Crea sito

Archivio delle etichette: apocalypse now

30 anni nel 2018: Bat*21

Assieme a tanti anniversarsi che l’internet vi caccerà giù con l’imbuto, quest’anno compie 30 anni una chicca stranissima e poco conosciuta del cinema sul Vietnam

MOSTRI GROSSI. Kong: Skull Island

Dove Stanlio deve dire al suo tesoro che gli si sono ristretti gli scienziati.

Le Basi: Sylvester Stallone. Rambo (1982)

A pochi anni di distanza da “Rocky” l’Autore Sylvester Stallone incastona un altro personaggio memorabile nel ventesimo secolo cinematografico, sorpassa a destra Scorsese e Cimino e si schianta contro il reaganismo.

Le basi: John Milius. “Milius” (2013)

Il documentario sul regista simbolo del cinema da combattimento

Fight Night: Apocalypse Now

Rubrica settimanale di colonne sonore da combattimento per caricarvi, emozionarvi, uccidere vostro padre e, riguardo a vostra madre… WAAAAWAAAAYEUAAAARGHHH…

Le Basi: John Milius. Apocalypse Now (1979)

Semplicemente il film di guerra più importante di sempre.

Il cinema che piace a Hanoi – due paroline sull’action vietnamita contemporaneo

Un articolo interessante e anche informativo! D’ora in poi, quando qualcuno ti chiederà «Ma cosa ne pensi del cinema d’azione vietnamita?», anche tu potrai rispondere «Chi sei? Come hai fatto a entrare in camera mia?»

Libri di sangue: First Blood (Rambo)

In cui ci diamo coraggiosamente alla letteratura, e vi andiamo a recuperare quei casi in cui un film è diventato talmente più famoso del libro da cui è stato tratto che probabilmente ne ignoravate o avevate dimenticato le origini. Chicche nascoste, tradimenti per il meglio e altre rivelazioni che non avreste immaginato.
Il libro: First Blood, […]

Tate Modern presenta: Transformers 3

Voglio farvi vedere questo cartello, che è stato realmente appeso da una catena di cinema americani che proiettavano L’albero della vita:
Ecco: sostituite The Tree of Life con Transformers 3, e The Avon (ma non vendevano cosmetici porta a porta?) con I 400 Calci. Togliete anche la storia del rimborso che non c’entra niente. E ok, […]