell’ovest Sumatra

Immagino tu ti debba allenare ogni giorno no?
Mi servono diverse ore di allenamento ogni giorno altrimenti mi faccio male. Faccio sia corsa che combattimento ma ho una scuola di arti marziale a Giacarta in cui faccio pratica

Quando hai iniziato ad allenarti, quanti anni ci vogliono per diventare un esperto di Pencak Silat?
Io mi alleno da quasi 50 anni [per la cronaca Yayan ha 47 anni ndr] e ancora lo pratico molto, miglioro continuamente perchè nel Pencak Silat ci sono moltissime mosse, tecniche e stili, quindi devo fare pratica ogni giorno. Ogni combattente aderisce ad una scuola diversa, non esistono solo le mosse che conosco io ma anche quelle che vengono dalla scuola dell’Isola di Java per dire

A noi pare che la gente si faccia davvero male durante The Raid, era così?
È tutto merito del metodo Gareth, è il suo stile. È un grandissimo regista e molto giovane, veramente brillante, io ho fatto solo le coreografie e lavorato come consulente sulle tecniche ma Gareth sapeva tutto della parte emotiva, il significato delle tecniche di arti marziali, le mosse… Sapeva tutto”.

Si ma ti ho chiesto un’altra cosa
Io non mi sono mai fatto male facendo The Raid

Hai fatto male a qualcuno?
Non credo proprio
(faccio la faccia da “A chi la racconti???”)
Perchè abbiamo fatto le scene d’azione con gioia e facevamo molta pratica prima di girare, almeno 3 mesi con tutti i combattenti. Tutti avevano un background di arti marziali Pencak Silat, Karate, Judo… Tutti veri combattenti, e i veri combattenti non smettono mai, non si mettono paura dei colpi e sono pronti ad andare avanti qualsiasi cosa succeda

Ora molti film americani copiano The Raid…
Oh grazie

Di niente, hai progetti per il futuro?
Ho appena finito Beyond Skyline con Frank Grillo e poi devo iniziare un film indonesiano”.

Che mi dici di The Raid 3?
Speriamo… Forse Gareth lo farà. Adesso è impegnato con un progetto americano

E tu hai impegni americani?
No non ancora

Niente con Gareth?
Ho finito le coreografie per il suo film americano assieme ad Iko Uwais

Ah allora ci lavori in America!!
Sì, ma solo le coreografie

Quali sono i tuoi punti di riferimento nel combattimento nel cinema?
Amo molto Jackie Chan e Donnie Yen. Il secondo perchè ha una tecnica molto molto potente e il primo per la bellezza dei suoi movimenti. E ovviamente amo anche Jet Li.
In un’altra categoria sta Bruce Lee, è così famoso che non c’è nessuno che non lo conosca

Quando eri giovane vedevi molti film americani?
Sì, mi sono sempre piaciuti molto, almeno quelli che arrivavano in Indonesia. Il più popolare di tutti era Van Damme oppure Rambo. “Rambo Man” era popolarissimo

Quale attore americano meneresti volentieri?
Oooohhhh…… mmmmmhhh…… Forse… Chuck Norris. Sì, Chuck Norris e Van Damme

La più classica delle interviste

La più classica delle interviste

Stasera, ore 21, al Movie Planet di S.Giuliano Milanese, i400Calci introducono The Raid, per la prima volta su un vero schermo cinematografico italiano. Non mancate.

Tags: , , , , ,

37 Commenti

  1. Donnie Harlin

    Non ho parole…mitico Jackie Lang…AMMIRO!!!

  2. Gaunt Noir

    Invidia a livelli di sangue dalle mani! Bellissimo! :D

  3. Farsi spaccare la mascella da Yayan. Onore massimo.
    Ma come diavolo è che un talento del genere abbia ancora problemi a lavorare e sia attualmente disoccupato?
    Dovrebbe fare almeno 3 o 4 film l’anno.

  4. pasqualobianco

    http://www.gamakatsu.com
    (come metafora in stile zoom)

  5. Lars Von Teese

    “Io non mi sono mai fatto male facendo The Raid”

    come minimo da farci su una maglietta

  6. Barone Meshuggah

    Se aveste pubblicato una video intervista, il mio cuore non avrebbe retto. Ma anche così, invidia e stima massime!

  7. Past

    appartiene alla scuola all’ovest di sumatra, scuola di hokuto puppa la fava.

