Crea sito

#400tv report: Pacific Rim (e il prossimo appuntamento)

Pacific Rim è un film che suscita in noi dei 400 Calci tantissimi ricordi meravigliosi.
Lo aspettavamo con ansia.
Eravamo fomentati a mille.
Ne abbiamo scritto una potentissima recensione collettiva.
Abbiamo chiesto persino il parere di Nicolò.
Vi abbiamo sfidato a gara di robottoni e avete partecipato in massa.
È stata una delle parentesi più grosse e felici nella storia di questo sito.

Tributo a Cherno Alpha

Ok, lo ammetto: credo nel tempo di aver sottovalutato le scene di combattimento.
Sì, il buio, l’acqua, ecc… sicuramente, con la scusa dell’atmosfera, aiutavano a camuffare i dettagli.
Sicuramente la prima volta che l’ho visto l’emozione era fortissima e confondeva le idee.
Ma a riguardarlo, con un telecomando a mano, non ho niente da ridire: ci sono robot giganti che menano mostri giganti e, a meno che non stiate guardando un video di Youtube a 240p sul telefonino, nonostante tutto sono spesso illuminati da fari, o dalle luci colorate della città, o da quelle drogate in fondo al Pacifico, e non ci si perde niente.
Confermo che Del Toro si perde nelle formulette classiche del racconto eroico alla Top Gun, necessarie ma troppo convenzionali: non riesce a ravvivarle, e c’è una mezzora in mezzo in cui il film perde spinta e ti fa temere che non la recuperi più.
Ma il suo lato nerd è innegabile: è quello che gli fa mettere insieme un Frankenstein di suggestioni e ideare una mitologia dettagliatissima. È quello che gli permette di costruire il raro film che funziona di più durante i complessi spiegoni che durante i flashback motivazionali e le scazzottate fra l’eroe e il suo blando rivale.
E sul resto non c’è niente da dire.
Il primo kaiju compare al minuto 1, la prima mega-rissa tra colossi al minuto 7, il titolo del film al minuto 15.
Dritti al sodo.
E una volta sbrigate le formalità, accelera e non si ferma più.
E voi siete stati altrettanto grossi: grazie per aver cancellato l’apocalisse con noi.

La prossima settimana, un film che non ha bisogno di presentazioni. Ammiratelo!

COSA:

I 400 Calci recensiscono grandi classici in diretta su Twitter.

PROGRAMMA:

Giovedì 2 aprile, ore 22.30: MAD MAX: FURY ROAD (2015, di George Miller).

LE REGOLE:

1) tenetevi il giovedì sera libero
2) tenete d’occhio il nostro account Twitter ufficiale: @i400calci
3) seguite l’hashtag “#400tv

Deluxe Experience: procuratevi il film sopraindicato, sincronizzate gli orologi e guardatevelo insieme a noi.

LA TRAMA:

“TRAMAH?!?? MA KUALE TRAMAH!!! NON CE LA TRAMAH!!! VANNO SOLO AVANTI E INDIETROH!!!”

IL TRAILER:

Non siate mediocri: non mancate.

Tags: , , , , , , , , , , ,

Le Basi: A 007, dalla Russia con amore (1963)

Il capitolo in cui si apprendono fondamentali lezioni di vita e di cucina.  »

Bufalo scatenato: la recensione di Jallikattu

Sono tempi difficili, ma potrebbe andare peggio: un bufalo potrebbe seminare scompiglio nel vostro villaggio e trascinare voi, i vostri concittadini e l’intera umanità nel caos e nell’abiezione. Vi piace l’idea? Venite a scoprire il cinema di Mollywood!  »

#400tv report: Flash Gordon (e il prossimo appuntamento)

Quando la droga è davvero molto buona, nascono i capolavori.  »

Le Basi: 007 – Licenza di uccidere (1962)

Hanno rinviato il nuovo Bond? E allora crepi l’avarizia: ve li raccontiamo TUTTI. Questo è il primo.  »

Il biopic che Mark Wahlberg ha sempre sognato: la recensione di Spenser Confidential

Non c’è quarantena migliore di quella in cui Mark Wahlberg esce a gratis il pettorale turgido.  »

#400tv report: Top Gun (e il prossimo appuntamento)

Baracca, Top Trends, team fuori sincrono, è stato tutto bellissimo come se non avessimo mai smesso.  »

Eccezioni meritevoli: quella bombetta di Diamanti grezzi, che io non so da dove cominciare proprio

Là dove Stallone incontra Bruce Willis e L’esorcista tocca Il cattivo tenente ma nessuno si mena  »

#400tv: Danger Zone Edition

Giovedì 12 marzo, ore 22:30: seguite #400tv su Twitter e raggiungeteci lassù con il meglio del meglio.  »

Niente è impossibile: Color Out of Space

Un regista pazzo e inattivo dal ’96. L’attore più coraggioso della sua generazione. Un racconto infilmabile? Sfida accettata.  »