Crea sito

Fare le cose a modino: Only God Forgives, il trailer.

Praticamente Drive con i pugni al posto del macchine.
Praticamente Valhalla Rising con le braccia al posto dei vichinghi.
Praticamente Nicolas Winding Refn che ha trovato la sua dimensione ideale in Ryan Gosling che parla a pizze in faccia.
Praticamente piangere felicità.

Commento su YouTube suggerito:

e la Katana corta. E LA KATANA CORTA
Bongiorno Miike, i400calci.com

Tags: , , , , , ,

138 Commenti

  1. @moriarty: ci credo, ma era dura scegliere argomenti meno convincenti…

  2. BellaZio

    Io non mi lanento degli action macho etero (parlo di concetto, non di categoria che sfugge anche a me), è che non sopporto i film di macchine e inseguimenti! Fossi gay credo che guarderei ogni singolo film con dei fisicati semi-nudi come mi guardo qualsiasi cosa in cui ci sia la Daddario. Usavo solo la terminologia suggerita da moriarty per interloquire al meglio con lui…
    Tuttavia devo dire che quando ho visto il trailer di pain and gain ho dubitato della sessualità di michael bay.. La mia non ha vacillato perché the rock non è il mio tipo…

  3. Chiariamo, io non ce l’ho con chi non apprezza certi film. E’ legittimo, ci mancherebbe, per quanto assolutamente non condivisibile.
    Dico solo che chi si lamenta degli action per via dei muscoli di chi ci recita è come chi si sente in difetto se non precisa ogni tre secondi la propria eterosessualità.
    Questa cosa molti la definiscono omosessualità latente.
    In sostanza, non ce l’avevo con BellaZio. ;)

  4. Schiaffi

    Guardate, dopo essermi rivisto 300 oggi ve lo dico, avete ragione voi. Non mi devo neanche intromettere in queste discussioncine futili su font fucsia e saturazione colori.
    Non è roba mia e non devo intromettermi.
    C’è chi è fatto per la badasseria, l’onore, il sacrificio, le scene epiche…mentre invece altri son fatti per i fighetti pulitini che riempiono la sala di signore.
    Spero che refn e gosling facciano tanti bei film belli lenti e autoriali come piacciono a voi. Io e la gente davvero seria invece ci teniamo i film che sotto c’hanno 2 coglioni quadrati grossi così.

  5. Past & Fasul

    poi non vedo come uno non si possa vedere il pomeriggio death race 2 e la sera the tree of life…my true story…ma si vede che io sono un modello nuovo,ci sono parecchi che funzionano ancora in codice binario.

  6. Benedict Moriarty

    @manq ci sono action, tipo i mercenari, che hanno un senso e con il mood giusto risultano anche ottimi; poi ci sono le fanfaronate/pagliacciate che avrebbero pure la mezza pretesa di risultare seri e credibili. Ecco, questi ultimi proprio no.

    @bellazio per me Bay ha fatto solo Armageddon di riuscito, e solo perché salvato da Steve Buscemi che dava lezioni a tutti. Un the rock occasione sprecata aggiungo.

  7. Withered Eye

    “Ahhhhhhh, my fuckin’ ey-gurgle…”.

  8. Calvin Clausewitz

    Puoi vederti Tree of Life la sera solo se poi ti fai in vena e ti guardi tutta la saga di Undisputed quando torni a casa. Mamma mia che cagata atomica.

  9. @Moriarty: massì, ci son mille motivi per apprezzare o non apprezzare un action e credo che se qui tutti stilassero la propria lista, poche coinciderebbero.

    @Schiaffi: ma sai che su Drive alla fine concordo con te. A me è piaciuto, ma dovessi parlarne “action” è una parola che non credo userei.