  8. Steven Senegal

    oddio sono mezzo agitato
    Spero che quando gli si fa “Sì ma ti ho chiesto un’altra cosa” non foste in balcone o che non ci fossero balconi vicini.
    Una domanda pesante che gli avrei fatto è se lui e iko, al di fuori dei gareth movie, non hanno paura di essere impiegati solo come scimmiette ammaestrate (alla iko in man of thai chi per intenderci).
    In generale in tutti i video extra cinema che ho sempre visto, mi ha sempre dato l’idea di un omino garbato e gentile…. ma come mi diceva sempre mia madre: “diffida sempre da gente così, sono i peggiori quando se incazzano”
    Cmq grandi e avanti così, presto toccherà a Gareth

  9. Sly Raccoon City

    Voi siete troppo giusti, che ve lo dico a fare

  10. Señor Spielbergo

    Un profondo inchino per il ‘Si ma ti ho chiesto un’altra cosa’ a Yayan

  11. Ryan Gossip

    Beeeh vabbè dai applausi… se poi ne sei uscito senza nemmeno un osso rotto ancora più appalusi…
    Mi piacerebbe saperne di più su quel progetto con Frank Grillo e sul film americano di Evans…

  12. Lemmy Killminster

    Voglio la maglietta “Keep calm and shoot The Raid”!

  13. Kurtz Waldheim

    Una sola parola: GRAZIE ! … [lacrime di commozione]

  14. Benve

    RAMBO MAN

  15. the Bat(Mat)

    Grazie, è stato bellissimo.
    Invidia totale.

  16. In pratica si allenava già nell’utero. Se non è amore per i film di calci questo non so.

  17. Samuel paidinfuller

    A me ha fatto molto tenerezza il passaggio

    “Lui lavora in maniera molto semplice, ha una tecnica facilissima, molto diversa dagli altri registi con cui ho lavorato. Per esempio quando ho fatto The Raid e The Raid 2 (…)”

    come se avesse avuto realmente la scelta di citare Uanton Cincin, Batang Malwiis o altri registi indonesiani

  18. Vin Diesel30€Grazie

    Cribbio anche se sorride mi fa paura lo stesso!!!
    Ma quanto è alto (basso)?

  19. Corto Russell

    Invitatelo ai prossimi Sylvester! Premiatelo di persona!

  20. No spè, qua tutti sembrano non essersi accorti di un dettaglio: MA HA DAVVERO CINQUANT’ANNI???

    • Steven Senegal

      Ma no, è il contrario: qua ormai tutti conviviamo con l’idea già dai tempi in cui fu candidato come miglior atleta ai sylvester famosi in cui the raid perse contro avengers.
      Venne pure fatto presente che i suoi occidentali e viziati colleghi coetanei invece che spaccarsi di allenamento e stunt pericolosi si abbandonavano a commedie e reality.

      Poi per me lui in realtà ha sempre 33 anni ma questo è un altro discorso…

  21. Dr. Stranamorte

    Ma sei pazzo ad intervistarlo vicino alla balaustra?

    Comunque “Io non mi sono mai fatto male facendo The Raid” frase dell’anno.

  22. L’ intervista ha avuto luogo direttamente sul set di the raid? (oh oh oh)

    comunque, sto piangendo come un bambino

  23. Vorrebbe menare Chuck Norris, AMMIRO!

  24. schiaffoni

    Daje Yayan facce sognà!!!!!!

  25. Rocky Escobar

    Stima, tantissima stima, per intervistato e intervistatore.

    E’ per cose così che vi vogliamo bene.

    “Io non mi sono mai fatto male facendo The Raid” è la roba più forte che uno potrebbe mai dire XD

  26. hendrall

    lacrime

  27. Botte & Costello

    ragazzi Yayan non invecchia, migliora.
    AMMIRIAMOLO

  28. BlackPorkismo

    L’unico persona calcistica che ho conosciuto era un’ex rapinatore di banche (più di 300 colpi messi assegno).
    @Jackie Lang condoglianze per la mascella rotta,per fortuna che non gli hai chiesto dei balconi!!

  29. Lars Von Teese

    mi e piaciuto molto quando parla del modo di fare cinema di Miike: forsennata improvvisazione e “buona la prima” come se non ci fosse un domani…

  30. cinepathia

    “Invidia”.
    Che è un termine che inevitabilmente fa eco tra questi commenti.
    Articolo dell’anno, o quasi.

  31. “Si ma ti ho chiesto un’altra cosa”, “Io non mi sono mai fatto male girando The Raid”, menare Chuck Norris, “abbiamo fatto le scene d’azione con gioia”…
    Lacrime, non riesco ad andare avanti.

  32. Landis Buzzanca

    … grazie ragazzi: in giorno tutto questo instancabile lavoro per la Cultura del Menare vi sarà riconosciuto come meritate.

    (aggiungo: dopo aver visto Yayan solo in The Raid 1 e 2 sentirlo articolare risposte serie e normali ma fa l’effetto straniante di Homer che si mette l’occhialino da lettura…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *