Crea sito
George Rohmer

L'angolo di George Rohmer

Post | Blog | Biografia
Nel giorno in cui nasce George Rohmer, la Terra viene bombardata dalle radiazioni atomiche di una sonda proveniente dal pianeta Venere. A causa di esse, il piccolo George nasce morto, ma si rianima subito dopo. Dopo aver lavorato alcuni anni nel contrabbando delle sigarette di cioccolato, nei suoi pellegrinaggi per la brughiera George incontra un contadino cieco e oppiomane che lo inizia ai grandi segreti della Settima Arte. Decide così di fare il regista, ma dopo una manciata di B-movie fatti col cuore e poco altro, come il cult semi-autobiografico Raggio verde: distruzione uomo, George assiste a un double feature di Zombi 2 e Milano Calibro 9 e decide che sia impossibile fare di meglio. Abbandona così la regia e si dedica al giornalismo cinematografico, ma purtroppo viene continuamente cacciato dalle redazioni per via del suo olezzo cadaverico. Finché un giorno non incontra Nanni Cobretti e scopre di poter lavorare da casa senza impestare la redazione dei 400 Calci, che lo accoglie un po' schifata ma tollerante.

Dawn of the Belli in Modo Assurdo: la recensione di Rabid, il remake

I remake migliori sono i remake della sinossi breve  »

La mossa del giaguaro albino: la recensione di Primal

La strada per il DTV è lastricata di buone intenzioni  »

Da Italia 7 alle strade di New York: Tartarughe Ninja alla riscossa (1990)

Pizza! Turtle Power! Cowabunga! Ma quando ti riprendi dalla sbornia dell’infanzia, cosa resta?  »

Intorno al futuro: la recensione di All’ombra della luna

Philadelphia, la luna e gomblotti  »

Palla a Joaquin e pedalare: la recensione di Joker

Todd Phillips si inventa il cinecomic per chi si vergogna a guardare i cinecomic, e il mondo esplode.  »

Luc Besson, Luc Bessoff: la recensione di Anna

L’allievo ha superato il maestro che è diventato l’allievo  »

Contro le discriminazioni di genere: 5 è il numero perfetto

Un film tratto da un fumetto  »

Credevo fosse un Vendicatore e invece era The Punisher (1989)

Meglio un giorno da Dolph Lundgren che cento da Thomas Jane  »

R.I.P. Rutger Hauer

23 gennaio 1944 – 19 luglio 2019  »

Sigmund Droid: la recensione di I Am Mother

Quando non c’hai i sòrdi e l’apocalisse diventa tutto un metaforone su maternità e passaggio all’età adulta  »