  10. @calvin: credo che @past abbia il diritto di addormentarsi come preferisce e Tree of Life costa meno del cloroformio

  11. Calvin Clausewitz

    Chiedo scusa oh supremo, ma quel film mi ricorda ogni volta la ballerina con la quarta di reggiseno (rigorosamente siliconato) che ero riuscito a convincere a uscire con me quella sera, e che grazie a Terrence Malik non sono riuscito a bombarmi. (sul fatto che costi meno non saprei, io avevo buttato 8 euro, come per una boccetta di Valium) mi scuro per l’OT

    OT^2: sbaglio o non avete mai parlato del progetto in essere di KIANU RIVS? Prima che mi spelliate e mi buttate nelle miniere di sale, faccio notare che in “Man of Tai Chi” c’e’ il messia del nuovo millennio Iko Uwais. Cordialita’.

  12. Benedict Moriarty

    @past io the tree of life fatico addirittura a definirlo film, eppure mi è piaciuto tantissimo. Per compensare un death race direi che va benissimo un malick.

  13. Ragazzi mi sembra che ci stiamo confondendo.
    Tree of Life lo considero tremendo, ma non perché manca del lato action. Cioè è ovvio che quel film non vuole portarmi su quel campo. Lo stesso Drive a parte le sporadiche esplosioni di violenza non è certo un action duro e puro come F&F5. Se un film mi prende con la storia, l’audacia visiva e con attori che sanno fare il loro mestiere per me ha vinto, e non mi importa che sia un film action, horror, o una commedia romantica se un film mi prende può persino essere “lento” e io me lo vedo tutto contento. Quando però gli ingredienti (storia, regia, attori) ci sono in un film che può essere recensito qui dentro escono fuori cose come Terminator 2, La casa 2, Rocky IV, Undisputed 3 (nominati tanto per smentire la teoria che i sequel sono sempre peggio dell’originale e per citare dei film su cui credo/spero che siamo tutti d’accordo definendoli figate).

    Non so chi sia stato il primo nel mondo a scrivere ‘sto discorso delle emozioni sul volto, ma ci sono persone a cui ha fatto davvero male leggerlo, persone non psicologicamente pronte a prendere coscienza del fatto che noi abbiamo anche un corpo e che anche quello può comunicare. Persino in maniera più efficace del volto visto che un pugno è molto più appropriato di un volto arrabbiato in certe circostanze. Queste persone probabilmente si masturbano (perché di scopare non se ne parla), soltanto al buio e poi si vanno a confessare piangendo, non avendo capito un cazzo di cosa sia veramente il peccato originale nella religione di cui si autodefiniscono praticanti e osservanti.

    Gosling ha sempre la stessa faccia? A parte che a me non sembra, ma allora dobbiamo dire che anche Clint Eastwood è un cagnaccio sopravvalutato visto che è proverbiale (c’è pure nella tombola) il fatto che abbia solo due espressioni: una con il cappello e una senza cappello. Ma poi, anche se in ogni singolo film avesse la stessa faccia di pietra torneremmo sempre allo stesso punto. Se nell’economia del film la cosa funziona alla grande io di cosa dovrei lamentarmi? Se viene fuori il carisma al posto della contrizione (o di qualsiasi altra sfumatura dell’umano sentire) è davvero importante?
    Il fatto che i premi cinematografici più importanti del mondo portino il nome di un attore con la faccia semiparalizzata poi la dice lunga su tutta sta fanfaronata del volto bla bla bla, le emozioni bla bla bla. Due si prendono a pugni su un ring? Ma oltre a dolore, fatica, vigore, grinta, tensione, vendetta, forza di volontà, preoccupazione, speranza, attesa, rivincita, visione strategica, impegno, coraggio, voglia di riscatto, sforzo morale di che altre emozioni avete bisogno?

    Sui vari sottotesti gay o etero non mi ci soffermo neppure. Troppo avvilente.

  14. Biscott Adkins

    fate tutti un applauso a Pillole!era proprio quello che intendevo con il discorso due pesi due misure però tu hai argomentato il tutto un attimino meglio!!!

  15. Steven Senegal

    @Clausewitz: Man of Tai Chi l’internet suggerisce che lo presentano a Pechino questo mese ma manco sapevo che l’avessero mai finito (perché mi sembra di ricordare che ci fu una produzione travagliata).
    E cmq dissento. Iko è un bravo guaglione ma il vero e unico Messia è Yayan Ruhian Mad Dog, il Nazareno Volante.

  16. Benedict Moriarty

    @pillole premesso che sono anche il linea di principio d’accordo con il discorso che fai sulle espressioni e sul corpo ( infatti il Bane di Tom Hardy non mi era dispiaciuto ), vorrei capire se secondo te uno tipo the rock è credibile in un qualunque ruolo che non sia il pagliaccio in un circo tibetano.
    Su Clint Eastwood mi permetto di dire che in Million Dollar Baby e Gran Torino è nettamente migliore rispetto ai tempi in cui Sergio Leone lo etichettava come dici tu.

  17. @moriarty: capisco sempre meno. Sto cercando di pensare a un film in cui The Rock NON era credibile e ti giuro che, pur avendoli visti quasi tutti, non me ne viene uno. Già su Schwarzenegger vado meglio, per dire (voto Codice Magnum).

  18. Steven Senegal

    Ricapitolando e mettendo un po’ di ordine, le cose sono andate così:

    – vengono mosse delle critiche al trailer (troppo stiloso, patinato, poco violento, poca azione, artefatto, musica fastidiosa, Gosling poco credibile)
    – ci si sposta sulla critica a Gosling (di nuovo, poco credibile in ruoli action e come badass, fissità nello sguardo, mono-espressivo, è solo un bel giovane)
    – il discorso si allarga a Refn (calca la mano su determinate atmosfere, usa specie in Drive attori poco carismatici per ruoli finto action e badass, costruisce belle confezioni che ben si adattano ad un preciso segmento aka hipsters)

    A questo punto entra in scena Moriarty che, al dichiarato (a posteriori) scopo di spezzare una lancia in favore di Refn e Gosling, sentenzia:

    a)Gosling non è poi male
    b)Refn, nonostante qualche difetto, poeta della settima arte

    Ora, il problema non risiede nemmeno poi tanto nelle convinzioni di Moriarty, che proprio perché sono sue se le può pure tenere e nulla in contrario, ma quanto nelle argomentazioni che porta a sostegno della propria tesi.

    Per “Gosling non è male” adduce che

    a1) avrebbe il merito di portare le donne al cinema a vedere film che non siano Twilight (bruciandosi quindi il terreno per i fancalcisti singles o che si accompagnano a donne occasionali e non a pagamento e per gli adepti del cam rip in tranquillità quando la donna dorme)

    a2) egli ha il fisico e voi siete gelosi perché non lo avete e non cuccate (il che presuppone la conoscenza dei fisici e delle potenzialità dei fancalcisti di ogni dove)

    a3) se fa la parte dello stuntman solitario è più vincolato ad una recitazione da autistico e al variare meno la mimica facciale rispetto ad un leader (?) (non saprei, ma dubito esistano leggi lineari in proposito, io di matti recitati bene in storie corali e a capo di una banda mi ricordo Zed di Scuola di Polizia e mimica ne aveva da vendere)

    Per “Refn blablabla” e qui si rende palese la dimensione del fail, l’unica argomentazione che porta a sostegno della tesi del genio del regista è:

    guardatevi film caciaroni dove ci stanno uomini che sotto sotto secondo si vogliono bene perché non sia mai che anche voi…

    In ordine a quest’ultimo punto, per come lo intendo io, il genere action è “summa di menare, inseguimenti, armi, sgommate, senso dello spogliatoio, dialoghi brillanti, spari e scoppi” e (spoiler) con tutti i difetti di abbondanza dei casi specifici, Fast e Joe di sicuro ben più si adattano di Refn (cmq notevole in certe cose per me) al genere di cui si discorre.
    I film citati sono estremismi, mi rendo conto, ma sono ampiamente dichiarati. Altrimenti dovremmo ammettere che l’action è: lunghi silenzi, ammiccamenti, fissità nello sguardo, bei colori, occasionali scoppi di violenza.
    Poi, di nuovo, pur riconoscendo valore a Refn, cercare di difenderlo dando di gomito al compagno di banco dicendo “ ahaha a loro ci piace The Rock che pesta Vin Diesel tutti sudati e svestiti” è veramente una poverata nella capacità di argomentazione.
    Chiudo con The Rock. Rimproverare ad un cristiano che finge di menare per lavoro, in un lavoro dove si finge di menare e in un genere dove la prima regola è menare in maniera credibile(e dove in virtù di questa sua credibilità ha fatto i miggliardi) di non saper recitare, mi sfugge proprio.
    Se poi la critica è che si bomba il fisico (cito: “100% naturale come The Rock) allora facciamo un’infornata unica di tutti gli idoli action, Yayan Ruhian a parte che peserà sì e no 48 kg.

  19. Benedict Moriarty

    @steven:
    a1) se non mi dispiace guardare film in compagnia ( magari al cinema ) non credo sia un grosso problema, se tra i fantacalcisti non è il Trend prevalente me ne farò una ragione.

    a2) in effetti servirebbero maggiori informazioni, da tutto il vostro rispetto/ammirazione per uno come the rock potrebbe saltar fuori che siete tutti ben fisicati ( buon per voi ); alcuni commenti mi avevano fatto dedurre il contrario cmq.

    a3) tra matto e autistico ne passa se permetti; se nel copione hai si e no 10 battute o per metà tempo parli tu la differenza c’è, se poi secondo te non c’è un coefficiente di correlazione uguale a 1 è un altro paio di maniche. Un leader, specialmente negli action, poi dovrebbe far trapelare un qual certo carisma, cosa che troppo poco spesso vedo.

    Sul Refn veniva principalmente imputata, a quanto capivo, una carenza di scene violente o più in generale un malriuscito tentativo ( specialmente in drive ) di fare un film d’autore tendente all’action ( finto action o come lo volete chiamare ). Invitavo di conseguenza tutti quelli che volevano più botte a rivolgersi direttamente al segmento di mercato a loro più congeniale.

    @nanni su the rock ripeto, per voi sarà anche credibile perché mena le mani in modo credibile, in F&F 5 dovrebbe essere un turbo agente FBI,mega duro mega intelligente e boh mi veniva solo in mente la locandina dell’acchiappadenti, tanto era credibile. Per carità se qui piace così tanto ne prenderò atto.

  20. Steven Senegal

    @Moriarty:
    Guarda, ti aiuto anche a completare il quadro del trend: ci sono compagne di fancalcisti come quella di Bella Zio per Battleship e quella mia in occasione di Jimmy Bobo che magari si son volute vedere pure DH5 e che ci permettono di non dover ringraziare Ryan Gosling se andiamo al cinema (es. quelle del #teamTroppoTroppe delle #400tv). Mi spiace per te e la tua carriera di spettatore legata a questo.
    Mi hai davvero permesso di rivalutare la badasseria di un attore che non schifo ma reputo più adatto ad altri contesti (es. Come un Tuono, Le Idi di Marzo) con teorie forti tra cui l’invidia del fisico.
    Se The Rock non ha carisma poi…
    Sull’invito a rivolgersi ad un segmento di mercato più congeniale per via delle botte, pensa te, io l’ho già fatto. E ne leggo di queste pagine. E non mi sembra di esser fuori contesto. Magari lo sono se vado a dire su “Rivista di cinema d’autore che ammicca” che si devono fare una maratona di Refn.

  21. Schiaffi

    Ma non vedete che è palesemente un deficiente che tra trollando nel modo più noioso possibile? Più leggo i suoi post pieni di finissime trollatine e più mi vien male a pensare che un povero cretino possa trarne un qualche beneficio spirituale da una puttanata noiosa e inconcludente come questa.
    Non mi stupirei se dietro ci fosse il solito minorato che assume 10 identità diverse e poi le fa discutere tra loro animando i commenti con badilate di inutilità. Conosco agenzie di web media che pagherebbero bene un cretino del genere per animare pagine facebook aziendali o forum di discussione.
    La parte migliore comunque è il concetto che “se rispetti the rock allora devi avere il fisico come lui”, ok quindi deduco che se a sto coglione piace che so, Sasha Gray, vuol dire che lui sa fare i pompini bene quasi quanto lei.
    Bravo, in tempo di crisi serve anche questo, ti auguro tanta fortuna per il tuo business, bocchinaro da 2 soldi. Manco sei bono a trollare.
    Levati dai coglioni và poraccio, che dopo sta farsa sto cominciando a compatirti.

  22. Steven Senegal

    @Schiaffi a me sembra più che altro uno che, partito da un tentativo anche accettabile di difendere un attore e un regista, abbia fornito motivazioni risibili o a cazzo salvo poi annaspare con parole a caso in frasi a vanvera. Tant’è che da più parti e con diversi commenti gli è stato fatto notare.
    E no, non penso sia il trollatore per antonomasia giacché si è già espresso su Gosling con il termine “babbuino” come di consueto.

  23. @moriarty: Rain Man se la chiaccherava che era un piacere.
    Comunque, rinforzo la mia diagnosi: le intenzioni sono condivisibili, io nonostante tutto ci ero andato matto per Drive, ma le argomentazioni… boh, sembra sempre piu’ una gara a cercare le piu’ incomprensibili e meno efficaci.
    Famo che abbiamo capito, apprezziamo, pacca sulla spalla, stretta di mano e cambiamo argomento?

  24. @ Moriarty: guarda che ti sei perso di casa. Che c’entra che devo essere una montagna di muscoli se apprezzo i film dove c’è The Rock. Davvero non ha senso. Per il resto pur non avendo visto molti suoi film non mi è mai venuta voglia di lamentarmi.
    In ogni caso appoggio la mozione del presidente. Stretta di mano e alla prossima. Tanto questo è il trailer, avremo di sicuro modo di riparlarne.

  25. Anakin Rossi Stuart

    @ Nanni: spezzo una lancia a favore di Moriarty, ho trovato 2 film in cui The Rock non è credibile
    1) La Mummia- il ritorno… ah no, è la CGI a non essere credibile…
    però
    2) Southland Tales… ah no, in quel caso è il film a non essere credibile…

    niente, m’ero sbagliato… errore mio
    scusate il disturbo

  26. Benedict Moriarty

    @nanni rain man un monumento del cinema.

    Stretta di mano e alla prossima

  27. @anakin: eppure anche in Southland Tales fa la star di film d’azione. Ma quel film e’ talmente globalmente immerso nello Sbaglio che non si capisce davvero dove finiscono i problemi di Richard Kelly e iniziano quelli di The Rock.
    Il punto e’: porca miseria, The Rock e’ una delle poche star d’azione – nella categoria ex-atleti – che recita sul serio. Ma anche proprio nel senso banale/classico: ha ben piu’ di un’espressione, controlla la voce, ha intensita’, spontaneita’, carisma, si adatta sia a commedia che dramma e action, improvvisazione inclusa… il fisico e’ un limite, perché i suoi ruoli devono sempre giustificare anni e anni di pesante palestra quotidiana, ma non mi pare sia uscito molto da li’. Schwarzenegger ha pisciato fuori ben piu’ spesso, rimanendo tra i grandi e non sparando su bersagli facili come Norris, Seagal o il povero Steve Austin.
    The Rock – che negli anni e’ indubbiamente cresciuto, in tutti i sensi – in questo momento mi ricorda per diversi aspetti il primo Sly (fino a Rocky 3).

    @moriarty: assolutamente.

  28. joecondor

    Hardy è solo un’attore action…Gosling è un grande attore vedete Half Nelson,Le Pagine della nostra vita ,Love e Secrets(sembra Perkins) ,Le Idi di Marzo…Gosling è perfetto …uno come Hardy tutto muscoli non ha espressione…

  29. Anakin Rossi Stuart

    @ Nanni: in effetti avevo il dubbio che il suo ruolo fosse quello di una star action, ma non ne ero certo, mi riferivo più che altro a quando esprime agitazione giocherellando coi polpastrelli davanti al petto e muovendo freneticamente gli occhi a destra e sinistra come un cartone animato, che sarebbe stato pure perfetto per un ruolo macchietta in un film comico (e a proposito concordo sulla versatilità interpretativa), ma era totalmente fuori contesto in quel film… oppure era proprio quello che voleva Richard Kelly dal personaggio aggiungendo un altro sbaglio alla lunga lista di quelli presenti nel film…

  30. Anakin Rossi Stuart

    :O
    Hardy tutto muscoli senza espressioni?
    …vabbè, ti sei scelto il nick giusto, va’…

  31. @joecondor: “Le pagine della nostra vita” lo guardi poi TE mentre singhiozzi e ti sbafi la Nutella direttamente dal barattolo col cucchiaio grosso.
    Dopodiché e’ lampante che come minimo non hai visto Bronson.
    A posto cosi’.

