Crea sito
George Rohmer

L'angolo di George Rohmer

Post | Blog | Biografia
Nel giorno in cui nasce George Rohmer, la Terra viene bombardata dalle radiazioni atomiche di una sonda proveniente dal pianeta Venere. A causa di esse, il piccolo George nasce morto, ma si rianima subito dopo. Dopo aver lavorato alcuni anni nel contrabbando delle sigarette di cioccolato, nei suoi pellegrinaggi per la brughiera George incontra un contadino cieco e oppiomane che lo inizia ai grandi segreti della Settima Arte. Decide così di fare il regista, ma dopo una manciata di B-movie fatti col cuore e poco altro, come il cult semi-autobiografico Raggio verde: distruzione uomo, George assiste a un double feature di Zombi 2 e Milano Calibro 9 e decide che sia impossibile fare di meglio. Abbandona così la regia e si dedica al giornalismo cinematografico, ma purtroppo viene continuamente cacciato dalle redazioni per via del suo olezzo cadaverico. Finché un giorno non incontra Nanni Cobretti e scopre di poter lavorare da casa senza impestare la redazione dei 400 Calci, che lo accoglie un po' schifata ma tollerante.

Le basi: 007 – La spia che mi amava

La terza volta non si scorda mai.  »

Le basi: Agente 007 – Vivi e lascia morire

Il crossover tra James Bond e Hazzard che non sapevi di volere  »

#400tv report: L’armata delle tenebre (e il prossimo appuntamento)

Dai deadite agli undead il passo è breve  »

Mille e una canotta: la recensione di Bloodshot

Vin Diesel in canottiera che guida auto sportive e spara: scommetto che non l’avevate mai visto!  »

#400tv report: Flash Gordon (e il prossimo appuntamento)

Quando la droga è davvero molto buona, nascono i capolavori.  »

Du test is megl che uan: la recensione di Daniel Isn’t Real

Quando un film è prodotto dalla SpectreVision e dentro c’è uno che si chiama Schwarzenegger, non possiamo non vederlo  »

Nananananananananà… Batman & Robin (1997)

Un film che ha cambiato per sempre la storia degli adattamenti di fumetti al cinema  »

Pochi soldi e palle d’acciaio: The Head Hunter

Quando hai belle idee ma pochi soldi ti affidi alla metonimia. E al metal. Alla metalnimia.  »

Dawn of the Belli in Modo Assurdo: la recensione di Rabid, il remake

I remake migliori sono i remake della sinossi breve  »

La mossa del giaguaro albino: la recensione di Primal

La strada per il DTV è lastricata di buone intenzioni  »