    Questo post e’ stato indicizzato troppo bene.

  32. @anakin: Kelly era presente mentre The Rock faceva quei gesti, se non gli andavano bene gli diceva di non farli.

  33. Anakin Rossi Stuart

    @ Nanni: e c’hai raggione… chissà che sostanze assumeva Richard Kelly mentre faceva ‘sto film…

  34. Ciobin Orloff

    Mi sono dovuto rileggere tutto in un colpo… e vabbuò.
    Certo non capisco bene come si sia arrivati da Goslyn a Dustin Hoffman passando per The Rock. Comunque penso che il concetto di osmosi tra spettatore e tipologia di film/attore sia un dato non trascurabile. Non dico che sia sancito in modo univoco, ma un qualche legame, da ricalibrare caso per caso, mi pare innegabile. Prendiamo The Rock. Chi è lo spattatore tipo ? Uno che gli assomiglia, uno che è l’esatto opposto (tipo nano colitico), oppure un troglodita intermedio (ma sempre colitico) ? tutte le ipotesi sono lecite. Ma è innegabile che se nella vita hai una passione per qualcosa, quel qualcosa lo cerchi nei filmz che vedi. Se fai/ami le arti marziali, cazzabubbolo ! Ti spari film di arti marziali. Se ami/usi armi nella vita, ti spari film di armi. Dico prevalentemente, mica esclusivamente.
    Ecco, io ad esempio vedo spesso film di Camion e Cazzotti – la rubrica nuova che attendo da (N)anni invano – perché sono un camionista italiano. Mi sudo il pane con un lavoro durissimo. Sono abituato a inchiappare puttane nella mia scomoda cuccetta e a comprare stagnole scadenti dove capita. Quando butta male trasporto anche la merda. Faccio a cazzotti spesso, anche senza motivo.
    Mi sono fatto questa foto per VOI, ma non riesco a farla apparire, non so come mai, non conosco la sintassi giusta:

    http://www.imagebam.com/image/5d6381248127634

    Ecco. Là dietro c’è la mia vera casa, dove vedo i film sull’ipad. Quindi pochi cazzi.
    I film di cazzotti vanno interpretati da attori seri. Con il fisico serio. Altrimenti sono solo bambinate per mocciosi tutti coca cola e dito in culo.

  35. Withered Eye

    “Did you get that?”
    such a hipster…^^

    http://jezebel.com/ryan-gosling-smirks-as-martial-arts-instructors-show-hi-488018377

    Sto leggendo lo script leakato mesi fa, anche se il final cut sarà apparentemente diverso al 30%. Sembra un Drive senza smancerie e donzella in pericolo ma con più robe colorate sature e di menare a dx e sx.
    ‘Nsomma, Drive 2.0.

  36. Il Reverendo

    pare che a cannes, dopo la proiezione, i critici abbiano fischiato il film, e poi hanno spiegato che è troppo violento e la violenza è gratuita e fine a se stessa.
    qua ci scappa il capolavoro calcista!

    godo!

  37. BellaZio

    Scrivo cose che nessuno leggerà, così, per divertimento. Mi sono riletto oggi tutti i commenti sempre così, per divertimento. In tanti avevano (avevamo) torto. Qualcuno ci ha preso. Il più bello però è questo:

    “E comunque, in un periodo in cui ogni trailer deve avere le vuvuzelas perché se no non è un film grosso, ben vengano le musichette del cazzo.”
    di Naccio Jai Fox

    Non perché sia sbagliato, anzi è vero… Il problema è che poi nel film è pieno di vuvuzela e la nenia tailandese è solo sui titoli di coda! I momenti karaoke poi… Più ci penso e più vorrei picchiare Refn!

  38. Io ancora mi vergogno di averne pensato così bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.